Allergia agli animali domestici :sintomi, cause, diagnosi e cure


L’allergia agli animali domsetici (ad esempio gatto o cane) è una reazione allergica alle proteine ​​che si trovano nelle cellule della pelle, saliva o urina di questi animali. Segni di allergia agli animali domestici sono quelli comuni alla febbre da fieno, come starnuti e naso che cola. Alcune persone possono anche sperimentare segni di asma, e difficoltà respiratorie.

Link sponsorizzati

Molto spesso, l’allergia è innescata dalla esposizione alle scaglie morte della pelle e peli. tutti gli animali con il pelo possono essere una fonte di allergia, ma generalmente questo tipo di allergia è più comunemente associata con cani, gatti, roditori e cavalli.

In opresenza di una allergia ad un animale domestico, la strategia migliore è quella di evitare o ridurre l’esposizione all’allergene il più possibile. Farmaci o altri trattamenti possono essere necessari per alleviare i sintomi e gestire l’asma.

Sintomi

Sintomi di allergia agli animali causata da infiammazione delle vie nasali includono:

  • Starnuti
  • Naso che cola
  • Prurito, occhi rossi o lacrimazione
  • Congestione nasale
  • Prurito al naso, palato o gola
  • Gocciolamento nasale
  • Tosse
  • Pressione del viso e dolore
  • Frequenti risvegli
  • Gonfiore, di colore blu sotto gli occhi

Se l’animale domestico provoca asma, può verificarsi anche:

  • Difficoltà di respirazione
  • Oppressione toracica o dolore
  • Audible fischio o sibilo in fase di espirazione
  • Disturbi del sonno causati da mancanza di respiro, tosse o affanno

Sintomi cutanei

Alcune persone affette da allergia agli animali domestici mostrano anche sintomi cutanei. La dermatite allergica è una reazione del sistema immunitario che provoca l’infiammazione della pelle. Il contatto diretto con un animale domestico che causa allergia può scatenare sintomi da dermatite allergica, che possono comprendere:

  • Macchie rosse della pelle  in rilievo(orticaria)
  • Prurito

Alcuni segni e sintomi di allergia agli animali, come ad esempio un naso che cola e starnuti, sono simili a quelli del raffreddore comune. A volte è difficile sapere se si ha un raffreddore o un’allergia. Se i sintomi persistono per più di una settimana, potrebbe essere un’allergia.

Se i segni ed i sintomi sono gravi chiamare il medico. Cercare cure di emergenza, se si presentano affanno o mancanza di respiro.

allergia agli animali domestici.jpg

Cause

Le allergie si verificano quando il sistema immunitario reagisce ad una sostanza estranea come il polline, veleno d’api o peli di animali domestici.

Il sistema immunitario produce proteine ​​note come anticorpi. Questi anticorpi proteggono dagli invasori indesiderati che potrebbero causare una malattia o un’infezione. Nelle allergie, il sistema immunitario produce anticorpi che identificano l’allergene particolare come qualcosa di dannoso, anche se non lo è. Quando si entra in contatto con l’allergene, il sistema immunitario reagisce e produce una risposta infiammatoria nei passaggi nasali o polmoni. L’esposizione prolungata o regolare ad unallergene può causare una infiammazione cronica associata all’asma.

Cani e gatti

Allergeni di cani e gatti si trovano nelle cellule della pelle degli animali, nella saliva e peli.

La saliva può aderire ai tappeti, biancheria, mobili e abbigliamento. La saliva secca può disperdersi nell’aria.

Roditori e conigli

Animali roditori includono topi, gerbilli, criceti e porcellini d’India. Allergeni da roditori sono solitamente presenti nei capelli, peli, saliva e urine. La polvere della lettiera o segatura sul fondo delle gabbie può contribuire a creare allergeni presenti nell’aria da roditori.

Gli allergeni del coniglio sono presenti in peli, capelli e saliva.

Altri animali

L’allergia agli animali è raramente causati da animali che non hanno pelliccia.

Fattori di rischio

Le allergie agli animali domestici sono comuni. Tuttavia, è molto più probabile sviluppare un’allergia, se altri membri della famiglia hanno allergie o asma.

Essere esposti agli animali domestici in età precoce può avere un impatto sul rischio di allergie. Alcuni studi hanno dimostrato che i bambini che vivono con un cane o un gatto nel primo anno di vita possono avere un minor rischio di allergie legate agli animali, rispetto a quelli che non hanno un animale domestico a quell’età.

Complicazioni

Sinusite

Una infiammazione cronica dei tessuti nei passaggi nasali causata da un’allergia ad un animale domestico può ostacolare i seni paranasali, che sono le cavità cavi collegate ai passaggi nasali. Tali ostacoli possono rendere più probabile sviluppare infezioni batteriche come la sinusite.

