Binge eating disorder (abbuffate) : sintomi, cause, complicazioni e cure


Il binge-eating è un disturbo grave in cui si mangiano quantità insolitamente elevate di cibo. Quasi tutti in alcune occasioni, mangiamo un pò più del solito, ma per alcune persone, l’eccesso di cibo attraversa la linea del disordine alimentare ( binge-eating disorder) e diventa un fatto normale, di solito fatto in segreto.

Link sponsorizzati

Quando si dispone di binge-eating disorder, si può essere profondamente in imbarazzo per quello che si fa, ma si sente come una costrizione a quale non si può resistere. Se si dispone di binge-eating disorder, il trattamento può essere d’aiuto.

Sintomi

Si possono avere segni o sintomi fisici evidenti quando si dispone di binge-eating disorder. Si può essere in sovrappeso o obesi, o si può essere ad un peso del tutto normale. Tuttavia, è probabile che vi siano segni comportamentali ed emotivi come ad esempio:

  • Mangiare quantità insolitamente elevate di cibo
  • Mangiare anche quando si è sazi o non si ha fame
  • Mangiare rapidamente durante gli episodi di binge
  • Mangiare fino a quando sei è a disagio
  • Spesso mangiare da soli
  • Sensazione che il comportamento alimentare sia fuori controllo
  • Sentirsi depressi, disgustati, in colpa o arrabbiati per aver mangiato troppo
  • Vivere la depressione e l’ansia
  • Sentirsi isolati e avere difficoltà a parlare dei propri sentimenti
  • Spesso iniziare diete, usualmente senza la perdita di peso
  • Perdere e aumentare di peso più volte (effetto yo-yo)

Dopo un binge, spesso si tentare di mettersi a dieta o mangiare pasti normali. Ma restringere l’alimentazione può semplicemente portare a più episodi di binge eating, creando un circolo vizioso.

In caso di sintomi di binge-eating disorder, consultare un medico il più presto possibile. Il Binge-eating disorder di solito non migliora da solo, e può peggiorare se non trattato.

Se si è riluttanti al farsi curare, parlare con una persona di fiducia del proprio problema. Un amico, una persona cara, insegnante o un life coach possono aiutare a fare i primi passi per il successo del trattamento del binge-eating disorder.

Cause

Le cause del binge-eating disorder sono sconosciute. Ma la storia familiare, fattori biologici, diete molto restrittive e problemi psicologici aumentarne il rischio.

Fattori di rischio

I fattori che possono aumentare il rischio di sviluppare il binge-eating disorder sono:

  • Storia familiare e fattori biologici. Si ha una maggiore probabilità di avere un disturbo alimentare se i  genitori o fratelli hanno (o hanno avuto) un disturbo alimentare. Alcune persone con binge eating disorder potrebbero aver ereditato i geni che li rendono più suscettibili a sviluppare la malattia, o le loro sostanze chimiche del cervello potrebbe essere mutate.
  • Problemi psicologici. La maggior parte delle persone che hanno binge-eating disorder sono in sovrappeso, ben consapevoli del loro aspetto, e si sentono in colpa. Quando si dispone di binge-eating disorder, si può agire in modo impulsivo e non si è in grando di controllare il comportamento. Si può avere una storia di depressione o di abuso di sostanze. E si possono avere problemi a far fronte allo stress, preoccupazione, rabbia, tristezza e noia.
  • Dieta. Molte persone con binge eating disorder hanno una storia di diete, alcune risalente all’infanzia. La dieta può scatenare l’impulso di mangiare, soprattutto se si dispone di una bassa autostima e sintomi di depressione.
  • Età. Anche se le persone di qualsiasi età possono avere il binge-eating disorder, spesso inizia nella tarda adolescenza o intorno ai 20 anni.

Binge-eating disorder-schema .jpg

Complicazioni

Si possono sviluppare problemi psicologici e fisici legati al binge eating. Alcune di queste complicazioni derivano dall’ essere in sovrappeso a causa delle frequenti abbuffate. Altre complicazioni possono verificarsi a causa di cattive abitudini alimentari, effetto yo-yo ed abbuffate a seguito di dieta rigida. Inoltre, il cibo consumato durante un binge è spesso ad alto contenuto di nutrienti di grassi e basso contenuto di proteine, che potrebbe portare a problemi di salute.

Le complicazioni che possono essere causate o collegati con il binge-eating disorder sono:

  • Depressione
  • Pensieri autolosivi
  • Insonnia
  • Obesità
  • Alta pressione sanguigna
  • Diabete di tipo 2
  • Colesterolo alto
  • Malattia della cistifellea malattia e altri problemi digestivi
  • Malattia cardiaca
  • Alcuni tipi di cancro
  • Dolori articolari
  • Dolore muscolare
  • Mal di testa
  • Problemi mestruali

Diagnosi

Il Binge eating è simile alla bulimia, un altro disturbo alimentare. Tuttavia, le persone con binge eating disorder non si purgare delle calorie in eccesso che consumano. È per questo che molte persone con binge eating disorder sono spesso in sovrappeso.

