Disturbo di personalità antisociale : sintomi, cause, complicazioni e cure


Disturbo di personalità antisociale è un tipo di malattia mentale cronica che influisce sul modo di pensare, percepire situazioni e relazionarsi con gli altri, in maniera distruttiva.

Link sponsorizzati

Le persone con disturbo antisociale di personalità in genere non hanno alcun riguardo per il bene e il male. Spesso possono violare la legge ed i diritti degli altri. Essi possono mentire, avere un comportamento violento o problemi con droga e alcol. E le persone con disturbo antisociale di personalità potrebbero non essere in grado di assolvere i loro doveri verso la famiglia, il lavoro o la scuola.

Il disturbo di personalità antisociale è conosciuto anche come disturbo di personalità sociopatica. Un sociopatico è una forma particolarmente grave di disturbo antisociale di personalità.

Sintomi

Sintomi del disturbo antisociale di personalità possono includere:

  • Ignorare la differenza tra bene e male
  • Persistente bisogno di mentire o frodare
  • Utilizzo del proprio fascino o abilità per manipolare gli altri
  • Problemi ricorrenti con la legge
  • Violare ripetutamente i diritti degli altri
  • Abuso o negligenza sui bambini
  • Intimidazioni verso le altre persone
  • Comportamento aggressivo o violento
  • La mancanza di rimorso
  • Comportamento impulsivo
  • Agitazione
  • Rapporti violenti
  • Comportamento irresponsabile sul lavoro

L’intensità dei sintomi antisociali tendono a raggiungere il picco durante i primi 20 anni, per poi diminuire nel tempo. Non è chiaro se questo è il risultato dell’invecchiamento o una maggiore consapevolezza delle conseguenze del comportamento antisociale. Ma mentre le persone con questo disturbo potrebbero essere meno inclini a commettere crimini contro gli altri più tardi nella vita, si possono ancora avere problemi di funzionamento nelle relazioni, lavoro o scuola.

Disturbo di personalità antisociale.jpg

Cause

La personalità è la combinazione di pensieri, emozioni e comportamenti che rende tutti unici. E’ il modo di vedere, comprendere e relazionarsi con il mondo esterno. La personalità si forma durante l’infanzia, attraverso una forma di interazione di due fattori:

  • Geni. Questi sono gli aspetti della personalità trasmessi dai genitori, come la timidezza ad esempio. Questo è talvolta chiamato temperamento.
  • Situazioni ambientali. L’ambiente dove una persona cresce comprende cose come il tipo di genitori che si hanno ed il rapporto con questi.
  • Disturbi della personalità sono causati da una combinazione di queste influenze genetiche e ambientali. Alcune persone possono avere una vulnerabilità genetica a sviluppare il disturbo antisociale di personalità, oppure situazioni della vita possono scatenare il disturbo.

Fattori di rischio

Anche se la causa precisa del disturbo antisociale di personalità non è nota, alcuni fattori sembrano aumentare il rischio di sviluppare o di innescare il disturbo, tra cui:

  • Diagnosi del disturbo della condotta
  • Una storia familiare di disturbo antisociale di personalità o di altri disturbi di personalità o di malattia mentale
  • Essere oggetto di abusi verbali o fisici durante l’infanzia
  • Avere una vita familiare instabile o caotica durante l’infanzia
  • La perdita dei genitori durante l’infanzia.

Complicazioni

Complicanze e problemi del disturbo antisociale di personalità sono:

  • Aggressione o violenza
  • Comportamento suicidario
  • Comportamento spericolato
  • Comportamenti sessuali a rischio
  • Abusi
  • Alcool o abuso di sostanze stupefacenti
  • Problemi con il giuoco d’azzardo
  • Incarcerazione
  • Difficoltà di relazione
  • Isolamento sociale
  • Problemi con la scuola e il lavoro
  • Rapporti ostili con gli operatori sanitari

Diagnosi

Quando i medici credono che qualcuno abbia il disturbo antisociale di personalità, in genere eseguono una serie di test medici e psicologici. Questi possono aiutare a escludere altri problemi che potrebbero essere la causa dei sintomi, individuare una diagnosi e anche verificare la presenza di eventuali complicanze correlate. Questi esami e test generalmente includono:

  • Esame fisico Questo può includere altezza, peso; controllo dei segni vitali, come la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e la temperatura, ascoltando il cuore ei polmoni, ed esaminando l’addome.
  • Gli esami di laboratorio. Questi possono includere un esame emocromocitometrico completo (CBC), lo screening per l’alcol e la droga, e un controllo del funzionamento della tiroide.
  • Valutazione psicologica. Generalmente eseguita da uno psichiatra.

