Diarrea del viaggiatore : sintomi, cause, prevenzione e rimedi


La diarrea del viaggiatore è un disturbo dell’apparato digerente che provoca comunemente feci molli  e crampi addominali. E’ causata dal mangiare cibi contaminati o dal bere acqua contaminata. Fortunatamente, la diarrea del viaggiatore di solito non è grave è solo sgradevole.

Link sponsorizzati

Quando si visita un posto dove il clima, le condizioni sociali, sanitarie  sono diverse dalla propria si ha un rischio maggiore di sviluppare la diarrea del viaggiatore.

Essere attenti a ciò che si mangia e si beve durante il viaggio può ridurre il rischio di diarrea del viaggiatore. Se si sviluppa la diarrea del viaggiatore, è probabile che si risolva senza trattamento. Tuttavia, è una buona idea avere farmaci contro questo problema quando si viaggia.

Sintomi

La diarrea del viaggiatore di solito inizia bruscamente durante il viaggio o subito dopo che si torna a casa. La maggior parte dei casi migliorano entro uno o due giorni senza trattamento e recuperano completamente entro una settimana. Tuttavia, è possibile avere più episodi di diarrea del viaggiatore durante un viaggio.

I più comuni segni e sintomi di diarrea del viaggiatore sono:

  • Aumento della frequenza, volume e peso delle feci
  • Frequente perdita di feci, di solito circa quattro o cinque al giorno
  • Un urgente bisogno di defecare
  • Crampi addominali
  • Nausea
  • Vomito
  • Febbre
  • Gonfiore

A volte, le persone sperimentano da moderata a grave disidratazione, feci sanguinolente, vomito persistente o febbre alta. Se la diarrea dura più di pochi giorni, è il momento di vedere un medico.

La diarrea del viaggiatore di solito va via da sola entro pochi giorni. Segni e sintomi possono durare più a lungo ed essere più gravi se la condizione è causata da microrganismi diversi dai batteri comuni. In questi casi, potrebbe essere necessaria la prescrizione di farmaci.

Se si dispone di una grave disidratazione, vomito persistente, feci sanguinolente o di una febbre alta, o se i sintomi durano più di pochi giorni, consultare un medico.

Prestare particolare attenzione con i bambini, perché la diarrea del viaggiatore può causare disidratazione grave in breve tempo. Chiamare un medico se il bambino è malato e presenta uno qualsiasi dei seguenti segni o sintomi:

  • Vomito persistente
  • Sangue nelle feci o diarrea grave
  • Una febbre di 39 C o più
  • La secchezza della bocca o pianto senza lacrime
  • Segni di sonnolenza o non risposta agli stimoli
  • Diminuzione del volume di urina

diarrea del viaggiatorejpg.jpg

Cause

E’ possibile che la diarrea del viaggiatore possa derivare dallo stress del viaggio o da un cambiamento nella dieta. Ma quasi sempre un agente infettivo è il colpevole.

In genere si sviluppa la diarrea del viaggiatore dopo l’ingestione di cibo o acqua contaminati con i microorganismi delle feci. Questi organismi sono agenti infettivi compresi diversi batteri, virus e parassiti che si inseriscono nel tubo digerente e attaccano i meccanismi di difesa, con conseguenti segni e sintomi di diarrea del viaggiatore.

La causa più comune di diarrea del viaggiatore è l’enterotossigena Escherichia coli (ETEC). Questi batteri si attaccano alla mucosa dell’intestino e rilasciano una tossina che provoca diarrea e crampi addominali.

Allora, perché le persone che vivono in certi paesi non hanno questo problema? Semplice, spesso i loro corpi sono abituati ai batteri ed hanno sviluppato l’immunità

Fattori di rischio

Ogni anno milioni di turisti internazionali combattono con la diarrea del viaggiatore. Destinazioni ad alto rischio per la diarrea del viaggiatore sono i paesi in via di sviluppo in America Latina, Africa, Medio Oriente e Asia.

Tuttavia, il rischio di diarrea del viaggiatore è generalmente basso nel nord Europa, Giappone, Canada, Australia, Nuova Zelanda e Stati Uniti.

