Prostatectomia a cielo aperto : procedura, rischi, convalescenza e benefici


La Prostatectomia a cielo aperto è un intervento chirurgico per rimuovere una parte di un ingrossamento della prostata che sta causando sintomi urinari.

Link sponsorizzati

Prostatectomia a cielo aperto è generalmente riservata per gli uomini che hanno una prostata molto grande, gravi sintomi urinari o altri problemi che devono essere corretti durante l’intervento chirurgico. Durante la prostatectomia a cielo aperto, la parte della prostata che blocca il flusso di urina viene rimosso attraverso un taglio (incisione) sotto l’ombelico. Oppure può essere fatto tramite laparoscopia . A volte, l’assistenza robot viene utilizzata durante la prostatectomia.

La prostatectomia a cielo aperto è una delle diverse opzioni per il trattamento dell’ingrossamento della prostata, una condizione chiamata anche iperplasia prostatica benigna (BPH). Per determinare la scelta migliore di trattamento, il vostro medico valuterà la gravità dei sintomi,altri problemi di salute, e la dimensione della vostra prostata. Una prostatectomia a cielo aperto è generalmente riservata per gli uomini che hanno prostata relativamente grande e per i quali altre opzioni di trattamento chirurgico non sono disponibili.

Prima di effettuare qualsiasi procedura il medico può decidere di fare un test che utilizza uno strumento per guardare dentro l’uretra e la vescica (cistoscopia). Questo permette al medico di controllare la dimensione della prostata ed esaminare il sistema urinario. Il medico può anche voler fare altri test, come ad esempio esami del sangue o test per misurare il flusso di urina.

Perché viene fatta?

La prostatectomia a cielo aperto allevia i sintomi urinari e le complicazioni derivanti dal flusso di urina bloccato. Questi possono includere:

  • Un frequente bisogno urgente di urinare
  • Difficoltà ad iniziare la minzione
  • Minzione prolungata
  • Aumento della frequenza della minzione durante la notte (nicturia)
  • Arresto e avvio della minzione
  • La sensazione che non è possibile svuotare completamente la vescica
  • Infezioni delle vie urinarie

La prostatectomia può anche essere fatta per trattare o prevenire complicazioni dovute al flusso di urina bloccata, come:

  • Ricorrenti infezioni del tratto urinario
  • Malfunzionamento o danno renale
  • Danni alla vescica che possono provocare l’incapacità di controllare la minzione (incontinenza)
  • Sangue nelle urine

La prostatectomia a cielo aperto funziona bene nell’alleviare i sintomi urinari, ma ha un rischio più elevato di complicanze rispetto ad altre procedure della prostata. Inoltre richiede un tempo di recupero più lungo. Per questo motivo, la prostatectomia a cielo aperto  avviene solo in determinate circostanze. Può essere un’opzione se si dispone di:

  • Una prostata molto grande
  • Problemi vescicali o altri problemi che possono essere riparati durante l’intervento chirurgico
  • Grave sanguinamento della prostata

Nuove tecniche e tecnologie hanno reso le procedure meno invasive. Altre procedure contro l’ingrossamento della prostata comprendono l’ablazione transuretrale dell’ago (TUNA), la terapia a microonde transuretrale (TUMT), incisione transuretrale della prostata (TUIP), la chirurgia laser ad olmio come enucleazione laser della prostata (HoLEP) o fotovaporizzazione laser della prostata (PVP) , e la resezione transuretrale della prostata (TURP).

prostatectomia sedi delle incisioni.jpg

Rischi

La prostatectomia a cielo aperto può causare problemi temporanei dopo l’intervento chirurgico e può anche provocare problemi a lungo termine, effetti collaterali o complicazioni. Rischi di prostatectomia a cielo aperto sono:

  • Incontinenza. In alcuni uomini, la prostatectomia a cielo aperto provoca la perdita del controllo della vescica e un bisogno urgente di urinare. Nella maggior parte dei casi, questo migliora dopo alcune settimane a diversi mesi.
  • L’orgasmo a secco. La prostatectomia a cielo aperto provoca eiaculazione retrograda, che significa che il seme rilasciato entra nella vostra vescica.
  • Infezione delle vie urinarie. Infezioni delle vie urinarie sono una possibile complicanza dopo ogni procedura di ingrossamento della prostata.
  • La disfunzione erettile In alcuni casi, la prostatectomia a cielo aperto è causa della disfunzione erettile. In alcuni uomini funzione erettile può migliorare nel tempo, ma in molti uomini è permanente.
  • Restringimento (stenosi) del collo dell’uretra o della vescica. A volte la chirurgia restringe il tubo che trasporta l’urina dalla vescica (uretra), o l’area in cui l’uretra si unisce alla vescica (collo vescicale). Questo può rendere la minzione difficile e può richiedere un trattamento supplementare.
  • Gravi emorragie. Alcuni uomini perdono abbastanza sangue durante la prostatectomia a cielo aperto darichiedere una trasfusione di sangue.

