Chirurgia laser della prostata : procedura, tipi di laser e risultati


La chirurgia laser della prostata è una procedura per alleviare i sintomi urinari causati da un ingrossamento della prostata, una condizione nota come iperplasia prostatica benigna (BPH). Durante l’intervento chirurgico laser alla prostata, uno strumento laser viene inserito attraverso la punta del pene nel tubo che trasporta l’urina dalla vescica (uretra). L’uretra è circondata dalla prostata.

Link sponsorizzati

Utilizzando il laser, il medico rimuove il tessuto della prostata che sta spremendo l’uretra e blocca il flusso di urina.

Tutti i laser usano la luce concentrata per generare calore preciso e intenso. Ci sono due tipi fondamentali di intervento chirurgico laser:

L’ablazione laser scioglie il tessuto per allargare il canale urinario attraverso la prostata.
L’enucleazione Laser utilizza un laser per tagliare il tessuto della prostata, come nei tradizionali interventi chirurgici della prostata a cielo aperto. L’olmio enucleazione laser della prostata (HoLEP) è un esempio di questa tecnica.

Il tipo di intervento chirurgico laser che il medico usa dipende da diversi fattori, tra cui la dimensione della prostata, la salute, il tipo di apparecchiature laser a disposizione e la formazione professionale del medico.

Alcuni tipi di chirurgia laser sono usati anche per curare il cancro alla prostata.

Perché viene eseguita?

La chirurgia laser della prostata aiuta a ridurre i sintomi urinari, nella maggior parte degli uomini con BPH. Sintomi di BPH possono includere:

  • Un frequente bisogno urinare e urgenza minzionale
  • Difficoltà di iniziare la minzione
  • Minzione prolungata
  • Aumento della frequenza della minzione durante la notte (nicturia)
  • Arresto e avvio della minzione
  • La sensazione che non è possibile svuotare completamente la vescica
  • Infezioni delle vie urinarie

La chirurgia laser può essere fatta per trattare o prevenire complicazioni dovute al flusso di urina bloccata, come:

  • Ricorrenti infezioni del tratto urinario
  • Malfunzionamento o danno renale
  • Danni alla vescica che possono provocare l’incapacità di controllare la minzione (incontinenza) o l’impossibilità di urinare (ritenzione urinaria)
  • Sangue nelle urine

trattamento laser della prostata disegno.jpg

I trattamenti tradizionali per l’ingrossamento della prostata comprendono l’ablazione transuretrale (TUNA), la terapia a microonde transuretrale (TUMT), l’incisione transuretrale della prostata (TUIP), la resezione transuretrale della prostata (TURP) e la chirurgia della prostata a cielo aperto.

La chirurgia laser della prostata ha diversi potenziali vantaggi rispetto alla resezione transuretrale della prostata o ad altre procedure. I vantaggi includono:

  • Minore rischio di sanguinamento. Poiché c’è un basso rischio di sanguinamento con la chirurgia laser, può essere una buona opzione per gli uomini che assumono farmaci per fluidificare il sangue o che hanno un disturbo della coagulazione.
  • Degenza ospedaliera più breve. La chirurgia laser può generalmente essere fatta senza un ricovero in ospedale o con una sola notte in ospedale.
  • Recupero rapido. La convalescenza dopo l’intervento laser avviene generalmente in meno tempo rispetto al recupero da TURP o chirurgia a cielo aperto.
  • Meno necessità di un catetere. Con la chirurgia laser, un catetere è generalmente necessario per meno di 24 ore.
  • Risultati più immediati. I risultati urinari della chirurgia laser si notano subito, mentre può richiedere diverse settimane o mesi per vedere un miglioramento evidente con altre procedure di ingrossamento della prostata o con i farmaci.

