Disturbo ossessivo-compulsivo : sintomi, cause, diagnosi e trattamenti


Il disturbo ossessivo-compulsivo è un disturbo d’ansia caratterizzato da pensieri e paure irragionevoli (ossessioni) che portano a comportamenti ripetitivi (compulsioni). Con il disturbo ossessivo-compulsivo, si può capire che le ossessioni non sono ragionevoli, e si può tentare di ignorarle o di fermarle. Ma in realtà aumenta solo il disagio e l’ansia. In definitiva, ci si sente spinti a compiere atti compulsivi, nel tentativo di facilitare i sentimenti stressanti.

Link sponsorizzati

Il disturbo ossessivo compulsivo spesso si concentra su temi come la paura di essere contaminati da germi. Per vivere con le sue paure di contaminazione, il paziente può compulsivamente lavarsi le mani fino a quando sono irritate e screpolate. Nonostante gli sforzi, i pensieri di comportamento ossessivo-compulsivo continuano a tornare. Questo porta ad un comportamento che comporta rituali, un circolo vizioso che è caratteristica del disturbo ossessivo-compulsivo.

Sintomi

I sintomi comprendono sia ossessioni che compulsioni.

Sintomi ossessivi

Le ossessioni si ripetono in pensieri, immagini o impulsi che involontariamente arrivano e che sembrano non avere alcun senso. Queste ossessioni tipicamente si intromettono quando si sta cercando di pensare o di fare altre cose.

Le ossessioni hanno spesso temi comuni, come ad esempio:

  • La paura di contaminazione o sporcizia
  • Avere le cose ordinate e simmetriche
  • Impulsi aggressivi o terribili
  • Immagini o pensieri sessuali

I sintomi ossessivi possono portare a:

  • La paura di essere contaminati dallo stringere la mano o toccare oggetti
  • Dubbi sull’aver chiuso la porta o spento la luce
  • La paura di aver fatto male a qualcuno guidando
  • Stress intenso quando gli oggetti non sono ordinati
  • Immaginare di fare del male al proprio bambino
  • Gridare oscenità in situazioni inappropriate
  • Evitare situazioni che possono scatenare ossessioni
  • Dermatite a causa del lavaggio delle mani frequente
  • Lesioni cutanee
  • La perdita dei capelli a causa del continuo strapparsi i capelli

Disturbo ossessivo-compulsivoimmagine.jpg

Sintomi Compulsivi

Le compulsioni sono comportamenti ripetitivi che ci si sente spinti a eseguire. Questi comportamenti ripetitivi sono destinati a prevenire o ridurre l’ansia in relazione alle ossessioni. Ad esempio, se si pensa di aver urtato una macchina parcheggiata si può tornare più e più volte per verificare che non ci siano danni. Si possono anche eseguire rituali che aiutano a controllare l’ansia.

Come nel caso delle ossessioni, le compulsioni hanno tipicamente temi, quali:

  • Lavaggio e pulizia
  • Conteggio
  • Verifica che le cose siano a posto
  • Rassicurazioni esigenti
  • Eseguire la stessa azione più volte ( anche molte volte)
  • Ordine

I comportamenti compulsivi posso portare a:

  • Lavaggio delle mani fino a quando la pelle diventa rossa
  • Controllare le porte più volte per accertarsi che siano chiuse
  • Controllare la stufa più volte per assicurarsi che sia spenta
  • Contare le cose più e più volte
  • Organizzare i cibi in scatola sempre nello stesso identico modo

I sintomi di solito iniziano gradualmente e tendono a variare in gravità per tutta la vita. I sintomi di solito peggiorano nei periodi di stress. Il disturbo ossessivo-compulsivo è considerato una malattia permanente.

Quando consultare un medico?

C’è una differenza tra l’essere un perfezionista e una persona con il disturbo ossessivo-compulsivo.
Il disturbo ossessivo-compulsivo può essere così grave da diventare letteralmente invalidante. La maggior parte degli adulti è in grado di riconoscere che le loro ossessioni e compulsioni non hanno senso. I bambini, tuttavia, non capiscono cosa non va.

Se le ossessioni e compulsioni creano  problemi che interferiscono con la vita quotidiana, consultare il medico o il fornitore di salute mentale. Le persone con disturbo ossessivo compulsivo spesso si vergognano della loro condizione. Il trattamento può aiutare.

Cause

La causa del disturbo ossessivo-compulsivo non è completamente conosciuta. Le teorie principali includono:

  • Biologia. Il Disturbo ossessivo-compulsivo può essere il risultato di cambiamenti nella chimica propria naturale del corpo o delle funzioni cerebrali. Il disturbo ossessivo-compulsivo può anche avere una componente genetica, ma i geni specifici devono ancora essere identificati.
  • Ambiente. Il disturbo ossessivo-compulsivo può derivare da comportamenti legati ad abitudini imparate nel corso del tempo.
  • Serotonina insufficiente. Un insufficiente livello di serotonina, può contribuire al disturbo ossessivo-compulsivo. Inoltre, le persone con disturbo ossessivo-compulsivo che assumono farmaci che migliorano l’azione della serotonina hanno spesso sintomi meno evidenti.