Come ci si prepara

Seguire le istruzioni del medico su cosa fare prima del trattamento. Qui ci sono alcune cose che potrebbe essere necessario fare:

  • Il chirurgo può chiedere di interrompere l’assunzione di farmaci che possono aumentare il rischio di sanguinamento diversi giorni prima della procedura. Questi includono il warfarin (Coumadin), Clopidogrel (Plavix) e nonprescription Antidolorifici come l’aspirina, ibuprofene (Advil, Motrin, altri) e naproxene (Aleve, altri).
  • Non mangiare prima dell’intervento chirurgico.
  • Farsi accompagnare da qualcuno.
  • Organizzarsi con il datore di lavoro. Si potrebbe non essere in grado di lavorare o fare attività faticose per diverse settimane dopo l’intervento chirurgico.
  • Potrebbe essere necessario un clistere prima dell’intervento.

Cosa ci si può aspettare

La prostatectomia a cielo aperto di solito richiede un tempo che varia da un’ora e mezza a tre ore.

Prima dell’intervento, il medico somministrerà una anestesia generale. Oppure si può ricevere un spinale, il che significa che si rimarrà coscienti durante l’intervento chirurgico ma senza avvertire alcun dolore.

Il medico darà anche un antibiotico prima dell’intervento chirurgico, per prevenire l’infezione.

Durante la procedura

Una volta che l’anestetico è in funzione, il medico può eseguire una cistoscopia.

Il medico quindi inserisce un tubo (catetere) nella punta del pene che si estende in vescica. Il tubo drena l’urina durante la procedura. Dopo che il campo operatorio è stato rasato e sterilizzato, il medico farà un taglio (incisione) sotto l’ombelico. A seconda della tecnica, che il medico usa, potrebbe essere necessario fare un’incisione attraverso la vescica per raggiungere la prostata. In alcuni casi, la procedura viene eseguita con l’assistenza robot o laporascopica. La chirurgia laparoscopica richiede alcune incisioni più piccole, piuttosto che una singola incisione di grandi dimensioni.

Se è presente anche un’ernia o un problema della vescica, il medico può sistemare questi problemi durante la chirurgia.

Una volta che il medico ha rimosso la parte della prostata che causa i sintomi della prostata, vengono fissati uno o due tubi di scarico temporanei inseriti attraverso punture nella pelle in prossimità del sito chirurgico. Un tubo va direttamente nella vescica (tubo sovrapubica), e l’altro tubo entra nella zona in cui è stata rimossa la prostata (drenaggio pelvico).

Dopo la procedura

Dopo l’intervento si sarà attentamente monitorati per eventuali segni di complicanze.

  • Il medico può gonfiare un palloncino all’interno della zona in cui è stata rimossa parte della prostata. Questo mette sotto pressione l’area per fermare le emorragie. Per evitare la formazione di coaguli di sangue, verrà somministrata una soluzione salina.
  • Verranno dati per via endovenosa (IV), farmaci per il dolore.
  • Verranno applicate calze e dispositivi di compressione sulle gambe. Questi aiutano a prevenire coaguli di sangue.
  • Il medico vi esorterà a camminare il giorno dopo l’intervento chirurgico.
  • È probabile che il ritorno a casa avvenga pochi giorni dopo l’intervento chirurgico.
  • La maggior parte degli uomini ha bisogno di un catetere urinario per sette o 10 giorni dopo l’intervento.
  • Il tubo sovrapubico viene generalmente rimossa dopo pochi giorni.
  • La maggior parte degli uomini può riprendere l’attività sessuale da 6 a 8 settimane dopo l’intervento.

Assicurarsi di comprendere le fasi post-operatorie in maniera chiara.

Si dovrebbe tornare alla normale routine in circa quattro-sei settimane.
Non si sarà in grado di guidare per almeno un paio di giorni dopo essere tornati a casa.

Risultati

La  prostatectomia a cielo aperto offre sollievo a lungo termine dei sintomi urinari a causa di un ingrossamento della prostata. Anche se è la procedura più invasiva per il trattamento di un ingrossamento della prostata, le complicanze gravi sono rare.

Referenze »

Direttiva sulla gestione della iperplasia prostatica benigna (BPH). Baltimore, Md: American Urological Association. http://www.auanet.org/content/guidelines-and-quality-care/clinical-guidelines.cfm?sub=bph. Consultato il 27 gennaio 2011.
Han M. Operazione retropubica e sovrapubica prostatectomia a cielo aperto. In: Wein AJ, et al. Campbell-Walsh Urology. 9a ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2007. http://www.mdconsult.com/das/book/body/128042617-3/0/1445/92.html?tocnode=54305512&fromURL=92.html. Consultato il 25 marzo 2011.
Thiel DD, et al. Electroresection e chirurgia aperta. Cliniche urologiche del Nord America. 2009; 36:461.
Matlaga BR, et al. La chirurgia per ipertrofia prostatica benigna. In: Graham SD, et al. Chirurgia urologica di Glenn. 7 ed. Philadelphia, Pa.: Wolters Kluwer Health Lippincott Williams & Wilkins, 2010:166.

Link sponsorizzati