Autismo : sintomi, cause, fattori di rischio e terapie


L’autismo è parte di un gruppo di gravi problemi dello sviluppo chiamati disturbi dello spettro autistico (ASD) che compaiono nella prima infanzia, di solito prima dei 3 anni. Anche se i sintomi e la gravità variano, tutti i disturbi dell’autismo influiscono sulla capacità di un bambino di comunicare e interagire con gli altri.

Link sponsorizzati

Il numero di bambini con diagnosi di autismo sembra essere in aumento. Non è chiaro se ciò sia dovuto ad una migliore individuazione e segnalazione di autismo, o ad un reale aumento del numero di casi, o di entrambi.

Mentre non vi è alcuna cura per l’autismo, il trattamento precoce può fare una grande differenza nella vita di molti bambini con il disturbo.

Sintomi

I bambini con autismo hanno generalmente problemi in tre settori cruciali dello sviluppo interazione sociale, linguaggio e comportamento. Ma poiché i sintomi dell’autismo variano molto, due bambini con la stessa diagnosi possono agire in modo diverso ed essere dotati di capacità profondamente diverse. Nella maggior parte dei casi, però, l’autismo grave è caratterizzato da una totale incapacità di comunicare o interagire con altre persone.

Alcuni bambini mostrano segni di autismo nella prima infanzia. Altri bambini possono svilupparsi normalmente per i primi mesi o anni di vita, ma poi improvvisamente diventare aggressivi o perdere competenze linguistiche già acquisite. Anche se ogni bambino con autismo può avere un modello unico di comportamento, questi sono alcuni dei sintomi di autismo comuni:

Competenze sociali

Spesso il bambino affetto da autismo :

  • Non è in grado di rispondere al suo nome
  • Ha scarso contatto oculare
  • Appare come se non sentisse
  • Resiste alle coccole
  • Appare inconsapevole ai sentimenti altrui
  • Sembra preferire giocare da solo e si ritira nel suo “mondo proprio”

Linguaggio

  • Inizia a parlare più tardi dei 2 anni, e ha altri ritardi dello sviluppo
  • Perde la capacità precedentemente acquisita di dire parole o frasi
  • Non ha un contatto visivo quando gli vengono fatte delle richieste
  • Parla con un tono o ritmo anormale e può utilizzare una voce cantilenante
  • Non gli è possibile avviare una conversazione o mantenerne una
  • Può ripetere parole o frasi testuali, ma non capisce come usarle

Comportamento

  • Esegue movimenti ripetitivi, come ad esempio dondolare, o battere le mani
  • Sviluppa rituali specifici
  • Diventa preoccupato per il minimo cambiamento nella routine
  • Può essere affascinato da parti di un oggetto, come ad esempio le ruote che girano di una macchina giocattolo
  • Può essere particolarmente sensibile alla luce, il suono e al tatto, pur essendo ancora ignaro del dolore

I bambini con autismo hanno anche problemi a condividere le cose con gli altri.

Crescendo, alcuni bambini con autismo mostrano disturbi meno marcati nel comportamento. Alcuni, di solito quelli con meno problemi gravi, alla fine possono condurre una vita normale o quasi normale. Altri, invece, continuano ad avere difficoltà che nell’adolescenza possono significare un peggioramento dei problemi comportamentali.

La maggior parte dei bambini con autismo sono lenti ad acquisire nuove conoscenze o competenze, e alcuni hanno segni di intelligenza anormale. Altri bambini con autismo hanno una intelligenza normale. Questi bambini imparano in fretta ma hanno difficoltà a comunicare, l’applicazione di ciò che sanno nella vita quotidiana e in situazioni sociali. Un piccolo numero di bambini con autismo sono “savants autistici” ovvero dotati di capacità eccezionali in una determinata area, come l’arte, la matematica o la musica.