Individuazione del tipo di disturbo di personalità

A volte può essere difficile determinare se i sintomi indicano il disturbo antisociale di personalità o un altro disturbo di personalità, dal momento che alcuni sintomi si sovrappongono a ben più di un disturbo. Un fattore chiave nella diagnosi del disturbo antisociale di personalità è come la persona affetta si relaziona agli altri.

Criteri diagnostici

Per essere diagnosticati con disturbo antisociale di personalità, una persona deve soddisfare i criteri elencati nel “Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali” (DSM). Questo manuale è pubblicato dalla American Psychiatric Association e viene utilizzato dai medici  per diagnosticare malattie mentali.

Sintomi e criteri necessari per una diagnosi di disturbo antisociale di personalità sono:

  • Avere almeno 18 anni di età
  • Avere avuto sintomi del Disturbo della Condotta prima dei 15 anni, che possono comprendere atti come il furto, vandalismo, violenza,etc.
  • Aver ripetutamente violato la legge
  • Aver frodato altre persone
  • Essere irritabili e aggressivi
  • Non sentire alcun rimorso per nessuno
  • Non avere riguardo per la sicurezza di sé e quella degli altri
  • Agire impulsivamente

Tuttavia, una persona con disturbo antisociale di personalità è improbabile che abbia proprio tutti questi segni e sintomi.

Trattamenti e cure

Il disturbo di personalità antisociale è notoriamente difficile da trattare. Le persone con questo disturbo possono anche non volere alcun trattamento.

Le persone con disturbo antisociale di personalità possono spesso aver bisogno di un trattamento per altre condizioni, come i disturbi della depressione, ansia o della tiroide.

Spesso, le figure professionali, che si  occupano del trattamento possono comprendere:

  • Un medico di assistenza primaria
  • Uno psichiatra
  • Uno psicoterapeuta
  • Un farmacista
  • Membri della famiglia
  • Gli assistenti sociali

Le opzioni di trattamento

Sono disponibili diversi trattamenti per il disturbo di personalità antisociale. Essi comprendono:

  • Psicoterapia
  • Gestione dello stress e della rabbia
  • Farmaci
  • Ricovero

Il miglior trattamento o combinazione di trattamenti dipende dalla situazione particolare di ogni persona e dalla gravità dei sintomi.

Psicoterapia

La psicoterapia è il principale trattamento del disturbo antisociale di personalità. Psicoterapia è un termine generico per il processo di trattamento di una condizione mentale.

Tipi di psicoterapia usati per il trattamento del disturbo antisociale di personalità possono includere:

  • La terapia cognitivo-comportamentale. Questo tipo di terapia aiuta a scoprire comportamenti ed atteggiamenti malsani ed a sostituirli con quelli positivi.
  • Psicoterapia psicodinamica Questo approccio mira a sensibilizzare i pensieri inconsci e comportamenti cambiando il loro impatto negativo.
  • Psicoeducazione. Questa terapia insegna l’educazione basata su tutti gli aspetti di una condizione, compresi i trattamenti, il supporto e la risoluzione positiva dei problemi.

La psicoterapia può essere fornita in sedute individuali, in terapia di gruppo, o in sessioni che includono amici. Il giusto tipo di psicoterapia dipende dalla situazione individuale di ogni persona.

