Prediabete : sintomi, cause, diagnosi, rischi e cure


Il termine prediabete, significa che il livello di zuccheri nel sangue è superiore al normale, ma non è ancora abbastanza alto da essere classificata come diabete di tipo 2. Eppure, senza intervento, il prediabete è destinato a diventare diabete di tipo 2 in 10 anni o meno. E se si dispone di prediabete, il danno a lungo termine del diabete in particolare al cuore e sistema circolatorio potrebbe essere già di atto.

Link sponsorizzati

C’è comunque una buona notizia, il prediabete può essere l’occasione per migliorare la salute, perché la progressione dal prediabete al diabete di tipo 2 non è inevitabile. Con i cambiamenti dello stile di vita si può essere in grado di portare il livello di zucchero nel sangue alla normalità.

Sintomi

Spesso, il prediabete non ha segni o sintomi.

Aree scure della pelle, una condizione chiamata acanthosis nigricans, è uno dei pochi segni che suggeriscono che si è a rischio per il diabete. Le aree comuni che possono essere interessate includono il collo, ascelle, gomiti, ginocchia e nocche.

Classici segnali di allarme per il diabete di tipo 2 comprendono:

  • Aumento della sete
  • Minzione frequente
  • Fatica
  • Visione offuscata

Consultare il medico se si è preoccupati per il diabete o se si nota la presenza di segni o sintomi come aumento della sete e bisogno frequente di urinare, stanchezza e visione offuscata.

Chiedere al vostro medico un controllo della glicemia, se si hanno fattori di rischio per il prediabete, quali:

  • Sovrappeso, con un indice di massa corporea superiore a 25.
  • Inattività
  • Si hanno 45 anni o più
  • Una storia familiare di diabete di tipo 2.
  • Si è sviluppato il diabete gestazionale in gravidanza
  • Si è affetti dalla sindrome dell’ovaio policistico, una condizione comune caratterizzata da periodi mestruali irregolari, crescita di peli in eccesso e obesità.
  • Si ha la pressione alta.
  • Le lipoproteine ​​ad alta densità (HDL il colesterolo “buono”) è inferiore a 35 milligrammi per decilitro (mg / dL) – 0,9 millimoli per litro o mmol / L – o il livello di trigliceridi è superiore a 250 mg / dL (2,83 mmol / L).

 

prediabete1.gif

Cause

L’esatta causa del pre-diabete è sconosciuta, sebbene i ricercatori hanno scoperto alcuni geni che sono correlati alla resistenza all’insulina. L’eccesso di grasso in particolare il grasso addominale e l’inattività sembrano essere fattori importanti nello sviluppo del prediabete.

Ciò che è chiaro è che le persone che hanno il prediabete non riescono a trasformare il glucosio  correttamente. Questo fa sì che lo zucchero si accumuli nel sangue, invece di fare il suo lavoro normale di alimentare le cellule che compongono i muscoli e altri tessuti.

La maggior parte del glucosio nel corpo proviene dagli alimenti, in particolare gli alimenti che contengono carboidrati. Qualsiasi alimento che contiene carboidrati può influenzare i livelli di zucchero nel sangue, non solo i cibi dolci.

Durante la digestione, lo zucchero entra nel flusso sanguigno e con l’aiuto dell’insulina viene assorbito nelle cellule del corpo per dare loro energia.

L’insulina è un ormone che viene secreto dal pancreas, una ghiandola situata proprio dietro lo stomaco. Quando si mangia, il pancreas secerne insulina nel flusso sanguigno. L’insulina, agisce come una chiave che apre le porte microscopiche che permettono allo zucchero di entrare nelle cellule. L’insulina abbassa la quantità di zucchero nel sangue. Come il livello di zucchero nel sangue si abbassa, così fa la secrezione di insulina dal pancreas.

Quando si dispone di prediabete, questo processo inizia a lavorare in modo improprio. Invece di alimentare le cellule, lo zucchero si accumula nel sangue. Questo si verifica quando il pancreas non produce abbastanza insulina o le cellule diventano resistenti all’azione dell’insulina o entrambi i fattori.

