Malattia da radiazioni : sintomi, trattamenti e cure


La malattia da radiazioni è un danno al corpo, causato da una dose molto elevata di radiazioni spesso ricevute per più di un breve periodo di tempo. La quantità di radiazione assorbita dal corpo e la dose assorbita determina il grado della malattia.

Link sponsorizzati

La malattia da radiazioni è anche chiamata malattia da radiazioni acuta, sindrome acuta da radiazioni o avvelenamento da radiazioni. Esposizioni comuni a bassa dose di radiazioni, come i raggi X, non causano malattie da radiazioni.

Sebbene le malattie da radiazioni siano gravi e spesso fatali, fortunatamente sono rare. La maggior parte dei casi di malattie da radiazioni nucleari ai giorni nostri avvengono dopo gli incidenti industriali, come ad esempio l’incidente del 1986 di un reattore nucleare in una centrale di Chernobyl, in Ucraina.

Sintomi

La gravità dei segni e dei sintomi della malattia da radiazioni dipende dalla quantità di radiazioni assorbite. Quante radiazioni si assorbono dipende dalla forza della energia irradiata e dalla distanza tra l’utente e la sorgente di radiazione.

Dose assorbita e  durata dell’esposizione

La dose di radiazione assorbita viene misurata in una unità chiamata Gy. Test diagnostici che utilizzano radiazioni, come ad esempio una radiografia, sono il risultato di una piccola dose di radiazioni in genere ben al di sotto 0,1 Gy, incentrati su alcuni organi o piccola quantità di tessuto.

Segni e sintomi della malattia da radiazioni di solito appaiono quando tutto il corpo riceve una dose assorbita di almeno 1 Gy. Dosi superiori a 6 Gy influenzano tutto il corpo e sono generalmente non trattabili, solitamente portano al decesso entro due giorni o in alcuni casi due settimane, a seconda della dose e durata dell’esposizione.

Segni iniziali e sintomi

I segni ed i sintomi iniziali della malattia da radiazione curabili sono di solito nausea e vomito. La quantità di tempo tra l’esposizione e quando questi sintomi si sviluppano è un indicatore della quantità di radiazioni che una persona ha assorbito.

Dopo il primo giro di segni e sintomi, una persona con malattia da radiazioni può avere un breve periodo con nessuna malattia apparente, seguita dalla comparsa di nuovi sintomi più gravi.

In generale, maggiore è l’esposizione alle radiazioni, più rapidi e più gravi sono i sintomi.

 

I primi sintomi della malattia da radiazione
  Esposizione lieve (1-2 Gy) L’esposizione moderata (2-6 Gy) Grave esposizione (6-8 Gy) Molto severa esposizione (8-10 Gy o superiore)
Nausea e vomito Entro 6 ore Entro 2 ore Entro 1 ora Entro 10 minuti
Diarrea Entro 8 ore Entro 3 ore Entro 1ora
Mal di testa Entro 24 ore Entro 4 ore Entro 2ore
Febbre Entro 3 ore Entro 1 ora Entro 1ora
I sintomi successivi della malattia da radiazione
Vertigini e disorientamento –  Entro 1 settimana Immediato 
Debolezza, stanchezza  Entro 4 settimane Entro 1-4 settimane Entro 1 settimana Immediato 
La perdita dei capelli, vomito ematico e feci con sangue,  infezioni,  pressione sanguigna bassa Entro 1-4 settimane Entro 1 settimana Immediato

Un incidente che causa malattie da radiazioni è di interesse pubblico. Se un evento di questo tipo si verifica, il monitoraggio avviene a livello governativo

Cause

La radiazione è l’energia rilasciata da atomi sia in forma di onda che in piccola particella di materia. Le radiazioni sono causate dalla esposizione ad una dose elevata di radiazioni, ad esempio una dose di radiazioni ricevuta durante un incidente industriale. Esposizioni comuni a bassa dose di radiazioni, come ad esempio esami radiografici, non causano malattie da radiazioni.

Fonti di alte dosi di radiazioni

Possibili fonti di alte dosi di radiazioni sono le seguenti:

  • Un incidente in un impianto nucleare industriale
  • Un attacco a un impianto nucleare industriale
  • Detonazione di un piccolo dispositivo radioattivo
  • Detonazione di un dispositivo esplosivo convenzionale che disperde materiale radioattivo (bomba sporca)
  • Detonazione di un’arma nucleare standard

La malattia si verifica quando radiazioni ad alta energia creano danni da radiazione o distruggono determinate cellule nel corpo. Regioni del corpo più vulnerabili alla radiazione ad alta energia sono cellule nel rivestimento del tratto intestinale, tra cui lo stomaco, e le cellule del sangue del midollo osseo.

