Tumore del testicolo : sintomi, cause, diagnosi e cure


Il tumore testicolare si verifica nei testicoli, che producono gli ormoni sessuali maschili e lo sperma per la riproduzione.

Link sponsorizzati

Rispetto ad altri tipi di cancro, il cancro del testicolo è raro. Ma il cancro del testicolo è il tumore più comune nei maschi di età compresa tra i 15 e 34 anni.

Il cancro del testicolo è altamente curabile, anche quando il cancro si è diffuso al di là del testicolo. A seconda del tipo e fase del tumore testicolare, si decidono i trattamenti. Un regolare esame di auto-palpazione può aiutare a identificare il tumore, quando la possibilità di successo del trattamento del cancro del testicolo è ancora più alta.

Sintomi

Segni e sintomi di cancro testicolare sono:

  • Un grumo o ampliamento in entrambi i testicoli
  • Una sensazione di pesantezza nello scroto
  • Un dolore sordo nell’addome o nell’inguine
  • Una raccolta di liquido improvvisa nello scroto
  • Dolore o fastidio in un testicolo o nello scroto
  • Il cancro colpisce di solito solo un testicolo.

Consultare il medico se si rilevano il dolore, gonfiore o noduli nei testicoli o nell’inguine, soprattutto se questi segni e sintomi durano più di due settimane.

Cause

Non è chiaro cosa provochi il cancro ai testicoli. I medici sanno che il cancro testicolare si verifica quando le cellule sane in un testicolo si alterano. Le cellule sane crescono e si dividono in modo ordinato per mantenere il funzionamento del corpo. Ma a volte le cellule sviluppano alcune anomalie, che provocano una crescita cellulare fuori controllo, sacatenando quindi una situazione in cui le cellule continuano a dividersi, anche se nuove cellule non sono necessarie. Le cellule quindi si accumulano a formano una massa nel testicolo.

Quasi tutti i tumori del testicolo iniziano nelle cellule germinali, che sono le cellule nei testicoli che producono spermatozoi immaturi. Quali sono le cause che creano anomalie delle cellule germinali non è noto.

Fattori di rischio

I fattori che possono aumentare il rischio di tumore del testicolo sono:

  • Un testicolo ritenuti (criptorchidismo). La formazione dei testicoli avviene nella zona addominale durante lo sviluppo fetale e di solito scendono nello scroto prima della nascita. Gli uomini che hanno un testicolo che non è mai disceso sono a maggior rischio di cancro ai testicoli. Il rischio rimane anche se il testicolo è stato chirurgicamente trasferito allo scroto. Eppure, la maggioranza degli uomini che sviluppano il cancro ai testicoli non hanno una storia di testicoli ritenuti.
  • Lo sviluppo di testicoli anormali. Le condizioni che causano uno sviluppo anormale, come la sindrome di Klinefelter, possono aumentare il rischio di cancro ai testicoli.
  • Storia di cancro in famiglia. Se i membri della famiglia hanno avuto il cancro ai testicoli, potrebbe esserci un aumento del rischio.
  • Età. Il cancro del testicolo colpisce adolescenti e giovani uomini, in particolare quelli tra i 15 e 34. Tuttavia, può verificarsi a qualsiasi età.

anatomia della rete testis.gif

Diagnosi

La maggior parte degli uomini scoprono il cancro ai testicoli da soli o involontariamente. In altri casi, il medico può rilevare un nodulo durante un esame di routine.

Per determinare se un nodulo è il cancro ai testicoli, il medico può raccomandare:

  • Ecografia. Un esame ecografico testicolare utilizza onde sonore per creare un’immagine dello scroto e testicoli. Durante l’ecografia il medico applica un gel trasparente allo scroto. Una sonda manuale viene spostata sopra lo scroto per rendere effettuare le immagini ecografiche

Un esame ecografico può aiutare il medico a determinare la natura di eventuali noduli testicolari,  se i grumi sono solidi o fluidi. L’ecografia mostra al medico se i grumi sono all’interno o all’esterno del testicolo. Il medico utilizza queste informazioni per determinare se un nodulo è o non è il cancro ai testicoli.

