Sindrome alcolica fetale : sintomi, cause, rischi e prevenzione


La sindrome alcolica fetale (FAS) è una condizione che deriva dalla esposizione all’alcol durante la gravidanza. Problemi che possono essere causati dalla sindrome alcolica fetale comprendono deformità fisiche, ritardo mentale, disturbi dell’apprendimento, disturbi visivi e problemi comportamentali.

Link sponsorizzati

I problemi causati dalla sindrome alcolica fetale variano da bambino a bambino, ma i difetti causati sono irreversibili.

Non esiste una quantità di alcol sicura da consumare durante la gravidanza. Se si beve durante la gravidanza, si mette il bambino a rischio di sindrome alcolica fetale.

La diagnosi precoce può ridurre il rischio di problemi, tra cui difficoltà di apprendimento e abuso di sostanze.

Sintomi

La sindrome alcolica fetale non è un problema singolo. Collettivamente, la gamma di disturbi è conosciuta come spettro dei disordini feto-alcolici (Fasd).

La sindrome alcolica fetale è una comune causa di ritardo mentale evitabile. La gravità dei problemi mentali varia da soggetto a soggetto.

Segni di sindrome alcolica fetale possono includere:

  • Distintivi tratti del viso, tra cui occhi piccoli, un labbro superiore sottile, naso all’insù, e una superficie di pelle liscia tra il naso e il labbro superiore
  • Deformità delle articolazioni, degli arti e dita
  • Lenta crescita fisica prima e dopo la nascita
  • Disturbi visivi e problemi auditivi
  • Circonferenza cranica piccola e microcefalia
  • Scarso coordinamento
  • Ritardo mentale e ritardo nello sviluppo
  • Disturbi di apprendimento
  • Comportamenti anomali, come scarsa attenzione, iperattività, scarso controllo degli impulsi, estremo nervosismo e ansia
  • Difetti cardiaci

Distinguere le caratteristiche facciali normali da quelle della sindrome alcolica fetale richiede esperienza.

I medici possono usare altri termini per descrivere alcuni dei segni di sindrome alcolica fetale.

sindrome alcolica fetale.jpg

Cause

Quando si è incinta e si consumano  bevande alcoliche, queste entrano nel flusso sanguigno e raggiungono il feto attraversando la placenta. Poiché un feto metabolizza l’alcol più lentamente di quanto faccia un adulto, le concentrazioni di alcol del bambino sono più alte di quelle nel corpo della madre. L’alcol interferisce anche con la distribuzione di ossigeno e una nutrizione ottimale per i tessuti in via di sviluppo del bambino cervello compreso.

Quanto più si beve durante la gravidanza, maggiore è il rischio per il feto. Il rischio è presente in qualsiasi momento durante la gravidanza. Tuttavia, una alterazione dei lineamenti del viso, del cuore e altri organi, comprese le ossa, può verificarsi come conseguenza del consumo di alcool durante il primo trimestre. È proprio durante il primo trimestre che queste parti del feto sono in fasi salienti dello sviluppo. Il problema però è che nelle prime settimane del primo trimestre, molte donne spesso non sono a conoscenza di essere incinta.

Fattori di rischio

Non esiste una misura sicura su quanto alcol si possa bere durante la gravdanza, l’unica certezza che esiste è che più si beve e più aumenta il rischio. Poiché non esiste una quantità nota di sicurezza del consumo di alcol durante la gravidanza, è bene non bere alcol durante la gravidanza.

Diagnosi

Anche se i medici non possono diagnosticare la sindrome alcolica fetale prima che un bambino sia nato, si può valutare la salute della madre e del bambino durante la gravidanza. Se si riporta la tempistica e la quantità di consumo di alcol, l’ostetrica o il medico possono aiutare a determinare il rischio di sindrome alcolica fetale.

Per fare una diagnosi, i medici valuteranno:

  • Crescita
  • I tratti del viso
  • Salute del cuore
  • Udito
  • Visione
  • Capacità cognitiva
  • Sviluppo del linguaggio
  • Abilità motorie
  • Comportamento

Trattamenti e cure

Non esiste cura o trattamento specifico per la sindrome feto-alcolica. I difetti fisici e le deficienze mentali tipicamente persistono per tutta la vita. Anomalie cardiache possono richiedere un intervento chirurgico. Problemi di apprendimento possono essere aiutati dai servizi speciali a scuola.

Prevenzione

I medici non hanno individuato un livello di sicurezza di alcol che una donna incinta può consumare. Ma gli esperti sanno che la spettro dei disordini feto-alcolici è completamente prevenibile smettendo di bere alcol durante la gravidanza.

Queste linee guida possono aiutare a prevenire la sindrome alcolica fetale:

Non bere alcolici se si sta cercando di rimanere incinta, perché i vasi del cervello bambino, il cuore e il sangue cominciano a svilupparsi nelle prime settimane di gravidanza. E questo può accadere prima  sapere che si è incinta.
Continuare a evitare l’alcool durante la gravidanza. La sindrome alcolica fetale è completamente prevenibile nei bambini le cui madri non bevono durante la gravidanza.
Considerate di rinunciare a bere alcol se si cerca di avere un bambino. Molte gravidanze non sono pianificate, e il danno può verificarsi nelle prime settimane di gravidanza.

Referenze »

Sindrome alcolica fetale disturbi: scheda informativa. Centers for Disease Control and Prevention. http://www.cdc.gov/ncbddd/fasd/documents/FASD_english_spanish.pdf. Consultato il 30 Marzo 2011.
Bailey BA, et al. Gravidanza e uso di alcol: prove e raccomandazioni per la cura prenatale. Clinica Ostetrica e Ginecologica. 2008; 51:436.
Bere alcol durante la gravidanza. March of Dimes. http://www.marchofdimes.com/pregnancy/alcohol_indepth.html. Consultato il 30 Marzo 2011.
Gli effetti dell’alcol sul feto. Abuso di sostanze e Mental Health Services Administration. http://store.samhsa.gov/shin/content//SMA07-4255/SMA07-4255.pdf. Consultato il 30 Marzo 2011.
Burd L, et al. La diagnosi dei disturbi dello spettro fetale alcol: uno studio validità della checklist sindrome alcolica fetale. Alcool. 2010; 44:605.
Capire i disturbi dello spettro fetale alcol: Ottenere una diagnosi. Abuso di sostanze e Mental Health Services Administration. http://fasdcenter.samhsa.gov/documents/WYNKDiagnosis_5_colorJA_new.pdf. Consultato il 30 Marzo 2011.

Link sponsorizzati