Farmaci

Non esistono farmaci espressamente approvati dalla Food and Drug Administration per il trattamento del disturbo antisociale di personalità. Tuttavia, diversi tipi di farmaci psichiatrici possono aiutare con alcune condizioni, talvolta associate al disturbo antisociale di personalità:

  • Farmaci antidepressivi. Gli antidepressivi possono aiutare a migliorare l’umore depresso, rabbia, impulsività, irritabilità o disperazione.
  • Stabilizzatori dell’umore. Come suggerisce il nome, gli stabilizzatori dell’umore possono eliminare sbalzi di umore o ridurre l’irritabilità, impulsività e l’aggressività.
  • Anti-ansia. Questi possono aiutare con ansia, agitazione o insonnia. Ma in alcuni casi, possono aumentare il comportamento impulsivo.
  • Farmaci antipsicotici. Chiamati anche neurolettici, questi può essere utili se i sintomi includono perdita di contatto con la realtà (psicosi) o, in alcuni casi, problemi di ansia o rabbia.

Programmi di ospedalizzazione

  • In alcuni casi, i sintomi del disturbo antisociale di personalità possono essere così gravi che l’ospedalizzazione psichiatrica è necessaria. L’ospedalizzazione psichiatrica è generalmente consigliata solo quando le persone non sono in grado di prendersi cura di se stessi correttamente o sono in immediato pericolo di danneggiare se stessi o qualcun altro. Spesso nel nostro paese è possibile richiedere una procedura chiamata T.S.O per i pazienti che non vogliono sottoporsi alle terapie, e che su giudizio del medico devono essere curati per forza.

Prevenzione

Non esiste un modo sicuro per prevenire il disturbo antisociale di personalità. Sicuramente, cercare di individuare i soggetti più a rischio può aiutare.

Poiché il comportamento antisociale è pensato avere le sue radici nell’infanzia, genitori, insegnanti e pediatri può essere in grado di individuarne i segni premonitori. Mentre la diagnosi di disturbo antisociale di personalità in genere non viene fatta prima dei 18 anni, i bambini a rischio possono avere sintomi di disturbi del comportamento, in particolare un comportamento che coinvolge violenza o aggressività verso gli altri, come ad esempio:

  • Rubare
  • Crudeltà verso persone e/o animali
  • Piromania
  • Uso di armi
  • Violenza
  • Ripetute menzogne ( per raggirare/frodare)

La disciplina precoce, efficaci ed appropriate lezioni di competenze comportamentali e la psicoterapia, possono aiutare a ridurre la possibilità che i bambini a rischio diventino adulti con disturbo antisociale di personalità.

Referenze »

Disturbo di personalità antisociale. In: Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali DSM-IV-TR. 4a ed. Arlington, Virginia: American Psychiatric Association, 2000. http://www.psychiatryonline.com. Consultato il 13 lug 2010.
Disturbo di personalità antisociale. In: RE Hales, et al, eds.. Il libro di testo American Publishing Psichiatrico di Psichiatria. 5th ed. Arlington, Virginia: American Psychiatric Association, 2008. http://www.psychiatryonline.com. Consultato il 13 lug 2010.
Blais MA, et al. Personalità e disturbi della personalità. In: Stern TA, et al. Massachusetts General Hospital Comprehensive Clinical Psychiatry. Philadelphia, Pa.: Mosby, 2008. Consultato il 13 lug 2010.
Silk KR. I disturbi di personalità. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 13 lug 2010.
Cohen P. Lo sviluppo del bambino e il disturbo di personalità. Cliniche psichiatriche del Nord America. 2008; 31:477.
Stare bene quando si ha una condizione di salute mentale. Mental Health America. http://www.nmha.org/go/mental-health-month/staying-well-when-you-have-a-mental-illness. Consultato il 13 lug 2010.
Koegl CJ, et al. Percezioni clinico dei fattori di rischio per il futuro dell’infanzia comportamento antisociale. Journal of Clinical Child & Adolescent Psychology. 2009; 38:564.
Hall-Flavin DK (opinione di esperti). Mayo Clinic, Rochester, Minnesota 26 Luglio, 2010.
Bostwick MJ (opinione di esperti). Mayo Clinic, Rochester, Minnesota 21 AGOSTO 2010.
Kendall T, et al. Disturbi di personalità borderline e antisociale: Sintesi della guida NICE. British Medical Journal. 2009; 338:293.

Link sponsorizzati