Biopsia epatica : procedura, utilizzo e risultati - Informazioni Mediche

Biopsia epatica : procedura, utilizzo e risultati


La biopsia epatica è una procedura per rimuovere un piccolo pezzo di tessuto del fegato, in modo che possa essere esaminato al microscopio per cercare segni di danneggiamento o di malattia. Il medico può raccomandare una biopsia epatica se gli esami del sangue o le tecniche di imaging suggeriscono un problema al fegato. Una biopsia epatica viene anche utilizzata per determinare la gravità della malattia epatica. Queste informazioni consentono decisioni terapeutiche adeguate.


Il tipo più comune di biopsia epatica è chiamato biopsia epatica percutanea. Esso comporta l'inserimento di un ago sottile attraverso l'addome nel fegato e la rimozione di un piccolo pezzo di tessuto. Altri due tipi di biopsia epatica - una con una vena nel collo (transgiugulare) e l'altro utilizzando una piccola incisione addominale (laparoscopica) - anche rimuovere tessuto epatico con un ago.

Perché viene fatta?

Una biopsia epatica può essere fatta per:

  • Diagnosticare un problema al fegato che non può essere altrimenti identificati
  • Ottenere un campione di tessuto da una anomalia riscontrata da uno studio di imaging
  • Determinare la gravità della malattia epatica - un processo chiamato stadiazione
  • Aiutare a sviluppare piani di trattamento basati sulla condizione del fegato
  • Determinare quanto bene un trattamento per la malattia del fegato funziona
  • Monitorare il fegato dopo un trapianto di fegato

Il medico può raccomandare una biopsia epatica in caso di:

  • Anomalie del fegato e risultati dei test, che non possono essere spiegati
  • Una massa (tumore) o altre anomalie del fegato
  • Febbre inspiegabile

Una biopsia epatica è anche comunemente eseguita per facilitare la diagnosi e scoprire alcune malattie epatiche, tra cui:

  • Cirrosi biliare
  • Colangite sclerosante primaria
  • Emocromatosi
  • Malattia di Wilson

 

 

biopsia epatica.gif

Rischi

La biopsia epatica è una procedura sicura se effettuata da un medico esperto. Possibili rischi includono:

  • Dolore. Il dolore è la complicanza più comune dopo una biopsia epatica. Il dolore dopo una biopsia del fegato è di solito un lieve fastidio. Se il dolore mette a disagio, è possibile che venga dato un farmaco come il paracetamolo con codeina.
  • Sanguinamento. Il sanguinamento può verificarsi dopo una biopsia epatica, ma un sanguinamento eccessivo può richiedere un ricovero in ospedale per una trasfusione di sangue o un intervento chirurgico per fermare l'emorragia.
  • Infezione. Raramente, i batteri possono entrare nella cavità addominale o nel sangue.
  • Danno accidentale a un organo vicino. In rari casi, l'ago potrebbe attaccare un altro organo interno, come la colecisti o un polmone, nel corso di una biopsia epatica.

In una procedura transgiugulare, un tubo sottile viene inserioa attraverso una grossa vena del collo e mandato nella vena che scorre attraverso il fegato. Se si esegue una biopsia epatica transgiugulare, altri rischi non frequenti sono:

  • Ematoma al collo. L'ematoma  si verifica dove è stato inserito il catetere, causando dolore e gonfiore.
  • Problemi temporanei con i nervi facciali. Raramente, la procedura transgiugulare può ferire i nervi che interessano il viso e gli occhi, causando problemi a breve termine, come una palpebra cadente.
  • Problemi di voce.  Una voce debole o perdere la voce per un breve periodo può essere normale.
  • Perforazione del polmone. Se l'ago si attacca accidentalmente al polmone, il risultato può essere un polmone collassato (pneumotorace).

Come ci si prepara

Interrompere l'assunzione di alcuni farmaci

Quando si incontra con il  medico prima della procedura per fare domande o discutere della biopsia, è bene portare un elenco di tutti i farmaci assunti, anche vitamine e integratori a base di erbe. Prima della biopsia epatica, è probabile che venga richiesto di interrompere l'assunzione di farmaci e integratori che possono aumentare il rischio di sanguinamento, tra cui:

  • L'aspirina, ibuprofene (Advil, Motrin, altri) e alcuni antidolorifici
  • Farmaci che fluidificano il sangue (anticoagulanti), come il warfarin (Coumadin)
  • Alcuni integratori alimentari che possono aumentare il rischio di sanguinamento incontrollato

Il medico o l'infermiere confermerà se è il caso di evitare temporaneamente altri farmaci.

