Disturbo oppositivo provocatorio (ODD) : sintomi, cause, diagnosi e terapie


Anche i bambini più educati, a volte possono essere difficili da gestire ed impegnativi. Ma se il bambino o l’adolescente ha un modello persistente di capricci, sostenendo un comportamento aggressivo o distruttivo verso le autorità, può avere il disturbo oppositivo provocatorio (ODD).

Link sponsorizzati

I medici i consulenti, o gli esperti dello sviluppo infantile possono aiutare a gestire la situazione.

Il trattamento dell’ ODD coinvolge la terapia, la formazione per aiutare a costruire interazioni familiari positive, ed eventualmente farmaci per il trattamento di condizioni legate alla salute mentale.

Sintomi

Può essere difficile a volte riconoscere la differenza tra un bambino con una forte personalità emotiva e uno con disturbo oppositivo-provocatorio. È normale esibire un comportamento oppositivo, in determinate fasi dello sviluppo.

Segni di ODD generalmente iniziano prima degli 8 anni. A volte si può sviluppare in seguito, ma quasi sempre prima dell’adolescenza. Quando si sviluppa un comportamento strano, i segni tendono ad iniziare gradualmente e poi peggiorare nel corso di mesi o anni.

Il bambino può mostrare segni di ODD invece di un normale malumore se i comportamenti:

  • Sono persistenti
  • Sono durati almeno sei mesi
  • Sono chiaramente dannosi per l’ambiente familiare o la scuola

Di seguito sono riportati i comportamenti associati con il Disturbo oppositivo provocatorio:

  • Negatività
  • Comportamento di sfida verso i genitori
  • Disobbedienza
  • L’ostilità diretta verso le figure di autorità

Questi comportamenti potrebbero causare al bambino costanti:

  • Scatti d’ira
  • Essere polemici con gli adulti
  • Rifiutarsi di soddisfare le richieste o le regole degli adulti
  • Infastidire gli altri deliberatamente
  • Incolpare gli altri per errori o cattivo comportamento
  • Essere permalosi
  • Provare rabbia e risentimento
  • Essere dispettosi o vendicativi
  • Agire in modo aggressivo verso i coetanei
  • Avere difficoltà a mantenere le amicizie
  • Avere problemi scolastici
  • Sentire la mancanza di autostima

odd1.png

Inoltre, il bambino non è in grado di vedere il suo comportamento come un problema. Invece, il bambino vede le richieste fatte verso di lui irragionevoli ed insensate.

Problemi di salute mentale correlati

Il disturbo oppositivo-provocatorio si presenta spesso insieme ad altri problemi di salute mentale o comportamentali, quali:

  • Attenzione ed iperattività (ADHD)
  • Ansia
  • Depressione

I sintomi di ODD possono essere difficili da distinguere rispetto ad altri problemi di salute mentale o comportamentali.

E’ importante diagnosticare e trattare eventuali co-malattie che si verificano perché possono creare o peggiorare l’irritabilità se non trattati. Inoltre, è importante identificare e trattare qualsiasi abuso di sostanze o dipendenza correlata. L’abuso di sostanze e dipendenza nei bambini può essere associata con irritabilità e cambiamenti di personalità abituale del bambino.

Cause

Non esiste nessuna causa nota per il disturbo oppositivo-provocatorio. Le cause possono essere una combinazione di fattori ereditari e ambientali, tra cui:

  • Naturale predisposizione
  • Limitazioni o ritardi nello sviluppo
  • Mancanza di controllo
  • Disciplina incoerente o troppo dura
  • Abusi o negligenza
  • Uno squilibrio di alcune sostanze chimiche del cervello, come la serotonina

Fattori di rischio

L’ODD è un problema complesso che coinvolge una varietà di influenze, circostanze e componenti genetiche. Non esiste un vero e proprio singolo fattore che causa il Disturbo oppositivo provocatorio.

Possibili fattori di rischio includono:

  • Essere trascurati
  • Una disciplina imposta dai genitori troppo dura
  • Mancanza di controllo
  • Mancanza di coinvolgimento dei genitori nelle attività del bambino
  • Avere i genitori con un matrimonio gravemente turbato
  • I genitori con una storia di ADHD, disturbo oppositivo-provocatorio o problemi di comportamento
  • I problemi finanziari della famiglia
  • Instabilità familiare, come avviene spesso con il divorzio

Cambiamenti stressanti che destabilizzano il bambino come un divorzio o altri problemi familiari, possono aumentare il rischio di comportamento dirompente.

Complicazioni

Molti bambini con disturbo oppositivo-provocatorio hanno altre condizioni curabili, come ad esempio:

  • Attenzione ed iperattività (ADHD)
  • Depressione
  • Ansia
  • Disturbi di apprendimento e di comunicazione

Se queste condizioni non vengono trattate, la gestione dell’ODD può essere molto difficile per i genitori, e frustrante per il bambino affetto. I bambini con disturbo oppositivo-provocatorio potrebbero avere problemi a scuola con gli insegnanti e fare molta fatica a crearsi nuove amicizie.

