Disturbo bipolare : sintomi, cause, complicazioni, diagnosi e cure


Il disturbo bipolare – a volte chiamato maniaco-depressivo è associato a sbalzi di umore che variano da minimi sintomi di depressione a picchi di mania. Quando si diventa depressi, ci si può sentire tristi o senza speranza e perdere interesse o piacere nella maggior parte delle attività. Quando lo stato d’animo si sposta nella direzione opposta, ci si può sentire euforici e pieni di energia. Cambiamenti d’umore possono avvenire anche solo poche volte all’anno, o più spesso tipo più volte al giorno. In alcuni casi, il disturbo bipolare causa sintomi di depressione e mania al tempo stesso.

Link sponsorizzati

Anche se il disturbo bipolare è abbastanza dirompente, è possibile tenere sotto controllo gli stati d’animo, seguendo un piano di trattamento. Nella maggior parte dei casi, il disturbo bipolare può essere controllato con i farmaci e la consulenza psicologica (psicoterapia).

Sintomi

Il disturbo bipolare è diviso in diversi sottotipi. Ognuno ha un diverso pattern di sintomi. Tipi di disturbo bipolare sono:

  • Disturbo Bipolare I. Gli sbalzi d’umore con il bipolare di tipo I causano notevoli difficoltà nel lavoro, scuola o relazioni. Gli episodi maniacali possono essere gravi e pericolosi.
  • Disturbo Bipolare II. Il bipolare II è meno grave del bipolare I. Si può avere un umore elevato, irritabilità e alcuni cambiamenti, ma in generale si può continuare con la normale routine quotidiana. Invece di vera e propria mania, si dispone di ipomania – una forma meno grave della mania. Nel bipolare II, i periodi di depressione in genere durano più a lungo dei periodi di ipomania.
  • Disturbo ciclotimico. Il disturbo ciclotimico, noto anche come ciclotimia, è una forma lieve di disturbo bipolare. Con la ciclotimia, ipomania e depressione possono essere di disturbo, ma gli alti e bassi non sono così gravi come con altri tipi di disturbo bipolare.
  • I Sintomi del disturbo bipolare riflettono una gamma di stati d’animo.
  • I sintomi esatti del disturbo bipolare variano da persona a persona. Per alcune persone, la depressione provoca i maggiori problemi, mentre per altri, i sintomi maniacali sono la preoccupazione principale. I sintomi della depressione e i sintomi di mania o ipomania possono verificarsi anche insieme. Questo è noto come un episodio misto.

Fase maniacale del disturbo bipolare

I segni ei sintomi della fase maniacale o ipomaniacale del disturbo bipolare possono includere:

  • Euforia
  • Autostima ipertrofica
  • Scarsa capacità di giudizio
  • Discorso rapido
  • Pensieri che si rincorrono
  • Comportamento aggressivo
  • Agitazione o irritazione
  • L’aumento dell’attività fisica
  • Comportamenti a rischio
  • Sperpero finanziario
  • Maggiore unità per eseguire o raggiungere gli obiettivi
  • Aumento del desiderio sessuale
  • Ridotto bisogno di sonno
  • Distrazione
  • Disattenzione o un uso pericoloso di droghe o alcool
  • Frequenti assenze dal lavoro o da scuola
  • Deliri o una pausa dalla realtà (psicosi)
  • Scarso rendimento al lavoro oa scuola

Fase depressiva del disturbo bipolare

I segni e i sintomi della fase depressiva del disturbo bipolare possono includere:

  • Tristezza
  • Disperazione
  • Pensieri o comportamenti suicidi
  • Ansia
  • Senso di colpa
  • Problemi di sonno
  • Scarso appetito o aumento dell’appetito
  • Fatica
  • Perdita di interesse nelle attività un tempo considerate piacevoli
  • Problemi di concentrazione
  • Irritabilità
  • Il dolore cronico senza una causa nota
  • Frequenti assenze dal lavoro o da scuola
  • Scarso rendimento al lavoro o a scuola

disturbo bipolare1.gif

Altri segni e sintomi del disturbo bipolare

I segni ei sintomi del disturbo bipolare possono anche includere:

  • I cambiamenti stagionali di umore. Come con il disturbo affettivo stagionale (SAD), alcune persone con disturbo bipolare hanno stati d’animo che cambiano con le stagioni. Alcune persone diventano maniacali o ipomaniacali in primavera o in estate per poi diventare depresse in autunno o in inverno. Per altre persone, questo ciclo si inverte.
  • Rapidi cambiamenti. Alcune persone affette da disturbo bipolare hanno rapidi cambiamenti d’umore. Questo è presente qu ando si hanno quattro o più sbalzi d’umore in un solo anno. Tuttavia, in alcune persone i cambiamenti d’umore si verificano molto più rapidamente, a volte entro poche ore.
  • Psicosi. Gravi episodi di mania o depressione possono causare psicosi, un distacco dalla realtà. I sintomi della psicosi possono comprendere false credenze, fortemente sostenute (deliri) e sentire o vedere cose che non ci sono (allucinazioni).