Fattori di rischio

I fattori che possono aumentare il rischio di sviluppare o di innescare il disturbo ossessivo compulsivo includono:

Storia familiare. Avere genitori o altri membri della famiglia con la malattia può aumentare il rischio di sviluppare il disturbo ossessivo compulsivo.
Eventi di vita stressanti. Se si tende a reagire con forza allo stress, il rischio può aumentare. Questa reazione può, per qualche ragione, scatenare pensieri intrusivi, rituali e disagio emotivo del disturbo ossessivo-compulsivo.

Complicazioni

Complicazioni che il disturbo ossessivo-compulsivo può causare sono:

  • Pensieri e comportamenti autolesivi
  • Abuso di sostanze o alcol
  • Altri disturbi d’ansia
  • Depressione
  • Disturbi alimentari
  • Dermatite da contatto a causa del lavarsi le mani frequentemente
  • Incapacità di frequentare scuola o il lavoro
  • Relazioni problematiche
  • Scarsa qualità della vita

Diagnosi

Se il medico crede che si possa avere il disturbo ossessivo compulsivo, eseguirà una serie di test medici e psicologici. Questi possono contribuire a formulare una diagnosi, escludere altri problemi che potrebbero causare i sintomi e controllare eventuali complicanze correlate.

Questi esami generalmente includono:

  • Esame fisico. Ciò può includere l’altezza e il peso; controllo dei segni vitali, quali la frequenza cardiaca, pressione arteriosa e la temperatura, ascoltare cuore e polmoni, ed esaminare l’addome.
  • Gli esami di laboratorio. Questi possono includere un esame emocromocitometrico completo (CBC), lo screening per l’alcool e le droghe, e un controllo della funzione tiroidea.
  • Valutazione psicologica. Un medico o un fornitore di salute mentale indagherà su pensieri, sentimenti e comportamenti.

Criteri diagnostici per il disturbo ossessivo-compulsivo

Affinchè venga diagnosticato il disturbo ossessivo compulsivo, è necessario soddisfare i criteri enunciati nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, quarta edizione (DSM-IV). Questo manuale è pubblicato dalla American Psychiatric Association ed è utilizzato per diagnosticare le malattie mentali.

Per una diagnosi di Disturbo ossessivo-compulsivo, è innanzitutto necessario soddisfare i seguenti criteri generali:

  • È necessario disporre di ossessioni o compulsioni.
  • Ci si deve rendere conto che le ossessioni e compulsioni sono eccessive o irragionevoli.
  • Ossessioni e compulsioni interferiscono significativamente con la routine quotidiana.

Le ossessioni devono soddisfare i seguenti criteri specifici:

  • Pensieri ricorrenti e persistenti, impulsi o immagini che causano angoscia.
  • I pensieri non sono semplicemente preoccupazioni eccessive riguardanti problemi reali della vita.
  • Si tenta di ignorare o sopprimere tali pensieri, immagini o impulsi.
  • Si sa che questi pensieri, e  impulsi sono un prodotto della mente.

Le compulsioni deve soddisfare i seguenti criteri specifici:

Comportamento ripetitivo che ci si sente spinti a eseguire, ad esempio lavarsi le mani, o commettere ripetitivi atti mentali, come contare in silenzio ( in alcuni casi, si tocca un oggetto più volte a mode rituale).
Questi comportamenti o azioni mentali sono destinati a prevenire o ridurre l’ansia di ossessioni irrealistiche.

Sfida diagnostica

A volte è difficile diagnosticare il disturbo ossessivo-compulsivo, perché i sintomi possono essere simili a quelli del disturbo d’ansia generalizzata, depressione, schizofrenia o altre malattie mentali.

Disturbo ossessivo-compulsivo.jpg

Trattamenti e cure

Il trattamento del disturbo ossessivo compulsivo può essere difficile, e il trattamento non può tradursi in una cura. Potrebbe essere necessario un trattamento per il resto della vita. Tuttavia, il trattamento può contribuire a tenere i sintomi sotto controllo.

Principali trattamenti

Le due principali forme di trattamento per il disturbo ossessivo-compulsivo sono:

  • Psicoterapia
  • Farmaci

Qual è l’opzione migliore dipende dalla situazione personale e le preferenze. Spesso, il trattamento è più efficace con una combinazione di farmaci e psicoterapia.

Psicoterapia per il disturbo ossessivo-compulsivo

Un tipo di terapia chiamata terapia cognitivo-comportamentale può essere efficace. La terapia cognitivo-comportamentale prevede la riqualificazione dei modelli di pensiero e di routine in modo che i comportamenti compulsivi non siano più necessari.

Un approccio, in particolare, si chiama esposizione e prevenzione della risposta. Questa terapia prevede gradualmente l’esposizione a un oggetto temuto o una ossessione, come lo sporco, e l’insegnamento di modi sani per affrontare con l’ansia. Imparare tecniche e nuovi modelli di pensiero richiede sforzo e pratica.

