Metatarsalgia : sintomi, complicazioni, cause e rimedi


La metatarsalgia è una condizione caratterizzata da dolore e infiammazione nella pianta del piede.

Link sponsorizzati

Si può verificare metatarsalgia se si è fisicamente impegnati in attività che comportano il correre o il saltare. La metatarsalgia si può sviluppare anche indossando scarpe poco adatte al proprio piede.

Anche se generalmente non è grave, la metatarsalgia può creare disagio. Fortunatamente, trattamenti conservativi, come ad esempio ghiaccio e riposo, spesso possono alleviano i sintomi di metatarsalgia. Una calzatura adeguata, insieme a solette o plantari, può essere tutto ciò che serve per prevenire o minimizzare i problemi della metatarsalgia.

Sintomi

I sintomi di metatarsalgia possono includere:

  • Un acutol dolore o bruciore alla pianta del piede
  • Dolore nella zona intorno le dita dei piedi
  • Il dolore che peggiora quando si sta in piedi, si camminare o  si correre.
  • Dolore acuto alle dita dei piedi
  • Intorpidimento o formicolio alle dita dei piedi
  • Il dolore che peggiora quando si flettono i piedi
  • Sensibilità nei piedi, paragonabile a quando si percepisce un sassolino nella scarpa
  • Aumento del dolore quando si cammina a piedi nudi, soprattutto su una superficie dura

A volte questi sintomi si sviluppano all’improvviso soprattutto se di recente vi è stato un aumento delle attività fisiche, ma tuttavia questi problemi di solito si sviluppano nel tempo.

Non tutti i problemi dei piedi hanno bisogno di cure mediche. A volte i piedi fanno semplicemente male dopo una lunga giornata in piedi. Ma è sempre meglio non ignorare qualsiasi dolore al piede che dura alcuni giorni.

Cause

In ciascun piede, cinque ossa metatarsali costituiscono l’arco delle articolazioni del piede. Il primo metatarso è più corto rispetto alle altre quattro ossa, anche se sono solitamente di dimensioni simili. Durante la fase di quando si cammina, salta o corre, il peso del corpo viene trasferito tra le dita dei piedi ed i metatarsi. Il primo e il secondo metatarso prendono il carico di questa forza.

La maggior parte dei problemi del metatarso si sviluppano quando qualcosa cambia nel modo in cui il piede funziona normalmente (meccanica), e questa cosa generalmente riguarda la distribuzione del peso. Questo può mettere una pressione eccessiva sui metatarsi, con conseguente infiammazione e il dolore, specialmente nelle teste metatarsali, che sono le estremità arrotondate delle ossa che si connettono con le ossa dei piedi.

metatarsalgia.jpg

A volte un singolo fattore può portare a metatarsalgia. Più spesso, sono coinvolti diversi fattori, tra cui:

  • Intenso allenamento. I Runners, sono a rischio di metatarsalgia per una questione meccanica e spesso per un problema di calzature.
  • Alcune forme del piede. Un arco alto può mettere ulteriore pressione sui metatarsi.
  • Dita a martello. In questo caso, una delle dita (spesso il secondo)si arriccia verso il basso a causa di una curva dell’articolazione del dito medio. Questa contrazione deprime le teste metatarsali.
  • Borsite dell’alluce. Si tratta di un gonfiore doloroso alla base dell’alluce.
  • L’eccesso di peso. Avere chili di troppo significa più pressione sui metatarsi. Perdere peso può ridurre o eliminare i sintomi di metatarsalgia.
  • Scarpe inadatte. Tacchi alti, trasferiscono il peso nella parte anteriore del piede, e sono una causa comune di metatarsalgia nelle donne.
  • Fratture da stress. Piccole rotture nei metatarsi o nelle ossa dei piedi possono essere dolorose e cambiare il modo di camminare.
  • Neuroma di Morton. Questa crescita di tessuto fibroso attorno ad un nervo si verifica di solito tra i capi del terzo e del quarto metatarso. Essa provoca sintomi che sono simili alla metatarsalgia e può anche contribuire allo stress del metatarso.