I sintomi nei bambini e negli adolescenti

Invece di una chiara depressione e mania o ipomania, i segni più importanti del disturbo bipolare nei bambini e negli adolescenti possono includere temperamento esplosivo, rapidi cambiamenti di umore, comportamento sconsiderato e aggressivo. In alcuni casi, questi cambiamenti si verificano entro poche ore o meno.

Cause

La causa esatta del disturbo bipolare è sconosciuta, ma numerosi fattori sembrano essere coinvolti nel provocare e innescare episodi bipolari:

  • Differenze biologiche. persone con disturbo bipolare sembrano avere cambiamenti fisici nel cervello. Il significato di questi cambiamenti è ancora incerto.
  • Neurotrasmettitori. Uno squilibrio di natura chimica del cervello sembra giocare un ruolo significativo nel disturbo bipolare e altri disturbi dell’umore.
  • Gli ormoni. ormoni sbilanciati possono essere coinvolti nel causare o scatenare disturbo bipolare.
  • Tratti ereditari. Il disturbo bipolare è più comune nelle persone che hanno un parente (come ad esempio un fratello o un genitore) con la condizione. I ricercatori stanno cercando di trovare geni che potrebbero essere coinvolti nel disturbo bipolare.
  • Ambiente. stress, o altre esperienze traumatiche possono giocare un ruolo nel disturbo bipolare.

Fattori di rischio

I fattori che possono aumentare il rischio di sviluppare disturbo bipolare includono:

  • Avere parenti come un genitore o un fratello con disturbo bipolare
  • Periodi di forte stress
  • Abuso di alcool o droghe
  • Cambiamenti di vita importanti, come la morte di una persona cara

Condizioni che comunemente si verificano con il disturbo bipolare

Se si dispone di disturbo bipolare, si può anche avere un altro problema di salute che è diagnosticato prima o dopo il disturbo bipolare. Tali condizioni devono essere diagnosticate e trattate, perché possono peggiorare il disturbo bipolare esistente. Esse comprendono:

  • Disturbi d’ansia. esempi includono stress post-traumatico(PTSD), fobia sociale e disturbo d’ansia generalizzato.
  • Attenzione ed iperattività (ADHD). L’ADHD ha sintomi che si sovrappongono con il disturbo bipolare. Per questo motivo, il disturbo bipolare può essere difficile da differenziare con l’ADHD. A volte uno viene scambiato per l’altro. In alcuni casi, una persona può avere entrambe le condizioni.
  • Abuso o dipendenza da sostanze. Molte persone affette da disturbo bipolare hanno anche problemi di alcol, tabacco o droghe.
  • Problemi di salute fisica. persone con diagnosi di disturbo bipolare hanno più probabilità di avere altri problemi di salute, tra cui le malattie cardiache, problemi di tiroide e l’obesità.

Complicazioni

Se non curato, il disturbo bipolare può causare gravi problemi che interessano ogni area della vita. Questi possono includere:

  • I problemi legati all’abuso di sostanze e alcol
  • Problemi legali
  • I problemi finanziari
  • Problemi di relazione
  • Isolamento e solitudine
  • Lavoro scadente o  rendimento scolastico pessimo
  • Frequenti assenze dal lavoro o da scuola
  • Suicidio

Diagnosi

Quando i medici sospettano il disturbo bipolare, in genere fanno una serie di test ed esami. Questi possono contribuire a escludere altri problemi, individuare una diagnosi e controllare anche eventuali complicanze correlate. Questi possono includere:

  • Esame fisico Ciò può comportare misurare l’altezza e peso; controllo i segni vitali, come ad esempio la frequenza cardiaca, pressione sanguigna e temperatura; ascoltare il cuore e polmoni, ed esaminare l’addome.
  • Le prove di laboratorio. Questi possono includere esami del sangue e delle urine. Questi test possono aiutare a identificare eventuali problemi fisici che potrebbero essere la causa dei sintomi.
  • Valutazione psicologica.
  • Grafici. Per identificare esattamente cosa sta succedendo, il medico può chiedere di tenere un registro giornaliero degli stati d’animo, i modelli di sonno o altri fattori che potrebbero contribuire alla diagnosi.

I criteri diagnostici per il disturbo bipolare

Per essere diagnosticati con disturbo bipolare, è necessario soddisfare i criteri enunciati nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM). Questo manuale è pubblicato dalla American Psychiatric Association e viene utilizzato da molti medici per diagnosticare le condizioni mentali. I criteri diagnostici per il disturbo bipolare sono basati sul tipo specifico di disturbo bipolare.

