Come interpretare e comprendere i risultati degli esami del sangue e delle urine


Gli esami di laboratorio sono strumenti utili per valutare lo stato di salute di una persona. È importante rendersi conto che i risultati di laboratorio possono essere al di fuori del cosiddetto “intervallo normale” per molte ragioni. Queste variazioni possono essere dovute a cose come la razza, la preferenza dietetica, età, sesso, ciclo mestruale, il grado di attività fisica, problemi di raccolta e / o manipolazione dei campioni, e via dicendo.

Link sponsorizzati

Tutti i risultati insoliti o anomali dovrebbero essere discussi con il medico. Non è possibile diagnosticare o trattare una malattia o un problema con un solo esame del sangue. Si può, tuttavia, saperne di più sul corpo e rilevare potenziali problemi nelle fasi iniziali quando il trattamento o i cambiamenti nelle abitudini personali possono essere più efficaci.

Ecco un breve riassunto dei test più comuni.

Glucosio

Si tratta di una misura del livello di zucchero nel sangue. Valori elevati sono associati con l’assunzione di cibo prima dell’esame o il diabete.
Il range normale per una glicemia a digiuno è di 60 -99 mg / dl. Secondo i criteri ADA del 2003, il diabete viene diagnosticato con una glicemia a digiuno di 126 o più. A volte un test di tolleranza al glucosio, è necessario per verificare la presenza del diabete. Inoltre, l’emoglobina glicata (vedi sotto) può ora essere usata per diagnosticare il diabete.

E’ importante essere consapevoli che le variazioni nei normali test di laboratorio esistono.

Elettroliti

Questi sono il potassio, sodio, cloruro, ed i livelli di CO2.

Il potassio è controllato con molta attenzione da parte dei reni. È importante per il buon funzionamento dei nervi e dei muscoli, in particolare il cuore. Ogni valore al di fuori del range atteso, alto o basso, richiede una valutazione medica. Questo è particolarmente importante se si stanno assumendo diuretici o pillole per il cuore (Digitalis, Lanoxin, ecc.)

Il sodio è regolato dai reni e dalle ghiandole surrenali. Ci sono numerose cause per cui i livelli di sodio possono essere alti o bassi, ma le cause più comuni di un basso livello di sodio sono l’utilizzo di diuretici, farmaci per il diabete come clorpropamide e un eccesso di fluidi in pazienti cardiopatici o con problemi al fegato

Il CO2 riflette lo stato di acidità del sangue. Bassi livelli di CO2 può essere dovuti sia ad un aumento di acidità dato da un diabete non controllato, sia da malattie renali, alterazioni metaboliche o  emissioni di CO2 dovute ad iperventilazione cronica.

Prodotti di scarto

L’azoto ureico nel sangue (BUN) è un prodotto di scarto prodotto nel fegato ed escreto dai reni. Valori elevati possono significare che i reni non funzionano come dovrebbero. L’Azoto ureico è influenzato anche dalle diete ricche di proteine ​​dall’esercizio fisico che ne aumentare i livelli, e alla gravidanza che ne abbassa i livelli.

La creatinina è un prodotto di scarto in gran parte dalla disgregazione muscolare. Valori elevati, specialmente con alti livelli di BUN, possono indicare problemi ai reni.

L’acido urico è normalmente escreto nelle urine. Valori elevati sono associati con la gotta, artrite, problemi renali e l’uso di alcuni diuretici.

Enzimi

AST, ALT, SGOT, SGPT, e GGT e fosfatasi alcalina sono abbreviazioni per le proteine ​​chiamate enzimi che aiutano tutte le attività chimiche all’interno delle cellule. Lesioni alle cellule rilasciano questi enzimi nel sangue. Si trovano nei muscoli, nel fegato e nel cuore. Danni da alcol e un certo numero di malattie si riflettono in valori elevati.

La fosfatasi alcalina è un enzima presente soprattutto nelle ossa e nel fegato. I valori attesi sono più elevati per coloro che sono in crescita (bambini e donne incinte) o quando vi è un  danno alle ossa o al fegato, ed anche in presenza di calcoli biliari. Valori bassi non sono significativi.

GGT è anche elevata in alcune malattie del fegato, in particolare l’ostruzione dei dotti biliari. A differenza della fosfatasi alcalina non è elevata durante la crescita ossea.

AST / SGOT, ALT / SGPT sono anche enzimi del fegato e dei muscoli. Essi possono essere elevati in casi di problemi al fegato, come l’epatite, l’ingestione di alcol in eccesso, lesioni muscolari e infarto recente.

