Mammografia : esame, calcificazioni e risultati


La mammografia è una radiografia della mammella utilizzata per lo screening del cancro al seno. Le mammografie svolgono un ruolo chiave nella diagnosi precoce del cancro al seno e aiutano a diminuire i decessi per cancro al seno.

Link sponsorizzati

Durante una mammografia, il seno è compresso tra due superfici al fine di diffondere il tessuto del seno. Poi una macchina a raggi -X cattura le immagini che il medico utilizza per rilevare i cambiamenti e un eventuale cancro.

La mammografia può essere utilizzata per lo screening o per scopi diagnostici. Quante volte si dovrebbe eseguire una mammografia dipende dall’età e dal rischio di cancro al seno.

Perché viene eseguita?

La mammografia del seno è fondamentale per rilevare i tumori e altre anomalie. La mammografia può essere usata sia per lo screening che per scopi diagnostici nella valutazione di un nodulo al seno:

  • Mammografia di screening. lo screening mammografico è utilizzato per rilevare i cambiamenti del seno in donne che non hanno segni o sintomi o semplicemente anomalie del seno osservabili. L’obiettivo è quello di rilevare il cancro prima che i segni clinici siano evidenti. La mammografia di screening è costituita da due immagini di ogni mammografia al seno prese da angolazioni diverse.
  • Mammografia diagnostica. La mammografia diagnostica viene utilizzata per studiare le modifiche mammarie sospette, come ad esempio un nodulo al seno, dolore al seno, o la pelle con un aspetto insolito, Ispessimento capezzolo o secrezione dal capezzolo. E’ anche usata per valutare i risultati anomali su una mammografia di screening.

Quando iniziare la mammografia di screening

Vari esperti delle organizzazioni mediche hanno pareri discordi su quando le donne dovrebbero iniziare regolari mammografie o quanto spesso dovrebbero farle. Parlare con il proprio medico circa i fattori di rischio, le preferenze, ed i benefici dello screening. Insieme, si può decidere quale programma di screening mammografico è meglio a seconda dei casi.

Alcune linee guida generali per quando iniziare a mammografia di screening sono:

  • Le donne con un rischio medio di cancro al seno. Molte donne iniziano la mammografia a 40 anni e la ripetono ogni uno o due anni.
  • Le donne con un elevato rischio di cancro al seno. Donne con un alto rischio di cancro al seno possono beneficiare iniziando mammografie di screening prima dei 40 anni. Parlare con il medico è fondamentale al fine di iniziare un programma individualizzato. I fattori di rischio, quali una storia familiare di cancro al seno, possono portare il medico a raccomandare la risonanza magnetica (MRI) in combinazione con la mammografia.

macchina per la mammografia.jpg

Rischi

Rischi e limiti della mammografia sono:

  • Basse dosi di radiazioni. La dose è molto bassa, quindi per la maggior parte delle donne i benefici sono superiori ai rischi.
  • La mammografia non è sempre precisa. La precisione della procedura dipende in parte dalla tecnica utilizzata e dall’esperienza e competenza del radiologo. Altri fattori – come l’età e la densità del seno – possono portare a mammografie con falsi negativi o falsi positivi. Se si ha avuto un cambiamento nel seno, il medico può ordinare una mammografia diagnostica in modo che la zona sospetta si veda più da vicino di quanto possa essere fatto con una mammografia di screening.
  • Mammografia nelle donne più giovani possono essere difficili da interpretare. I seni delle donne più giovani contengono più le ghiandole e legamenti rispetto a quelli delle donne anziane, con conseguente tessuto mammario denso che può oscurare i segni di cancro. Con l’età, il tessuto del seno diventa più grasso e ha un minor numero di ghiandole, rendendo più facile da interpretare e rilevare i cambiamenti.
  • Una mammografia può portare a ulteriori test. Tra le donne di tutte le età, circa il 10 per cento delle mammografie richiedono ulteriori test, inclusi test di imaging aggiuntivi come l’ecografia, e una biopsia per rimuovere un campione di tessuto del seno per le prove di laboratorio. Tuttavia, i risultati più anomali rilevati sulla mammografia non sono sempre sinonimo di cancro. Se la mammografia è anormale, assicurarsi che il radiologo abbia confrontato la mammografia corrente con tutte le mammografie precedenti.
  • La mammografia di screening non è in grado di rilevare tutti i tumori. Alcuni tumori individuati con l’esame fisico non possono essere visti sulla mammografia. Un cancro può essere troppo piccolo o può essere in una zona che è difficile da visualizzare come ad esempio l’ascella.