  • Disturbo Bipolare I. Si ha avuto almeno un episodio maniacale o uno misto. Si può o non può aver avuto un episodio depressivo maggiore. Poiché il bipolare di tipo I varia da persona a persona, ci sono più specifiche sottocategorie di diagnosi in base a segni e sintomi.
  • Disturbo Bipolare II. Si ha avuto almeno un episodio depressivo maggiore e almeno un episodio ipomaniacale (ma non un episodio maniacale o misto completamente). Con il bipolare II, i sintomi causano disagio o difficoltà in qualche area della vita come le relazioni o il lavoro. Il disturbo bipolare II ha anche sottocategorie.
  • Disturbo ciclotimico. Si hanno avuti numerosi episodi ipomaniacali e periodi di depressione ma non si ha mai avuto un episodio maniacale completo, un episodio depressivo maggiore o un episodio misto. I sintomi causano disagio significativo o difficoltà in qualche area della  vita.

Il DSM ha criteri molto specifici per maniacale, ipomaniacale, depressivo maggiore ed episodi misti.

Criteri per un episodio maniacale

Un episodio maniacale è un periodo che dura almeno una settimana (o meno di una settimana, se il ricovero è necessario). Durante il periodo tre o più dei seguenti sintomi devono essere presenti (quattro se l’umore è solo irritabile):

  • Autostima ipertrofica
  • Ridotto bisogno di sonno (per esempio, ci si sente riposati dopo solo tre ore di sonno)
  • Si parla più del solito
  • Si hanno pensieri definiti sfuggenti
  • Ci si distrae facilmente
  • Aumento dell’attività finalizzata (sociale, lavoro, scuola o sessuale)
  • Si fanno cose che hanno un alto potenziale di conseguenze dolorose – per esempio, spese folli acquisto sfrenato, indiscrezioni sessuali o investimenti aziendali folli

Per essere considerato un episodio maniacale:

  • Il disturbo dell’umore deve essere abbastanza grave da causare difficoltà evidente a lavoro, a scuola o relazioni sociali, da richiedere l’ospedalizzazione per prevenire danni a se stessi o altri, o per attivare una pausa dalla realtà (psicosi).
  • I sintomi non soddisfano i criteri per un episodio misto .
  • I sintomi non sono dovuti agli effetti diretti di qualcos’altro come l’alcol, l’uso di droghe, o una con una condizione medica come ad esempio l’ipertiroidismo.

Criteri per un episodio ipomaniacale

Un episodio ipomaniacale è un periodo definito di umore elevato, espansivo o irritabile che dura almeno quattro giorni, ed è diverso dal solito stato d’animo depresso. Durante il periodo di stato d’animo turbato, tre o più dei seguenti sintomi devono essere presenti (quattro se l’umore è solo irritabile):

  • Autostima ipertrofica
  • Ridotto bisogno di sonno
  • Logorrea insolita
  • Pensieri sfuggenti
  • Facile distrazione
  • Aumento dell’attività
  • Spese folli acquisto sfrenato, indiscrezioni sessuali o investimenti aziendali folli

Per essere considerato un episodio ipomaniacale:

  • Il disturbo dell’umore deve essere abbastanza grave da provocare un cambiamento notevole e insolito.
  • L’episodio non deve essere abbastanza grave da provocare notevoli difficoltà sul posto di lavoro, a scuola o in normali attività e relazioni sociali, da richiedere l’ospedalizzazione.
  • I sintomi non devono soddisfare i criteri per un episodio misto.
  • I sintomi non sono dovuti agli effetti diretti di qualcos’altro come l’alcol o l’uso di droghe, o una con una condizione medica come ad esempio l’ipertiroidismo.

Criteri per un episodio depressivo maggiore

Per essere diagnosticati con un episodio depressivo maggiore, è necessario disporre di cinque (o più) dei seguenti sintomi per un periodo di due settimane. Almeno uno dei sintomi è costituito da umore depresso o perdita di interesse. Essi comprendono:

  • Umore depresso la maggior parte del giorno, quasi ogni giorno, come la sensazione di tristezza, vuoto o lacrime (in bambini e adolescenti, umore depresso può apparire come irritabilità costante)
  • Diminuzione di interesse per tutte – o quasi le attività la maggior parte del giorno, quasi ogni giorno
  • Significativa perdita di peso o aumento di peso, oppure diminuzione o aumento dell’appetito quasi ogni giorno (nei bambini, il mancato aumento di peso come previsto può essere un segno di depressione)
  • Insonnia o desiderio maggiore di dormire quasi ogni giorno
  • Irrequietezza
  • Affaticamento o perdita di energia quasi ogni giorno
  • Sentimenti di autosvalutazione o di colpa eccessivi e inappropriati quasi ogni giorno
  • Diminuita capacità di pensare o di concentrarsi, quasi ogni giorno
  • Pensieri ricorrenti autolesivi

Per essere considerato un episodio depressivo maggiore:

  • I sintomi non devono soddisfare i criteri per un episodio misto
  • I sintomi devono essere abbastanza gravi da causare difficoltà evidenti nelle attività quotidiane
  • I sintomi non sono dovuti agli effetti diretti di qualcos’altro, come l’abuso di droghe, farmaci o una condizione medica.
  • I sintomi non sono causati da lutto, come ad esempio dopo la perdita di una persona cara.