Fattori di rischio

Gli stessi fattori che aumentano il rischio di sviluppare diabete di tipo 2 aumentano il rischio di prediabete, tra cui:

  • Il peso in eccesso. Essere in sovrappeso è un fattore di rischio primario per il prediabete.
  • Inattività. L’attività fisica aiuta a controllare il  peso, utilizza il glucosio come energia e rende le cellule più sensibili all’insulina.
  • L’avanzare dell’età. il rischio di pre-diabete aumenta con l’età, soprattutto dopo i 45 anni.
  • La storia di famiglia. il rischio di prediabete aumenta se un genitore o un fratello ha il diabete di tipo 2.
  • Il diabete gestazionale.
  • La sindrome dell’ovaio policistico. Per le donne, con sindrome dell’ovaio policistico vi è un aumentato rischio di diabete.
  • Sonno. Diversi studi recenti hanno collegato la mancanza di sonno o il troppo sonno ad un aumentato rischio di resistenza all’insulina. La ricerca suggerisce che le persone che dormono regolarmente meno di sei ore o più di nove ore a notte hanno un aumentato rischio di prediabete.

Altre condizioni associate con il diabete includono:

  • Alta pressione sanguigna
  • Bassi livelli di HDL, o colesterolo “buono”
  • Alti livelli di trigliceridi

Quando queste condizioni, pressione alta, glicemia alta, e grassi nel sangue si verificano insieme con l’obesità, sono associati con la resistenza all’insulina. Questo viene spesso definito come sindrome metabolica.

Complicazioni

La progressione nel diabete di tipo 2 è la conseguenza più grave del prediabete non trattato.

Complicanze del diabete di tipo 2 includono:

  • Alta pressione sanguigna
  • Colesterolo alto
  • Malattia cardiaca
  • Ictus
  • Malattie renali
  • Cecità
  • Amputazioni

Diagnosi

Si raccomandano screening per il diabete se:

  • Si è in sovrappeso, con un indice di massa corporea superiore a 25
  • Si è inattivi
  • Si hanno 45 anni o più
  • Si ha una storia familiare di diabete di tipo 2
  • Si ha una storia di diabete gestazionale
  • Si ha la sindrome dell’ovaio policistico
  • Si ha la pressione alta
  • Si hanno livelli di colesterolo anomali, tra cui una lipoproteina ad alta densità (HDL) inferiore a 35 mg / dl (0,9 mmol / L) o livelli di trigliceridi superiori a 250 mg / dL (2,83 mmol / L)

 

ildiabete valori21.jpg

I test usati per diagnosticare il prediabete

Nel giugno del 2009, un comitato internazionale composto da esperti della American Diabetes Association, l’Associazione Europea per lo Studio del Diabete e l’International Diabetes Federation ha deciso questi test per il prediabete:

  • Emoglobina glicata (A1C). Questo esame del sangue indica il livello medio di zucchero nel sangue negli ultimi due o tre mesi. Funziona misurando la percentuale di zucchero nel sangue attaccato alla emoglobina. Più sono elevati i livelli di zucchero nel sangue, più zucchero ci sarà sul’emoglobina. Un livello di A1C tra il 6 e il 6,5 per cento è considerato prediabete. Un livello del 6,5 per cento o più su due prove separate indica la presenza di diabete.

Alcune condizioni possono rendere il test A1C impreciso.

Di seguito altri test che il medico può utilizzare per la diagnosi di pre-diabete:

  • Zucchero nel sangue a digiuno. Un campione di sangue verrà prelevato dopo almeno 8 ore di digiuno. Con questo test, un livello di zuccheri nel sangue inferiore a 100 milligrammi per decilitro (mg / dL) – 5,6 millimoli per litro (mmol / L) – è normale. Un livello di zucchero nel sangue 100-125 mg / dL (5,6-6,9 mmol / L) è considerato prediabete. Un livello di zucchero nel sangue di 126 mg / dl (7.0 mmol / L) o superiore può indicare il diabete mellito.
  • Test orale di tolleranza al glucosio. Un campione di sangue viene prelevato dopo 8 ore o più di digiuno. Poi viene fatta bere una soluzione zuccherina, e il livello di zucchero nel sangue verrà misurato dopo due ore. Un livello di zuccheri nel sangue inferiore a 140 mg / dl (7,8 mmol / L) è normale. A livello di zucchero nel sangue da 140 a 199 mg / dL (7,8-11,0 mmol / L) è considerato prediabete. UN livello di zucchero nel sangue di 200 mg / dL (11,1 mmol / L) o superiore può indicare il diabete mellito.
  • Se il livello di zucchero nel sangue è normale, il medico può raccomandare un test di screening ogni tre anni. Se si dispone di prediabete, ulteriori test possono essere necessari. Ad esempio, il medico dovrebbe controllare il livello di zucchero nel sangue a digiuno, HbA1c, colesterolo totale, colesterolo HDL, lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) e  trigliceridi, almeno una volta l’anno, forse più frequentemente se si dispone di ulteriori fattori di rischio per il diabete. Il medico può anche raccomandare un test annuale microalbuminuria, che verifica la presenza di proteine ​​nelle urine un segno precoce di danni ai reni.