Per diagnosticare un disturbo alimentare, il medico può raccomandare:

  • Un esame fisico
  • Un esam del sangue e delle urine
  • La valutazione psicologica, compresa la discussione delle abitudini alimentari

Il medico può decidere di effettuare altri test per verificare la presenza di conseguenze per la salute, come problemi cardiaci o malattie della colecisti.

Criteri per la diagnosi

Il medico stabilirà se si soddisfano i criteri per un disturbo alimentare. Per essere diagnosticati con il binge eating disorder, è necessario soddisfare i criteri elencati nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM) pubblicato dalla American Psychiatric Association:

  • Episodi ricorrenti di abbuffate, tra cui mangiare una quantità abnorme di cibo e  sentire una mancanza di controllo sul mangiare
  • Il Binge eating deve essere associato ad almeno tre di questi fattori: mangiare velocemente, mangiare finché non si è spiacevolmente pieni; mangiare grandi quantità quando non si ha fame, mangia da soli per imbarazzo, sentirsi disgustati, depressi o in colpa dopo aver mangiato
  • Essere consapevoli e preoccupati della propria condizione
  • Avere episodi di abbuffate incontrollate almeno due volte a settimana per almeno sei mesi
  • Il Binge eating che non deve essere associato al vomito autoindotto

Trattamenti e cure

Gli obiettivi per il trattamento del binge-eating disorder sono la riduzione delle abbuffate alimentari, per migliorare il benessere emotivo e, se necessario, per perdere peso. Poiché il binge eating è intrecciato con la vergogna, la scarsa immagine di sé, e altre emozioni negative, il trattamento deve affrontare questi e altri problemi psicologici.

Ci sono quattro tipi principali di trattamento per il binge-eating disorder.

Psicoterapia

La Psicoterapia, sia in sedute individuali o di gruppo, può aiutare a insegnare come cambiare le abitudini non salutari e ridurre gli episodi di abbuffate.

Esempi di psicoterapia sono:

  • Terapia cognitivo-comportamentale (CBT). Questa può aiutare ad affrontare meglio i problemi che possono innescare gli episodi di binge-eating, come sentimenti negativi circa il corpo o uno stato d’animo depresso. Si può anche dare un migliore senso di controllo sul comportamento e le abitudini alimentari. Se in sovrappeso, può essere necessaria anche la perdita di peso.
  • Psicoterapia interpersonale. La psicoterapia interpersonale si concentra sui rapporti attuali con altre persone. L’obiettivo è quello di migliorare le abilità interpersonali. Questo può aiutare a ridurre il binge eating che è innescato da scarsi rapporti e capacità di comunicazione non sana.
  • Terapia comportamentale dialettica. Questa forma di terapia può aiutare a imparare abilità comportamentali per aiutarti a tollerare lo stress, regolare le emozioni e migliorare le relazioni con gli altri, tutti cose in grado di ridurre il desiderio di mangiare.

Farmaci

Non esiste nessun farmaco specificamente progettato per il trattamento del binge-eating disorder. Ma, diversi tipi di farmaci possono contribuire a ridurre i sintomi, soprattutto se combinati con la psicoterapia. Gli esempi includono:

  • Antidepressivi. Gli antidepressivi noti come inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) e gli antidepressivi triciclici (TCA) possono essere utili. Non è chiaro come questi possano ridurre binge eating, ma pare influenzando le sostanze chimiche del cervello connesse all’attività dell’umore.
  • Topiramato anticonvulsivante (Topamax). Normalmente utilizzato per controllare le crisi,il  topiramato è utile per ridurre gli episodi di binge-eating. Tuttavia, potenzialmente può causare gravi effetti collaterali.

Binge-Eating-Disorder frutta.jpg

Programmi di dimagrimento e comportamentali

Molte persone con il binge eating disorder hanno una lunga storia di tentativi falliti di perdere peso da soli. Tuttavia, programmi di dimagrimento in genere non sono raccomandati fino a quando il binge-eating disorder non è trattato perché le diete fortemente ipocaloriche possono innescare più episodi.

Strategie di auto-aiuto

Alcune persone con il binge eating disorder trovano beneficio da libri, video, programmi Internet o gruppi di sostegno efficaci. Alcuni programmi contro i disturbi alimentari offrono manuali  che è possibile utilizzare da soli o con la guida di esperti di salute mentale. Tuttavia, è  quasi sempre necessario un trattamento professionale con la psicoterapia o farmaci.