Esami del sangue

Prima del biopsia, verrà eseguito un esame del sangue per verificare la capacità del sangue di coagulare. Se si hanno problemi di coagulazione, è possibile che venga dato un farmaco per ridurre il rischio di sanguinamento.

Smettere di mangiare e bere prima della procedura

È possibile che venga chiesto di non bere o mangiare per sei-otto ore prima della biopsia epatica. Alcune persone possono mangiare una colazione leggera, ma sarà il medico a decidere.

È possibile ricevere un sedativo prima della biopsia epatica. In questo caso, è meglio organizzarsi per avere qualcuno che possa riaccompagnare a casa dopo la procedura.

Che cosa ci si può aspettare

Che cosa ci si può aspettare durante la biopsia epatica dipende dal tipo di procedura. Una biopsia epatica percutanea è il tipo più comune di biopsia epatica, ma non è un'opzione per tutti. Il medico può raccomandare una diversa forma di biopsia epatica se:

  • Si potrebbero avere problemi nel corso della procedura
  • Si ha una probabilità di grave sanguinamento o problemi della coagulazione del sangue
  • Si ha un tumore che interessa i vasi sanguigni nel fegato
  • Si ha una quantità abnorme di liquido nell'addome (ascite)
  • Si è molto obesi
  • Si ha un infezione al fegato

Prima della procedura

Una biopsia epatica viene effettuata presso un ospedale o un centro ambulatoriale.

Appena prima della biopsia è possibile:

  • Che venga messa una canula venosa per iniettare eventuali farmaci
  • Che venga somministrato un sedativo

Durante la procedura

I passi necessari per biopsia epatica variano a seconda del tipo:

  • La biopsia percutanea. Per iniziare la procedura, il medico individua il fegato toccando l'addome o con immagini ecografiche. Il medico applica un farmaco paralizzante per l'area in cui l'ago viene inserito. Il medico poi fa una piccola incisione nella parte inferiore della gabbia toracica sul lato destro e inserisce l'ago per la biopsia. La stessa biopsia richiede solo pochi secondi.
  • Transgiugulare. Il medico applica un anestetico su un lato del collo, fa una piccola incisione e inserisce un tubo flessibile di plastica nella vena giugulare. Il tubo è spinto lungo la vena giugulare e nella vena grande nel fegato (vena epatica). Il medico inietta un mezzo di contrasto nel tubo ed esegue una serie di immagini radiografiche. Il colorante che si presenta sulle immagini, consente al medico di vedere la vena epatica. Un ago viene infilato attraverso il tubo, e uno o più campioni di fegato vengono rimossi.
  • Laparoscopica. Nel corso di una biopsia laparoscopica, è probabile che venga somministrata l'anestesia generale. Attrezzi speciali sono inseriti attraverso delle incisioni, tra cui una minuscola videocamera che proietta immagini su un monitor in sala operatoria. Il medico utilizza le immagini video per guidare gli strumenti nel fegato a rimuovere campioni di tessuto.

Dopo la procedura

Dopo la biopsia, ci si può aspettare di:

  • Essere portati in una sala di risveglio, dove un infermiere controllerà la pressione sanguigna, il polso e la respirazione
  • Restare in silenzio per due a quattro ore, o più a lungo se è stata eseguita la procedura transgiugulare
  • Sentire un po 'di dolore dove è stato inserito l'ago.
  • Essere in grado di tornare alle normali attività in un giorno o due

Risultati

Il tessuto epatico va in un laboratorio per essere esaminato da un medico specializzato nella diagnosi della malattia (patologo). Il patologo cercherà segni di malattie e danni al fegato. Il  rapporto della biopsia dovrebbe tornare dal laboratorio di patologia nel giro di pochi giorni o una settimana.

Ad una visita di controllo, il medico spiegherà i risultati. Il medico discuterà il tipo di trattamento se necessario.

Referenze

Biopsia epatica. Alexandria, in Virginia: Associazione americana per lo Studio delle Malattie del Fegato. http://www.aasld.org/practiceguidelines/Pages/guidelinelisting.aspx. Consultato il 28 set 2011.
Bravo A, et al. Transgiugulare, laparoscopica e fine aspirazione con ago biopsia epatica. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 28 set 2011.
Biopsia epatica. Istituto Nazionale del Diabete e Malattie Digestive e Renali. http://digestive.niddk.nih.gov/ddiseases/pubs/liverbiopsy/index.aspx. Consultato il 28 set 2011.



Link sponsorizzati


comments powered by Disqus