I bambini si sviluppano con il loro ritmo, e molti non seguono scadenze classiche degli altri bambini. Ma i bambini con autismo di solito mostrano alcuni segni di ritardo dello sviluppo già dai 18 mesi. Se si sospetta che il bambino possa avere l’autismo, discutere con il medico. Il trattamento prima inizia e tanto più efficace sarà.

autismo e bambini.jpg

Cause

L’autismo non ha una unica causa nota. Data la complessità della malattia, esistono ed probabilmente molte cause. Queste possono includere:

  • Problemi genetici . Un certo numero di geni sembrano essere coinvolti nell’autismo. Alcuni possono rendere un bambino più suscettibile alla malattia, altri possono influenzare lo sviluppo del cervello. Altri ancora possono determinare la gravità dei sintomi. Alcuni problemi genetici sembrano essere ereditati, mentre altri pare accadano spontaneamente.
  • I fattori ambientali. molti problemi di salute sono dovuti sia a fattori genetici che ambientali, e questo è probabilmente un fattore di rischio per l’autismo. I ricercatori stanno attualmente studiando se le infezioni virali e gli inquinanti atmosferici, giochino un ruolo nel determinare l’autismo.

Nessun legame tra vaccini e autismo

Una delle più grandi controversie dell’autismo è centrato sul se esiste un legame tra autismo e vaccini per l’infanzia, in particolare il vaccino del morbillo-parotite-rosolia (MMR). Nessuno studio ha dimostrato un certo legame tra autismo e vaccinazione MMR. Uno studio pubblicato nel 1998, che teorizzò un possibile collegamento è stato ritirato, a causa di poche prove a sostegno di questa teoria.

Evitare vaccinazioni infantili per paura dell’autismo può mettere in pericolo di contrarre malattie gravi, tra cui la pertosse, il morbillo e la parotite.

Fattori di rischio

L’autismo colpisce i bambini di tutte le razze e nazionalità, ma alcuni fattori aumentano il rischio. Essi comprendono:

  • Il sesso. I maschi hanno da tre a quattro volte più probabilità di sviluppare l’autismo rispetto alle femmine.
  • Storia di famiglia. Le famiglie che hanno un bambino con autismo hanno un rischio maggiore di avere un altro bambino con la malattia. Non è neanche raro che i genitori o parenti di un bambino autistico possano avere problemi di lieve entità con abilità sociali o di comunicazione.
  • Altre malattie. Bambini con determinate condizioni mediche hanno un rischio superiore al normale di avere l’autismo. Queste condizioni comprendono sindrome dell’X fragile, una malattia ereditaria che provoca problemi intellettuali, sclerosi tuberosa, una condizione in cui si sviluppano tumori benigni nel cervello, la sindrome neurologica, la malattia di Tourette, e l’epilessia.
  • Età dei genitori. Esiste anche essere una connessione tra bambini che sono nati da madri più anziane e autismo, ma più ricerca è necessaria, mediamente si parla spesso di padri con oltre 40 anni.

Diagnosi

Il medico del bambino cercherà segni di ritardo nello sviluppo con i vari controlli regolari. Se il bambino mostra alcuni segni di autismo, si può fare riferimento ad uno specialista nel trattamento di bambini con autismo. Questo specialista, lavorando con un team di professionisti, è in grado di eseguire una valutazione formale per il disturbo.

Dato che l’autismo è molto variabile in intensità, fare una diagnosi può essere difficile. Non esiste un test medico specifico per individuare il disturbo. Invece, uno specialista dell’autismo osserverà il bambino e parlare con i genitori su come le competenze sociali del bambino e quelle competenze linguistiche e comportamenti si sono sviluppate e modificate nel corso del tempo. Per aiutare a raggiungere una diagnosi, il bambino può essere sottoposto ad una serie di test dello sviluppo relativi al linguaggio e a livello psicologico.

Anche se i segni di autismo appaiono spesso nei 18 mesi, a volte la diagnosi non viene effettuata fino all’età di 2 o 3 anni. La diagnosi precoce è importante perché l’intervento precoce preferibilmente prima dei 3 anni sembra essere il più utile.

Criteri diagnostici per l’autismo

Affinchè il bambino sia diagnosticato con autismo, deve soddisfare i criteri enunciati nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM). Questo manuale è pubblicato dalla American Psychiatric Association e viene utilizzato per diagnosticare le condizioni mentali in moltissimi casi.

Per essere diagnosticati con autismo, il bambino deve avere sei o più dei seguenti sintomi e due o più di questi sintomi devono rientrano nella categoria delle competenze sociali.

