Malaria : sintomi, cause, cure e prevenzione


La malaria produce attacchi ricorrenti di brividi e febbre. Causata da un parassita che viene trasmesso dalle zanzare, la malaria provoca il decesso circa 1 milione di persone ogni anno in tutto il mondo.

Link sponsorizzati

La malattia è rara nei climi temperati, ma è ancora diffusa nei paesi tropicali e subtropicali. I funzionari della sanità di tutto il mondo stanno cercando di ridurre l’incidenza della malaria distribuendo zanzariere per proteggere le persone dalle punture di zanzara mentre dormono. Un vaccino per prevenire la malaria è attualmente in fase di sviluppo.

Molti parassiti della malaria sono ora immuni ai farmaci più comunemente usati per trattare la malattia.

Sintomi

Una infezione da malaria è generalmente caratterizzata da attacchi ricorrenti con i seguenti segni e sintomi:

  • Da moderati a gravi brividi
  • Febbre alta
  • Sudorazione profusa, mentre la temperatura corporea scende

Altri segni e sintomi possono includere:

  • Mal di testa
  • Nausea
  • Vomito
  • Diarrea

Segni e sintomi della malaria in genere iniziano entro poche settimane dopo il morso di una zanzara infetta. Tuttavia, alcuni tipi di parassiti della malaria possono rimanere inerti nel corpo per mesi o addirittura anni.

Parlate con il medico se si verifica febbre alta,  dopo aver viaggiato a una regione ad alto rischio di malaria. I parassiti che causano la malaria possono rimanere inerti nel corpo per mesi. Se si hanno sintomi gravi, rivolgersi al pronto soccorso.

Cause

La malaria è causata da un tipo di parassita microscopico che viene trasmesso più comunemente da punture di zanzara.

Ciclo di trasmissione tramite zanzara

  • Zanzara infetta. Una zanzara si infetta nutrendosi di una persona che ha la malaria.
  • La trasmissione del parassita. Se dopo aver punto una persona infetta la zanzara punge un soggetto sano può trasmettere i parassiti della malaria.
  • Nel fegato. I parassiti viaggiano per il fegato  in cui possono rimanere inerti per tutto il tempo.
  • Nel flusso sanguigno. Quando i parassiti maturano, lasciano il fegato e infettano i globuli rossi. Questo è quando si sviluppano i sintomi della malaria.
  • Contagio. Quando la malaria è nel flusso sanguigno se una zanzara punge il paziente diventa infetta e può trasmettere il parassita

ciclo della malaria.jpg

Altre modalità di trasmissione

Poiché i parassiti che causano la malaria colpiscono le cellule rosse del sangue, le persone possono anche prendere la malaria dalle esposizioni a sangue infetto, tra cui:

  • Da madre a feto
  • Attraverso trasfusioni di sangue
  • Con condivisione di aghi usati per iniettare farmaci

Fattori di rischio

Il maggiore fattore di rischio per lo sviluppo della malaria è vivere o visitare le aree tropicali dove la malattia è comune. Esistono molti sottotipi diversi di parassiti della malaria. La varietà che fa sì che le complicazioni più letali si verifichino è più comunemente riscontrata in:

  • Paesi africani a sud del deserto del Sahara
  • Il subcontinente indiano
  • Isole Salomone, Papua Nuova Guinea e Haiti

Rischio di malattia più grave

Persone ad aumentato rischio di malattia grave possono essere:

  • I bambini piccoli e neonati
  • I viaggiatori provenienti da zone senza malaria
  • Le donne incinte ed i loro bambini non ancora nati

Povertà, mancanza di conoscenza, e poco o nessun accesso alle cure mediche sono le cause che contribuiscono ai decessi per malaria in tutto il mondo.

L’immunità

Abitanti di una regione affetta da malaria possono essere esposti alla malattia così spesso da acquisire una parziale immunità, che può ridurre la gravità dei sintomi della malaria. Tuttavia, questa immunità parziale può scomparire se ci si sposta in un paese dove non si è più esposti al parassita.

Complicazioni

La malaria può essere fatale, in particolare la varietà che è comune nelle zone tropicali dell’Africa. I Centri per il Controllo delle Malattie e la Prevenzione stimano che il 90 per cento di tutti decessi per malaria si verificano in Africam più comunemente nei bambini di età inferiore ai 5 anni.

