Chirurgia a ultrasuoni focalizzati per i fibromi uterini : procedura, rischi e benefici


La chirurgia a ultrasuoni focalizzati è un’opzione di trattamento per i fibromi uterini che sono crescite cancerose dell’utero. La procedura non è invasiva e preserva l’utero. La chirurgia a ultrasuoni focalizzati viene chiamata anche ablazione ad ultrasuoni focalizzati viene eseguita mentre si è all’interno di una risonanza magnetica (MR).

Link sponsorizzati

Durante la procedura, le immagini della risonanza danno al medico la posizione precisa dei fibromi uterini da trattare e le posizioni delle strutture vicine da evitare. Poi il trasduttore di ultrasuoni viene utilizzato per inviare onde sonore concentrate (sonications) nel fibroma per riscaldare e distruggere piccole aree di tessuto. Una risonanza magnetica pelvica (MRI) viene in genere eseguita prima del trattamento per determinare se si è un buon candidato per la chirurgia a ultrasuoni focalizzati.

Perché viene eseguita?

La chirurgia a ultrasuoni focalizzati viene eseguita per alleviare i sintomi fastidiosi associati con i fibromi uterini, inclusi sanguinamento mestruale pesante e dolore pelvico. La procedura prevede una alternativa non invasiva per il trattamento chirurgico dei fibromi.

Anche se la chirurgia a ultrasuoni focalizzati offre molti vantaggi rispetto ad altre opzioni di trattamento dei fibromi, non è la soluzione migliore per tutti. Essa non può essere una buona scelta se i fibromi si trovano dietro organi sensibili al calore, come l’intestino. Questo trattamento non è indicato per donne che desiderano una gravidanza. Effetti a lungo termine sulla capacità di una donna di rimanere incinta e portare un feto a termine non sono stati ancora adeguatamente studiati, tuttavia, un certo numero di donne hanno avuto gravidanze di successo dopo il trattamento.

Rischi

Raramente può causare:

  • Ustioni alla pelle sull’addome
  • Danni ai tessuti e le strutture vicine al fibroma
  • Grave disagio o dolore durante la procedura

Altri inconvenienti sono:

  • Alcuni fibromi non possono essere trattati
  • Può richiedere un ulteriore trattamento se i sintomi ritornano
  • Mancano dati certi sulla sicurezza e l’efficacia
  • Non è ampiamente disponibile, in quanto è limitato ad alcune cliniche specializzate
  • Non è un’opzione per le donne che vogliono  una futura gravidanza

Chirurgia a ultrasuoni focalizzati per i fibromi uterini.jpg

Come ci si prepara

Un medico effettua la chirurgia a ultrasuoni focalizzati in una stanza di scansione MRI(risonanza magnetica). Si tratta di una procedura ambulatoriale. Verrà chiesto di digiunare il giorno del trattamento sarà necessario radere la parte inferiore dell’addome tra l’osso pubico e ombelico poco prima del trattamento.

Prima di entrare nella stanza di scansione MRI, rimuovere tutti gli accessori – orologi, gioielli, forcine per capelli, parrucche, protesi e apparecchi acustici – che possono contenere metalli. Gli oggetti metallici possono interferire con il campo magnetico utilizzato durante l’esame, influenzando la qualità delle immagini. Il campo magnetico può anche danneggiare gli elementi elettronici. Assicurarsi di dire al tecnico se si dispone di qualsiasi metallo o dispositivi elettronici all’interno del corpo, come pure – protesi articolari metalliche, valvole cardiache artificiali, dispositivi elettronici, impianti cocleari, piercings o magneti nelle protesi (la maggior parte delle otturazioni dentali non causano problemi). La presenza di metallo all’interno del corpo può essere un rischio per la sicurezza.

Poco prima della procedura un ago viene inserito in vena. Il medico o l’infermiere utilizzare la canula endovenosa per somministrare farmaci e  iniettare unmezzo di contrasto. Il farmaco aiuta a rilassarsi(sedazione cosciente).

Verrà anche inserito un catetere urinario nella vescica. Questo viene fatto per mantenere la vescica stabile durante il trattamento.