Competenze sociali

  • Difficoltà con comportamenti non verbali, come ad esempio un contatto visivo
  • Difficoltà a formare amicizie con i coetanei e sembra preferire giocare da solo
  • Non condividere esperienze o emozioni con altre persone, come ad esempio la condivisione di successi
  • Essere inconsapevoli dei sentimenti altrui

Abilità di comunicazione

  • Iniziare a parlare più tardi dei 2 anni e mostrare altri ritardi dello sviluppo
  • Non riuscire ad avviare una conversazione o mantenerne una
  • Ripetere parole o frasi testuali, ma non capire come usarle

Comportamento

  • Sviluppa interesse in oggetti o argomenti che sono anormali
  • Esegue movimenti ripetitivi
  • Diventa preoccupato per il minimo cambiamento nella routine quotidiana
  • Può essere affascinato da parti di un oggetto

Trattamenti e cure

Non esiste cura per l’autismo, e non esiste un trattamento unico.

Il medico può aiutare a identificare le risorse nella vostra zona che può funzionare per il vostro bambino. Le opzioni di trattamento possono comprendere:

  • Terapie comportamentali e di comunicazione. molti programmi sono stati sviluppati per soddisfare la gamma sociale e difficoltà linguistico/comportamentali associate con l’autismo. Alcuni programmi si concentrano sulla riduzione dei problemi comportamentali e sull’insegnare nuove abilità. Altri programmi si concentrano sulla insegnare ai bambini come comportarsi in situazioni sociali o sul come comunicare meglio con altre persone.
  • Terapie educative. Bambini con autismo spesso rispondono bene a programmi di formazione altamente strutturati. Programmi di successo spesso includono un team di specialisti e una serie di attività per migliorare le abilità sociali, la comunicazione e il comportamento. Bambini in età prescolare che ricevono intensivi interventi individualizzati hanno compiuto buoni progressi.
  • Farmaci. Nessun farmaco è in grado di migliorare i sintomi principali dell’autismo, ma alcuni farmaci possono aiutare a controllarne i sintomi. Gli antidepressivi possono essere prescritti per l’ansia, per esempio, e farmaci antipsicotici sono a volte utilizzati per il trattamento di gravi problemi comportamentali.

Gestione di altre condizioni mediche

i bambini autistici possono avere anche altre patologie, come l’epilessia o problemi gastrointestinali. Parlate con il medico sul come gestire al meglio le condizioni, e informare sempre tutti gli operatori sanitari riguardo tutti i farmaci e integratori che il bambino sta assumendo. Alcuni farmaci e integratori possono interagire, provocando pericolosi effetti collaterali.

Medicina alternativa

Dato che l’autismo è una malattia incurabile, molti genitori cercano terapie alternative. Anche se alcune famiglie hanno riportato buoni risultati con diete speciali e altri approcci complementari, i ricercatori non sono sicuri come questi trattamenti siano utili. Alcune delle terapie alternative più comuni includono:

  • Terapie creative. Alcuni genitori scelgono di integrare l’intervento educativo e medico con la terapia dell’arte, musicoterapia o l’integrazione sensoriale, che si concentra sulla riduzione della sensibilità.
  • Diete speciali. strategie dietetiche Diverse sono state proposte come possibili trattamenti per l’autismo, tra cui la limitazione degli allergeni alimentari, probiotici, una dieta priva di lievito, senza glutine, senza caseina, e integratori alimentari come la vitamina A, vitamina C, vitamina B-6 e di magnesio, acido folico, vitamina B-12, e omega-3 acidi grassi. Per saperne di più, parlare con un dietista particolarmente esperto nell’autismo.
  • Chelazione. Questo trattamento è fatto per rimuovere il mercurio e altri metalli pesanti dal corpo. Tuttavia, non esiste alcun collegamento noto tra mercurio e autismo, e la terapia chelante può essere molto pericolosa. La terapia di chelazione può causare insufficienza renale. Alcune persone che hanno partecipato a studi sulla terapia di chelazione sono decedute.

Supporto

Crescere un bambino con autismo può essere fisicamente faticoso ed emotivamente drenante. Queste piccoli suggerimenti possono aiutare:

  • Trovare un team di professionisti di fiducia. Si ha bisogno di prendere decisioni importanti, è bene quindi trovare un gruppo di insegnanti e terapisti che possono aiutare un’occhiata alle opzioni nella vostra zona e spiegare le risorse per i bambini con disabilità. Assicurarsi che questa squadra include un case manager o coordinatore del servizio, che può aiutare a servizi di accesso finanziari e programmi di governo.
  • Prendersi del tempo per se stessi e altri membri della famiglia. Prendersi cura di un bambino con autismo può essere un lavoro a tempo pieno, che pone l’accento sul  matrimonio e tutta la famiglia. Per evitare di arrivare ad un punto di stress elevato, prendere tempo per rilassarsi,o godere le attività preferite.
  • Cercate altre famiglie con bambini autistici. Altre famiglie alle prese con le sfide di autismo possono essere una fonte di consigli utili.
  • Ulteriori informazioni su questo disturbo. Ci sono molti miti e pregiudizi sull’autismo. Imparare la verità può aiutare a capire meglio il bambino. L’informazione aiuta a combatter le malattie

Non esiste modo di prevenire l’autismo. L’autismo può essere trattato, ed i bambini possono avere migliori abilità sociali con i trattamenti.