Asma

Le persone con asma e allergie agli animali spesso hanno difficoltà a gestire i sintomi dell’asma. Essi possono essere a rischio di attacchi di asma che richiedono un immediato trattamento medico o il pronto soccorso.

Diagnosi

Il medico può sospettare un’allergia agli animali sulla base di sintomi, l’esame del naso e l’anamnesi. Può anche utilizzare uno strumento illuminato per guardare le condizioni della mucosa del naso. Se si ha una allergia, il rivestimento del passaggio nasale può essere gonfio o apparire pallido o bluastro.

Il medico può sospettare un’allergia ad un animale domestico, in base alle osservazioni. Ad esempio, si può avere un’allergia se i sintomi sono peggiori quando si è a contatto diretto con l’animale domestico o quando il cane dorme in camera da letto o sul letto.

Test cutaneo

Il medico può suggerire un test cutaneo  per determinare esattamente a che cosa si è allergici. Si può fare riferimento ad uno specialista allergologo per questo test.

In questa prova, piccole gocce di estratti di allergeni purificati, compresi gli estratti con le proteine ​​animali sono applicati sulla superficie della pelle. Questo viene di solito effettuato sull’avambraccio, ma può essere effettuata sulla parte superiore della schiena.

Le gocce sono lasciate sulla pelle per 15 minuti. Se si è allergico ai gatti, per esempio, si sviluppa prurito o gonfiore dove è stato applicato l’estratto dell’allergene di gatto nella  pelle. Gli effetti indesiderati più comuni di questi test cutanei sono prurito e arrossamento. Questi effetti collaterali di solito scompaiono entro 30 minuti.

Analisi del sangue

In alternativa, il medico può ordinare un esame del sangue per verificare la presenza di specifici anticorpi che causano allergie a diversi allergeni comuni, tra cui vari animali. Questo test può anche indicare il grado di sensibilità ad un allergene.

Trattamenti e cure

La prima linea di trattamento per controllare l’allergia ad un animale domestico è quella di evitare per quanto possibile l’allergene. Quando si minimizza l’esposizione agli allergeni animali, le reazioni allergiche sono spesso meno gravi e meno frequenti. Tuttavia, è spesso difficile o impossibile eliminare completamente l’esposizione agli allergeni degli animali. Anche se non si possiede un animale domestico, è possibile sviluppare allergie tramite gli abiti di altre persone in contatto con animali domestici.

Oltre ad evitare gli allergeni animali, potrebbero essere necessari farmaci per controllare i sintomi.

Farmaci

Il medico può prescrivere uno dei seguenti farmaci per migliorare i sintomi della allergia nasale:

  • Antistaminici per ridurre la produzione di un prodotto chimico del sistema immunitario che è attivo in una reazione allergica. Questi farmaci alleviano il prurito, starnuti e naso che cola. Compresse di antistaminici da prescrizione comprendono fexofenadina (Allegra) e desloratadina (Clarinex). Azelastine (Astelin, Astepro) e olopatadina (Patanase). Altre compresse di antistaminici (Claritin, Zyrtec, altri), così come sciroppi antistaminici per i bambini, sono anche disponibili.
  • I corticosteroidi sotto forma di spray nasale possono ridurre i sintomi dell’infiammazione e controllare il raffreddore da fieno. Questi farmaci comprendono fluticasone (Flonase), mometasone furoato (Nasonex), triamcinolone (Nasacort) e ciclesonide (Omnaris). Corticosteroidi per via nasale hanno un rischio molto più basso di effetti collaterali rispetto ai corticosteroidi per via orale.
  • Decongestionanti possono aiutare a ridurre i tessuti gonfi nei passaggi nasali e rendere più facile respirare attraverso il naso. Alcuni farmaci combinano un antistaminico con un decongestionante. Decongestionanti orali possono aumentare la pressione sanguigna e non devono essere assunti in presenza di ipertensione o malattie cardiovascolari. Negli uomini con ingrossamento della prostata, il farmaco può peggiorare la condizione.

È bene ricordare che se si utilizza uno spray decongestionante per più di tre giorni di fila, può contribuire peggiorare la condizione.

  • Sodio cromoglicato che previene il rilascio di una sostanza chimica del sistema immunitario e può ridurre i sintomi. È necessario utilizzare questo spray nasale più volte al giorno, ed è più efficace se usato prima che i segni ed i sintomi si sviluppino. Il sodio cromoglicato non ha gravi effetti collaterali.
  • Modificatori dei leucotrieni. Il medico può prescrivere questo farmaco come il Montelukast (Singulair), se non si possono tollerare corticosteroidi spray nasali o uno spray nasale antistaminico. Possibili effetti collaterali includono mal di testa. Effetti collaterali meno comuni includono dolore addominale, tosse, mal di denti e vertigini.

