Pap test : procedura, informazioni e vantaggi


Un Pap test, è una procedura che serve per la diagnosi del cancro del collo dell’utero nelle donne. Un Pap test prevede la raccolta delle cellule dalla cervice inferiore, la parte più stretta dell’ utero che è nella parte superiore della vagina.

Link sponsorizzati

Un rilevamento precoce del cancro cervicale con un Pap test offre una maggiore possibilità di cura. Un Pap test può anche rilevare alterazioni delle cellule cervicali che suggeriscono che il cancro può svilupparsi in futuro. Il rilevamento di queste cellule è il primo passo per fermare un possibile sviluppo di cancro del collo dell’utero.

Perché viene fatto?

Un Pap test viene utilizzato per lo screening per il cancro del collo dell’utero. Il Pap test è di solito fatto in collaborazione con un esame pelvico. Nelle donne di età superiore ai 30 anni, il Pap test può essere combinato con un test per il papillomavirus umano (HPV) -una comune infezione a trasmissione sessuale che può causare il cancro della cervice in alcune donne.

Chi dovrebbe fare un Pap test?

In generale, i medici raccomandano il Pap test intorno all’età di 21 anni e poi ogni due o tre anni. Si può prendere in considerazione un Pap test con minore frequenza dopo i 30 anni o se si hanno avuti più test negativi di fila. Inoltre dopo i 30 anni, il medico può decidere lo screening ogni cinque anni quando il Pap test viene combinato con un test HPV.

Se si dispone di alcuni fattori di rischio il medico può raccomandare Pap test più frequenti, indipendentemente dall’età.

Questi fattori di rischio includono:

  • Una diagnosi di cancro del collo dell’utero o un Pap-test che ha mostrato cellule precancerose
  • L’esposizione a dietilstilbestrolo (DES) prima della nascita
  • L’infezione da HIV
  • Indebolimento del sistema immunitario a causa di trapianto di organi, chemioterapia o l’uso cronico di corticosteroidi

Cosa raccomandano le organizzazioni mediche?

Un certo numero di organizzazioni hanno raccomandazioni in materia di quando e quanto spesso una donna dovrebbe sottoporsi ad un Pap test. Poiché ogni organizzazione prende in considerazione diversi fattori. Le linee guida sono solo raccomandazioni che vanno ovviamente discusse con il proprio medico a seconda dei casi.

In generale, i gruppi concordano sul fatto che si dovrebbe avere il primo Pap Pap all’età di 21 anni:

  • L’American Cancer Society (ACS) consiglia di avere il vostro primo Pap Pap a 21 anni.
  • Il Congresso di ostetricia e ginecologia (ACOG) raccomanda di avere il vostro primo Pap test a 21 anni.
  • La US Preventive Services Task Force (USPSTF) raccomanda che le donne inizino il Pap test a 21 anni.

 

Età ACS ACOG USPSTF
21-29 Ogni 3 anni Ogni 2 anni Ogni 3 anni
30 e più vecchi Ogni 3 anni, oppure ogni 5 anni, quando Pap test è abbinato ad un test HPV – donne ad alto rischio può essere necessario screening più spesso Ogni 3 anni se hai avuto tre test negativi di fila Ogni 3 anni, oppure ogni 5 anni, quando Pap test è abbinato ad un test HPV


Chi può prendere in considerazione di non sottoporsi al Pap Test?

In certe situazioni la donna e il medico possono decidere di porre fine al Pap test, come ad esempio:

  • Dopo isterectomia totale. Se l’isterectomia è stata eseguita per una condizione non cancerosa, come fibromi uterini, si può essere in grado di interrompere Pap test di routine. Ma se l’isterectomia è stata eseguita per una condizione precancerosa o cancerosa, il medico può raccomandare di continuare i Pap test di routine.
  • Età avanzata. Molti gruppi concordano sul fatto che le donne anziane possono prendere in considerazione l’arresto del Pap test di routine. le linee guida suggeriscono che una donna di età superiore ai 65 anni può smettere di eseguire pap test di routine se  ha avuto risultati normali nei precedenti esami. Come sempre discutere le opzioni con il medico e insieme si può decidere cosa è meglio in base alle ai fattori di rischio.

Rischi

Un Pap test è un modo sicuro per lo screening dell cancro del collo dell’utero. Tuttavia, un Pap test non è infallibile. E’possibile ricevere risultati falsi negativi anche se si dispone di cellule anomale.

Un risultato falso negativo non significa che è stato commesso un errore. I fattori che possono causare un risultato falso-negativo sono:

  • Una raccolta di cellule insufficiente
  • Un piccolo numero di cellule anormali
  • Le cellule ematiche o infiammatorie che oscurano le cellule anormali

Sebbene sia possibile per le cellule anormali passare inosservate, il tempo è dalla  parte del paziente. Il cancro della cervice richiede diversi anni per svilupparsi. E se un test non rileva le cellule anomale, il prossimo test lo farà di sicuro.

