Citologia urinaria : quando e perchè viene fatta


La citologia urinaria è un test alla ricerca di cellule anormali nelle urine. La citologia urinaria è usato insieme ad altri test e procedure per diagnosticare i tumori del tratto urinario. La citologia urinaria è sempre più spesso utilizzata per diagnosticare il cancro della vescica, anche se il test può rilevare perfino il cancro del rene, cancro alla prostata, il cancro dell’uretere e dell’uretra.

Link sponsorizzati

Il medico può prescrivere un esame citologico delle urine se del sangue è stato rilevato nelle urine (ematuria). La citologia urinaria può essere utilizzata anche in persone che sono già state diagnosticati con cancro alla vescica e hanno subito il trattamento. In questi casi, un test di citologia dell’urina può aiutare a rilevare una recidiva di cancro della vescica.

Perché viene fatta ?

La citologia urinaria è usata insieme ad altri test e procedure per diagnosticare i tumori del tratto urinario, tra cui:

  • Cancro alla vescica
  • Cancro dell’uretere
  • Cancro dell’uretra

La citologia urinaria può rilevare grandi e aggressivi tumori del tratto urinario. La citologia urinaria potrebbe non rilevare piccoli tumori del tratto urinario che crescono più lentamente.

esame citologico delle urine.jpg

Rischi

I rischi del test citologico delle urine dipende da come l’urina viene raccolta. Il più delle volte l’urina viene raccolta in un contenitore sterile, che non presenta alcun rischio. Se l’urina viene raccolta inserendo un catetere nell’uretra, vi è il rischio di infezione del tratto urinario.

Come ci si prepara

Per prepararsi al test delle urine, è bene pianificare quale minzione va raccolta. L’urina eliminata durante la minzione di prima mattina non può essere utilizzata per la citologia urinaria. Le cellule detenute durante la notte nella vescica possono essere degradate, questo rende difficile analizzarle in laboratorio.

Cosa ci si può aspettare

Raccogliere un campione di urina

Un test citologico delle urine richiede un semplice campione di urina. Molto spesso questa viene conservata in un contenitore sterile. In alcuni casi, un campione di urina viene raccolta utilizzando un sottile tubo cavo (catetere) che viene inserito nel uretra e si trasferisce fino alla vescica.

Il medico può chiedere al paziente di fornire campioni di urina aggiuntivi nei giorni successivi. Testare i campioni di urina che sono stati raccolti nell’arco di diversi giorni può aumentare l’accuratezza del test delle urine.

Esaminare il campione di urina in laboratorio

Il campione di urina viene mandato ad un laboratorio dove un medico patologo eseguirà i dovuti controlli. Il patologo analizza le cellule visto nel campione di urina al microscopio. Il patologo rileva i tipi di cellule e cerca i segni nelle cellule che potrebbero indicare il cancro.

Risultati

Il patologo invierà i risultati del test delle urine al medico, che riporterà i risultati. Spesso non accade inq uesta maniera e gli esami li deve ritirare il paziente.

Ogni laboratorio ha il suo modo di descrivere i risultati di un esame citologico urine. Alcune parole comuni usate nei report di patologia sono:

  • Campioni insoddisfacenti. Questo può significare che le cellule non sono sufficienti, oppure il tipo sbagliato di cellule sono state trovati nel campione di urina. Potrebbe essere necessario ripetere il test citologico delle urine.
  • Negativo. Ciò significa che non sono state identificate le cellule tumorali nel campione di urina.
  • Atipico. Ciò indica alcune anomalie trovate nelle cellule del campione di urina. Ma anche sele cellule non erano normali, non erano considerate come segni di cancro.
  • Sospettoso. Questo termine può indicare che le cellule possono essere cancerogene.
  • Positive. Un risultato positivo indica che le cellule tumorali sono state trovate nelle urine.

Un test di citologia dell’urina non può essere utilizzato da solo per diagnosticare il cancro. Se le cellule atipiche o cancerose vengono rilevate utilizzando la citologia urinaria, il medico potrebbe raccomandare una procedura chiamata cistoscopia o la tomografia computerizzata (TAC) per esaminare la vescica e le vie urinarie alla ricerca di anomalie.

Referenze »

Renshaw AA. Urine e della vescica lavaggi. In: Cibas ES, et al. Citologia: Principi diagnostici e correlati clinici. 3rd ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier; 2009:105.
De Las Casas LE, et al. Valore diagnostico dell’esame urine citologia. In: Bardales RH. Pratica Urological Citopatologia. New York, NY: Oxford University Press, 2002:234.

 

Link sponsorizzati