Cefalea cronica quotidiana : sintomi, differenze, cause, e cure


La maggior parte delle persone hanno mal di testa di tanto in tanto. Ma se si ha mal di testa frequente, potrebbe trattarsi di un tipo di mal di testa noto come cefalea cronica quotidiana.

Link sponsorizzati

La natura incessante della cefalea cronica quotidiana lo rende tra i mal di testa più invalidanti. Un aggressivo trattamento iniziale e una costante gestione a lungo termine può ridurre il dolore e permettere di ridurre le emicranie croniche quotidiane.

Sintomi

Per definizione, la cefalea cronica quotidiana deve peristere per 15 giorni o più al mese, e per almeno tre mesi. Per essere considerata vera (primaria) la cefalea cronica quotidiana, non deve essere il risultato di un’altra condizione.

La cefalea cronica quotidiana è classificata per quanto tempo dura, ovvero più di quattro ore o meno di quattro ore. La suddivisione è in quattro tipi:

  • Emicrania cronica
  • Cronica di tipo tensivo
  • Persistente mal di testa quotidiano
  • Emicrania continua
  • Emicrania cronica

Per essere diagnosticata l’emicrania cronica, è necessario disporre di mal di testa 15 giorni o più al mese, per almeno tre mesi. Inoltre, in otto o più giorni al mese per almeno tre mesi, è necessario che si verifichino i seguenti sintomi.

Il mal di testa deve avere almeno due delle seguenti caratteristiche:

  • Influire solo un lato della testa
  • Causare un dolore pulsante (sensazione di pulsazione)
  • Causa dolore da moderato a grave
  • Aggravarsi durante la routine di attività fisica

E causare almeno uno dei seguenti:

  • Nausea, vomito o entrambi
  • Sensibilità alla luce e suono

In alternativa, se il mal di testa risponde ai farmaci triptani in previsione dei sintomi per otto o più giorni al mese, per almeno tre mesi è comunque considerata emicrania cronica.

cefalea cronica quotidiana.jpg

Cefalea Cronica di tipo tensivo

Questo mal di testa si evolve dal mal di testa  episodico di tensione. Può durare ore o essere costante.

L’emicrania cronica di tipo tensivo deve avere almeno due delle seguenti caratteristiche:

  • Dolore su entrambi i lati della testa
  • Causare dolore da lieve a moderato
  • Causare dolore che si sente premendo ma non pulsante
  • Non essere aggravato da attività fisiche

Inoltre, non deve causare:

  • La sensibilità alla luce o al suono
  • Nausea (lieve potrebbe)
  • Cefalea persistente quotidiana

Questo mal di testa diventa costante in pochi giorni del momento in cui si ha il primo episodio

Nuove emicranie quotidiane persistenti hanno almeno due delle seguenti caratteristiche:

  • Dolore su entrambi i lati della testa
  • Il dolore si sente come un impulso o un serraggio, ma non è mai pulsante
  • Il dolore varia da lieve a moderato
  • Non deve essere aggravato da attività fisiche

Inoltre, non deve causare più di una delle seguenti condizioni:

  • Sensibilità alla luce o al suono
  • Nausea

Emicrania continua

Questo mal di testa causa dolore su un solo lato della testa,inoltre:

  • E’ quotidiano e continuo, con periodi senza dolore
  • Causa dolore moderato, ma con picchi di dolore
  • Risponde alla indometacina (Indocin)
  • A volte diventa grave con lo sviluppo di sintomi simil emicrania

Inoltre, deve causare almeno uno dei seguenti problemi:

  • Arrossamento degli occhi del lato affetto
  • Congestione nasale o naso che cola
  • Abbassamento della palpebra o costrizione della pupilla

I mal di testa occasionali sono comuni. Ma è importante prendere sul serio il mal di testa cronico.

Consultare il medico se:

  • Di solito si hanno due o più mal di testa a settimana.
  • Si prende un antidolorifico per il mal di testa ogni giorno o quasi ogni giorno.
  • Si ha bisogno di una dose maggiore di antidolorifico per alleviare il dolore
  • Il mal di testa cambia tipologia di dolore
  • Il mal di testa sta peggiorando.

Rivolgersi immediatamente al pronto soccorso se il mal di testa:

  • È improvviso e grave
  • Accompagnato da febbre, torcicollo, confusione, convulsioni, visione doppia, debolezza, intorpidimento o difficoltà a parlare
  • Segue ad una ferita alla testa
  • Peggiora nonostante il riposo e farmaci antidolorifici

Cause

Le cause del mal di testa cronico giornalierio non sono ben comprese. La cefalea cronica quotidiana non ha spesso una causa sottostante identificabile. Alcuni possibili fattori possono includere:

  • Aver sviluppato una risposta intensa ai segnali del dolore.
  • La parte del cervello che sopprime i segnali di dolore non funziona correttamente.