Nella maggior parte dei casi, decessi da malaria sono correlati a uno o più di queste complicazioni:

  • Malaria cerebrale. Se il parassita blocca i piccoli vasi sanguigni del cervello (malaria cerebrale), può verificarsi gonfiore o danno cerebrale.
  • Problemi di respirazione. Il fluido accumulato nei polmoni (edema polmonare) può rendere difficile la respirazione.
  • Insufficienza di un organo. La malaria può causare insufficienza renale, epatica o la rottura della milza. Ognuna di queste condizioni può essere pericolosa per la vita.
  • Anemia grave. La malaria provoca danni ai globuli rossi, e questo può provocare una grave anemia.
  • Zucchero nel sangue. Forme gravi di malaria possono causare un basso livello di zucchero nel sangue, così come il chinino uno dei farmaci più comunemente utilizzati per combattere la malaria. Un livello di zucchero nel sangue molto basso può provocare il coma o il decesso.

Recidive.

Alcune varietà del parassita della malaria, che in genere causano forme più lievi della malattia, possono persistere per anni e causano recidive.

Diagnosi

Gli esami del sangue possono aiutare a personalizzare il trattamento, determinando:

  • Se è presente la malaria
  • Che tipo di parassita della malaria sta causando i sintomi
  • Se l’infezione è causata da un parassita resistente ad alcuni farmaci
  • Se la malattia sta colpendo uno degli organi vitali
  • Alcuni esami del sangue possono richiedere diversi giorni per avere l’esito, mentre altri possono produrre risultati in meno di 15 minuti.

Trattamenti e cure

I tipi di farmaci e la durata del trattamento variano a seconda di alcuni parametri:

  • Quale tipo di parassita della malaria è presente
  • La gravità dei sintomi
  • L’età
  • Gravidanza

Farmaci

I farmaci antimalarici più comuni sono:

  • Clorochina (Aralen)
  • Solfato di chinino (Qualaquin)
  • Idrossiclorochina (Plaquenil)
  • Meflochina
  • Combinazione di atovaquone e proguanil (Malarone)

La storia del farmaco antimalarico è stata segnata da una lotta costante tra evoluzione dei farmaco-resistenti ai parassiti e la ricerca di nuove formulazioni di farmaci. In molte parti del mondo, ad esempio, la resistenza alla clorochina ha reso inefficace il farmaco.

Prevenzione

Se si ha intenzione di viaggiare in un luogo dove la malaria è comune, è fondamentale rivolgersi medico qualche mese in anticipo per farsi consigliare quali farmaci prendere prima, durante e dopo il  viaggio.

In generale, i farmaci presi per prevenire la malaria sono gli stessi farmaci usati per trattare la malattia.

Nessun vaccino

Gli scienziati di tutto il mondo stanno cercando di sviluppare un vaccino sicuro ed efficace contro la malaria. Tuttavia ancora oggi, non esiste un vaccino contro la malaria approvato per un uso umano.

Ridurre l’esposizione alle zanzare

Nei paesi dove la malaria è comune, la prevenzione coinvolge anche nel tenere le zanzare lontano dagli  esseri umani.

Le strategie principali includono:

  • Trattare le pareti della casa con insetticidi
  • Dormire sotto una rete. Le reti da letto, sono praticamente delle zanzariere
  • Coprire la pelle. Durante i periodi attivi delle zanzare, in genere dal tramonto all’alba, indossare pantaloni e camicie a maniche lunghe.
  • Spruzzare spray contenenti permetrina sui vestiti, mentre spray contenenti DEET(dietiltoluamide) sulla pelle.

Referenze »

Malaria: Domande frequenti. Centers for Disease Control and Prevention. http://www.cdc.gov/malaria/about/faqs.html. Accesso effettuato nel maggio 10, 2010.
Vaccino contro la malaria. Centers for Disease Control and Prevention. http://www.cdc.gov/features/vaccines.html. Accesso effettuato nel maggio 7, 2010.
Arguin PM, et al. Prevenzione della malaria nei viaggiatori. http://www.uptodate.com/home/index.html. Accesso effettuato nel maggio 7, 2010.
Breman JG. Le manifestazioni cliniche della malaria. http://www.uptodate.com/html/index.html. Accesso effettuato nel maggio 11, 2010.
Malaria diagnosi (Stati Uniti). Centers for Disease Control and Prevention. http://www.cdc.gov/malaria/diagnosis_treatment/diagnosis.html. Accesso effettuato nel maggio 11, 2010.
Il trattamento della malaria (linee guida per i medici). Centers for Disease Control and Prevention. http://www.cdc.gov/malaria/resources/pdf/clinicalguidance.pdf. Accesso effettuato nel maggio 11, 2010.

Link sponsorizzati