Allergia alle arachidi : sintomi, cause, pericoli, cure e prevenzione


L’allergia alle arachidi è comune, specialmente nei bambini. Sintomi di allergia alle arachidi possono variare da una lieve irritazione ad una reazione pericolosa per la vita (anafilassi). Per alcune persone con allergia alle arachidi, anche piccole quantità di arachidi possono causare una reazione grave.

Link sponsorizzati

L’allergia alle arachidi è una delle cause più comuni di attacchi di allergia grave.

Se si ha avuto anche solo una lieve reazione allergica in passato, c’è un rischio di futuro di una reazione più grave.

Sintomi

Una reazione allergica alle arachidi si verifica di solito pochi minuti dopo l’esposizione, ed i sintomi variano da lieve a grave. L’allergia alle arachidi ha segni e sintomi che possono includere:

  • Reazioni cutanee, come orticaria, rossore o gonfiore
  • Prurito e formicolio intorno alla bocca e nella gola
  • Problemi digestivi, come diarrea, crampi allo stomaco, nausea o vomito
  • Costrizione della gola
  • Mancanza di respiro o affanno
  • Naso che cola
  • Anafilassi: Una reazione pericolosa per la vita

L’allergia alle arachidi è la causa più comune di anafilassi indotta dal cibo, un’emergenza medica che richiede un trattamento con epinefrina (adrenalina) e un viaggio al pronto soccorso.

Segni e sintomi di anafilassi possono includere i sintomi sopra citati più:

  • Costrizione delle vie aeree
  • Gonfiore della gola che rende difficile respirare
  • Un grave calo della pressione arteriosa (shock)
  • Rapidi battiti cardiaci
  • Vertigini, stordimento o perdita di coscienza

Parlate con il medico se si pensa di poter essere allergici alle arachidi, soprattutto se si ha avuto una reazione grave.

Chiamare il 118 se dopo l’assunzione di arachidi si verificano forti capogiri, difficoltà di respirazione grave o perdita di coscienza.

Cause

L’allergia alle arachidi si verifica quando il sistema immunitario identifica erroneamente le proteine ​​delle arachidi come un qualcosa di dannoso. Quando si ha un contatto diretto o indiretto con le arachidi, il sistema immunitario rilascia sostanze chimiche nel flusso sanguigno. Non si sa esattamente perché alcune persone diventino allergiche alle arachidi e altre no.

L’esposizione alle arachidi può avvenire in diversi modi:

  • Contatto diretto. La causa più comune di allergia alle arachidi è mangiare arachidi o alimenti contenenti arachidi. A volte il contatto diretto con la pelle può scatenare una reazione allergica.
  • Contatto incrociato. Questa è la classica introduzione involontaria di arachidi all’interno dell’organismo. È generalmente il risultato di un alimento esposto alle arachidi, durante la lavorazione o manipolazione.
  • L’inalazione. Una reazione allergica può verificarsi se si inalano polveri di arachidi, come la farina di arachidi o l’olio di arachidi.

Allergia alimentare vs intolleranza alimentare

In alcuni casi, ciò che può apparire come una allergia alimentare può effettivamente essere una intolleranza alimentare. A differenza di una vera allergia alimentare, una intolleranza alimentare non coinvolge il sistema immunitario. Con una vera allergia alimentare, anche piccole quantità di cibo possono causare una reazione grave. Nella maggior parte dei casi, qualcuno che ha una intolleranza alimentare può mangiare piccole quantità di cibo con solo sintomi lievi, come indigestione o bruciore di stomaco.

allergia alle arachidi.jpg

Fattori di rischio

Non è chiaro perché alcune persone sviluppino allergie mentre altre no. Tuttavia, le persone con fattori di rischio hanno una maggiore probabilità di sviluppare l’allergia alle arachidi.