Alcuni frequenti mal di testa possono essere causati da varie malattie o condizioni sottostanti, compresi:

  • Infiammazione o altri problemi con i vasi sanguigni e il cervello, incluso l’ictus
  • Infezioni, come la meningite
  • Pressione intracranica che è troppo alta o troppo bassa
  • Tumore al cervello
  • Lesione cerebrale traumatica

Molte persone che hanno frequenti mal di testa stanno in realtà vivendo un effetto di rimbalzo dal prendere farmaci per il dolore troppo spesso. Se si stanno assumendo farmaci per il dolore per più di tre giorni alla settimana (o nove giorni al mese), si è a rischio di sviluppare il mal di testa da rimbalzo.

Fattori di rischio

Vari fattori sono associati con lo sviluppo di frequenti mal di testa, tra cui:

  • Ansia
  • Depressione
  • Disturbi del sonno
  • Obesità
  • Russare
  • L’abuso di caffeina
  • L’abuso di farmaci antidolorifici
  • L’uso regolare di posture fisiche che mettono a dura prova la testa o il collo

Complicazioni

Se si dispone di cefalea cronica quotidiana, si ha più probabilità di avere la depressione, ansia, disturbi del sonno e altri problemi psicologici e fisici.

Diagnosi

Il medico probabilmente farà un esame fisico per verificare eventuali segni di malattie, infezioni o problemi neurologici. Se la causa del mal di testa rimane incerta, potrebbe essere necessario richiedere esami del sangue o delle urine per individuare eventuali condizioni cliniche di base. A volte gli studi di imaging come la tomografia computerizzata (TC) o la risonanza magnetica (MRI) sono raccomandati. Un elettroencefalogramma (EEG) può anche aiutare a diagnosticare i tumori cerebrali, lesioni o infiammazioni.

Trattamenti e cure

Il trattamento per le patologie di base o condizioni ferma spesso i frequenti mal di testa. Quando però non ci sono patologie di base, il trattamento si concentra sulla prevenzione del dolore prima del suo inizio.

Strategie di prevenzione specifiche variano a seconda di che tipo di mal di testa che si ha e se l’uso eccessivo di farmaci contribuisce a questi mal di testa. Se si stanno prendendo antidolorifici più di tre giorni alla settimana, il primo passo nel trattamento può essere quello di smettere di usare questi farmaci. Quando si è pronti ad iniziare la terapia preventiva, il medico può raccomandare:

  • Antidepressivi Gli antidepressivi triciclici come nortriptilina (Pamelor, Aventyl cloridrato) possono essere utilizzati per il trattamento di mal di testa cronici. Questi farmaci possono anche contribuire a trattare i disturbi della depressione, ansia e sonno che spesso accompagnano la cefalea cronica quotidiana. Altri antidepressivi, quali gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), fluoxetina (Prozac, Sarafem), possono essere utili per il trattamento della depressione e dell’ansia.
  • I beta-bloccanti. Questi farmaci, comunemente usati per trattare la pressione alta, sono anche un pilastro per prevenire l’emicrania episodica. Alcuni beta-bloccanti includono atenololo (Tenormin), metoprololo (Lopressor, Toprol-XL) e propranololo (Inderal, InnoPran XL). A volte, i beta-bloccanti sono prescritti in associazione con antidepressivi, e questa combinazione è a volte più efficace, rispetto al singolo trattamento.
  • Anti-convulsivi. Alcuni anticonvulsivi sembrano prevenire l’emicrania. Questi farmaci possono essere utilizzati per prevenire la cefalea cronica quotidiana. Le opzioni possono includere il gabapentin (Neurontin, Gralise), Topiramato (Topamax) e valproato di sodio (Depakote).
  • FANS. La prescrizione di farmaci anti-infiammatori non steroidei come il naprossene (Anaprox, Naprosyn, Naprelan) può essere utile, soprattutto se si stanno interrompendo altri antidolorifici. Essi possono essere utilizzati anche periodicamente quando il mal di testa è più grave.
  • Tossina botulinica. La tossina botulinica di tipo A (Botox) può fornire sollievo per alcune persone e potrebbe in particolare essere una valida opzione per le persone che non tollerano i farmaci.

Purtroppo, alcuni mal di testa sono resistenti a tutti i farmaci.

Medicina alternativa

Per molte persone, terapie complementari o alternative offrono sollievo dal mal di testa. E’ importante però essere cauti. Non tutte le terapie complementari o alternative sono state studiate come trattamenti per il mal di testa, e altre hanno bisogno di ulteriori ricerche.

