Pitiriasi rosea : sintomi, cause, diagnosi e cure


La Pitiriasi rosea è una eruzione cutanea che inizia di solito come una macchia circolare o ovale di grandi dimensioni sul petto, addome o schiena. La chiazza madre può essere grande fino a 10 centimetri di diametro.

Link sponsorizzati

La chiazza madre è in genere seguita da un preciso stile di lesioni simili, dette eruzioni secondarie che sono più piccole.

La pitiriasi rosea può colpire qualsiasi fascia d’età, ma più comunemente si verifica tra i 10 ed i 35 anni, e di solito va via da sola entro sei settimane. La pitiriasi rosea può causare prurito, e il trattamento di solito si concentra sull’alleviare i sintomi.

Sintomi

La pitiriasi rosea inizia in genere con una grande e leggermente rialzata, chiazza squamosa, detta chiazza madre, che si verifica sulla schiena, torace o addome. Prima che questa chiazza appaia, alcune persone sperimentano mal di gola o febbre.

Pochi giorni dopo che la chiazza madre appare, è possibile notare piccole macchie squamose sulla schiena, torace o addome. L’eruzione cutanea può causare prurito, che è talvolta grave.

Consultare il medico se si sviluppa un rash cutaneo persistente.

Cause

La causa esatta della pitiriasi rosea non è chiara, anche se ci sono prove che l’eruzione cutanea possa essere innescata da una infezione virale, in particolare da alcuni ceppi del virus dell’herpes. La pitiriasi rosea tuttavia, non è contagiosa.

pitiriasi rosea esempio di chiazza.jpg

Complicazioni

Complicanze della pitiriasi rosea non sono probabili, ma se si verificano, possono includere:

  • Prurito grave
  • Macchie marroni dopo che l’eruzione cutanea è guarita, o  pelle scura nelle zone dove era presente l’eruzione cutanea

Diagnosi

Nella maggior parte dei casi, il medico può identificare la pitiriasi rosea semplicemente guardando l’eruzione. In caso di dubbio, un piccolo raschiamento da una lesione può essere preso per dei test al microscopio.

Trattamenti e cure

Nella maggior parte dei casi, la pitiriasi rosea passa da sola in quattro / sei settimane. Se l’eruzione non scompare o se il prurito è fastidioso, una varietà di trattamenti possono essere d’aiuto.

Farmaci

Alcuni farmaci possono alleviare i sintomi e ridurre la durata della pitiriasi rosea. Gli esempi includono:

  • I corticosteroidi. Creme e unguenti contenenti forme di cortisone possono contribuire ad alleviare il prurito e l’arrossamento.
  • Antistaminici. Farmaci come la difenidramina (Benadryl, altri) sono in grado di ridurre il prurito. Se necessario, antistaminici più potenti sono disponibili su prescrizione medica.
  • I farmaci antivirali. Farmaci come aciclovir (Zovirax) possono ridurre la durata della pitiriasi rosea di una o due settimane.

Terapia della luce

L’esposizione alla luce solare naturale o artificiale può aiutare la dissolvenza della eruzione. In alcune persone, tuttavia, questa terapia può causare un duraturo oscuramento in alcuni punti, anche dopo che l’eruzione è scomparsa.

Consigli

Questi suggerimenti possono contribuire ad alleviare il disagio dato dalla pitiriasi rosea:

  • Fare il bagno o la doccia in acqua tiepida.
  • Preparare un bagno di farina d’avena. È possibile trovare prodotti per il bagno con farina d’avena in farmacia.
  • Usare una lozione alla calamina sulla eruzione cutanea.

Referenze »

Pityriasis rosea. I Manuali Merck: Il Manuale Merck per gli Operatori Sanitari. Consultato il 23 aprile 2012.
AO Goldstein, et al. Pityriasis rosea. http://www.uptodate.com/index. Consultato il 23 aprile 2012.
Habif TP. Clinica Dermatologia: una guida di colore di Diagnosi e Terapia. 5th ed. Edimburgo, Regno Unito, New York, NY: Mosby Elsevier, 2010. Consultato il 23 aprile 2012.
Kliegman RM, et al. Nelson Textbook of Pediatrics. 19a ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2011. http://www.mdconsult.com/das/book/body/208746819-6/0/1608/0.html. Consultato il 23 aprile 2012.

 

Link sponsorizzati