Altri trattamenti

L’immunoterapia. L’immunoterapia è usata solitamente quando altri trattamenti semplici, non sono soddisfacenti.
Lavaggio nasale con acqua salata (soluzione salina. Il medico può suggerire una soluzione salina per contribuire a diminuire la congestione, starnuti e gocciolamento nasale.

Consigli

Evitare l’esposizione agli animali domestici è il miglior rimedio per ridurre l’allergia. Tuttavia per molte persone questa non è una buona opzione, perché sono spesso molto attaccati ai loro animali domestici.

I passaggi seguenti possono aiutare ad abbassare i livelli di allergeni animali domestici in  casa :

  • Pulire bene. Questo comnprende un lavaggio accurato dei soffitti e pareti.
  • Sostituire o spostare i mobili imbottiti. Sostituire mobili imbottiti, se possibile. Spostare mobili imbottiti fuori dalla camera da letto è un’altra buona opzione.
  • Sostituire la moquette. Se possibile, evitare la moquette in camera da letto.
  • Sostituire la biancheria del letto. Cambiare spesso la biancheria e utilizare materassi cuscini di buona qualità ipoallergenici.
  • Utilizzare filtri ad alta efficienza. I filtri per i condotti dell’aria possono intrappolare gli allergeni nell’aria, e ridurne la quantità. I depuratori d’aria possono anche ridurre gli allergeni animali presenti nell’aria.
  • Stabilire una zone dove l’animale non possa entrare. Serve a ridurre i livelli di allergeni in quelle stanze.
  • Lavare il cane o spazzolare il gatto.
  • Mantenete l’animale domestico fuori. Se l’animale domestico può vivere comodamente all’esterno, è possibile ridurre la quantità di allergeni con solo questo piccolo accorgimento. Questa opzione non è appropriata per molti animali domestici o in climi freddi.

Referenze »

Platts-Mills, TAE. Allergeni indoor. In: Adkinson NF, et al. Allergia Middleton: Principi e Pratica. 7 ed. St. Louis, Mo: Mosby, 2008. Consultato il 8 settembre 2010.
Atkins D, et al. La diagnosi di malattia allergica. In: RM Kliegman, et al. Nelson Textbook of Pediatrics, 18 ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2007. Consultato il 8 settembre 2010.
Balkissoon RC, et al. Malattie delle vie aeree superiori. In: Mason RJ, et al. Textbook Murray & Nadel di Medicina Respiratoria, 5 ª ediz. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2010. Consultato il 8 settembre 2010.
DeShazo RD, et al. La diagnosi di rinite allergica (rinosinusite). http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 8 settembre 2010.
DeShazo RD, et al. Le manifestazioni cliniche ed epidemiologia della rinite allergica (rinosinusite). http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 8 settembre 2010.
DeShazo RD, et al. Terapia farmacologica della rinite allergica. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 8 settembre 2010.
Gestione dei colpevoli allergeni indoor. American Academy of Allergy, Asthma & Immunology. http://www.aaaai.org/patients/elements/2009/12/1209_elements.pdf. Consultato il 8 settembre 2010.
Combattere le allergie da compagnia. American Academy of Allergy, Asthma & Immunology. http://www.aaaai.org/patients/just4kids/pet_allergies.asp~~V. Consultato il 8 settembre 2010.
BJ Ferguson. Controlli ambientali di allergie. Cliniche Otolaryngologic del Nord America. 2008; 41:411.
Suggerimenti da ricordare: test allergologici. American Academy of Allergy, Asthma & Immunology. http://www.aaaai.org/patients/publicedmat/tips/whatisallergytesting.stm. Consultato il 8 settembre 2010.
Suggerimenti da ricordare: colpi di allergia. American Academy of Allergy, Asthma & Immunology. http://www.aaaai.org/patients/publicedmat/tips/whatareallergyshots.stm. Consultato il 8 settembre 2010.
Wegienka GR, et al. Proprietà Pet è un bene per l’anima, ma è un bene per il sistema immunitario? American Academy of Allergy, Asthma & Immunology. http://www.aaaai.org/patients/jaci/content.asp?contentid=9995. Consultato il 8 settembre 2010.
Allergia Pet. American College of Allergy, Asthma & Immunology. http://www.acaai.org/patients/resources/allergies/Pages/pet-allergy.aspx. Consultato il 8 settembre 2010.
Allergie da compagnia. Asma e Allergy Foundation of America. http://www.aafa.org/display.cfm?id=8&sub=16&cont=63. Consultato il 15 settembre 2010.

Link sponsorizzati