Fattori di rischio

Quasi chiunque può sviluppare la metatarsalgia, ma si è più a rischio se:

  • Si praticano sport ad alto impatto. La metatarsalgia è più probabile che si verifichi se si corre o partecipare ad attività sportive come il calcio, tennis, baseball, football o basket. N
  • Si indossare tacchi alti o scarpe che non si adattano correttamente. I tacchi alti trasferiscono il peso supplementare sulla parte anteriore del piede, invece le scarpe che sono troppo strette possono comprimere le dita dei piedi. E’ fondamentale investire in un buon paio di scarpe quando si corre ed indossare sempre scarpe che siano giuste a seconda del piede.
  • Si è Sovrappeso. I chili di troppo mettono più pressione sui metatarsi.
  • Si hanno problemi ai piedi. Alcune forme del piede, come ad esempio arcate pronunciate o metatarsi insolitamente lunghi, possono contribuire allo sviluppo di metatarsalgia.

Complicazioni

Se non trattata, la metatarsalgia può portare a:

  • Dolore in altre parti del piede
  • Dolore in altre parti del corpo, come parte bassa della schiena o anca (questo accade a causa di una andatura non corretta).

Diagnosi

Vari problemi del piede possono causare sintomi simili a quelli della metatarsalgia. Per aiutare a individuare la fonte del dolore, il medico esaminerà il piede e raccoglierà informazioni riguardo il tipo di attività svolta o le calzature normalment eindossate.. Può essere necessario un esame a raggi-X per identificare o escludere una frattura da stress o altri problemi ai piedi.

Trattamenti e cure

Misure conservative di solito alleviano il dolore della metatarsalgia.

  • Riposo. Proteggere il piede da ulteriori lesioni. Potrebbe essere necessario evitare di praticare sport o praticarne uno alternativo a basso impatto, come il nuoto o il ciclismo.
  • Impacchi di ghiaccio. Applicare impacchi di ghiaccio sulla zona interessata per circa 20 minuti alla volta, più volte al giorno. Per proteggere la pelle, avvolgere le confezioni di ghiaccio in un asciugamano sottile.
  • Prendere un antidolorifico. Alcuni farmaci come l’ibuprofene (Advil, Motrin, altri), naproxene (Aleve, altri) o aspirina possono ridurre il dolore e l’infiammazione.
  • Indossare scarpe adatte. Il medico può raccomandare una scarpa differente per il tipo di piede.
  • Plantari. I plantari – spesso fatti di sughero, plastica, gomma o altro,aiutano ad attenuare la forza meccanica diretta ai metatarsi.
  • Plantari rigidi. Sono progettati per controllare il movimento nelle articolazioni del piede. Plantari semirigidi sono realizzati in materiali morbidi. Plantari progettati per trattare la metatarsalgia possono includere pastiglie metatarsali.

Se i trattamenti conservativi falliscono, in rari casi un intervento chirurgico per riallineare le ossa del metatarso può essere un’opzione.

Prevenzione

Fare sport seriamente non significa convivere con il dolore e le lesioni. Per proteggere i piedi è importante:

Scegliere le scarpe giuste. Cercare scarpe adatte al tipo di sport praticato o scarpe che non siano troppo strette.
Considerare l’utilizzo di solette imbottite o plantari. Questi prodotti possono aiutare a prevenire il dolore della metatarsalgia e ad alleviare il dolore quando si sviluppa.
Mantenere un peso sano. Fondamentale non solo per la metatarsalgia
Non allenarsi con il dolore.

Referenze »

Maguire S. Metatarsalgia. In: Frontera WR, et al. Fondamenti di Medicina Fisica e Riabilitativa: disturbi muscoloscheletrici, dolore, e nella riabilitazione. 2nd ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2008. http://www.mdconsult.com/das/book/body/208746819-6/0/1678/0.html. Consultato il 9 Dicembre 2010.
Metatarsalgia. L’American College of Ortopedia del piede e della caviglia e Medicina. http://www.acfaom.org/metatarsalgia.shtml. Consultato il 9 Dicembre 2010.
Bunions. American Academy of Orthopaedic Surgeons. http://orthoinfo.aaos.org/topic.cfm?topic=A00155. Consultato il 9 Dicembre 2010.
Neuroma di Morton. American Academy of Orthopaedic Surgeons. http://orthoinfo.aaos.org/topic.cfm?topic=A00158. Consultato il 9 Dicembre 2010.
Mann JA, et al. Chirurgia del piede e della caviglia. In: Skinner HB. Diagnosi e trattamento corrente in Ortopedia. 4a ed. New York, NY: McGraw-Hill Medical; 2006. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=2321820. Consultato il 9 Dicembre 2010.
Callahan LR, et al. Panoramica di correre lesioni degli arti inferiori. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 9 Dicembre 2010.

 

Link sponsorizzati