La terapia può avvenire in sedute individuali, familiari o di gruppo.

I farmaci per il disturbo ossessivo-compulsivo

Alcuni farmaci psichiatrici possono aiutare a controllare le ossessioni e le compulsioni. Gli antidepressivi possono essere utili perché possono contribuire ad aumentare i livelli di serotonina, che può essere assente quando si dispone di disturbo ossessivo-compulsivo.

Gli antidepressivi che sono stati specificamente approvati per il trattamento del disturbo ossessivo compulsivo comprendono:

  • Clomipramina (Anafranil)
  • Fluvoxamina (Luvox)
  • Fluoxetina (Prozac)
  • Paroxetina (Paxil, Pexeva)
  • Sertralina (Zoloft)

Tuttavia, molti altri antidepressivi e altri farmaci psichiatrici sul mercato possono essere usati.

Scelta del farmaco

In generale, l’obiettivo del trattamento con farmaci è quello di controllare efficacemente segni e sintomi alla dose più bassa possibile. Quale farmaco è migliore dipende dalla situazione individuale. Trovare il farmaco giusto può richiedere settimane o mesi prima di notare un miglioramento dei sintomi.

Con il disturbo ossessivo-compulsivo, non è raro provare diversi farmaci prima di trovarne uno che funzioni bene. Il medico potrebbe consigliare farmaci come gli antidepressivi e farmaci antipsicotici in combinazione.

Non si deve mai smettere di prendere un farmaco senza aver consultato il medico, anche se ci si sente meglio. Si può avere una ricaduta dei sintomi se si interrompe il trattamento. Inoltre, alcuni farmaci devono essere diminuiti gradualmente, piuttosto che interrotti bruscamente, per evitare i sintomi di astinenza.

Il trattamento può essere continuato per uno o due anni prima che il medico cerchi di ridurre gradualmente il dosaggio. Se i sintomi ritornano su una dose più bassa, potrebbe essere necessario assumere farmaci a tempo indeterminato.

Effetti collaterali dei farmaci e rischi

Tutti i farmaci psichiatrici hanno effetti collaterali, quali mal di stomaco, disturbi del sonno, sudorazione e ridotta attività sessuale. È fondamentale parlare con il medico e discutere tutti i possibili effetti collateralidurante l’assunzione di farmaci psichiatrici, in particolare sui farmaci antipsicotici.

Alcuni farmaci possono avere interazioni pericolose con altri farmaci, cibo o altre sostanze.

Altre opzioni di trattamento

A volte, i farmaci e la psicoterapia non sono sufficientemente efficaci nel controllare i sintomi. In rari casi, altre opzioni di trattamento possono comprendere:

  • Ricovero in ospedale psichiatrico
  • Trattamento residenziale
  • Terapia elettroconvulsiva
  • Stimolazione magnetica transcranica
  • Stimolazione cerebrale profonda

Dato che questi trattamenti non sono stati accuratamente testati per l’uso nel disturbo ossessivo-compulsivo, assicurarsi di aver compreso tutti i pro ed i contro per la salute.

Consigli

Il disturbo ossessivo-compulsivo è una condizione cronica, il che significa che può essere sempre parte della vita. Mentre se non si può trattare il disturbo da soli, si possono fare alcune cose per migliorare il piano di trattamento:

  • Prendere i farmaci come indicato. Anche se ci si sente bene, resistere ad ogni tentazione di saltare i farmaci.
  • Prestare attenzione ai segnali di pericolo. Rivolgersi al proprio medico se si notano variazioni nei sintomi o nell’umore.
  • Evitare droghe e alcol.
  • Controllare prima di prendere altri farmaci. Alcuni farmaci possono interagire con quelli prescritti per trattare il disturbo ossessivo compulsivo

Referenze

Disturbo ossessivo-compulsivo. In: Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali DSM-IV-TR. 4a ed. Arlington, Virginia: American Psychiatric Association, 2000. http://www.psychiatryonline.com. Consultato il 4 ott 2010.
Ciechanowski P, et al. Panoramica del disturbo ossessivo-compulsivo. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 29 settembre 2010.
Hewlett WA. Disturbo ossessivo-compulsivo. In: MH Ebert, et al. Diagnosi e trattamento attuale: Psichiatria. 2nd ed. New York, NY: McGraw Hill Companies, Inc., 2008. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=3286970. Consultato il 4 ott 2010.
Pratica guida per il trattamento di pazienti affetti da disturbo ossessivo-compulsivo. Arlington, Virginia: American Psychiatric Association. http://www.psych.org/psych_pract/treatg/pg/prac_guide.cfm. Consultazione del 5 ottobre 2010.
Stein DJ, et al. Disturbo ossessivo-compulsivo: problemi diagnostici e trattamento. Cliniche psichiatriche del Nord America. 2009; 32:665.
Ward SE, et al. Aggiornamento sulla stimolazione cerebrale profonda per i disturbi neuropsichiatrici. Neurobiology of Disease. 2010; 38:346.

Link sponsorizzati