Le probabilità di ottenere la diarrea del viaggiatore sono in gran parte determinate dalla destinazione. Ma alcuni gruppi di persone hanno un rischio maggiore di sviluppare la malattia. Questi includono:

  • Giovani adulti. La condizione è leggermente più comune nei giovani. Anche se i motivi non sono chiari, è possibile che i giovani non abbiano un sistema immunitario forte,  oppure semplicemente sono meno cauti nelle scelte alimentari.
  • Le persone con sistema immunitario indebolito. un indebolimento del sistema immunitario aumenta la vulnerabilità alle infezioni.
  • Le persone con diabete o malattia infiammatoria intestinale. Queste condizioni possono lasciare un rischio maggiore di infezioni.
  • Le persone che assumono bloccanti acidi o antiacidi. L’acido nello stomaco tende a distruggere gli organismi, quindi una riduzione dell’acidità gastrica può lasciare maggiori opportunità per la sopravvivenza batterica.
  • Le persone che viaggiano in determinate stagioni. Il rischio di diarrea del viaggiatore varia a seconda della stagione in alcune parti del mondo. Ad esempio, il rischio è più alto in Asia meridionale durante i mesi caldi appena prima dellastagione dei monsoni.

Complicazioni

Poiché si perdono liquidi vitali, sali e minerali nel corso della diarrea del viaggiatore, si può diventare disidratati. I bambini sono particolarmente vulnerabili alla disidratazione, e  ciò può essere grave.

Trattamenti e cure

Dato che la diarrea del viaggiatore tende a risolversi da sola, si può stare meglio senza alcun intervento. E’importante però, cercare di rimanere idratati con liquidi come l’acqua in bottiglia o succo di frutta in scatola. Se non sembra migliorare rapidamente, è possibile usare diversi farmaci per contribuire ad alleviare i sintomi.

  • Angenti Anti-motilità. Questi farmaci, che includono loperamide (Imodium AD), i farmaci contenenti difenoxilato (Lomotil) e gli oppiacei, come paregorico e la codeina danno un sollievo rapido ma temporaneo, riducendo gli spasmi muscolari nel tratto gastrointestinale, rallentando il tempo di transito attraverso il sistema digestivo. Non sono raccomandati per bambini o persone con febbre o diarrea sanguinosa, in quanto possono ritardare la liquidazione dei microrganismi infettivi e rendere la malattia peggiore. Inoltre, interrompere l’uso di agenti anti-motilità dopo 48 ore se si dispone di dolore addominale o  segni di peggioramento dei sintomi.
  • Subsalicilato bismuto(Pepto-Bismol). Questo farmaco può ridurre la frequenza delle feci e ridurre la durata della sua malattia. Tuttavia, non è raccomandato nei bambini, donne in gravidanza o persone che sono allergiche all’aspirina.
  • Gli antibiotici. Se si hanno sintomi gravi il medico può prescrivere un ciclo di tre-cinque giorni di antibiotici.

Prima di partire per il viaggio, rivolgersi sempre al medico per chiedere informazioni circa i farmaci appropriati da portare in viaggio. Alcuni farmaci disponibili in altri paesi possono essere pericolosi.

Evitare la disidratazione

La disidratazione è la complicanza più probabile della diarrea del viaggiatore, quindi è importante cercare di rimanere ben idratati.

Una soluzione di reidratazione orale (ORS) è il modo migliore per sostituire i liquidi persi. Queste soluzioni contengono acqua e sali in proporzioni specifiche per riempire entrambi i fluidi ed elettroliti. Essi contengono anche glucosio o altri carboidrati, come la polvere di riso, per migliorare l’assorbimento nel tratto intestinale.

Se questi prodotti non sono disponibili, si può preparare la soluzione reidratante in caso di emergenza mescolando insieme:

  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 6 cucchiaini di zucchero
  • 1 litro di acqua potabile

Si può bere la soluzione in piccole quantità durante il giorno come supplemento ai cibi solidi fino a quando persiste la disidratazione. Piccole quantita per ridurre il rischio di vomito. Se i sintomi di disidratazione non dovessero migliorare, cercare immediatamente assistenza medica. Soluzioni reidratanti orali sono destinate solo a trattamenti a breve termine.

Rimedi

Se si ha la diarrea del viaggiatore, è bene evitare i prodotti alcolici, caffeina e latticini, che possono peggiorare i sintomi o aumentare la perdita di liquidi. Ma è fondamentale bere liquidi.

Bere succhi di frutta in scatola, tè, brodo, o bevande sportive per sostituire i liquidi persi ed i minerali. Più tardi, come la diarrea migliora, provare una dieta di carboidrati complessi, come ad esempio cracker salati, cereali, banane, succo di mela, pane tostato o pane, riso, patate e tagliatelle. Una volta che la diarrea va via, si può tornare alla dieta normale. Basta essere sicuri di aggiungere i prodotti lattiero-caseari, bevande contenenti caffeina e cibi ricchi di fibre con cautela.

