Crioterapia per il cancro alla prostata : procedura, risultati e guarigione


La crioterapia per il cancro alla prostata si concentra sul tessuto prostatico, causando la distruzione delle cellule tumorali. Come procedura minimamente invasiva, la crioterapia per il cancro della prostata è talvolta utilizzata come alternativa alla rimozione chirurgica della prostata (prostatectomia).

Link sponsorizzati

In passato, la crioterapia per il cancro alla prostata è stata associata con elevati effetti collaterali. I progressi nella tecnologia della crioterapia per il cancro alla prostata hanno ridotto questi effetti collaterali. La maggior parte degli uomini, tuttavia, hanno disfunzione sessuale dopo la crioterapia per il cancro alla prostata.

La crioterapia per il tumore della prostata è più spesso utilizzata negli uomini che hanno uno stadio precoce di cancro alla prostata. Ma la crioterapia per il cancro alla prostata può anche essere un’opzione di trattamento, in alcuni uomini di cui il cancro alla prostata è tornato dopo altri trattamenti.

Perché viene fatta?

La crioterapia blocca il tessuto all’interno della ghiandola prostatica. Dopo la fase di congelamento, le cellule del cancro della prostata muoiono.

Il medico può raccomandare la crioterapia per il cancro alla prostata come opzione in tempi diversi durante il trattamento del cancro e per diversi motivi, tra cui:

Come unico (primario) trattamento per il cancro, di solito per i primi stadi del cancro
Dopo i trattamenti del cancro come la radioterapia, per fermare la crescita del tumore della prostata che è tornato (terapia di salvataggio)

Rischi

Gli effetti collaterali della crioterapia per il cancro alla prostata possono includere:

  • Disfunzione sessuale
  • Impotenza
  • Dolore e gonfiore dello scroto e del pene
  • Minzione frequente
  • Minzione difficoltosa o dolorosa
  • Sangue nelle urine
  • Perdita di controllo della vescica (incontinenza urinaria)

Raramente, la crioterapia può significativamente danneggiare i tessuti e gli organi vicino alla prostata, come il retto o la vescica.

crioterapia cancro della prostata.png

Come ci si prepara

Il medico può raccomandare un clistere o una preparazione intestinale per svuotare il colon prima della crioterapia per il cancro alla prostata. Potrebbe anche essere necessario evitare di mangiare e bere per un certo periodo di tempo prima della procedura per evitare complicazioni con l’anestesia. Chiedere sempre al medico cosa fare.

Durante la crioterapia per il cancro alla prostata

La crioterapia per il cancro alla prostata viene fatta in ospedale. Può essere somministrata l’anestesia generale, o il medico può anestetizzare solo l’area chirurgica con anestesia locale o regionale.

Una volta che l’anestetico ha effetto, il medico:

  • Inserisce una sonda ecografica nel retto.
  • Posiziona un catetere all’interno dell’uretra. Il catetere viene riempito con una soluzione di riscaldamento per mantenere l’uretra sicura durante il congelamento.
  • Può inserire un catetere nella vescica attraverso il basso addome (sovra-pubica) per aiutare il drenaggio urinario dopo la crioterapia.
  • Innesta più “aste di metallo” sottili attraverso l’area tra la scroto e l’ano (perineo), nella prostata.
  • Utilizza le immagini generate dalla sonda ad ultrasuoni con attenzione per garantire il corretto posizionamento delle aste.
  • Rilascia il gas argon attraverso le aste, per il raffreddamento e il congelamento del tessuto della prostata.
  • Controlla attentamente la temperatura delle aste e la quantità di congelamento all’interno della ghiandola prostatica.
  • La Crioterapia per il tumore della prostata dura circa due o tre ore.

Dopo la crioterapia per il cancro alla prostata

Probabilmente si potrà tornare a casa il giorno la procedura, oppure si può passare la notte in ospedale. Il catetere urinario può avere bisogno di rimanere in sede per circa due settimane per consentire la guarigione. La crioterapia per il cancro alla prostata in genere si traduce in una lieve perdita di sangue. Si può essere doloranti e contusi nelle zone in cui le aste sono stati inserite e avere sangue nelle urine per diversi giorni dopo la procedura. Si possono anche avere problemi alla vescica e all’intestino temporanei. Questi problemi di solito si risolvono nel tempo. La disfunzione sessuale, compresa l’impotenza, è comune negli uomini dopo crioterapia. In molti pazienti, questi problemi persistono a lungo termine.

Risultati

Dopo la crioterapia per il cancro alla prostata, si dovranno seguire regolaie follow-up con il medico e sottoporsi a periodiche scansioni e test di laboratorio per vedere come il cancro ha risposto al trattamento.

L’attuale metodo della crioterapia per il cancro alla prostata -che impiega una guida ecografica, nuove sonde tecnologia e monitoraggio della temperatura rigida è in uso da diversi anni. I risultati a lungo termine di questa procedura sono attualmente sconosciuti.

Referenze »

La criochirurgia nel trattamento del cancro: domande e risposte. National Cancer Institute. http://www.cancer.gov/cancertopics/factsheet/Therapy/cryosurgery. Consultato il 18 gennaio 2011.
Pisters LL, et al. La crioterapia per il cancro alla prostata. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 18 gennaio 2011.
Ritch CR, et al. Aggiornamento sulla crioterapia per il cancro prostatico localizzato. Rapporti Urologia correnti. 2009; 10:206.
Levy D, et al. Stato attuale della criochirurgia urologica: prostata e del rene. BJU International. 2010; 105:590.
La criochirurgia. Cancer Society americana. http://www.cancer.org/Cancer/ProstateCancer/DetailedGuide/prostate-cancer-treating-cryosurgery. Consultato il 8 dicembre 2010.
Altre opzioni di trattamento. Prostate Cancer Foundation. http://www.pcf.org/site/c.leJRIROrEpH/b.5835255/k.7B41/Other_Treatment_Options.htm. Consultato il 8 dicembre 2010.
Babaian RJ, et al. Migliori pratiche della criochirurgia nel trattamento del cancro alla prostata localizzato. The Journal of Urology. 2008; 180:1993.

 

Link sponsorizzati