LDH è un enzima presente in tutte le cellule del corpo. Tutto ciò che danneggia le cellule, consente ad aumentarne la quantità nel sangue. Se tutti i valori tranne LDH sono entro i valori previsti, è probabilmente un errore di elaborazione e non richiede ulteriori valutazioni.

Bilirubina: è un pigmento rimosso dal sangue da parte del fegato. Valori bassi non sono di alcuna preoccupazione. Se un po’ elevata al di sopra dei valori attesi, ma con tutti gli altri enzimi (LDH, GOT, GPT, GGT) entro i valori previsti, è probabilmente una condizione nota come sindrome di Gilbert e non è significativa

CPK è un enzima che è molto utile per la diagnosi delle malattie del cuore e dei muscoli scheletrici. Questo enzima è il primo ad essere elevato dopo un infarto (3 a 4 ore). Se il CPK è alto in assenza di lesioni del muscolo cardiaco, questa è una chiara indicazione di malattie muscolo scheletriche.

esame del sangue.jpg

Proteine

La misurazione della albumina e globulina non sono altro che la quantità e il tipo di proteine ​​nel sangue. Si tratta di un indice generale di salute e nutrizione. La globulina è la proteina “degli anticorpi” importante per la lotta contro le malattie.

Il rapporto A / G è la relazione matematica tra quanto esposto sopra.

Grassi

Il colesterolo è un sostanza simile al grasso presente nel sangue che, se elevata è stata associata con le malattie cardiache

Colesterolo Totale: Elevati livelli di colesterolo nel sangue sono un importante fattore di rischio per le malattie cardiache. Il colesterolo in sé non è affatto malvagio, infatti, il corpo ne ha bisogno  per funzionare correttamente. Tuttavia, quando il livello diventa troppo alto, può creare una serie di gravi problemi di salute. Un colesterolo totale inferiore a 200, e un colesterolo LDL di 100 o inferiore è considerato ottimale dal National Heart, Lung, and Blood Institute. I livelli che il medico consiglierà dipendono dai vari fattori che possono variare da persona a persona, ovviamente qui si parla solo per linee generali.

Come aumenta il livello di colesterolo nel sangue, aumenta la possibilità di formazione di placche nelle arterie.

Ci sono tre tipi principali di colesterolo, lipoproteine ​​ad alta densità (HDL), le lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) e lipoproteine ​​a bassissima densità (VLDL).

Il colesterolo LDL è considerato “colesterolo cattivo”, perché forma depositi di colesterolo nelle arterie quando i livelli di LDL sono elevati. Un livello di LDL inferiore a 130 è raccomandato, 100 è ottimale, i valori superiori a 160 sono considerati ad alto rischio e dovrebbero essere valutati immediatamente dal medico.

Il colesterolo HDL è un ‘colesterolo buono’ in quanto serve a proteggere contro le malattie cardiache aiutando a rimuovere l’eccesso di colesterolo depositato nelle arterie. Alti livelli sembrano essere associati a una bassa incidenza di malattia coronarica.

Anche i trigliceridi se elevati, sono associati con le malattie cardiache, specialmente se più di 500 mg. Alti livelli di trigliceridi sono anche associati con la pancreatite. I livelli di trigliceridi oltre 150 mg / dl possono essere associata ad altri problemi cardiaci. Modi per abbassare i trigliceridi sono : 1) riduzione del peso, se sovrappeso, 2) ridurre i grassi animali nella dieta: mangiare più pesce, 3) prendere alcuni farmaci che il medico può prescrivere, 4) pratica un regolare esercizio aerobico, 5) diminuzione il consumo di alcol e il consumo di zucchero. Alcol e zucchero non sono grassi, ma il corpo li può convertire in grassi  6) limitare le calorie. I carboidrati vengono convertiti in trigliceridi se consumati in eccesso.

Le VLDL (lipoproteine ​​a densità molto bassa) sono un altro vettore di grasso nel sangue.

Marcatori di rischio cardiaco

Proteina C reattiva (CRP): Questo è un marker dell’infiammazione. Tradizionalmente è stato usato per valutare l’infiammazione in risposta alle infezioni. Ma la proteina C reattiva, è utile nel prevedere le malattie vascolari, infarto o ictus. Il miglior trattamento per un alto livello di proteina C reattiva non è stato ancora definito, tuttavia i farmaci come le statine, niacina, la perdita di peso, smettere di fumare e fare esercizio fisico, sembrano migliorarne il livello.