Il Disturbo oppositivo provocatorio può essere un precursore di più gravi problemi, quali disturbo della condotta, abuso di sostanze e la delinquenza.

Diagnosi

Per essere diagnosticati con disturbo oppositivo-provocatorio, un bambino deve soddisfare i criteri enunciati nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM). Questo manuale è pubblicato dalla American Psychiatric Association e viene utilizzato da molti operatori di salute mentale per diagnosticare le condizioni mentali.

Criteri per il disturbo oppositivo-provocatorio devono includere un modello di comportamento che dura almeno sei mesi e comprende almeno quattro dei seguenti elementi:

  • Perdere le staffe spesso
  • Litigare spesso con gli adulti
  • Opporsi sempre alle richieste degli adulti o alle loro regole
  • Irritare deliberatamente le persone
  • Accusare gli altri per i propri errori
  • Essere suscettibile o facilmente irritabile
  • Essere spesso arrabiato o risentito
  • Essere dispettoso e  vendicativo

Questi comportamenti devono essere presenti in modo continuativo e non sporadicamente.

Inoltre, per essere diagnosticati con disturbo oppositivo-provocatorio, il comportamento distruttivo di un bambino:

  • Deve causare problemi significativi al lavoro, a scuola o a casa
  • Non avere un altro problema di salute mentale, come la depressione o il disturbo bipolare
  • Non deve soddisfare i criteri diagnostici per disturbo della condotta o, se la persona interessata ha più di 18 anni, il disturbo antisociale di personalità
  • Può essere difficile per i medici escludere altre patologie mentali.

 

ODD21.jpgTrattamenti e cure

Trattare il disturbo oppositivo-provocatorio generalmente coinvolge diversi tipi di psicoterapia e di formazione per il bambino – così come il genitore. Il trattamento dura spesso parecchi mesi o più.

I capisaldi del trattamento per l’ODD solitamente includono:

  • Terapia individuale e familiare. La terapia individuale per il bambino può aiutarlo a imparare a gestire la rabbia ed esprimere i suoi sentimenti in modo più sano. La consulenza familiare può contribuire a migliorare la comunicazione e le relazioni.
  • Genitore-figlio terapia di interazione (PCIT). Come risultato di questa terapia, i genitori migliorano la qualità del rapporto genitore-figlio.
  • Terapia cognitiva. Questo tipo di terapia ha lo scopo di aiutare il bambino ad identificare e modificare il comportamento.
  • Formazione professionale. IL bambino potrebbe anche trarre beneficio dalla terapia che insegna ad interagire con i coetanei.
  • Formazione per i genitori. Questa formazione, può aiutare a sviluppare le abilità che permettono ad genitore di affrontare questo problema in modo positivo. In alcuni casi, il bambino può partecipare a questo tipo di formazione.

Come parte della formazione dei genitori, si può imparare a:

  • Evitare lotte di potere con i figli
  • Rimanere calmi e impassibili di fronte all’opposizione
  • Riconoscere e lodare i buoni comportamenti del bambino e le caratteristiche positive
  • Offrire scelte accettabili per il bambino, dando a lui un certo controllo
  • Stabilire un programma per la famiglia che comprenda  pasti specifici che saranno consumati a casa insieme, e attività specifiche da fare con il bambino

Anche se alcune tecniche possono sembrare semplici, imparare a usarle a fronte di un comportamento aggressivo non è facile, soprattutto se ci sono altri fattori di stress a casa. Imparare queste abilità richiederà pratica costante e pazienza.

Più importante del trattamento,è mostrare amore incondizionato e l’accettazione del bambino anche in situazioni difficili.

Referenze »

Disturbo oppositivo-provocatorio. In: Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali DSM-IV-TR. 4a ed. Arlington, Virginia: American Psychiatric Association, 2000. http://www.psychiatryonline.com. Consultato il 25 ottobre, 2011.
Nurcombe B. disturbo oppositivo provocatorio e disturbo della condotta. In: Ebert MH, et al, eds. Diagnosi e trattamento attuale: Psichiatria. 2nd ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies, 2011. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=3290408. Consultato il 25 ottobre, 2011.
Dirompenti disturbi comportamentali. I Manuali Merck: Il Manuale Merck per gli Operatori Sanitari. Consultato il 25 ottobre, 2011.
Hamilton SS. Disturbo oppositivo-provocatorio. Famiglia medico americano. 2008; 78:861.
I bambini con disturbo oppositivo-provocatorio. Accademia Americana di Psichiatria Infantile e dell’Adolescenza. http://www.aacap.org/cs/root/facts_for_families/children_with_oppositional_defiant_disorder~~V. Consultato il 25 ottobre, 2011.
H. Steiner parametro Practice per la valutazione e il trattamento di bambini e adolescenti con disturbo oppositivo-provocatorio. Journal of the American Academy of Child Adolescent Psychiatry e. 2007; 46:126.
Loeber R, et al. Prospettive sulla oppositivo provocatorio, disturbo della condotta e le caratteristiche psicopatiche. Journal of Child Psychology and Psychiatry. 2009; 50:133.

 

Link sponsorizzati