Consigli

In genere, il trattamento del binge-eating disorder fatto da soli non è efficace. Ma oltre a un aiuto professionale, ci si può prendere cura di sé per rafforzare il piano di trattamento:

  • Il trattamento. Non saltare le sedute di terapia.
  • Evitare di stare a dieta. Cercando di dieta si possono scatenare più episodi di abbuffate, portando ad un circolo vizioso che è difficile da rompere.
  • Fare colazione. Molte persone con questo disturbo alimentare saltano la colazione. Ma, se si mangia la prima colazione, si può essere meno inclini a mangiare pasti calorici più elevati nel corso della giornata.
  • Non fare scorte. Tenere meno cibo in casa. Questo può significare viaggi più frequenti al negozio di alimentari, ma può anche togliere la tentazione di mangiare troppo.
  •  Nutrienti. Mangiare molto durante le abbuffate non significa che si stanno assumendo alimenti che forniscono tutti i nutrienti essenziali. Parlarec on il medico circa una possibile integrazione di vitamine e minerali.
  • Rimane connessi. Non isolarsi, e cercare sempre di rimanere in contatto con amici o persone
  • Attività fisica. Chiedete al medico che tipo di attività fisica è appropriato soprattutto se si hanno problemi di salute legati al sovrappeso.

Medicina alternativa

Alcune terapie complementari e alternative, come quelle di seguito, possono essere utili per il raggiungimento degli obiettivi fissati dal team di assistenza sanitaria.

  • Massaggi per ridurre l’ansia spesso associata a disturbi del comportamento alimentare.
  • Meditazione, yoga, biofeedback e ipnosi, possono fornire un senso di consapevolezza che può aumentare la conoscenza dei segnali del  corpo e promuovere un senso di benessere e relax.
  • Agopuntura, anche se non scientificamente provato, pare aiuti contro ansia e depressione.

Rischi di erbe e integratori dietetici

integratori alimentari e prodotti erboristici destinati a sopprimere l’appetito o ad aiutare nella perdita di peso possono essere oggetto di abusi da parte di persone con disturbi alimentari. Perdita di peso supplementi o erbe possono avere effetti collaterali gravi e pericolosamente interagire con altri farmaci.

Prevenzione

Anche se non esiste un modo sicuro per prevenire il binge-eating disorder, cercare sempre un aiuto professionale. Il medico è in grado di consigliare dove trovare aiuto.

Referenze

Binge eating disorder. Istituto Nazionale del Diabete e Malattie Digestive e Renali. http://win.niddk.nih.gov/publications/binge.htm. Consultato il 31 Gennaio 2012.
Appendice B: Criteri set e assi previsti ulteriori studi. In: Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali DSM-IV-TR. 4a ed. Arlington, Virginia: American Psychiatric Association, 2000. http://dsm.psychiatryonline.org/content.aspx?bookid=22 § ionid = 1891981. Consultato il 31 Gennaio 2012.
Sim LA, et al. Identificazione e trattamento dei disturbi alimentari nel setting delle cure primarie. Mayo Clinic Proceedings. 2010; 85:746.
Herpertz S, et al. La diagnosi e il trattamento dei disturbi alimentari. Deutsches Ärzteblatt internazionale. 2011; 108:678.
Hay PJ, et al. Psicofarmacologia clinica dei disturbi alimentari: un aggiornamento della ricerca. International Journal of Neuropsychopharmacology. 2011; In corso di stampa. Consultato il 2 feb 2012.
Breuner CC. Complementare, olistica e medicina integrativa: Disturbi del comportamento alimentare. Pediatrics in Review. 2010; 31: C75.
Carei TR, et al. Studio clinico controllato randomizzato di yoga nel trattamento dei disturbi alimentari. Journal of Adolescent Health. 2010; 46:346.
Forman SF. Disturbi alimentari: caratteristiche Epidemiologia, patogenesi e clinica. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 26 gennaio 2012.
Carrard I, et al. L’accettazione e l’efficacia di una visita guidata a Internet di auto-aiuto programma di trattamento per i pazienti obesi con disturbo da alimentazione incontrollata. Pratica Clinica e Epidemiologia in Salute Mentale. 2011; 07:08.
Hudson JI, et al. La prevalenza ed i correlati dei disturbi alimentari nella replica Nazionale Survey comorbidità. Biological Psychiatry. 2007; 61:348.
Mazzeo SE, et al. Fattori di rischio ambientali e genetici per disturbi del comportamento alimentare: cosa il medico ha bisogno di sapere. Bambini e adolescenti cliniche psichiatriche del Nord America. 2009; 18:67.

Link sponsorizzati