Diagnosi

Informazioni importanti per determinare la dose assorbita comprendono:

  • Fonte di esposizione. Dettagli sulla distanza dalla fonte di radiazione e la durata dell’esposizione possono contribuire a fornire una stima approssimativa della gravità della malattia da radiazioni.
  • Vomito e altri sintomi. Il tempo tra esposizione a radiazioni e l’insorgenza di vomito è uno strumento di screening abbastanza accurato per stimare la dose di radiazione assorbita. Più breve è il tempo prima della comparsa di questo segno, maggiore è la dose. La gravità e la tempistica di altri segni e sintomi possono anche aiutare il personale medico a determinare la dose assorbita.
  • Gli esami del sangue. frequenti esami del sangue per parecchi giorni dopo l’esposizione possono consentire al personale medico di cercare segni nei globuli bianchi e variazioni anomale nel DNA delle cellule del sangue. Questi fattori indicano il grado di danneggiamento del midollo osseo, che è determinato dal livello di dose assorbita.
  • Dosimetro. Un dispositivo chiamato  dosimetro può misurare la dose di radiazione assorbita, ma solo in determinate condizioni.
  • Misurazione. Un dispositivo come un contatore Geiger può essere utilizzato per rilevare la posizione nel corpo di particelle radioattive.
  • Tipo di radiazione. Una parte della risposta di emergenza più grande di un incidente radioattivo o attacco dovrebbe comprendere l’individuazione del tipo di radiazione alla quale le persone sono state esposte. Queste informazioni dovrebbero orientare alcune decisioni per il trattamento di persone con malattie da radiazioni.

Complicazioni

La malattia da radiazioni per sé non causa problemi di salute a lungo termine per coloro che sopravvivono alla malattia. Tuttavia, l’esposizione alle radiazioni che ha causato la malattia immediata aumenta in modo significativo il rischio di sviluppare il cancro più tardi nella vita.

Trattamenti e cure

Il trattamento  è volto a prevenire ulteriori contaminazioni radioattive, la gestione dei danni agli organi, ridurre i sintomi e la gestione del dolore.

Decontaminazione
 
Questa fase di trattamento serve a rimuovere le particelle radioattive, per quanto possibile. La rimozione dell’abbigliamento e scarpe elimina circa il 90 per cento di contaminazione esterna. Un lavaggio con acqua e sapone rimuove particelle radioattive supplementari dalla pelle.

La decontaminazione all’inizio del trattamento impedisce l’ulteriore distribuzione di materiali radioattivi e riduce il rischio di contaminazione interna da inalazione, ingestione o ferite aperte.

Trattamento per il midollo osseo danneggiato

Una proteina che stimola i granulociti promuove la crescita delle cellule bianche del sangue, è usata nella malattia da radiazioni per contrastare i danni del midollo osseo. Questa proteina a base di farmaci, che include il filgrastim (Neupogen) e il pegfilgrastim (Neulasta), possono aumentare la produzione di globuli bianchi e aiutare a prevenire le infezioni successive.

Se si dispone di gravi danni al midollo osseo, la terapia può anche includere trasfusioni di globuli rossi o piastrine nel sangue.

Trattamento per contaminazione interna
 
Alcuni trattamenti possono ridurre i danni agli organi causati da particelle radioattive. Il personale medico utilizza questi trattamenti solo se le persone sono esposte a un particolare tipo di radiazione. Questi trattamenti includono:

  • Ioduro di potassio. Questa è una forma di iodio radioattivo. Poiché lo iodio è essenziale per la funzione tiroidea corretta, la tiroide diventa un “destinazione” per lo iodio nel corpo. Se si dispone di contaminazione interna con iodio radioattivo, la tiroide è in grado di assorbire lo iodio radioattivo proprio come farebbe con altre forme di iodio. Il trattamento con ioduro di potassio può riempire “posti vacanti” nella tiroide e prevenire l’assorbimento di iodio radioattivo. Il radioiodio alla fine viene eliminato dal corpo nelle urine.
  • Blu di Prussia. Questo tipo di colorante si lega alle particelle di elementi radioattivi noti come cesio e tallio. Le particelle radioattive sono quindi escrete nelle feci. Questo trattamento accelera l’eliminazione delle particelle radioattive e riduce la quantità di cellule di radiazione assorbite.
  • Dietilentriammina pentaacetico (DTPA). Questa sostanza si lega ai metalli. Il DTPA si lega alle particelle di plutonio radioattivo, americio e curio. Le particelle radioattive passano fuori del corpo nelle urine, riducendo così la quantità di radiazioni assorbite.

Trattamento di supporto

Se si dispone di malattie da radiazioni, è possibile ricevere ulteriori farmaci o trattamenti per:

  • Infezioni batteriche
  • Mal di testa
  • Febbre
  • Diarrea
  • Nausea e vomito
  • Disidratazione

Una persona che ha assorbito dosi elevate di radiazioni (6 Gy o più) ha poche possibilità di recupero. A seconda della gravità della malattia, il decesso può avvenire entro due giorni o due settimane. Le persone con una dose di radiazioni letali riceveranno farmaci per controllare il dolore, nausea, vomito e diarrea.

Referenze

Upton AC. Radiazioni lesioni. In: Goldman L, et al, eds.. Cecil Medicina. 23a ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2007. Consultato il 23 Marzo 2010.
Colwell CB, et al. Radiazioni lesioni. In: Marx JA, et al, eds.. Emergency Medicine Rosen: Concetti e pratica clinica. 6 ° ed. St. Louis, Mo: Mosby, 2006. Consultato il 23 Marzo 2010.
Siegel D. Preparazione minacce terroristiche: lesioni da radiazione. Clinica Medicina d’Emergenza Pediatrica. 2009; 10:136.
Bushberg JT. Radiazioni esposizioni e contaminazioni. I Manuali Merck: Il Manuale Merck per gli Operatori Sanitari. http://merck.com/mmpe/sec21/ch317/ch317a.html # CHDCIEIA. Consultato il 23 Marzo 2010.
Ferri FF, et al. Esposizione alle radiazioni. In: Ferri FF. Consulente clinico Ferri 2010. St. Louis, Mo: Mosby, 2009. Consultato il 23 Marzo 2010.

Link sponsorizzati