Miomectomia : procedure, rischi e benefici - Informazioni Mediche

Miomectomia : procedure, rischi e benefici


La miomectomia è una procedura chirurgica per rimuovere i fibromi uterini, che sono crescite cancerose che spesso appaiono nell'utero. L'obiettivo del chirurgo durante la miomectomia è quello di agire sulla causa dei sintomi che causano i fibromi e ricostruire l'utero. A differenza della isterectomia, che rimuove l'utero intero, la miomectomia rimuove solo i fibromi e lascia l'utero intatto.

Le donne che si sottopongono a  miomectomia migliorano dei sintomi dei fibromi, compresa la pressione pelvica.

Nelle mani di un chirurgo esperto, la miomectomia è sicura ed efficace.

Perché viene fatta?

Il medico potrebbe raccomandare la miomectomia per i fibromi fastidiosi, cioè quelli in cui i sintomi sono debilitanti o interferiscono con le normali attività se:

  • Si prevede di avere figli
  • Il medico sospetta fibromi uterini che potrebbero interferire con la fertilità
  • Si preferisce mantenere l'utero

Rischi

La miomectomia ha un basso tasso di complicanze. Tuttavia, la procedura presenta un insieme unico di sfide per il chirurgo.

Rischi della miomectomia includono:

  • Eccessiva perdita di sangue. L'utero ha una ricca rete di vasi sanguigni, e i fibromi stimolano la crescita di nuovi vasi. Così durante la miomectomia, i chirurghi devono adottare misure supplementari al fine di evitare un eccessivo sanguinamento.
  • Tessuto cicatriziale. Le incisioni nell'utero per rimuovere i fibromi possono causare aderenze, che sono bande di tessuto cicatriziale che si possono sviluppare dopo l'intervento chirurgico.
  • Sviluppo di nuovi fibromi. La miomectomia non elimina il rischio di sviluppare fibromi in futuro.
  • Complicazioni al parto. Avere subito un intervento chirurgico di miomectomia può comportare alcuni fattori di rischio per la gravidanza. Se il chirurgo ha dovuto fare una profonda incisione nella parete uterina, il medico che gestisce la successiva gravidanza può raccomandare il parto cesareo per evitare la rottura dell'utero durante il travaglio.
  • Impossibilità di ripristinare la struttura dell'utero. Per rimuovere fibromi incorporati, il chirurgo potrebbe tagliare nella parete muscolare (miometrio), lasciando uno spazio.Raramente, il chirurgo deve rimuovere l'utero se l'emorragia è grave o se non può ricostruire l'utero.

fibromi uterini.jpeg

Strategie per prevenire possibili complicanze chirurgiche

Per minimizzare i rischi di un intervento chirurgico di miomectomia, il medico può raccomandare:

  • Integratori di ferro e multivitaminici. Se si dispone di anemia da carenza di ferro e pesanti cicli mestruali, il medico potrebbe raccomandare integratori di ferro e multivitaminici.
  • Trattamento ormonale. Un'altra strategia corretta per l'anemia è un trattamento ormonale prima dell'intervento chirurgico. Il medico può prescrivere la gonadotropina-releasing hormone (Gn-RH) agonista, pillole anticoncezionali, o altri farmaci ormonali per fermare o diminuire il flusso mestruale.
  • Terapia per ridurre i fibromi Alcune terapie ormonali, come ad esempio la Gn-RH terapia agonista, possono anche compattare i fibromi dell'utero e consentire al chirurgo di utilizzare un approccio chirurgico minimamente invasivo o una procedura laparoscopica, invece di una procedura aperta.

Non vi sono prove sufficienti per quanto riguarda i benefici della terapia con Gn-RH agonista prima di una miomectomia. La terapia può portare ad un  più alto livello di emoglobina e di ferro, l'aumento di globuli rossi, una minore perdita di sangue durante l'intervento, e di conseguenza tempi più brevi dell'operazione.

Come ci si prepara

Si dovrà astenersi dal mangiare o bere per almeno due ore prima dell'intervento. Alcuni anestesisti possono chiedere di non mangiare né bere nulla per otto ore precedenti l'intervento, seguire sempre le raccomandazioni del medico.

Cosa ci si può aspettare

A seconda delle dimensioni e del tipo dei fibromi, il chirurgo può scegliere uno dei tre approcci chirurgici:

  • Miomectomia addominale, in cui il chirurgo pratica un'incisione addominale aperta per accedere all'utero e rimuovere i fibromi.
  • Miomectomia laparoscopica e robotica, in cui il chirurgo accede e rimuove i fibromi multipli, attraverso piccole incisioni addominali utilizzando apparecchiature specializzate. In alcuni casi, questo approccio utilizza un robot chirurgico per eseguire l'intervento.
  • Miomectomia isteroscopica, in cui il chirurgo accede e rimuove i fibromi con strumenti inseriti attraverso la vagina e la cervice nell'utero.
  • Miomectomia addominale (laparotomia). La miomectomia addominale viene eseguito in anestesia generale.

In questa operazione, il chirurgo entra nella cavità pelvica attraverso una delle due incisioni:

  • Una incisione verticale che inizia nel bel mezzo dell'addome e si estende da poco sotto l'ombelico fino a poco sopra l'osso pubico.
  • Orizzontale. La linea di incisione che corre circa circa 2,5 centimetri sopra l'osso pubico. Questa incisione segue le linee naturali della pelle, per cui in genere si traduce in una cicatrice più sottile e provoca meno dolore di quanto non faccia una incisione verticale.