  • Gli esami del sangue. Il medico può prescrivere esami per determinare i livelli dei marcatori tumorali nel sangue. I marcatori tumorali sono sostanze che si trovano normalmente nel sangue, ma i livelli di queste sostanze possono essere elevati in determinate situazioni, compreso il cancro ai testicoli. Un alto livello di un marcatore tumorale nel sangue non significa necessariamente che vi sia il cancro, ma può aiutare il medico nel determinare la diagnosi.
  • Intervento chirurgico per asportare un testicolo (orchiectomia radicale inguinale). Se è stabilito che il nodulo sul testicolo pouò essere cancerogeno, un intervento chirurgico per rimuovere il testicolo può essere raccomandato. Il testicolo rimosso viene poi analizzato in un laboratorio per determinare se il nodulo è cancerogeno e, in caso affermativo, per determinare il tipo di cancro.

Determinazione del tipo di cancro

Il tipo di tumore del testicolo è il suo stato determina il trattamento e la prognosi. In generale, esistono due tipi di tumore testicolare:

  • Seminoma. I tumori seminomi si verificano a tutte le età, ma se un uomo anziano sviluppa il cancro ai testicoli, è più probabile che sia un seminoma. Il seminoma, in generale, non è aggressivo ed è particolarmente sensibile alla radioterapia.
  • Nonseminoma. I tumorei nonseminomi tendono a svilupparsi presto e a diffondersi rapidamente. Esistono diversi tipi di tumori nonseminomi, compreso il coriocarcinoma, carcinoma embrionale, teratoma e il tumore del sacco vitellino. I tumori nonseminomi sono sensibili alla radioterapia, ma non così sensibili quanto i seminomi. La chemioterapia è spesso molto efficace per i nonseminomi, anche se il cancro si è diffuso.

Talvolta entrambi i tipi di cancro sono presenti in un tumore del testicolo. In tal caso, il cancro è trattato come fosse un nonseminoma.

Stadiazione del cancro

Una volta che il medico conferma la diagnosi, il passo successivo è quello di determinare l’estensione (stadio) del cancro. Per determinare se il cancro si è diffuso al di fuori del tuo testicolo, si può eseguire:

  • Tomografia computerizzata (CT). La tomografia computerizzata, permette di scattare una serie di immagini a raggi X dell’addome. Il medico utilizza questo esame per cercare i segni del cancro nei linfonodi addominali.
  • Esami del sangue. Gli esami del sangue per cercare elevati markers tumorali possono aiutare il medico a capire se il cancro è ancora nel vostro corpo dopo che il testicolo è stato rimosso.
  • Dopo questi esami, lo stadio aiuta a determinare quali siano le terapie migliori.

Le fasi del cancro ai testicoli sono:

  • Fase I. Il cancro è limitato al testicolo.
  • Fase II. Il tumore si è diffuso ai linfonodi dell’addome.
  • Fase III. Il tumore si è diffuso ad altre parti del corpo. Il cancro del testicolo più comunemente si diffonde alle fegato, polmoni, ossa e cervello.

Trattamenti e cure

Le opzioni per trattare il cancro ai testicoli dipendono da vari fattori, tra cui il tipo e lo stadio del tumore, la salute generale, e le proprie preferenze. Le opzioni di trattamento possono comprendere:

Chirurgia

Un intervento chirurgico per rimuovere il testicolo (orchiectomia radicale inguinale) è il trattamento primario per quasi tutte le fasi e tipi di cancro ai testicoli. Per rimuovere il testicolo, il chirurgo pratica un’incisione nell’inguine ed estrae il testicolo intero attraverso l’apertura. Una protesi, può sostituire il testicolo tolto. Tutte le procedure chirurgiche comportano un rischio di dolore, sanguinamento e infezioni. L’intervento viene eseguito in anestesia generale

Si può anche effettuare un intervento chirurgico per rimuovere i linfonodi dell’inguine (dissezione linfonodale retroperitoneale). A volte questo viene fatto mentre si rimuove il testicolo. In altri casi può essere fatto successivamente. I linfonodi vengono rimossi attraverso una grande incisione nell’addome. Il chirurgo opera con moolta cura per evitare di spezzare i nervi che circondano i linfonodi, ma in alcuni casi recidere i nervi può essere inevitabile.