L’omocisteina: L’omocisteina è un aminoacido che si trova normalmente in piccole quantità nel sangue. Livelli più alti sono associati con un aumentato rischio di infarto e altre malattie vascolari. I livelli di omocisteina possono essere elevati a causa di una carenza di acido folico o vitamina B12, per cause genetiche, l’età avanzata, malattie renali, o alcuni medicinali. Gli uomini tendono ad avere livelli più alti. È possibile ridurre il livello di omocisteina mangiando più verdure e cereali. Il trattamento usuale è l’acido folico con o senza vitamina B-12.

Lipoproteina (a) o Lp (a): Un elevato livello di lipoproteina (a) (Lp [a]),sembra associato con le malattie coronariche. L’esatto meccanismo non è ancora chiaro, ma sembra che ci sia una forte componente genetica. Le persone con diabete e un alto livello di Lp (a) sembrano avere un aumentato rischio di malattia coronarica asintomatica.

Minerali

Il calcio è controllato nel sangue dalle ghiandole paratiroidi e dei reni. Il calcio si trova soprattutto nelle ossa ed è importante per una corretta coagulazione del sangue, salute dei nervi, e l’attività delle cellule. Un livello di calcio elevato può essere dovuto a farmaci come i diuretici tiazidici, a malattie ereditarie o ad un eccesso di attività della ghiandola paratiroide ,etc. Un livello basso può essere dovuto ad alcuni disordini metabolici come i livelli di ormone paratiroideo insufficienti, oppure farmaci come Fosamax o furosemide.

Il calcio è legato all’albumina nel sangue, quindi un basso livello di albumina provocherà un basso livello di calcio totale nel sangue. Il medico può facilmente determinare se questo è significativo o meno.

Il fosforo è ampiamente memorizzato nell’osso. Esso è regolato dai reni, e livelli elevati possono essere dovuti a malattie renali. Quando i livelli bassi sono in simbiosi con alti livelli di calcio questo suggerisce una malattia delle paratiroidi, tuttavia ci sono anche altre cause. Un livello di fosforo basso, in combinazione con un alto contenuto di calcio, può suggerire una ghiandola paratiroidea iperattiva.

Tiroide

Ci sono 2 tipi di ormoni tiroidei facilmente misurabili nel sangue tiroxina (T4) e triiodotironina (T3). Per ragioni tecniche, è più facile e meno costoso misurare il livello di T4, il T3 quindi non è solitamente misurato su test di screening. Inoltre, la maggior parte delle malattie ha impatto sia sul T4 e sul T3 in modo simile.

La tiroxina (T4 totale o TT4) . Questo valore mostra l’importo totale del T4. Il T4 totale è costituito da due porzioni; T4 che è legato alle proteine ​​di trasporto ed è inattivo, ed un T4 che è disponibile per le cellule e quindi attivo. Alti livelli può essere dovuti a ipertiroidismo. Ciò può verificarsi quando i livelli di estrogeni sono elevati tipo durante una gravidanza, con l’uso della pillola anticoncezionale o con la terapia estrogenica sostitutiva.

T4 libero (FT4) Questo test misura direttamente il T4 libero nel sangue. Poiché si tratta di un test più affidabile, molti laboratori preferiscono misurare il T4 libero piuttosto che il T4 totale. Alti livelli suggeriscono l’ipertiroidismo, e bassi livelli si trovano nell’ipotiroidismo e nelle malattie croniche.

T3 totale: (TT3) Questo di solito non è ordinato come test di controllo, ma piuttosto quando è in corso una valutazione per un problema patologico. Alcune persone con alti livelli di ormoni tiroidei T3 secernono più T4. In questi casi ipertiroidei il T4 può essere normale, il T3 alto , e il basso TSH.

T3 libero (FT3) Questo test misura solo la parte di ormone tiroideo T3 che è “libero”, cioè non legato a proteine ​​di trasporto.

T3 Uptake o captazione tiroidea . (T3RU) Questo è un test che confonde medici, infermieri e pazienti. In primo luogo, questo non è un test della tiroide, ma un test sulle proteine ​​che trasportano ormoni tiroidei  nel flusso sanguigno. Non solo, un numero elevato di test può indicare un basso livello della proteina! Il metodo di segnalazione varia da laboratorio a laboratorio. Il corretto uso del test è quello di calcolare l’indice della tiroxina libera.

Indice di tiroxina libera (FTI o T7): E’ un calcol
o matematico che consente al laboratorio di valutare l’indice di tiroxina libera dalle prove di assorbimento del T4 e T3. I risultati dicono quanto l’ormone tiroideo è libero nel flusso sanguigno. In contrasto con la T4 totale, questo è meno influenzato dai livelli di estrogeni.

