Cancro alla vescica : sintomi, cause, diagnosi, cure e prevenzione


Il carcinoma della vescica è un tipo di cancro che inizia nella vescica che è un  organo a forma di palloncino situato nella zona pelvica. Il carcinoma della vescica inizia più spesso nelle cellule che rivestono l’interno della vescica. Il carcinoma della vescica colpisce in genere adulti più anziani, ma può verificarsi a qualsiasi età.

Link sponsorizzati

La grande maggioranza dei casi di cancro della vescica è diagnosticato in una fase iniziale, quando il cancro della vescica è altamente curabile. Tuttavia, anche se curato in fase iniziale il cancro della vescica ha rischio di reiterazione. Per questo motivo, i sopravvissuti al cancro della vescica spesso sono sottoposti a follow-up test per cercare segni di recidiva anche anni dopo il trattamento.

Sintomi

I segni e sintomi del cancro della vescica possono includere:

  • Sangue nelle urine (ematuria, le urine possono apparire di colore giallo scuro, rosso vivo o cola colorata. Oppure le urine possono apparire normali, ma con ematuria microscopica
  • Minzione frequente
  • Minzione dolorosa
  • Mal di schiena
  • Dolore pelvico

Cause

Non è sempre chiaro cosa provochi il cancro della vescica. Il carcinoma della vescica è stato associato al fumo, ad una infezione parassitaria, alle radiazioni e all’esposizione ad agenti chimici.

Il carcinoma della vescica si sviluppa quando le cellule della vescica cominciano a crescere in modo anomalo. Queste cellule sviluppano mutazioni che causano una crescita fuori controllo creando quindi un tumore.

Tipi di cancro della vescica

Differenti tipi di cellule nella vescica possono diventare cancerose. Il tipo di cellula in cui il cancro della vescica inizia determina il tipo di cancro della vescica. Il tipo di cancro della vescica determina quali trattamenti utilizzare. I tipi di cancro alla vescica includono:

  • Carcinoma a cellule transizionali. Il carcinoma a cellule transizionali si verifica nelle cellule che rivestono l’interno della vescica. Cellule transizionali si espandono quando la vescica è piena e si contraggoo quando la vescica è vuota. Queste stesse cellule rivestono l’interno degli ureteri e dell’uretra. Il carcinoma a cellule transizionali è il tipo più comune di cancro alla vescica.
  • Carcinoma a cellule squamose. Le cellule squamose appaiono nella vescica in risposta alle infezioni e irritazioni. Nel corso del tempo possono diventare cancerose. Il carcinoma delle cellule squamose della vescica è raro. E’ comune in alcune parti del mondo dove una infezione parassitaria chiamata  schistosomiasi è una causa frequente di infezioni della vescica.
  • Adenocarcinoma. L’adenocarcinoma inizia nelle cellule che compongono le ghiandole che secernono muco nella vescica. L’adenocarcinoma della vescica è raro.
  • Alcuni tipi di cancro della vescica includono più di un tipo di cellula.

schema del cancro della vescica.jpg

Fattori di rischio

I fattori che possono aumentare il rischio di cancro alla vescica includono:

  • Fumatori. Fumare sigarette, sigari o pipe può aumentare il rischio di cancro alla vescica, provocando l’accumulo di sostanze chimiche dannose nelle urine. Quando si fuma, il corpo elabora i prodotti chimici nel fumo ed espelle alcuni di loro nelle urine. Queste sostanze chimiche dannose possono danneggiare il rivestimento della vescica, che può aumentare il rischio di cancro.
  • L’aumentare dell’età. Il rischio di cancro alla vescica aumenta con l’età. Il carcinoma della vescica può verificarsi a qualsiasi età, ma è raro trovarlo in persone di età inferiore ai 40 anni.
  • Essere maschi. Gli uomini hanno più probabilità di sviluppare il cancro alla vescica rispetto alle donne.
  • L’esposizione ad alcune sostanze chimiche. I reni svolgono un ruolo chiave nel filtrare sostanze chimiche nocive dal flusso sanguigno. Per questo motivo, si pensa che certe sostanze chimiche possano aumentare il rischio di cancro alla vescica. Prodotti chimici legati al rischio di cancro alla vescica includono l’arsenico e prodotti chimici utilizzati nella fabbricazione di coloranti, gomma, pelle, tessuti e prodotti vernicianti.
  • Trattamento del cancro. I trattamento anti-cancro con farmaci come il ciclofosfamide (Cytoxan) aumentano il rischio di cancro alla vescica. Le persone che hanno ricevuto trattamenti radioterapici mirati al bacino per un cancro precedente possono avere un elevato rischio di sviluppare il cancro della vescica.
  • Assunzione di un certo farmaco per il diabete. Le persone che prendono farmaco pioglitazone (Actos) per il controllo del diabete hanno un aumentato rischio di cancro alla vescica. Altri farmaci per il diabete con questo rischio sono la metformina (Actoplus Met) e il glimepiride (Duetact).
  • Infiammazione cronica della vescica. Avere croniche o ripetute infezioni e infiammazioni urinarie (cistite), può aumentare il rischio di un carcinoma squamoso delle cellule della vescica. In alcune aree del mondo, il carcinoma a cellule squamose è legato all’infiammazione cronica della vescica causata dall’infezione di un parassita noto come schistosomiasi.
  • Storia personale o familiare di cancro. Se si ha avuto il cancro della vescica, è molto più probabile avere una recidiva. Se uno o più parenti più prossimi hanno una storia di cancro alla vescica, si può avere un aumentato rischio della malattia, anche se è raro. Una storia familiare di cancro colorettale ereditario non associato a poliposi, detto anche sindrome di Lynch, può aumentare il rischio di cancro del sistema urinario, così come nel colon, utero, ovaie e altri organi.

Complicazioni

Il carcinoma della vescica ha un alto tasso di recidiva. Per questo motivo, i sopravvissuti al cancro della vescica spesso sono sottoposti a follow-up per anni dopo il successo del trattamento.

In generale, i medici raccomandano un test per esaminare l’interno della uretra e della vescica (cistoscopia) ogni tre-sei mesi per i primi anni dopo il trattamento del cancro della vescica. Il medico può raccomandare altri test a vari intervalli.

Le persone affette da tumori aggressivi possono essere sottoposti a screening più frequenti. Quelli con tumori meno aggressivi possono essere sottoposti a test di screening meno frequenti.

Diagnosi

Diagnosi del cancro della vescica

I Test e le procedure diagnostiche utilizzate il cancro della vescica possono includere:

  • Cistoscopia. Durante la cistoscopia, il medico inserisce un tubo stretto (cistoscopio) attraverso l’uretra. Il cistoscopio ha una lente e in fibra ottica con sistema di illuminazione, che permette al medico di vedere l’interno dell’uretra e della vescica. Di solito si riceve un anestetico locale nel corso della cistoscopia.
  • Biopsia. Durante la cistoscopia, il medico può passare usare un attrezzo speciale al fine di raccogliere un campione di cellule (biopsia). Questa procedura è talvolta chiamata resezione transuretrale (TUR). La TUR può anche essere usata per trattare il cancro della vescica. La TUR è di solito eseguita in anestesia generale.
  • Citologia urinaria. Un campione di urine viene analizzato al microscopio per verificare la presenza di cellule tumorali in una procedura chiamata citologia urinaria.
  • Esami di imaging. I test di imaging permettono al medico di esaminare le strutture del tratto urinario.

Stadiazione del tumore della vescica

Una volta che è confermata la presenza di cancro della vescica, il medico può ordinare ulteriori test per determinare l’estensione (stadio) del cancro. I test possono includere:

  • TAC
  • Risonanza magnetica (MRI)
  • Scintigrafia ossea
  • Radiografia del torace

Stadi del cancro della vescica

Gli stadi del cancro della vescica sono:

  • Fase I. In questa fase il cancro si verifica nel rivestimento interno della vescica, ma non ha invaso la parete muscolare della vescica.
  • Fase II. In questa fase, il cancro ha invaso la parete della vescica, ma è ancora limitato alla vescica.
  • Fase III. Le cellule tumorali si sono diffuse attraverso la parete vescicale ai tessuti circostanti. Può anche essersi diffuso alla prostata negli uomini o nell’utero-vagina nelle donne.
  • Fase IV. In questa fase, le cellule tumorali si sono diffuse ai linfonodi e altri organi, come i polmoni, ossa o fegato.