Trattamenti e cure

Se si dispone di prediabete, scelte di vita sane possono aiutare a portare il livello di zuccheri nel sangue alla normalità o almeno ad evitare che arrivi ai livelli del diabete di tipo 2. Linee guida della American College of Endocrinology, suggeriscono i seguenti principi per il trattamento del prediabete:

  • Mangiare cibi sani. Scegliere alimenti a basso contenuto di grassi e calorie e ricchi di fibre. Focalizzarsi su frutta, verdura e cereali integrali.
  • Praticare più attività fisica. Almeno 30 – 60 minuti di attività fisica moderata cinque giorni alla settimana. Se non è possibile inserire un allenamento lungo, fare piccole sessioni distribuite nel corso della giornata.
  • Perdere chili in eccesso. Se si è in sovrappeso, perdere anche solo il 5 o 10 per cento del peso corporeo può ridurre il rischio di sviluppare il diabete.
  • Prendere farmaci. Se necessario. alcuni farmaci, per via orale come la metformina (Glucophage) e acarbose (Precose) sono una opzione valida se si è ad alto rischio di diabete. Ciò comprende se il prediabete sta peggiorando o se si ha ad esempio una malattia cardiovascolare. Alcuni studi hanno indicato che il pioglitazone (Actos) e farmaci simili, sono efficaci per migliorare la sensibilità all’insulina, e potrebbero aiutare a ridurre il rischio di conversione da prediabete in diabete, ma sono stati associati anche con un aumento di peso e ritenzione idrica (edema).
  • In altri casi, i farmaci per controllare il colesterolo – le statine, e farmaci per controllare la pressione alta sono necessari. Ma scelte di vita sana rimangono tuttavia essenziali.

Poiché i risultati di diversi studi recenti suggeriscono un sonno regolare possa ridurre la resistenza all’insulina, cercare di dormire almeno sei o più ore ogni notte.

Medicina alternativa

Molte terapie alternative, tra cui la cannella cassia, cromo, ginseng, glucomannano, gomma di guar, Gymnema, magnesio, cardo mariano, fico d’india, di soia e stevia -sono state presentate come possibili alternative per trattare o prevenire il diabete di tipo 2. Anche se alcune di queste sostanze hanno mostrato risultati promettenti, non ci sono prove definitive che una qualsiasi di queste terapie sia realmente efficace.

Prevenzione

Scelte di vita sane possono aiutare a prevenire il prediabete e la sua progressione a diabete di tipo 2.

  • Mangiare cibi sani.
  • Praticare più attività fisica.
  • Perdere chili in eccesso.
  • I cambiamenti dello stile di vita possono curare o addirittura far regredire il prediabete.

Referenze »

Prediabete FAQ. American Diabetes Association. http://www.diabetes.org/diabetes-basics/prevention/pre-diabetes/pre-diabetes-faqs.html. Consultato il 4 ottobre 2011.
Insulino-resistenza e pre-diabete. Istituto Nazionale del Diabete e Malattie Digestive. http://diabetes.niddk.nih.gov/DM/pubs/insulinresistance/. Consultato il 4 ottobre 2011.
Standard di cure mediche nel diabete – 2011. Diabetes Care. 2011; 34: S11.
Il diabete mellito (DM). I Manuali Merck: Il Manuale Merck per gli Operatori Sanitari. Consultato il 7 ottobre 2011.
Chaput JP, et al. Il sonno come un fattore di rischio per lo sviluppo di diabete di tipo 2 o alterata tolleranza al glucosio: Analisi del Quebec Family Study. Sleep Medicine. 2010; 10:919.
Glucosio. Lab Tests Online. http://labtestsonline.org/understanding/analytes/glucose/tab/test~~V #. Consultato il 7 ottobre 2011.
Karam JG, et al. Aggiornamento sulla prevenzione del diabete di tipo 2. Rapporti diabete correnti. 2011; 11:56.
DeFronzo RA, et al. Pioglitazone per la prevenzione del diabete nella tolleranza al glucosio. New England Journal of Medicine. 2011; 364:1104.
Medicine naturali nella gestione clinica del diabete. Natural Medicines Comprehensive Database. http://www.naturaldatabase.com. Consultato il 4 ottobre 2011.
Ratner RE, et al. Raccomandazioni per il trattamento di prediabete. Cliniche mediche del Nord America. 2011; 95:385.

Link sponsorizzati