Cosa ci si può aspettare

Tipicamente, ci vogliono 50 – 80 scansioni durante una sessione di trattamento per distruggere il nucleo di un fibroma. Tuttavia, a seconda delle dimensioni e del numero di fibromi, possonos ervire più scansioni o più trattamenti. Durante il trattamento, le immagini consentono ai medici di valutare gli effetti e definire le aree che necessitano di un trattamento supplementare. In futuro, la tecnologia potrà sicuramente accorciare i tempi delle sedute.

Durante la procedura

Durante la procedura, ci si trova su un tavolo mobile che scorre nell’apertura dello scanner RM. Si sarà in grado di parlare  con il tecnico dal microfono. Poiché la parte interna del magnete produce intercettazioni ripetitive, suoni martellanti e altri rumori, dei tappi per le orecchie saranno forniti per attenuare la percezione del rumore.

Lo stesso trattamento è di circa tre-quattro ore, ma può variare a seconda della dimensione e numero dei fibromi di cui si dispone.

Prima di ogni sonications ultrasuoni vengono consegnati, ti verrà dato farmaci per via endovenosa per aiutarvi a rilassarvi e alleviare il calore possibile e disagio crampi. Dopo ogni sonicazione, vi verrà chiesto il livello di disagio in modo che il farmaco può essere regolato o altre modifiche necessarie possono essere fatte.

Ogni sonicazione dura circa 20 secondi. Mentre ciascuna porzione del fibroma viene riscaldata, RM viene utilizzato per monitorare la temperatura del tessuto e determinare se il fibroma è stato riscaldato a sufficienza per ottenere i risultati desiderati. Il processo viene ripetuto fino a quando la maggior parte del fibroma ha raggiunto una temperatura che dovrebbe distruggere il tessuto.

Dopo la procedura

Dopo la procedura, il corpo assorbe naturalmente una piccola porzione del tessuto ablato in un periodo di mesi. I sintomi correlati ai fibromi di solito regrediscono o migliorano significativamente in tre o sei mesi.

Si avrà bisogno di un amico o un membro della famiglia che possa accompagnare a casa.

Una volta arrivati a casa, è possibile riprendere le normali attività quotidiane.

Risultati

Più del 70 per cento delle donne provano un miglioramento significativo della gravità dei loro sintomi correlati ai fibroidi entro i primi tre-sei mesi dopo la chirurgia a ultrasuoni focalizzati. I ricercatori riportano anche un sollievo dai sintomi fino a 24 mesi.

Sono stati riportati casi di gravidanze di successo dopo l’intervento mirato a ultrasuoni, ma sono necessarie ulteriori ricerche.

Referenze

Hudson SB, et al. La risonanza magnetica, chirurgia a ultrasuoni concentrati guidati. Clinica Ostetrica e Ginecologica. 2008; 51:159.
Haney AF. Leiomiomi. In: Gibb RS, et al. Danforth di Ostetricia e Ginecologia. 10 ed. Philadelphia, Pa.: Lippincott Williams & Wilkins, 2008:916.
L’American College of Obstetrics and Gynecologists. Alternative alla isterectomia nella gestione dei miomi. Obstetrics & Gynecology. 2008; 112:387.
Stewart EA, et al. Sollievo dei sintomi leiomioma sostenuta mediante intervento chirurgico mirato a ultrasuoni. Obstetrics & Gynecology. 2007; 110:279.
Stewart EA, et al. Gli esiti clinici di chirurgia a ultrasuoni focalizzati per il trattamento dei fibromi uterini. Fertility and Sterility. 2006; 85:22.
Fennessy FM, et al. Leiomiomi dell’utero: RM-guidata chirurgia a ultrasuoni focalizzati – Risultati di protocolli di trattamento. Radiologia. 2007; 243:885.
Funaki K, et al. Gli esiti clinici di risonanza magnetica-chirurgia guidata ultrasuoni focalizzati per miomi uterini: 24 mesi di follow-up. Ecografia in Ostetricia e Ginecologia. 2009; 34:584.
Rabinovici J, et al. L’esito della gravidanza dopo la risonanza magnetica-chirurgia guidata ultrasuoni focalizzati (MRgFUS) per il trattamento conservativo dei fibromi uterini. Fertility and Sterility. 2010; 1:199.

Link sponsorizzati