Tumore delle ghiandole salivari : sintomi, cause, diagnosi e cure


Il tumore delle ghiandole salivari è una forma rara di cancro che inizia nelle ghiandole salivari. Il cancro delle ghiandole salivari può iniziare in una qualsiasi delle ghiandole salivari situate in bocca, nel collo o nella gola.

Link sponsorizzati

Le ghiandole salivari producono saliva, che aiuta la digestione e mantiene la bocca umida.

Il cancro delle ghiandole salivari più comunemente si verifica nella ghiandola parotide.

Il trattamento per il cancro della ghiandola salivare comporta spesso l’intervento chirurgico. Altri trattamenti per il cancro delle ghiandole salivari possono includere la radioterapia e la chemioterapia.

Sintomi

Segni e sintomi di tumore delle ghiandole salivari possono includere:

  • Un grumo o gonfiore sopra o vicino la mascella, al collo o alla bocca
  • Intorpidimento in parte del volto
  • Debolezza muscolare su un lato del volto
  • Dolore persistente nella zona di una ghiandola salivare
  • Difficoltà a deglutire
  • Problemi ad aprire la bocca ampiamente

La maggior parte dei tumori delle ghiandole salivari sono non-cancerosi (benigni).

Cause

Non è chiaro cosa provochi il cancro della ghiandola salivare. I medici sanno che si verifica quando alcune cellule di una ghiandola salivare sviluppano mutazioni nel DNA. Le cellule mutate continuano a vivere, quando le altre cellule muoiono. Le cellule che si accumulano formano un tumore che può invadere i tessuti circostanti. Le cellule tumorali possono staccarsi e diffondersi (metastasi) in aree distanti del corpo.

Tipi di tumori delle ghiandole salivari

Esistono tipi diversi di tumore delle ghiandole salivari. I medici classificano il cancro della ghiandola salivare in base al tipo di cellule coinvolte nel tumore. Identificare il tipo di tumore aiuta il medico a determinare quali opzioni di trattamento sono le più adatte.

Tipi di cancro della ghiandola salivare comprendono:

  • Carcinoma a cellule aciniche
  • Adenocarcinoma
  • Carcinoma adenoide cistico
  • Carcinoma a cellule chiare
  • Tumore maligno misto
  • Carcinoma mucoepidermoide
  • Carcinoma Oncocitico
  • Adenocarcinoma polimorfo
  • Carcinoma del dotto salivare
  • Carcinoma a cellule squamose

carcinoma ghinadola salivare.jpg

Fattori di rischio

I fattori che possono aumentare il rischio di tumore delle ghiandole salivari sono:

  • L’età avanzata. Anche se può verificarsi a qualsiasi età, il cancro delle ghiandole salivari è più comunemente diagnosticato negli adulti più anziani.
  • L’esposizione alle radiazioni. Le radiazioni utilizzate per il trattamento di tumori della testa e del collo, aumentano il rischio ditumore delle ghiandole salivari.
  • L’esposizione sul posto di lavoro ad alcune sostanze. Persone che lavorano con determinate sostanze, come le leghe di nichel e polveri di silice, possono avere un aumentato rischio di tumore delle ghiandole salivari.

Diagnosi

Diagnosi di tumore delle ghiandole salivari

Le prove e le procedure utilizzate per diagnosticare il cancro delle ghiandole salivari includono:

  • Un esame fisico. Il medico controllerà la mandibola, collo e gola in cerca di grumi o gonfiore. Il medico esaminerà anche l’interno della bocca con un piccolo specchio.
  • Esami di imaging. Test come la risonanza magnetica (MRI) e la tomografia computerizzata (CT), possono aiutare il medico a determinare la dimensione e la posizione del tumore delle ghiandole salivari.
  • Raccogliere un campione di tessuto. In alcuni casi, i medici possono consigliare di prelevare un campione di tessuto (biopsia) da analizzare in laboratorio.

Determinare l’estensione del tumore delle ghiandole salivari

Dopo che il cancro viene diagnosticato, il medico deve determinarne l’estensione, o stadio. Lo stadio del cancro determina le opzioni di trattamento e dà al medico un’idea della prognosi. Gli stadi del cancro sono identificati da numeri romani, con stadio I che indica un piccolo tumore localizzato e IV stadio che indica un cancro avanzato che si è diffuso ai linfonodi del collo o ad altre parti distanti del corpo.

Trattamenti e cure

Il trattamento per il tumore della ghiandola salivare dipende dal tipo, dalla dimensione e dallo stadio, così come lo stato di salute generale. Il trattamento di solito comporta un intervento chirurgico, con o senza terapia radiante.

Chirurgia

La chirurgia per il tumore delle ghiandole salivari può includere:

  • Rimozione di una porzione della ghiandola salivare interessata. Se il tumore è piccolo e si trova in una zona di facile accesso, il chirurgo può rimuovere il tumore e una piccola porzione di tessuto sano che lo circonda.
  • Rimozione di tutta la ghiandola salivare. Se si dispone di un tumore più grande, il medico può raccomandare di rimuovere tutta la ghiandola salivare. Se il tumore si estende nelle strutture vicine, come ad esempio i nervi facciali, i condotti che collegano le ghiandole salivari, le ossa del viso e della pelle anche questi possono essere rimossi.
  • La rimozione dei linfonodi del collo. Se ci sono prove che il cancro si è diffuso ai linfonodi del collo, il chirurgo può rimuovere la maggior parte dei linfonodi del collo (dissezione del collo).
  • La chirurgia ricostruttiva. se l’osso, la pelle oi nervi vengono rimossi durante l’intervento, questi possono essere riparati o sostituiti con la chirurgia ricostruttiva. La Chirurgia delle ghiandole ghiandole salivari può essere difficile perché i nervi più importanti si trovano dentro e intorno alle ghiandole. Ad esempio, un nervo della faccia che controlla il movimento facciale attraversa la ghiandola parotide.