In caso di stadio precoce del tumore del testicolo, la chirurgia può essere l’unico trattamento necessario. Il medico darà indicazioni su quanto effettuare appuntamenti di follow-up. Questi appuntamenti, sono molto frequenti all’inizio, e comprendono esami del sangue, TAC, o altri controlli di vario tipo. Se il cancro ai testicoli è avanzato, il medico può raccomandare altri trattamenti dopo l’intervento chirurgico.

Radioterapia

La radioterapia è un’opzione di trattamento che viene spesso utilizzata in persone che hanno il cancro ai testicoli di tipo seminoma. La radioterapia viene utilizzata anche in certe situazioni in persone che hanno il tipo nonseminoma di cancro ai testicoli. La radioterapia utilizza potenti raggi di energia, come ad esempio i raggi X, per distruggere le cellule tumorali. Gli effetti collaterali possono includere affaticamento, così come arrossamento della pelle e irritazione nella parete addominale e aree inguinali.

Chemioterapia

La chemioterapia utilizza farmaci per distruggere le cellule tumorali. I farmaci chemioterapici viaggiano in tutto il corpo per uccidere le cellule tumorali che possono essere migrate dal tumore originale. Il medico potrebbe raccomandare la chemioterapia dopo l’intervento chirurgico. La chemioterapia può essere usata prima o dopo la rimozione dei linfonodi. Gli effetti collaterali della chemioterapia dipendono dai farmaci utilizzati. Gli effetti indesiderati più comuni comprendono affaticamento, nausea, perdita di capelli, sterilità e un aumento del rischio di infezione. Ci sono farmaci e trattamenti disponibili che ridurre alcuni degli effetti collaterali della chemioterapia.

Prevenzione

Non esiste modo per prevenire il cancro ai testicoli. Alcuni medici consigliano di eseguire l’autopalpazione per individuare il tumore del testicolo nella sua fase più precoce. Non tutti i medici sono d’accordo con questo metodo, quindi è consigliabile discutere con il proprio medico sul cosa fare.

Se si sceglie di fare un auto-esame del testicolo, un buon momento per esaminare i testicoli è dopo un bagno caldo o una doccia. Il calore dell’acqua rilassa la scroto, rendendo più facile trovare qualcosa di insolito.

Per fare questo esame, attenersi alla seguente procedura:

  • Mettersi davanti a uno specchio. Cercare eventuali gonfiori sulla pelle dello scroto.
  • Esaminare ogni testicolo con entrambe le mani. Posizionare l’indice e il medio sotto il testicolo pur ponendo i pollici sulla parte superiore.
  • Arrotolare delicatamente il testicolo tra i pollici e le dita. Ricordate che i testicoli sono di solito lisci, di forma ovale e abbastanza fermi. E’normale che un testicolo possa essere leggermente più grande dell’altro. Inoltre, il cavo che conduce verso l’alto dalla parte superiore del testicolo (epididimo) è una parte normale del scroto. Se si esegue regolarmente questo esame, si può diventare più familiare con l’aspetto dei testicoli e quindi notare eventuali cambiamenti che potrebbero destare preoccupazione.
  • Se si trova un nodulo, prendere un appuntamento con il medico.

Referenze »

Ryan CJ, et al. Cancro ai testicoli. In: Abeloff MD, et al. Clinical Oncology di Abeloff. 4a ed. Philadelphia, Pa.: Churchill Livingstone; 2008:1713.
Cancro ai testicoli. Fort Washington, Pennsylvania: National Comprehensive Cancer Network. http://www.nccn.org/professionals/physician_gls/f_guidelines.asp~~V. Consultato il 22 agosto 2011.
Richie JP, et al. Neoplasie del testicolo. In: Wein AJ, et al. Campbell-Walsh Urology. 9a ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2007. http://www.mdconsult.com/das/book/body/208746819-6/0/1445/0.html. Consultato il 22 agosto 2011.
Autopalpazione testicolare (TSE). American Urological Association Foundation. http://www.urologyhealth.org/urology/index.cfm?article=101. Consultato il 22 agosto 2011.
Ilic D, et al. Screening per il cancro ai testicoli. Cochrane Database of Systematic Reviews. 2011; CD007853. http://www2.cochrane.org/reviews. Consultato il 22 agosto 2011.

 

Link sponsorizzati