 

Cistoscopia.jpg

Trattamenti e cure

Le opzioni di trattamento per il tumore della vescica dipendono da una serie di fattori, tra cui il tipo di tumore, lo stadio del tumore, la salute generale, e le preferenze di trattamento.

Le procedure chirurgiche

Chirurgia per stadio precoce del cancro della vescica

Se il tumore è molto piccolo e non ha invaso la parete della vescica, il medico può raccomandare:

  • Chirurgia per asportare il tumore. La resezione transuretrale (TUR) è spesso usata per rimuovere i tumori della vescica che sono limitati agli strati interni della vescica. Durante la TUR, il medico passa un piccolo strumento attraverso un cistoscopio e nella vescica. Lo strumento viene utilizzato per bruciare cellule tumorali con una corrente elettrica. In alcuni casi, un laser ad alta energia può essere utilizzato al posto della corrente elettrica. La TUR può causare minzione dolorosa e sanguinosa per alcuni giorni dopo la procedura.
  • Chirurgia per rimuovere il tumore e una piccola porzione della vescica. Durante cistectomia segmentale, talvolta chiamata cistectomia parziale, il chirurgo rimuove solo la parte della vescica che contiene cellule tumorali.
  • La chirurgia comporta il rischio di emorragie e infezioni. Si può verificare minzione più frequente dopo la cistectomia segmentale, poiché l’operazione riduce la dimensione della vescica. Nel corso del tempo, tuttavia questo fenomeno può migliorare.

La chirurgia per il cancro della vescica invasivo

Se il tumore ha invaso gli strati più profondi della parete vescicale, si può considerare:

Chirurgia per rimuovere tutta la vescica. Un cistectomia radicale è un’operazione per rimuovere tutta la vescica, nonché i linfonodi circostanti. Negli uomini, la cistectomia radicale in genere include la rimozione della prostata e delle vescicole seminali. Nelle donne, la cistectomia radicale comporta la rimozione di utero, ovaie e parte della vagina.

La cistectomia comporta un rischio di infezione e sanguinamento. Negli uomini, la rimozione della prostata e delle vescicole seminali può causare disfunzione erettile. Ma in molti casi, il chirurgo può  risparmiare i nervi necessari per l’erezione. Nelle donne, la rimozione delle ovaie provoca sterilità e menopausa precoce.

Subito dopo la cistectomia radicale, il chirurgo lavora per creare un nuovo modo per espellere l’urina. Esistono diverse opzioni. Qual è l’opzione migliore dipende dalla situazione. Il chirurgo può creare un tubo (condotto urinario) utilizzando un pezzo di intestino. Il tubo va da i reni verso l’esterno del corpo, dove l’urina scola in un sacchetto tenuro sull’addome.

In un’altra procedura, il chirurgo può utilizzare una sezione di intestino per creare un piccolo serbatoio per l’urina all’interno del corpo (derivazione urinaria cutanea continente). È possibile drenare l’urina dal serbatoio attraverso un foro nell’addome tramite un catetere un paio di volte ogni giorno.

In casi selezionati, il chirurgo può creare una vescica tramite un pezzo di intestino (neovescica). Questo serbatoio si trova all’interno del corpo ed è collegato all’uretra, il che permette di urinare normalmente. Potrebbe essere necessario utilizzare un catetere per drenare tutta l’urina dalla neovescica.

La terapia biologica (immunoterapia)

La terapia biologica, a volte chiamata immunoterapia, funziona segnalando al sistema immunitario le cellule del cancro affinchè le distrugga. La terapia biologica per il cancro della vescica è in genere somministrata attraverso l’uretra e direttamente nella vescica (terapia intravescicale).

Farmaci biologici utilizzati per curare il cancro della vescica includono:

  • Un batterio immunostimolante. Il bacillo di Calmette-Guerin (BCG) è un batterio utilizzato in vaccini contro la tubercolosi. Il BCG può causare irritazione alla vescica e sangue nelle urine. Alcune persone si sentono come se avessero l’influenza dopo il trattamento con BCG.
  • Una versione sintetica di una proteina del sistema immunitario. L’interferone è una proteina che rende il sistema immunitario più forte nel combattere le infezioni. Una versione sintetica di interferone, detto interferone alfa-2b (Intron A), può essere usato per trattare il cancro della vescica. L’interferone alfa-2b è talvolta utilizzato in combinazione con BCG. L’interferone alfa-2b può causare sintomi simil-influenzali.
  • La terapia biologica può essere somministrata dopo TUR per ridurre il rischio che il cancro si ripresenti.