Rischi

Gravi complicanze a lungo termine sono meno probabili con la chirurgia laser della prostata rispetto alla chirurgia tradizionale. Tuttavia i rischi della chirurgia laser sono:

  • Temporanea difficoltà ad urinare. Si può avere difficoltà a urinare per alcuni giorni dopo la procedura. Fino a quando non si riesce ad urinare da soli, è necessario disporre di un catetere.
  • Infezione delle vie urinarie. Le infezioni delle vie urinarie sono una possibile complicanza dopo ogni procedura di ingrossamento della prostata.
  • Restringimento (stenosi) dell’uretra. Così come si possono formare delle cicatrici sulla parte esterna del corpo, si possono formare delle cicatrici sulla parte interna dopo l’intervento chirurgico alla prostata. Queste cicatrici sono in grado di bloccare il flusso di urina, che richiede un trattamento supplementare.
  • La chirurgia laser può causare eiaculazione retrograda. L’eiaculazione retrograda non è dannosa, ma può interferire con la capacità di concepire un figlio.
  • Necessità di ri-trattamento. Alcuni uomini sottoposti a chirurgia laser richiedono un altro trattamento in futuro. Quando la chirurgia laser non prevede il sollievo dei sintomi, o i sintomi tornano nel corso del tempo, la resezione transuretrale della (TURP) della prostata, la prostatectomia aperta o l’HoLEP possono essere necessari per riaprire il canale urinario.
  • Problemi di erezione. C’è un piccolo rischio che la chirurgia laser possa causare disfunzione erettile Questo è generalmente meno probabile di quanto lo sia con la chirurgia tradizionale. Si verifica più spesso con l’HoLEP che con le  procedure laser.

Come ci si prepara

Seguire le istruzioni del medico su cosa fare prima del trattamento.

  • Il medico può chiedere di interrompere l’assunzione di farmaci che possono aumentare il rischio di sanguinamento diversi giorni prima della procedura. Questi includono il warfarin (Coumadin), Clopidogrel (Plavix) e nonprescription Antidolorifici come l’aspirina, ibuprofene (Advil, Motrin, altri) e naproxene (Aleve, altri).
  • Non mangiare prima della procedura. Il medico probabilmente dirà di non mangiare o bere dopo la mezzanotte.
  • Farsi accompagnare da qualcuno
  • Organizzarsi con il datore di lavoro. Si potrebbe non essere in grado di lavorare o fare attività faticose per circa due settimane dopo l’intervento chirurgico.
  • Il medico può anche dare altre indicazioni da seguire.

Cosa ci si può aspettare

Tecniche laser per la chirurgia della prostata sono tutte fatte inserendo strumenti di visualizzazione attraverso la punta del pene nell’uretra. Questo rende possibile l’intervento chirurgico senza apportare tagli sulla parte esterna del corpo. Esattamente quello che ci si può aspettare durante e dopo la procedura può variare leggermente a seconda del chirurgo,del particolare tipo di laser e della tecnica usata.

Enucleazione laser della prostata (HoLEP)

Durante l’HoLEP, un laser viene utilizzato per tagliare il tessuto prostatico in piccoli pezzi. Uno strumento chiamato morcellatore viene utilizzato per macinare il tessuto in frammenti facilmente asportabili. L’HoLEP taglia l’intera porzione della ghiandola della prostata che può bloccare il flusso di urina. Poiché l’intera porzione della prostata viene rimossa, non sarà necessario ripetere il trattamento, come con alcune altre procedure BPH.

L’HoLEP porta risultati simili a quelli ottenuti con le più efficaci tecniche tradizionali a cielo aperto. L’HoLEP ha generalmente un minor rischio di complicanze rispetto alla chirurgia aperta o TURP.

Un vantaggio dell’HoLEP è che il tessuto prostatico rimosso può essere esaminato per cercare i segni di cancro alla prostata.

La tecnica HoLEP viene eseguita solo in pochi centri medici avanzati.

Vaporizzazione fotoselettiva della prostata (PVP)

Questo tipo di chirurgia scalda e scioglie (vaporizza), l’ingrossamento della prostata con l’energia laser. E’ fatta con un fosfato di potassio titanile (KTP) o una batteria triborate (LBO). Il nuovo sistema con LBO ha una maggiore potenza.

La PVP è anche chiamata terapia a luce laser verde , poiché la lunghezza d’onda che il laser che emette appare come una luce verde.

Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere meglio la sicurezza ed i risultati a lungo termine della PVP

Ablazione laser della della prostata (HOLAP)

L’HOLAP è simile alla PVP, tranne che la fonte di energia laser è diversa. L’energia laser utilizzata viene assorbita dall’acqua, rendendola precisa e permettendo di penetrare in profondità nei tessuti. Lo stesso tipo di laser viene anche utilizzato per il trattamento di tumori della vescica o del rene. L’HOLAP e altre procedure di ablazione laser sono generalmente adatte per le piccole prostate che ancora causano significativi sintomi urinari.

chirgurgia laser della prostata immagine0.jpgPrima dell’intervento

Prima dell’intervento laser, il medico darà uno dei due tipi di anestesia:

  • L’anestesia generale , il che significa non si sarà coscienti durante la procedura
  • L’anestesia spinale , il che significa che un anestetico verrà iniettato nella colonna vertebrale per prevenire il dolore. Con l’anestesia spinale, si rimane coscienti durante la procedura.