Come ci si prepara

  • Scegliere una struttura certificata. E’ fondamentale affidarsi solo a strutture realmente competenti.
  • Portate le immagini di mammografie precedenti.
  • Non utilizzare deodoranti prima di una mammografia. Evitare l’uso di deodoranti, antitraspiranti, polveri, lozioni, creme o profumi sotto le braccia o sui  seni. Particelle metalliche in polvere e deodoranti potrebbero essere visibili e creare confusione nei referti radiologici.

Durante l’esame

Per la procedura stessa, ci si trova di fronte ad un macchina a raggi X appositamente progettato per la mammografia. Il tecnico pone uno dei seni su una piattaforma. Il tecnico aiuta a posizionare la testa, le braccia e il busto per consentire una visione chiara del seno.

Il seno viene poi gradualmente premuto contro la piattaforma da una piastra di plastica trasparente. La pressione viene applicata per alcuni secondi per diffondere il tessuto mammario. La pressione non è nociva, ma alcune donne provano un lieve disagio. Se il disagio dovesse risultare troppo importante, informare il tecnico.

Il seno deve essere compresso per uniformare lo spessore e permettere ai raggi X di penetrare il tessuto del seno. La pressione minimizza la dose di radiazioni necessaria. Durante la breve esposizione ai raggi X, verrà chiesto di fermarsi e trattenere il respiro.

Dopo l’esame

Una volta che le immagini sono fatte di entrambe le mammelle, potrebbe essere chiesto di aspettare mentre il tecnico controlla la qualità delle immagini. L’intera procedura richiede solitamente meno di 30 minuti. In seguito, ci si può vestire e riprendere la normale attività.

Risultati

La mammografia produce immagini in bianco e nero del tessuto del seno. Se la mammografia è digitale, le immagini sono elettroniche e vengono visualizzate su un monitor o stampate . Un radiologo interpreta le immagini e invia una relazione scritta del risultati al medico.

calcificazioni.jpegRisultati possibili includono:

  • Depositi di calcio (calcificazioni) nei condotti e altri tessuti
  • Masse o grumi
  • Tessuti distorti
  • Aree ad alta densità che appaiono solo in un seno o in una zona specifica della mammografia
  • Nuova area densa che è apparsa solo nell’ultima mammografia

Le calcificazioni possono essere il risultato di secrezioni cellulari, lisati cellulari, infiammazioni e traumi. Minuscoli depositi irregolari chiamati microcalcificazioni possono essere associati con il cancro. Grandi aree di calcificazione possono essere causate dall’invecchiamento o da una condizione benigna come un fibroadenoma. La maggior parte delle calcificazioni al seno sono benigne, ma se le calcificazioni appaiono preoccupanti, il radiologo può ordinare ulteriori esami.

Aree ad alta densità indicano un tessuto ghiandolare che è più grasso, che può rendere calcificazioni e masse più difficili da identificare o differenziare dal normale tessuto ghiandolare. Aree ad alta densità possono anche rappresentare il cancro. Aree distorte suggeriscono i tumori che possono aver invaso i tessuti vicini.

Alcune situazioni richiedono l’utilizzo di una risonanza magnetica (MRI) nelle zone dove la mammografia non mostra cosa sta causando un cambiamento del seno o anomalie.

Referenze »

Screening dei tumori al seno (PDQ). National Cancer Institute. http://www.cancer.gov/cancertopics/pdq/screening/breast/Patient/AllPages. Consultato il 22 giugno 2011.
Mammografia. RadiologyInfo.org. http://www.radiologyinfo.org/en/info.cfm?pg=mammo. Consultato il 22 giugno 2011.
James JJ, et al. Il seno. In: Adam A, et al. Grainger & Radiologia Diagnostica Allison. 5 ed. Philadelphia, Pa.: Elsevier Churchill Livingstone, 2008. Consultato il 21 giugno 2011.
Smith RA, et al. Screening dei tumori negli Stati Uniti, 2011: Una revisione delle linee guida attuali Cancer Society americana e le questioni in materia di screening del cancro. CA Cancer Journal for Clinicians. 2011; 61:8.
Screening per il cancro al seno. Servizi US Preventive Task Force. http://www.uspreventiveservicestaskforce.org/uspstf/uspsbrca.htm. Consultato il 22 giugno 2011.
Informazione dei consumatori (MQSA). US Food and Drug Administration. Consultato il 22 giugno 2011.
Yau EJ, et al. L’utilità di MRI del seno come strumento di problem-solving. The Breast Journal. 2011; 17:273.

 

Link sponsorizzati