Durante la procedura, il chirurgo ispeziona l'utero visivamente e al tatto per la ricerca di fibromi.

Dopo l'intervento, i membri del team medico monitorano la condizione in sala rianimazione.

Per controllare il dolore, il medico può somministrare un oppioide (morfina e farmaci simili) o farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS) o entrambi. Molti ospedali offrono analgesia controllata dal paziente (PCA), un sistema che offre una dose di farmaci antidolorifici al flusso sanguigno in una vena quando si preme un pulsante.

La miomectomia addominale di solito richiede una degenza in ospedale di due o tre giorni. Il recupero è da quattro a sei settimane.

laparoscopia pelvica.jpgMiomectomia laparoscopica o robotica

In questa procedura minimamente invasiva, il chirurgo fa una piccola incisione nella zona dell'ombelico e gonfia l'addome con anidride carbonica. Poi con un laparoscopio dentro la cavità pelvica fornisce immagini dell'utero, ovaie e organi pelvici. Il chirurgo esegue l'operazione con strumenti appositamente predisposti inseriti attraverso altre piccole incisioni nella parete addominale. Il medico rimuove il fibroma attraverso ulteriori piccole incisioni nella parete dell'utero o attraverso un'incisione nella  vagina.

Questo approccio chirurgico utilizza piccole incisioni e riduce il tempo di guarigione post-operatoria . Alcuni chirurghi hanno severe linee guida sulle dimensioni e il numero di fibromi uterini per determinare quando la chirurgia laparoscopica è appropriata.

Un robot chirurgico viene usato quando vi sono fibromi grandi o multipli o quando la riparazione dell'utero diventa più difficile.

La miomectomia laparoscopica è spesso fatta senza degenza ospedaliera e il recupero in genere dura pochi giorni o settimane.

Miomectomia isteroscopica

Per trattare i fibromi che si gonfiano in modo significativo nella cavità uterina (fibromi sottomucosi), il chirurgo può suggerire una miomectomia isteroscopica.

La miomectomia isteroscopica richiede l'anestesia generale o spinale. Il medico inserisce un piccolo strumento illuminato chiamato resettoscopio nella cervice e nell'utero, con un tubo che rilascia un liquido trasparente per espandere la cavità uterina e consentire l'esame delle pareti uterine.

Il chirurgo taglia poi i pezzi del fibroma, utilizzando il resettoscopio, fino a quando non si allinea con la superficie della cavità uterina. Il tessuto rimosso si lava con il liquido trasparente che viene usato per espandere l'utero durante la procedura.

Raramente, i chirurghi usare anche un laparoscopio per visualizzare gli organi pelvici e monitorare l'esterno del fibroma durante la rimozione.

La miomectomia isteroscopica è fatta solitamente senza degenza ospedaliera, e il recupero richiede in genere meno di una settimana.

Risultati

Dopo l'intervento di miomectomia, la maggior parte delle donne, ha un grande sollievo da segni e sintomi fastidiosi, tra cui un eccessivo sanguinamento mestruale, dolore pelvico e pressione. Tuttavia, la chirurgia miomectomia non è una soluzione permanente per i fibromi uterini.

Referenze

American College of Obstetrics and Gynecologists. Alternative alla isterectomia nella gestione dei miomi. Obstetrics & Gynecology. 2008; 112:387.
Haney AF. Leiomiomi. In: Gibb RS, et al. Danforth di Ostetricia e Ginecologia. 10 ed. Philadelphia, Pa.: Lippincott Williams & Wilkins, 2008:916.
Il Comitato Pratica della American Society for Reproductive Medicine. Miomi e funzione riproduttiva. Fertility and Sterility. 2008; 90 (suppl): S125.
Stovall TG, et al. Miomectomia. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 18 gennaio 2011.
Gestione dei fibromi uterini: un aggiornamento delle prove. Rockville, Md: Agenzia per la Ricerca Sanitaria e Qualità. http://www.ahrq.gov/downloads/pub/evidence/pdf/uterupdate/uterup.pdf. Consultato il 31 gen 2011.
LL podalica, et al. Leiomiomi uteri e miomectomia. In: Rock JA, et al. Operativa Ginecologia Te Linde. 10 ed. Philadelphia, Pa.: Wolters Kluwer Health Lippincott Williams & Wilkins, 2008:687.
Khaund A, et al. Impatto dei fibromi sulla funzione riproduttiva. Best Practice & Ricerca Clinica Ostetricia e Ginecologia. 2008; 22:749.
Seracchioli R, et al. Ostetrica e l'esito consegna di gravidanze ottenute dopo miomectomia laparoscopica. Fertility and Sterility. 2006; 86:159.
Agdi M, et al. Trattamento endoscopico dei fibromi uterini. Best Practice & Ricerca Clinica Ostetricia e Ginecologia. 2008; 22:707.
Spies JB, et al. I risultati delle terapie leiomioma: Confronto con controlli normali. Obstetrics & Gynecology. 2010; 116:641.



Link sponsorizzati


comments powered by Disqus