Ormone stimolante della tiroide (TSH): Questo ormone  viene secreto dalla ghiandola pituitaria e regola la ghiandola tiroidea. Un alto livello suggerisce una tiroide è ipoattiva, e un basso livello suggerisce una tiroide è iperattiva.

Anticorpi tiroidei

L’Anticorpo antimicrosomiale è anche noto come  anti-TPO. Diventa elevato nella malattia tiroidea autoimmune come la tiroidite di Hashimoto, o la malattia di Graves.

Anti-Tireoglobulina. Questi anticorpi diventano elevati in alcuni casi di tiroidite autoimmune. Tende ad essere positiva più frequentemente nella malattia di Graves rispetto a quella di Hashimoto. Questo test è anche comunemente usato nei pazienti affetti da cancro alla tiroide.

esame del sangue plasma.jpgGlicoemoglobina

L’emoglobina glicata misura la quantità di glucosio chimicamente collegato ai globuli rossi. Dato che le cellule del sangue vivono circa 3 mesi, ci dice il livello di glucosio medio delle ultime 6 – 8 settimane. Un alto livello suggerisce uno scarso controllo del diabete. L’American Diabetes Association e la American Association of Clinical Endocrinologists ha recentemente approvato l’uso della HbA1c come strumento per diagnosticare il diabete, con un livello di 6,5 o più si ha il diabete. Questo fornisce un’alternativa al test di tolleranza al glucosio per via orale o al test di glucosio a digiuno per la diagnosi di diabete.

Ormoni

Insulina : L’insulina è secreta dal pancreas in risposta allo zucchero nel sangue. E’ carente nelle persone con diabete di tipo 1, e presenta livelli insufficienti nelle persone con diabete di tipo 2. L’evoluzione naturale del diabete di tipo 2 fa sì che i livelli di insulina scendano da livelli elevati a bassi livelli nel corso degli anni. Così i livelli di insulina nei soggetti con diabete di tipo 1 e diabete di tipo 2 si sovrappongono in modo significativo, e livelli di insulina non sono molto utili per determinare il tipo di diabete. I livelli di insulina variano ampiamente da persona a persona a seconda della sensibilità all’insulina. I livelli di insulina variano ampiamente a seconda di quando l’ultimo pasto si è verificato. La resistenza all’insulina è un fattore di rischio per la malattia coronarica. I livelli di insulina sono elevati anche in pazienti con ipoglicemia, tuttavia l’interpretazione di questi livelli è difficile.

C-peptide : Questo è un precursore dell’insulina. I livelli di peptide C di solito sono correlati con i livelli di insulina, tranne quando la gente utilizza iniezioni di insulina. Quando un paziente è ipoglicemico, il test può essere utile per determinare se i livelli elevati di insulina sono dovuti al rilascio eccessivo di insulina pancreatica, o da una iniezione di insulina.

Estradiolo : Questo è il tipo di estrogeno più comunemente misurato. Nelle donne che varia a seconda della loro età, e se stanno avendo normali cicli mestruali. I livelli ormonali variano anche durante l’assunzione della pillola anticoncezionale.

Testosterone. E’ l’ormone sessuale maschile, ma sia uomini che donne hanno livelli di testosterone rilevabili. Negli uomini la principale deriva dai i testicoli, nelle donne delle ovaie. Come l’ormone tiroideo, anche questo ormone viene trasportato dalle proteine. La quantità di proteine ​​di legame può variare da persona a persona, o dipendere da altre condizioni mediche, che alterano i risultati del testosterone totale.Negli uomini, i bassi livelli di testosterone possono indicare ridotta funzione testicolare, o ‘ipogonadismo maschile’. Questo può essere dovuto a malattie, invecchiamento, o danni ai testicoli, ‘ipogonadismo primario o testicolare’. Può anche essere dovuto alla funzione insufficiente della ghiandola pituitaria o dell’potalamo. Livelli di testosterone alti si possono verificare a seguito di iniezioni di testosterone, difetti dei recettore del testosterone, o tumori che secernono testosterone.

Nelle donne, alti livelli di testosterone possono verificarsi a causa di una sovraproduzione delle ovaie o dalle ghiandole surrenali. Ormoni surrenali come il DHEA possono essere convertiti in testosterone.

