Aumento del seno : chirurgia plastica, rischi e aspettative


La mastoplastica additiva è una procedura chirurgica per aumentare le dimensioni del seno. Durante la mastoplastica additiva, protesi mammarie sono poste sotto il tessuto del seno o nei muscoli del torace.

Link sponsorizzati

Per alcune donne, l’aumento del seno è un modo per aumentare l’autostima e la fiducia in se stesse. Per altri, l’aumento del seno è un modo per ricostruire un seno dopo un intervento chirurgico per il cancro al seno o altre patologie che coinvolgono il seno.

Se si sta pensando ad una mastoplastica additiva, consultare un chirurgo plastico. Assicurarsi di capire che cosa comporta l’intervento, compresi i possibili rischi, complicanze e follow-up.

Perché ci si sottopone ad una mastoplastica additiva?

Le ragioni per cui una donna sceglie di sottoporsi ad u aumento del seno sono molto personali. L’aumento del seno può aiutare:

  • A migliorare l’aspetto del seno e la fiducia in se stessi
  • Ricostruire il seno dopo un intervento chirurgico al seno per il cancro o altre condizioni
  • Migliorare l’aspetto del seno dopo una gravidanza
  • Il miglior candidato per l’aumento del seno è una donna alla ricerca di un miglioramento nel suo aspetto. E’ fondamentale discutere i propri obiettivi con il chirurgo in modo da poter sviluppare una prospettiva realistica di ciò che l’aumento del seno è in grado di fornire.

Rischi

La mastoplastica additiva comporta diversi rischi, tra cui:

  • Infezioni
  • Dolore al seno
  • Cambiamenti potenzialmente permanenti del capezzolo
  • Tessuto cicatriziale che provoca dolore o distorce la forma della protesi mammaria (contrattura capsulare)
  • Rottura o spostamento dell’impianto

La correzione di una qualsiasi di queste complicanze può richiedere un ulteriore intervento chirurgico.

aumento del seno esempio.jpg

Come ci si prepara

Inizialmente, si consulta con un chirurgo plastico per discutere delle preferenze riguardo l’aspetto le dimensioni, e la sensazione complessiva del seno. Il chirurgo descriverà specifiche tipologie di impianti lisci o strutturati, rotonde o sagomate etc, così come le opzioni per le tecniche chirurgiche.

Prima di decidere di andare avanti con la chirurgia, è bene considerare alcuni fattori importanti circa l’aumento del seno:

  • Le protesi mammarie non sono dispositivi che durano per tutta la vita. Le protesi mammarie saranno probabilmente rimosse o sostituite a un certo punto nel corso della vita.
  • Potrebbe essere necessario un ulteriore intervento chirurgico dopo la rimozione delle protesi mammarie. Se le protesi mammarie vengono rimosse per qualsiasi ragione, si possono verificare inaccettabili modifiche estetiche come rughe, fossette o pelle in eccesso che potrebbero richiedere la sostituzione degli impianti. Oppure, potrebbe essere necessario un lifting del seno (mastopessi) per rimuovere la pelle in eccesso e riposizionare il capezzolo.
  • Le protesi mammaria non impedirà il seno cadente. Per correggere seni cascanti, alcune donne hanno bisogno di prendere in considerazione un lifting del seno oltre alla mastoplastica additiva. Inoltre, a seconda di come è fatto, l’aumento del seno può rendere l’allattamento al seno più impegnativo.
  • La mammografia può essere più complicata. La qualità della mammografia dipenderà dalla esperienza e dalla competenza del tecnico.

Se si decide di sottoporsi all’intervento chirurgico, potrebbe essere necessario fare esami di laboratorio o una mammografia di base. Potrebbe anche essere necessario per evitare l’aspirina o altri farmaci che possono aumentare il sanguinamento durante l’intervento.

Cosa ci si può aspettare

L’aumento del seno può essere fatto in un centro chirurgico o struttura ospedaliera. In alcuni casi, l’aumento del seno viene eseguito in anestesia locale. In altri casi, l’aumento del seno viene eseguito in anestesia generale.

Durante la procedura

Per inserire la protesi mammaria, il chirurgo farà un’incisione in queste zone:

  • Lungo la piega nella parte inferiore del seno (sottomammario)
  • Intorno al capezzolo (periareolare)
  • Sotto il braccio (ascellare)
  • Dopo aver effettuato una incisione, il chirurgo separerà il tessuto ghiandolare della mammella dai muscoli e il tessuto connettivo del torace per creare una tasca o dietro o davanti al muscolo esterno della parete toracica (muscolo pettorale). Il chirurgo inserirà l’impianto in questa tasca. Protesi saline sono generalmente vuote quando inserite e poi riempite con soluzione salina sterile una volta che sono nella loro sede. Le protesi al silicone sono già piene. Quando l’impianto è in posizione, il chirurgo chiude l’incisione con punti, adesivi o nastro chirurgico.

Dopo la procedura

E’ normale avere del dolore e gonfiore per alcune settimane dopo l’aumento del seno. Si può inoltre notare lividi, intorpidimento o una sensazione di bruciore nei capezzoli. Le cicatrici possono apparire inizialmente rosa. Può essere utile indossare un bendaggio compressivo o un reggiseno sportivo per un sostegno supplementare e il posizionamento delle protesi mammarie durante questo periodo. Il chirurgo può prescrivere farmaci per il dolore.

Se non si fa un lavoro fisicamente impegnativo, si può essere in grado di tornare al lavoro entro pochi giorni o massimo una settimana. Tornare alle attività fisicamente impegnative potrebbe richiedere più tempo circa due o tre settimane perché i seni saranno sensibili al contatto fisico o ai movimenti bruschi. Seguire le istruzioni del chirurgo.

Se si notano calore, arrossamento del seno o febbre, si potrebbe avere un’infezione. Rivolgersi al proprio medico il più presto possibile.

Risultati

L’aumento del seno modifica le dimensioni e la forma del seno. L’intervento può anche migliorare la propria immagine e l’autostima. Se si sta cercando la perfezione, tuttavia, si può essere delusi.

Le cicatrici saranno sempre meno evidenti gradualmente nel tempo, ma non andranno via completamente. Le cicatrici si vedono maggiormente sulla pelle scura.

Inoltre, ricordate che i risultati dell’aumento del seno non sono necessariamente permanenti. Se insoddisfatte si può considerare un lifting del seno o una sostituzione delle protesi.

Referenze

Lalani T, et al. Protesi mammarie infezioni. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 18 ottobre, 2010.
Aumento del seno. American Society of Plastic Surgeons. http://www1.plasticsurgery.org/ebusiness4/ProductCatalog/pdf/brochures/Breast_Augmentation.pdf. Consultato il 18 ottobre, 2010.
Seno domande e risposte impianti. US Food and Drug Administration. Consultato il 18 ottobre, 2010.
FDA impianto di protesi mammarie al consumo Handbook – 2004 – complicazioni locali e reinterventi. US Food and Drug Administration. Consultato il 25 ottobre 2010.

Link sponsorizzati