Infezione da parvovirus : sintomi, cause, diagnosi e cure


L’infezione da parvovirus è una malattia infantile comune e altamente contagiosa. L’infezione da parvovirus è stata anche conosciuta come quinta malattia, perché, storicamente, è stata una delle cinque comuni malattie infantili caratterizzati da una eruzione cutanea.

Link sponsorizzati

Nella maggior parte dei bambini, l’infezione da parvovirus è lieve. Tuttavia, l’infezione da parvovirus in alcune donne in gravidanza può portare a problemi di salute gravi per il feto. L’infezione da parvovirus è anche più grave per le persone con alcuni tipi di anemia o che hanno un sistema immunitario compromesso.

Sintomi

La maggior parte delle persone con infezione da parvovirus non hanno segni o sintomi. Quando i sintomi compaiono, essi variano notevolmente in base all’età.

Parvovirus: sintomi nei bambini

I primi segni e sintomi di infezione da parvovirus nei bambini possono comprendere:

  • Mal di gola
  • Leggera febbre
  • Disturbi di stomaco
  • Mal di testa
  • Fatica
  • Prurito
  • Eruzione cutanea del viso

Diversi giorni dopo la comparsa dei primi sintomi, un caratteristico rash rosso del viso può apparire di solito su entrambe le guance. Alla fine, esso può estendersi ai tronco, braccia, cosce e glutei, dove l’eruzione ha un aspetto leggermente sollevato.

Generalmente, il rash si verifica verso la fine della malattia. E’ possibile confondere il rash per altre eruzioni cutanee . L’eruzione cutanea può andare e venire per un massimo di tre settimane, diventando sempre più visibile quando un bambino è esposto a temperature estreme o trascorre del tempo al sole.

Sintomi negli adulti

Gli adulti di solito non sviluppano il classico rash cutaneo. Al contrario, il sintomo più evidente di infezione da parvovirus negli adulti è il dolore articolare, che dura giorni o settimane. Articolazioni più comunemente colpite sono le mani, polsi, ginocchia e caviglie.

Fissare un appuntamento con il vostro medico di famiglia, se il bambino ha un’infezione da parvovirus in aggiunta a una condizione di base che può aumentare il rischio di complicanze. Queste condizioni comprendono:

  • L’anemia falciforme
  • Compromissione del sistema immunitario
  • Gravidanza

infezione da parvovirus1.jpg

Cause

Il parvovirus B19 umano provoca l’infezione da parvovirus. Questo è diverso dal parvovirus visto in cani e gatti, quindi non è possibile ottenere l’infezione da un animale domestico o viceversa.

L’infezione da parvovirus umano è più comune tra i bambini in età scolare durante le epidemie nei mesi invernali e primaverili, ma chiunque può ammalarsi in qualsiasi momento dell’anno. Si diffonde da persona a persona, proprio come un raffreddore, spesso attraverso le secrezioni respiratorie.

La malattia è contagiosa nella settimana che precede la comparsa del rash cutaneo. Una volta che l’eruzione compare, la persona con la malattia non è più considerata contagiosa e non deve essere isolata.

Complicazioni

L’infezione da parvovirus può causare gravi complicazioni per le persone che:

  • Sono in stato di gravidanza
  • Hanno l’anemia falciforme
  • Hanno compromesso il sistema immunitario

Infezione da parvovirus in gravidanza

L’infezione da parvovirus durante la gravidanza a volte intacca i globuli rossi nel feto, causando una grave anemia che potrebbe portare ad aborto spontaneo o un parto prematuro. Il rischio di danno fetale appare più grande durante la prima metà della gravidanza.

Infezione da parvovirus nelle persone affette da anemia

L’Infezione da parvovirus nelle persone affette da anemia può interrompere la produzione di globuli rossi e causare una crisi anemia. Le persone affette da anemia falciforme sono particolarmente a rischio.

Parvovirus in persone con sistema immunitario indebolito

L’infezione da parvovirus può anche innescare una grave anemia nelle persone che hanno un sistema immunitario compromesso, che possono derivare da:

  • AIDS
  • Trattamenti contro il cancro
  • Farmaci anti-rigetto dopo trapianti di organi

Diagnosi

Circa la metà degli adulti sono immuni all’infezione da parvovirus, molto probabilmente a causa di ua precedente infezione. Le persone che sono a rischio di complicanze gravi da parvovirus potrebbero trarre beneficio da esami del sangue che possono aiutare a determinare se sono immuni al parvovirus o se sono state recentemente infettate.

Trattamenti e cure

Per una infezione da parvovirus senza complicazioni, il trattamento a casa è generalmente sufficiente. Per le persone con grave anemia potrebbe essere necessario il ricovero in ospedale e le trasfusioni di sangue. Quelli con sistema immunitario indebolito possono essere trattati tramite iniezioni di immunoglobuline.

parvovirus umano21.jpg
Consigli

L’auto-trattamento si rivolge principalmente ad alleviare i segni e i sintomi. Assicurarsi di bere fluidi a sufficienza e riposare. È possibile utilizzare l’acetaminofene (Tylenol, altri) per alleviare le temperature di oltre 39 C o dolori. Evitare di dare l’aspirina ai bambini. L’aspirina può scatenare una malattia rara ma potenzialmente fatale nota come sindrome di Reye.

E’impraticabile e inutile isolare il bambino malato. Questo perchè, non si sa della presenza di una infezione da parvovirus fino a che il rash non appare, e da quel momento, il bambino non è più contagioso.

Prevenzione

Non c’è vaccino per prevenire l’infezione da parvovirus. Una volta infettati con il parvovirus, si acquista l’immunità permanente.

Referenze »

Quinta malattia. In: Ferri FF. Advisor Clinical Ferri 2010. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier, 2009. Consultato il 22 ottobre 2009.
NS Young. Parvovirus B19. In: L. Goldman Cecil Medicine. 23a ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2007. Consultato il 22 ottobre 2009.
Jordan JA. Le manifestazioni cliniche e la patogenesi di infezione umana da parvovirus B19. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 22 ottobre 2009.
Parvovirus B19 infezione e eritema infettivo. In: Cohen J, et al. Cohen & Powderly: Malattie Infettive. 2nd ed. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier, 2004. Consultato il 22 ottobre 2009.
Riley LE, et al. L’infezione da parvovirus B19 durante la gravidanza. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 22 ottobre 2009.
Jordan JA. Trattamento e prevenzione della infezione da parvovirus B19. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 22 ottobre 2009.
Sindrome di Reye informazioni della pagina. Istituto nazionale dei disordini neurologici e colpo. http://www.ninds.nih.gov/disorders/reyes_syndrome/reyes_syndrome.htm. Consultato il 22 ottobre 2009.

 

Link sponsorizzati