Emocromo

L’emocromo ha tipicamente diversi parametri che vengono creati da un contatore di cellule automatizzato. Questi sono i più rilevanti:

  • Globuli bianchi. Un numero elevato di globuli bianchi può essere un segno di infezione. Questo valore aumenta anche in certi tipi di leucemia. Un basso numero di globluli bianchi può essere un segno di malattie del midollo osseo o di un ingrossamento della milza. Stesso problema si trova anche nei malati di HIV. (Attenzione la stragrande maggioranza di persone con conta leucocitaria bassa non ha L’HIV.)
  • L’emoglobina (Hb) e l’ematocrito (Hct) : L’emoglobina è la quantità di proteine ​​che trasportano ossigeno contenute nei globuli rossi. L’ematocrito è la percentuale del volume del sangue occupato dai globuli rossi. Nella maggior parte dei laboratori l’ Hgb viene effettivamente misurato, mentre ill’Hct è calcolato utilizzando la misurazione RBC e la misurazione MCV. Bassi livelli di Hgb o Hct suggeriscono una anemia. L’anemia può essere dovuta a carenze nutrizionali, perdita di sangue, etc etc. Alti livelli possono verificarsi a causa di malattie polmonari, in persone che vivono ad alta quota, o da una produzione eccessiva di cellule del sangue.
  • Volume corpuscolare medio (MCV) – Questo aiuta a diagnosticare la causa dell’anemia. Valori bassi indicano carenza di ferro, valori elevati indicano carenze di vitamina B12, di folato, una produzione inefficace nel midollo osseo, perdita di sangue.
  • Conta delle piastrine. Questo è il numero delle cellule che tappano buchi nei vasi sanguigni e prevengono le emorragie. Valori elevati possono verificarsi con episodi di sanguinamento, fumo di sigaretta, o un eccesso di produzione da parte del midollo osseo. Valori bassi si può verificare dalla prematura distruzione delle piastrine, come nella piastrinopenia immune (ITP), da una perdita di sangue acuta, dall’effetto di alcuni farmaci (come l’eparina), e tante altre problematiche.

Analisi delle urine

Gli esami delle urine sono spesso in genere valutati con una striscia reagente che viene brevemente immersa nel campione di urina. Il tecnico legge i colori li confronta con una tabella di riferimento.

  • pH : Questa è la misura del gradi di acidità dell’urina.
  • Peso specifico (SG): questo misura quanto sono diluite le urine. L’acqua avrebbe una SG di 1.000. La maggior parte delle urine è di circa 1,010, ma può variare notevolmente a seconda di quando si beve.
  • Glucosio : Normalmente non c’è glucosio nelle urine. Il glucosio nelle urine si verifica nel diabete. Ci sono un piccolo numero di persone che hanno glucosio nelle urine con normali livelli di glucosio nel sangue, tuttavia, qualsiasi livello di glucosio nelle urine aumenta teoricamente  la possibilità di diabete o intolleranza al glucosio.
  • Proteine ​​: Normalmente non vi è nessuna proteina rilevabile su una striscia di analisi delle urine. Le proteine ​​possono indicare danni renali, sangue nelle urine, o un’infezione. Fino al 10% dei bambini può avere proteine ​​nelle urine. Alcune malattie richiedono l’uso di un test speciale, più sensibile chiamato test della microalbumina. Un test della microalbumina è molto utile nello screening iniziale per danni ai reni da diabete.
  • Sangue : Normalmente non c’è sangue nelle urine. Il sangue può indicare una infezione, calcoli renali, traumi, o sanguinamento da un tumore della vescica o del rene.
  • Bilirubina : Normalmente non vi è urobilinogeno e bilirubina nelle urine. Si tratta di pigmenti che sono stati cancellati dal fegato. Problemi al fegato o alla colecisti possono far apparire questi valori nelle urine.
  • Nitrati : Normalmente negativi, questi di solito indicano una infezione delle vie urinarie.
  • Esterasi leucocitaria : Normalmente negativa. I leucociti sono i globuli bianchi . Questo valore cerca globuli bianchi facendoli reagire con un enzima. I globuli bianchi nelle urine suggeriscono una infezione delle vie urinarie.
  • Sedimenti : Qui il tecnico di laboratorio mette sotto un microscopio una parte delle urine che è stata in una centrifuga. Elementi come le cellule mucose e squamose sono comunemente visti. Risultati anomali dovrebbero includere più di 0-2 globuli rossi, più di 0-2 globuli bianchi, cristalli, cellule tubulari renali, lieviti o batteri. Cellule squamose possono indicare la contaminazione da cellule della pelle se il campione non è stato raccolto con cura.

Attenzione.Questo articolo non vuole sostituire in alcun modo il consulto medico. Offre semplicemente una panoramica generale e per certi versi incompleta dei più comuni risultati degli esami del sangue e delle urine.

Link sponsorizzati