Come ci si prepara

Per assicurarsi che il Pap test sia  efficace, seguire questi suggerimenti:

Evitare rapporti sessuali, irrigazioni o dell’utilizzo di farmaci vaginali per due giorni prima dell’esame, in quanto questi possono lavare via o nascondere cellule anomale.
Cercate di non pianificare un Pap test durante il periodo mestruale. Anche se il test può essere fatto, è meglio evitare.

immagine pap test.jpg

Durante il Pap test
 
Un Pap test viene eseguito nello studio del medico e richiede solo pochi minuti. È possibile che venga chiesto di spogliarsi completamente o solo dalla cinta in giù.

Il medico inserisce delicatamente uno strumento chiamato speculum nella vagina. Lo speculum tiene le pareti della vagina aperte in modo che il medico possa vedere facilmente la cervice.

poi il medico può prelevare campioni di cellule cervicali con una spazzola morbida o un dispositivo di raschiatura piatto chiamato spatola. Questo di solito non fa male.

Dopo il Pap test
 
Dopo il Pap test, si tornare alla vita di sempre senza restrizioni.

A seconda del tipo di Pap test, il medico trasferisce il campione di cellule raccolte dalla cervice In un recipiente contenente un liquido speciale per preservare il campione o su un vetrino (Pap test convenzionale) .

I campioni vengono trasferiti ad un laboratorio dove vengono esaminate al microscopio per cercare caratteristiche nelle cellule che indicano il cancro o una condizione precancerosa.

In alcuni casi, il medico contatta il paziente solo se il test  è positivo o servono altri accertamenti.

Risultati

Il Pap test può allertare il medico per la presenza di cellule sospette che necessitano di ulteriori test.

Risultati normali
 
Se sono state trovate solo cellule normali del collo dell’utero il Pap test, il test è risultato negativo.

Risultati anormali

Se cellule atipiche o inusuali sono state scoperte durante il Pap test, si parla di risultato positivo. Un risultato positivo non significa che è presente il cancro del collo dell’utero. Cosa significa un risultato positivo dipende dal tipo di cellule scoperte nel Pap test.

Qui ci sono alcuni termini che il medico potrebbe usare:

  • Cellule squamose atipiche di significato indeterminato (ASCUS). Le cellule squamose sono sottili e piatte, crescono sulla superficie di una cervice sana. Il medico può rianalizzare il campione per verificare la presenza di virus conosciuti per promuovere lo sviluppo del cancro, come alcuni tipi di papillomavirus umano (HPV). Se non si è ad alto rischio, le cellule anormali trovate come risultato della prova non sono di grande preoccupazione. Il medico può raccomandare un altro Pap test entro un anno. Se i risultati sono preoccupanti saranno necessari ulteriori test.
  • Lesione squamosa intraepiteliale. Questo termine è usato per indicare che le cellule raccolte dalla striscio possono essere precancerose. Se i cambiamenti sono di basso grado, le caratteristiche di dimensione e forma suggeriscono una lesione precancerosa, è probabile che in futuro possa svilupparsi il cancro. Se le modifiche sono di alta qualità, c’è una maggiore probabilità che la lesione possa svilupparsi in cancro molto rapidamente. Ulteriori test diagnostici sono necessari.
  • Cellule ghiandolari atipiche. Le cellule ghiandolari producono muco e crescono nell’apertura della cervice e dentro l’utero. Cellule ghiandolari atipiche non è chiaro se sono tumorali. Ulteriori test sono necessario per determinare l’origine delle cellule anormali e il loro significato.
  • Carcinoma a cellule squamose o cellule di adenocarcinoma. Questo risultato significa che le cellule prelevate per il Pap test sembrano così anomale che il patologo è quasi certo un cancro sia presente. “Carcinoma a cellule squamose” si riferisce a casi di cancro insorti nelle cellule della superficie piana della vagina o della cervice. “Adenocarcinoma” si riferisce a casi di cancro insorti nelle cellule ghiandolari. Se tali cellule sono presenti il medico consiglia altri test.

Se il Pap test è anormale, il medico può effettuare una procedura chiamata colposcopia con uno speciale strumento di ingrandimento (colposcopio) per esaminare i tessuti della vagina cervice e vulva. Può anche prendere un campione di tessuto (biopsia) da tutte le zone che appaiono anomali. Il campione di tessuto viene quindi inviato ad un laboratorio di analisi per una diagnosi definitiva.

Referenze Sources

Link sponsorizzati