Referenze »

Kogan MD, et al. Prevalenza di genitore-segnalato con diagnosi di disturbo dello spettro autistico tra i bambini negli Stati Uniti del 2007. Pediatria. 2009; 124:1395.
Augustyn M. caratteristiche cliniche dei disturbi dello spettro autistico. http://www.uptodate.com. Consultato il 24 marzo 2010.
Autismo e geni. National Institute of Child Health e lo Sviluppo Umano. http://www.nichd.nih.gov/publications/pubs/upload/autism_genes_2005.pdf. Consultato il 8 Aprile 2010.
Bilder D, et al. Fattori prenatale, perinatale e neonatale associata con disturbi dello spettro autistico. Pediatria. 2009; 123:1293.
Baker JP. Mercurio, vaccini e autismo: Una polemica, tre storie. American Journal of Public Health. 2008; 98:244.
Grether JK, et al. Rischio di autismo e con l’età materna e paterna in una grande popolazione del Nord America. American Journal of Epidemiology. 2009; 170:1118.
Bridgemohan C. Gli strumenti di screening per i disturbi dello spettro autistico. http://www.uptodate.com. Consultato il 24 marzo 2010.
Millward C, et al. Glutine e caseina-free diete per disturbo dello spettro autistico. Cochrane Database of Systematic Reviews. 2009: CD003498. http://www2.cochrane.org/reviews/en/ab003498.html. Consultato il 24 marzo 2010. .
Augustyn M. Diagnosi dei disturbi dello spettro autistico. http://www.uptodate.com. Consultato il 24 marzo 2010.
CP Johnson, et al. Identificazione e valutazione dei bambini con disturbi dello spettro autistico. Pediatria. 2007; 120:1183.
Myers SM, et al. Gestione dei bambini con disturbi dello spettro autistico. Pediatria. 2007; 120:1162.
Greenspan SI, et al. Linee guida per la identificazione precoce, lo screening, e la gestione clinica dei bambini con disturbi dello spettro autistico. Pediatria. 2008; 121:828.
Spreckley M, et al. L’efficacia di intervento comportamentale applicata nei bambini in età prescolare con autismo per il miglioramento cognitivo, il linguaggio e il comportamento adattivo: una revisione sistematica ed una meta-analisi. Journal of Pediatrics. 2009; 154:338.
Buie T, et al. Valutazione, diagnosi e trattamento dei disturbi gastrointestinali nei soggetti con ASD: Un rapporto consenso. 2010, 125 (suppl): 1.
Canitano R. Epilessia nei disturbi dello spettro autistico. European Child & Adolescent Psychiatry. 2007; 16:61.
Golnik AE, et al. Complementare medicina alternativa per i bambini con autismo: un sondaggio medico. Giornale di disturbi autistici e dello sviluppo. 2009; 39:996.
Wong VCN. L’uso della medicina complementare e alternativa (CAM) in un disordine dello spettro autistico (ASD). Giornale di disturbi autistici e dello sviluppo. 2009; 39:454.
Se sei preoccupato – Atto primo. Centri per il Controllo e la Prevenzione. http://www.cdc.gov/ncbddd/actearly/concerned.html. Consultato il 8 Aprile 2010.
Riso Prevalenza C. dei disturbi dello spettro autistico – Autismo e sviluppo della rete di monitoraggio disabilità, Stati Uniti, 2006. Mortalità e morbilità settimanale. 2009; 58:1.
Sinha Y, et al. Chelazione terapia e l’autismo. British Medical Journal. 2006; 333:756.
Disturbo autistico. In: Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali DSM-IV-TR. 4a ed. Arlington, Virginia: American Psychiatric Association, 2000. http://www.psychiatryonline.com. Consultato il 11 maggio 2010.

 

Link sponsorizzati