Durante la procedura

Durante l’intervento laser, una fibra ottica è inserita attraverso l’uretra. Lo strumento viene utilizzato nel tessuto prostatico che blocca il flusso di urina. A seconda della procedura, il medico utilizzerà anche strumenti per rimuovere i frammenti di tessuto prostatico.

Procedure laser per l’ingrossamento della prostata in genere richiedono da 30 minuti a un’ora.

Dopo la procedura

Chiedere sempre al vostro medico su eventuali specifiche restrizioni necessarie dopo la procedura.

  • Non assumere farmaci per fluidificare il sangue fino a quando il medico dice che è possibile farlo
  • Non fare qualsiasi attività faticosa , come sollevamento di carichi pesanti. Questo può essere necessario fino a due settimane dopo HoLEP.
  • Non avere rapporti sessuali fino a quando il medico dice che è possibile . Per la maggior parte degli uomini, questa è una settimana o due dopo la procedura.
  • Prestare attenzione al sangue nelle urine .
  • Prendere gli antibiotici come prescritto . Se il medico ha prescritto antibiotici, assicurarsi di prendere l’intero ciclo di antibiotici.

Risultati

Può essere necessario del tempo per riprendersi completamente dalla chirurgia laser. Dopo la procedura, è possibile notare:

  • Sangue nelle urine (ematuria) per alcuni giorni o settimane dopo la procedura. Consultare il medico se il sangue nelle urine è denso, sesembra peggiorare o se coaguli di sangue bloccano il flusso di urina.
  • Sintomi urinari irritanti , come la minzione dolorosa, difficoltà a urinare, etc. Con alcuni tipi di chirurgia laser, questi sintomi possono durare fino a poche settimane dopo la procedura.
  • Difficoltà a trattenere l’urina . Questo può verificarsi perché la vescica è abituata a spingere l’urina attraverso l’uretra ristretta da parte del tessuto della prostata. Per la maggior parte degli uomini, questo problema migliora con il tempo.
  • La laser della prostata migliora il flusso urinario, nella maggior parte degli uomini. Spesso, i risultati sono subito evidenti. In alcuni casi, la chirurgia laser non rimuove completamente tutto il tessuto prostatico ed è necessario un ulteriore trattamento.

Tecniche di chirurgia laser sono ancora in fase di sviluppo, e sono necessari altri studi per determinare quali funzionino meglio e la loro efficacia a lungo termine.

Referenze »

Linee guida AUA sulla gestione dei iperplasia prostatica benigna: diagnosi e delle terapie. Baltimore, Md: American Urological Association. Consultato il 12 Marzo, 2009.
Fitzpatrick JM, et al. Gestione dei mini-invasiva endoscopica e dell’iperplasia prostatica benigna. In: Wein AJ, et al. Campbell-Walsh Urology. 9a ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2007. http://www.mdconsult.com/das/book/body/125743340-3/0/1445/91.html?tocnode=54305416&fromURL=91.html. Consultato il 14 aprile, 2011.
Lee J, et al. I progressi nella tecnologia laser in urologia. Clinica Urologia del Nord America. 2009; 36:189.
Rieken M, et al. Complicanze della prostatectomia laser: Una rassegna di dati recenti. Mondiale Journal of Urology. 2010; 28:53.
Ahyai SA, et al. La meta-analisi dei risultati funzionali e complicazioni a seguito di procedure transuretrale per sintomi del basso tratto urinario derivanti da ipertrofia prostatica benigna. European Urology. 2010; 58:384.
Gnessin E, et al. Un aggiornamento sulla enucleazione laser a olmio della prostata e perché ha resistito alla prova del tempo. Current Opinion in Urology. 2011; 21:31.
Allargamento della prostata: iperplasia prostatica benigna. Istituto Nazionale del Diabete e Malattie Digestive and Kidney. http://kidney.niddk.nih.gov/kudiseases/pubs/prostateenlargement. Accesso effettuato nel maggio 23, 2011.

Link sponsorizzati