La rimozione di tumori che coinvolgono i nervi importanti possono danneggiare i nervi, causando paralisi parziali del volto. I chirurghi tendono sempre a preservare questi nervi quando possibile. In alcuni casi, i nervi possono essere riparati con nervi prelevati da altre zone del corpo.

La radioterapia

La radioterapia utilizza potenti raggi di energia, come ad esempio i raggi X, per distruggere le cellule tumorali.

La radioterapia può essere utilizzata dopo un intervento chirurgico per eliminare eventuali cellule tumorali che potrebbero rimanere. La radioterapia può essere utilizzata anche prima dell’intervento chirurgico per ridurre un tumore e renderlo più facile da rimuovere. Se la chirurgia non è possibile perché un tumore è molto grande o si trova in un luogo che rende la rimozione troppo rischiosa, la sola radioterapia può essere usata per curare il cancro della ghiandola salivare.

Chemioterapia

La chemioterapia è un trattamento farmacologico che utilizza sostanze chimiche che eliminano le cellule tumorali. La chemioterapia può essere un’opzione per le persone con tumore avanzato della ghiandola salivare che si è diffuso in aree lontane del corpo. La chemioterapia non è attualmente utilizzata come trattamento standard per il tumore delle ghiandole salivari, ma i ricercatori stanno studiando il suo uso.

biopsia parotide.jpgMedicina alternativa

Non ci sono trattamenti complementari o alternativi per curare il cancro della ghiandola salivare. Ma trattamenti complementari e medicina alternativa potrebbero aiutare a far fronte agli effetti collaterali del trattamento.

Trattamenti alternativi per la fatica

Molte persone sottoposte a radioterapia per il cancro sperimentano affaticamento. Il medico può trattare le cause della stanchezza, ma la sensazione di essere completamente usurati può persistere nonostante i trattamenti. Le terapie complementari possono aiutare a far fronte al problema .

  • Esercizi. Una ginnastica dolce per 30 minuti quasi tutti i giorni della settimana. Un esercizio moderato, come camminare a ritmo sostenuto, durante e dopo il trattamento del cancro riduce l’affaticamento.
  • Agopuntura. L’agopuntura è sicura quando è fatto da un professionista certificato.
  • Massoterapia.  Alcuni massaggiatori sono appositamente formati per lavorare con persone che hanno il cancro. Chiedete al medico i nomi di massaggiatori nella vostra città
  • Relax. attività che aiutano a sentirsi rilassati possono aiutare a far fronte al problema.

Referenze »

Il cancro della ghiandola salivare. Cancer Society americana. http://www.cancer.org/docroot/CRI/content/CRI_2_4_7x_CRC_Salivary_Gland_Cancer_PDF.asp~~V. Consultato il 20 gennaio 2010.
Il cancro della ghiandola salivare. Cancer.Net. http://www.cancer.net/patient/Cancer+Types/Salivary+Gland+Cancer. Consultato il 29 Gennaio 2010.
Trattamento del cancro della ghiandola salivare (PDQ): versione Salute professionale. National Cancer Institute.
http://www.cancer.gov/cancertopics/pdq/treatment/salivarygland/healthprofessional/allpages/print~~V. Consultato il 20 gennaio 2010.
Simental A, et al. Tumori maligni delle ghiandole salivari. In: Cummings CW, et al. Otorinolaringoiatria: Head & Neck Surgery. 4a ed. Philadelphia, Pa.: Mosby, 2005.
http://www.mdconsult.com/das/book/body/182968964-2/0/1263/0.html. Consultato il 28 Gennaio 2010.
Quon H. Cancer della testa e del collo. In: Abeloff MD, et al. Clinical Oncology di Abeloff. 4a ed. Philadelphia, Pa.: Churchill Livingstone; 2008:1177.
Testa e collo cancro: domande e risposte. National Cancer Institute. http://www.cancer.gov/cancertopics/factsheet/sites-types/head-and-neck. Consultato il 20 gennaio 2010.
Tumori della testa e del collo. Fort Washington, Pennsylvania: National Comprehensive Cancer Network. http://www.nccn.org/professionals/physician_gls/PDF/head-and-neck.pdf. Consultato il 20 gennaio 2010.
Jeannon JP, et al. Gestione del tumore avanzato della parotide: Una revisione sistematica. European Journal of Surgical Oncology. 2009; 35:908.
La secchezza della bocca o xerostomia. Cancer.Net. Consultato il 10 febbraio 2010.
Cancro-correlata fatica. Fort Washington, Pennsylvania: National Comprehensive Cancer Network. http://www.nccn.org/professionals/physician_gls/PDF/fatigue.pdf. Consultato il 10 febbraio 2010.

Link sponsorizzati