Chemioterapia

La chemioterapia utilizza farmaci per distruggere le cellule tumorali. La chemioterapia per il cancro della vescica comporta generalmente due o più farmaci chemioterapici utilizzati in combinazione. I farmaci possono essere somministrati attraverso una vena del braccio (per via endovenosa), oppure direttamente in vescica passando un tubo attraverso l’uretra (terapia intravescicale).

La chemioterapia può essere usata per eliminare le cellule tumorali che potrebbero rimanere dopo l’intervento chirurgico. Può anche essere utilizzata prima dell’intervento chirurgico. In questo caso, la chemioterapia può ridurre un tumore e consentire al chirurgo di eseguire un intervento chirurgico meno invasivo. La chemioterapia è talvolta combinata con la radioterapia.

La radioterapia

La radioterapia è usata raramente nelle persone con cancro alla vescica. La radioterapia utilizza raggi ad alta energia diretti verso il cancro per distruggere le cellule tumorali. La radioterapia per il cancro della vescica di solito proviene da una macchina che si muove intorno al corpo, dirigendo i raggi di energia in punti precisi.

La radioterapia può essere utilizzata dopo un intervento chirurgico per uccidere le cellule tumorali che potrebbero rimanere. La radioterapia è talvolta in combinazione con la chemioterapia.

Prevenzione

Sebbene non ci sia alcun modo garantito per prevenire il cancro della vescica, è possibile adottare misure per contribuire a ridurre il rischio. Ad esempio:

  • Non fumare. Se non si fuma, non si mandano sostanze chimiche nella vescica.
  • Fare attenzione con i prodotti chimici. Se si lavora con sostanze chimiche, seguire le istruzioni di sicurezza per evitare una sovraesposizione.
  • Bere acqua durante il giorno. In teoria, bere liquidi, soprattutto acqua, può diluire le sostanze tossiche che possono essere concentrate nelle urine. Gli studi hanno portato a conclusioni certe sul fatto che l’acqua potabile diminuisca il rischio di cancro alla vescica.
  • Scegliere una varietà di frutta e verdura. Gli antiossidanti di frutta e verdura possono aiutare a ridurre il rischio di cancro.

Referenze »

Quello che c’è da sapere sul cancro alla vescica. National Cancer Institute. http://www.cancer.gov/cancertopics/wyntk/bladder. Consultato il 16 maggio 2012.
Trattamento del cancro della vescica (PDQ). National Cancer Institute. http://www.cancer.gov/cancertopics/pdq/treatment/bladder/healthprofessional. Consultato il 16 maggio 2012.
Abeloff MD, et al. Clinical Oncology di Abeloff. 4a ed. Philadelphia, Pa.: Churchill Livingstone Elsevier, 2008. http://www.mdconsult.com/das/book/body/208746819-4/0/1709/0.html. Consultato il 16 maggio 2012.
National Cancer Institute. http://www.cancer.gov/cancertopics/pdq/screening/bladder/healthprofessional. Consultato il 16 maggio 2012.
Cancro della vescica. Fort Washington, Pennsylvania: National Comprehensive Cancer Network. http://www.nccn.org/professionals/physician_gls/f_guidelines.asp~~V. Consultato il 16 maggio 2012
Linee guida per la gestione del carcinoma vescicale invasivo (stadio Ta, T1 e Tis): aggiornamento 2007. Baltimore, Md: American Urological Association. http://www.auanet.org/content/guidelines-and-quality-care/clinical-guidelines.cfm?sub=bc. Consultato il 16 maggio 2012.
Wein AJ, et al. Campbell-Walsh Urology. 10 ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2012. http://www.mdconsult.com/das/book/body/208746819-6/0/1445/0.html. Consultato il 16 maggio 2012.
FDA sulla sicurezza dei farmaci comunicazione: Aggiornato etichette farmaceutiche per medicinali contenenti pioglitazone. US Food and Drug Administration. http://www.fda.gov/Drugs/DrugSafety/ucm266555.htm. Consultato il 4 giugno 2012.

Link sponsorizzati