Eccone alcuni:

  • Agopuntura. Questa antica tecnica utilizza sottili aghi inseriti in diverse aree della pelle in determinati punti. Studi hanno dimostrato che l’agopuntura aiuta a ridurre la frequenza e l’intensità delle cefalee croniche.
  • Biofeedback. Il biofeedback può essere utile nel trattamento di mal di testa. Con il biofeedback, si può imparare a controllare il mal di testa, diventando più consapevoli e quindi modificando alcune risposte corporee come la tensione muscolare, frequenza cardiaca e temperatura della pelle.
  • Meditazione. Praticare la meditazione può aiutare a rilassarsi fisicamente e mentalmente a mantenere la calma.
  • Massaggi. Il massaggio può ridurre lo stress, alleviare il dolore e favorire il rilassamento.
  • Erbe, vitamine e minerali. Alcune evidenze mostrano che alcune erbe possono prevenire l’emicrania o ridurre la loro gravità. Una dose elevata di riboflavina (vitamina B-2) può anche prevenire l’emicrania.  Parlare con il proprio medico prima di assumere integratori.
  • Stimolazione elettrica del nervo occipitale. Una piccola batteria viene impiantata chirurgicamente vicino al nervo occipitale, che è alla base del collo. L’elettrodo invia impulsi di energia continui al nervo per alleviare il dolore. Questo approccio è in fase di sperimentazione e ha mostrato buoni risultati, ma non è una terapia standard.

Prevenzione

Prendersi cura di se stessi può aiutare a prevenire la cefalea cronica quotidiana.

  • Evitare quello che scatena il mal di testa. Se non si è sicuri su ciò che scatena il mal di testa, tenere un diario.
  • Evitare l’abuso di farmaci. L’assunzione di farmaci per il mal di testa, più di due volte a settimana può effettivamente aumentare la gravità e la frequenza dei mal di testa.
  • Dormire. L’adulto medio ha bisogno di sette-otto ore di sonno per notte. E ‘meglio andare a letto e svegliarsi a orari regolari.
  • Non saltare i pasti.
  • Esercizio fisico regolare. Una regolare attività fisica aerobica può migliorare il fisico ed il benessere mentale.
  • Ridurre lo stress. Lo stress è un trigger comune dei mal di testa cronici.
  • Relax. Provare esercizi di yoga, meditazione e rilassamento.
  • Ridurre la caffeina. La caffeina, può essere utile nel ridurre il dolore del mal di testa, può anche aggravarlo. Cercare di ridurre al minimo, o meglio ancora, eliminare la caffeina dalla dieta.

Referenze »

Halker RB, et al. Cefalea cronica quotidiana: un approccio evidence-based e sistematico di un problema difficile. Neurologia. 2011; 76: S37.
Cefalea cronica quotidiana e di emicrania cronica. Mal di testa Società Americana. http://www.americanheadachesociety.org/assets/1/7/NAP_for_Web_-_CDH___Chronic_Migraine.pdf. Consultato il 3 dic 2011.
Cefalea cronica quotidiana. Mal di testa Fondazione Nazionale. http://www.headaches.org/education/Headache_Topic_Sheets/Chronic_Daily_Headache. Consultato il 3 dic 2011.
Boes CJ, et al. Mal di testa e altri dolori cranio-facciale. In: Bradley WG, et al. Neurologia nella pratica clinica. 5th ed. Philadelphia, Pa.: Butterworth-Heinemann Elsevier, 2008. Consultato il 3 dic 2011.
Classificazione IHS ICHD-II: cronica di tipo tensivo. International Headache Society. http://ihs-classification.org/en/02_klassifikation/02_teil1/02.03.00_tension.html. Consultato il 2 dicembre 2011.
Classificazione IHS ICHD-II: nuova cefalea persistente quotidiana (NDPH). International Headache Society. http://ihs-classification.org/en/02_klassifikation/02_teil1/04.08.00_other.html. Consultato il 2 dicembre 2011.
Classificazione IHS ICHD-II: Emicrania continua. International Headache Society. http://ihs-classification.org/en/02_klassifikation/02_teil1/04.07.00_other.html. Consultato il 2 dicembre 2011.
Mal di testa: la speranza attraverso la ricerca. Istituto nazionale dei disordini neurologici e colpo. http://www.ninds.nih.gov/disorders/headache/detail_headache.htm. Consultato il 2 dicembre 2011.
Goadsby PJ, et al. Mal di testa. In: Longo DL, et al. In linea di Harrison. 18 ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies, 2012. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=9094791. Consultato il 1 dicembre 2011.
Bigal ME, et al. L’obesità e la cefalea cronica quotidiana. Il dolore attuale e relazione Mal di testa. Pubblicato online il 11 Novembre 2011.
Ahmed K, et al. L’esperienza con la tossina botulinica di tipo A nel intrattabile medico pediatrico cefalea cronica quotidiana. Neurologia Pediatrica. 2010; 43:316.
Mal di testa e CAM. Centro Nazionale per la medicina complementare e alternativa. http://nccam.nih.gov/health/pain/headachefacts.htm. Consultato il 3 dic 2011.
Meditazione: Una introduzione. Centro Nazionale per la medicina complementare e alternativa. http://nccam.nih.gov/health/meditation/overview.htm. Consultato il 3 dic 2011.
Vargas BB, et al. Il volto di emicrania cronica: epidemiologia, demografia e strategie di trattamento. Cliniche Neurologia. 2009; 27:467.
Rains Disturbi del sonno e mal di testa. J. Mal di testa Società Americana. http://www.achenet.org/resources/sleep_disorders_and_headache/. Consultato il 2 dicembre 2011.

 

Link sponsorizzati