Fattori di rischio della allergia alimentare sono:

  • Età. Le allergie alimentari sono più comuni nei bambini, soprattutto neonati. Come si invecchia, matura il sistema digestivo, e il corpo ha meno probabilità di reagire al cibo con unma reazione allergica.
  • Altre allergie. Se si è già allergici ad un alimento, si può avere un aumentato rischio di diventare allergici ad un altro. Allo stesso modo, avere un altro tipo di allergia, come febbre da fieno, aumenta il rischio di avere una allergia alimentare.
  • I membri della famiglia soffrono di allergie. Si è a rischio maggiore di allergia alle arachidi se altre allergie, specialmente se alimentari, sono comuni nella famiglia.
  • La dermatite atopica. Alcune persone con la dermatite atopica (eczema) hanno anche una allergia alimentare.

Alcune persone pensano che le allergie alimentari siano legate alla iperattività infantile e l’artrite, non esistono prove a sostegno di questa teoria.

Complicazioni

Complicazioni delle allergie alimentari possono includere:

  • Necessità di particolari precauzioni. Poiché le reazioni allergiche alle arachidi sono gravi per molte persone, evitare le arachidi è molto importante. Ciò richiede di prendere una serie di misure per prevenire l’esposizione accidentale.
  • Anafilassi. Bambini e adulti che hanno avuto una grave allergia arachidi sono particolarmente a rischio.

Diagnosi

Le seguenti procedure possono aiutare a determinare se si dispone di una allergia alle arachidi o se i sintomi sono probabilmente dovuti a qualcos’altro, come intolleranze alimentari, una intossicazione alimentare o qualche altra condizione.

  • Descrizione dei sintomi. Si deve raccontare al medico in maniera minuziosa cosaa è accaduto dopo aver ingerito arachidi.
  • Esame fisico. Un esame attento è in grado di identificare o escludere altri problemi medici.
  • Diario alimentare. Il medico può chiedere di tenere un diario alimentare delle abitudini alimentari, sintomi e farmaci.
  • Dieta di eliminazione. Se non è chiaro se le arachidi siano il colpevole, o se il medico sospetta che potrebbe essere una reazione a più di un tipo di cibo, una dieta di eliminazione può essere necessaria. È possibile che venga chiesto di eliminare le arachidi o altri alimenti sospetti per una settimana o due, e quindi riaggiungere i prodotti alimentari nella dieta uno alla volta. Questo processo può aiutare a collegare i sintomi a specifici alimenti. Se si ha avuto una grave reazione allergica agli alimenti, questo metodo non può essere utilizzato.
  • Test cutaneo. Un test cutaneo è in grado di determinare se è presente una reazione a particolari cibi. Se si è allergici a una particolare sostanza, si sviluppa una protuberanza in rilievo sulla pelle.
  • Esame del sangue. Un esame del sangue è in grado di misurare la reazione del sistema immunitario a particolari prodotti alimentari controllando la quantità degli anticorpi nel sangue, noti come immunoglobuline E (IgE). Tuttavia, questi esami del sangue non sono sempre accurati.

Allergia alle arachidi o intolleranza alle arachidi?

Non tutte le reazioni alle arachidi sono causate da una reazione allergica. Può essere difficile sapere se si è allergici o intolleranti alle arachidi.

  • Se si dispone di intolleranza di arachidi, si può essere in grado di mangiare noccioline con solo sintomi lievi, come indigestione o bruciore di stomaco. Una intolleranza alle arachidi non coinvolge il sistema immunitario.
  • Se si dispone di una vera allergia alle arachidi, mangiando anche una piccola quantità di noccioline si può scatenare una grave reazione allergica. I test possono aiutare a determinare se si dispone di una vera allergia.

Trattamenti e cure

Non esiste un trattamento definitivo per l’allergia alle arachidi, ma la desensibilizzazione sta mostrando ottimi risultati. Gli studi hanno mostrato risultati promettenti nel desensibilizzare i bambini alle arachidi. Tuttavia, servono ancora altri studi riguardo questa pratica.