Prevenzione

Guardate ciò che mangiate !

la regola generale quando si viaggia in un altro paese è questo: Far bollire, cuocere, sbucciare o non mangiare. Purtroppo, la maggior parte dei viaggiatori non utilizzano queste linee guida al 100 per cento. Ricordatere sempre questi consigli:

  • Non acquistare cibo da venditori ambulanti.
  • Evitare il latte non pastorizzato e prodotti caseari, gelati.
  • Evitare la carne cruda o poco cotta, pesce e crostacei.
  • Evitare le salse e le offerte a buffet.
  • Mangiare cibi che sono ben cotti e serviti caldi.
  • Stare lontano da insalate e frutta che non si può sbucciare, come uva e frutti di bosco.
  • Essere consapevoli del fatto che l’alcol in una bevanda non terrà al sicuro dall’ acqua contaminata del ghiaccio.

 

cibo contaminato1.jpg

Il problema acqua

Quando si visitano paesi ad alto rischio, mantenere i seguenti accorgimenti:

  • Evitare l’acqua non sterilizzata dal rubinetto, o fondate. Se si deve consumare l’acqua locale, bollire per cinque o 10 minuti.
  • Evitare i cubetti di ghiaccio o succhi di frutta misti a base di acqua del rubinetto.
  • Attenzione allafrutta tagliata che potrebbe essere stata lavata in acqua contaminata.
  • Non fare il bagno in acqua contaminata.
  • Tenere la bocca chiusa durante la doccia.
  • Usare l’acqua in bottiglia per lavarsi i denti.
  • Usare l’acqua in bottiglia o bollita per mescolare il latte per bambini.
  • Ordinare bevande calde, come il caffè o tè, e assicurarsi che siano fumanti.
  • Se non è possibile acquistare acqua in bottiglia o bollire l’acqua, portare alcuni mezzi per purificare l’acqua.

Ulteriori suggerimenti

Qui ci sono altri modi per ridurre il rischio di diarrea del viaggiatore:

  • Assicurarsi che le stoviglie e gli utensili siano puliti e asciutti prima di usarli.
  • Lavarsi le mani spesso e sempre prima di mangiare.
  • Cercare prodotti alimentari che richiedono una preparazione facile
  • Impedire ai bambini di mettere le cose in bocca.
  • Legare un nastro colorato attorno al rubinetto del bagno per ricordare di non bere o lavarsi i denti con acqua di rubinetto.

Altre misure preventive

Gli esperti di salute pubblica in generale consigliano di non assumere antibiotici per prevenire la diarrea del viaggiatore, perché così facendo si può contribuire allo sviluppo di batteri resistenti agli antibiotici. Inoltre, gli antibiotici non forniscono alcuna protezione contro virus e parassiti, ma possono fornire ai viaggiatori un falso senso di sicurezza sui rischi del consumo di cibi locali e bevande. Possono anche causare spiacevoli effetti collaterali, come eruzioni cutanee, reazioni della pelle al sole e le infezioni vaginali.

Come misura preventiva, alcuni medici suggeriscono di prendere subsalicilato di bismuto (Pepto-Bismol), che ha dimostrato diminuire il rischio di diarrea. Tuttavia, non prendere questo farmaco per più di tre settimane, e non prenderne affatto se si è allergici all’aspirina, in stato di gravidanza o si assumono anticoagulanti. Effetti collaterali comuni includono una innocui feci lingua e scuro di colore nero. In alcuni casi può causare stitichezza, nausea e, raramente, ronzio nelle orecchie (acufene).

Referenze »

Wanke CA. Diarrea del viaggiatore. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 21 aprile 2011.
Diarrea del viaggiatore ‘. Centers for Disease Control and Prevention. http://www.cdc.gov/nczved/divisions/dfbmd/diseases/travelers_diarrhea/. Consultato il 26 aprile 2011.
de la Cabada Bauche J, et al. Nuovi sviluppi nella diarrea del viaggiatore. Gastroenterology & Hepatology. 2011; 7:88.
Salute Travelers ‘: Centers for Disease Control and Prevention. http://wwwnc.cdc.gov/travel/yellowbook/2010/chapter-2/travelers-diarrhea.aspx. Consultato il 26 aprile 2011.
Sur DK, et al. Valutare la febbre di origine non identificabile nei bambini piccoli. medico di famiglia americano. 2007; 75:1805.
Pawlowski SW, et al. Diagnosi e trattamento della diarrea acuta o persistente. Gastroenterologia. 2009; 6:1874.
Le domande più frequenti e le informazioni per i viaggiatori. Organizzazione Mondiale della Sanità. http://www.who.int/cholera/technical/FaqTravelersNov2010.pdf. Consultato il 26 aprile 2011.
Diarrea del viaggiatore . I Manuali Merck: Il Manuale Merck per gli Operatori Sanitari. http://www.merckmanuals.com/professional/print/sec02/ch016/ch016b.html. Consultato il 26 aprile 2011.

Link sponsorizzati