Nel frattempo, come con qualsiasi allergia alimentare, il trattamento consiste nel prendere misure per evitare il cibo che provoca la reazione, imparando come alleviare i sintomi minori, e saper individuare e rispondere a una grave reazione.

Essere preparati per una reazione allergica grave

L’unico modo per evitare una reazione allergica è quello di evitare le arachidi e prodotti derivati ​​dalle arachidi. Ma le arachidi sono comuni, e nonostante gli sforzi migliori, è probabile entrare in contatto con le arachidi.

  • Per una reazione allergica minore, vengono prescritti antistaminici che possono contribuire a ridurre i sintomi. Questi farmaci possono essere presi dopo l’esposizione alle arachidi per contribuire ad alleviare il prurito o l’orticaria. Tuttavia, gli antistaminici non sono sufficienti per curare una grave reazione allergica.
  • Per una reazione allergica grave, potrebbe essere necessario una iniezione di emergenza con adrenalina e un viaggio al pronto soccorso. Molte persone con allergie portano con loro un autoiniettore di epinefrina. Questo dispositivo è una specie di siringa che inietta una singola dose di farmaco quando viene premuto contro la coscia.

Saper usare l’autoiniettore

Se il medico ha prescritto un autoiniettore di adrenalina:

  • Averlo sempre a portata di mano. Può essere una buona idea tenere un extra autoiniettore in auto o nella scrivania al lavoro.
  • Sostituirlo prima della sua data di scadenza. L’adrenalina scaduta potrebbe non funzionare correttamente.
  • Conoscere le modalità di funzionamento. Chiedete al medico di mostrare come si usa. Inoltre, assicurarsi che le persone che vi stanno a contatto spesso sappiano come usarlo, questo potrebbe salvare la vita.
  • Sapere quando usarlo. Parlare con il medico sul come riconoscere quando è necessario utilizzarlo. Per una lieve reazione allergica alle arachidi, può essere OK per andare direttamente al pronto soccorso senza l’utilizzo di un autoiniettore. Tuttavia, se non si è sicuri se la reazione è abbastanza grave da giustificare una iniezione, di solito è meglio peccare per eccesso di cautela e utilizzare l’epinefrina.

Consigli

Una delle chiavi per prevenire una reazione allergica è sapere come evitare il cibo che provoca i sintomi.

  • Mai dare per scontato un alimento che non si conosce. Leggere sempre le etichette sui prodotti alimentari lavorati per assicurarsi che essi non contenaono arachidi o prodotti derivati ​​dalle arachidi. La legge sulla fabbricazione di alimenti impone di indicare chiaramente se gli alimenti contengono arachidi.

  • Non ignorare un’etichetta che dice che un alimento è stato prodotto in una fabbrica che elabora le arachidi. maggior parte delle persone con allergia alle arachidi devono evitare tutti i prodotti che potrebbero contenere anche solo tracce di arachidi.
  • In caso di dubbio,non mangiare. Molte persone non capiscono la gravità di una reazione allergica alimentare e non possono rendersi conto che una piccola quantità di un alimento può provocare una grave reazione in alcune persone. Se si ha qualche sospetto circa un alimento evitare di mangiarlo.

Evitare gli alimenti che contengono arachidi

Le arachidi sono comuni, ed evitare gli alimenti che le contengono può essere una sfida. I seguenti alimenti contengono spesso arachidi:

  • Frutta secca mista
  • Prodotti da forno, come biscotti e pasticcini
  • Gelati e dessert surgelati
  • Energy bar
  • Cereali e muesli
  • Pane di grano
  • Marzapane

Altri alimenti possono contenere arachidi o esserne venuti a contatto durante il processo di lavorazione. Alcuni esempi includono:

  • Torrone
  • Insalate miste
  • Caramelle al cioccolato, burro di noci (come il burro di mandorle) e semi di girasole
  • Alimenti etnici, tra cui africani, cinesi, indonesiani, piatti messicani, tailandesi e vietnamiti
  • Gli alimenti venduti nelle panetterie e gelaterie
  • Olio di arachidi
  • Alimenti per animali

Allergia nei bambini

Assicurarsi che il bambino sappia come chiedere aiuto in caso di una reazione allergica.

  • Utilizzare un piano di prevenzione. Elencare i passi da compiere in caso di reazione allergica, compreso l’ordine e le dosi di tutti i farmaci da dare, così come le informazioni di contatto per i familiari e operatori sanitari. Fornire una copia del piano di trattamento agli insegnanti e tutti coloro che si preoccupano del bambino.
  • Scoraggiare il bambino dall’accettare alimenti quali caramelle o cioccolatini. E’comune per i bambini condividere snack e leccornie varie. Tuttavia, durante i momenti di divertimento il bambino può dimenticare di avere allergie o intolleranze alimentari. Se il bambino è allergico alle arachidi, non deve mangiare il cibo degli altri.
  • Assicurarsi che il bambino abbia un autoiniettore di adrenalina sempre disponibile. Una iniezione di epinefrina (adrenalina) può immediatamente ridurre la gravità di una reazione potenzialmente letale. Assicurarsi che i familiari o insegnanti conoscano i farmaci da somministrare quando e se necessario, e che sappiano come usarli.

Referenze »

Arachidi. Allergia alimentare e Network anafilassi. http://www.foodallergy.org/page/peanuts. Consultato il 4 marzo 2012.
Allergie alimentari: una panoramica. Istituto Nazionale di allergie e malattie infettive. http://www.niaid.nih.gov/topics/foodAllergy/research/Pages/ReportFoodAllergy.aspx. Consultato il 4 marzo 2012.
Husain Z, et al. allergia alle arachidi: una comune e sempre più pericolosa allergia. Journal of the American Academy of Dermatology. 2012; 66:136.
Finkelman FD. Peanut allergia e anafilassi. Current Opinion in Immunology. 2010; 22:783.
Tintinalli JE, et al. Emergency Tintinalli di Medicina: una guida allo studio completa. 7 ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies, 2011. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=6358201. Consultato il 4 marzo 2012.
Hay WW, et al. Diagnosi e trattamento attuale: Pediatrics. 20a ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies, 2011. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=6589316. Consultato il 4 marzo 2012.
Pansare M, et al. allergia alle arachidi. Current Opinion in Pediatrics. 2010; 22:642.
Linee guida per la diagnosi e la gestione delle allergie alimentari negli Stati Uniti: Sintesi del NIAID-sponsorizzato perizia panel. Istituto Nazionale di allergie e malattie infettive. http://www.niaid.nih.gov/topics/foodAllergy/clinical/Pages/default.aspx. Consultato il 6 marzo 2012.
Linee guida per la gestione a scuola degli studenti con allergie alimentari. La Food Allergy & Anaphylaxis Network. http://www.foodallergy.org/page/food-allergy–anaphylaxis-network-guidelines. Consultato il 6 marzo 2012.
Peanut allergia. American College of Allergy, Asthma and Immunology. http://www.acaai.org/allergist/allergies/Types/food-allergies/types/Pages/peanut-allergy.aspx. Consultato il 6 marzo 2012.
Kim EH, et al. L’immunoterapia sublinguale per l’allergia alle arachidi: evidenze cliniche e immunologiche di desensibilizzazione. Journal of Allergy and Clinical Immunology. 2011; 127:640.
Stahl MC, et al. Potenziali terapie per allergia alle arachidi. Annals of Allergy, Asthma & Immunology. 2011; 106:179.
Varshney P, et al. Uno studio randomizzato controllato di immunoterapia per via orale di arachidi: desensibilizzazione clinica e la modulazione della risposta allergica. Journal of Allergy and Clinical Immunology. 2011; 127:654.

 

Link sponsorizzati