Criteri per l’Episodio Misto

Il disturbo dell’umore deve essere abbastanza grave da causare difficoltà evidente a lavoro, a scuola, o in normali attività o relazioni sociali, da richiedere l’ospedalizzazione per prevenire danni a sé o ad altri.
I sintomi non sono dovuti agli effetti diretti di qualcos’altro, come l’abuso di droghe, farmaci o malattie.

La diagnosi nei bambini

Vengono utilizzati gli stessi criteri per diagnosticare bambini e adolescenti. Tuttavia, i sintomi bipolari nei bambini e negli adolescenti spesso hanno modelli diversi rispetto agli adulti, e non rientrano esattamente nelle categorie utilizzate per la diagnosi. Mentre gli adulti in genere tendono ad avere periodi distinti di mania e depressione, i bambini e gli adolescenti possono avere erratici, rapidi cambiamenti nei livelli di umore, comportamento ed energia.

I bambini che hanno un disturbo bipolare hanno spesso altre condizioni di salute mentale come l’ADHD o problemi comportamentali. Queste rende la diagnosi molto difficile

Anche se il disturbo bipolare può verificarsi nei bambini piccoli, la diagnosi in bambini di età prescolare o più giovani è particolarmente difficile.

Trattamenti e cure

Il disturbo bipolare richiede un trattamento permanente, anche durante i periodi ci si sente meglio. Il trattamento viene generalmente guidato da uno psichiatra esperto nel trattamento della condizione. I trattamenti principali per il disturbo bipolare comprendono farmaci e psicoterapia, o gruppi di sostegno.

  • Ricovero in ospedale. Il medico chiedere un ricovero in presenza di sintomi di psicosi o comportamenti a rischio
  • Il trattamento iniziale. Spesso, si deve iniziare a prendere farmaci per equilibrare gli stati d’animo. Una volta che i sintomi sono sotto controllo, si lavorerà con il proprio medico per trovare il miglior trattamento a lungo termine.
  • La continuazione del trattamento. La terapia di mantenimento viene utilizzata per gestire il disturbo bipolare a lungo termine. Le persone che saltano la terapia di mantenimento sono ad alto rischio di una ricaduta dei sintomi.
  • Il trattamento per l’abuso di sostanze. In presenza di una dipendenza da alcol e droghe  è indispensabile iniziare un trattamento di disintossicazione o le cure per il disturbo bipolare saranno vane.

 

disturbo bipolare 21.jpg

Farmaci

Una serie di farmaci sono usati per trattare il disturbo bipolare. Se uno non funziona bene ce ne sono altri a provare. I farmaci per il disturbo bipolare sono quelli che impediscono gli alti e bassi estremi che possono verificarsi con il disturbo bipolare (stabilizzanti dell’umore) e farmaci che aiutano con la depressione o l’ansia.

I farmaci per il disturbo bipolare sono:

  • Litio. Lithium (Lithobid, altri) è efficace a stabilizzare l’umore e prevenire gli alti e bassi estremi di alcune categorie di disturbo bipolare ed è stato utilizzato per molti anni. Esami del sangue periodici sono necessari, in quanto può causare problemi renali. Gli effetti indesiderati comuni comprendono irrequietezza, secchezza della bocca e problemi digestivi.
  • Anticonvulsivanti. Questi farmaci stabilizzanti dell’umore includono l’acido valproico (Depakene, Stavzor), valproato (Depakote) e Lamotrigina (Lamictal). L’asenapina (Saphris) può essere utile nel trattamento di episodi misti.
  • Antipsicotici. Alcuni farmaci antipsicotici, come ad esempio l’aripiprazolo (Abilify), Olanzapina (Zyprexa), Risperidone (Risperdal) e Quetiapina (Seroquel), possono aiutare le persone che non beneficiano dagli anticonvulsivanti. L’unico antipsicotico che è specificamente approvato dalla US Food and Drug Administration (FDA) per il trattamento del disturbo bipolare è la quetiapina. Tuttavia, i medici possono ancora prescrivere altri farmaci per il disturbo bipolare.
  • Antidepressivi. in base ai sintomi, il medico può consigliare di prendere un antidepressivo. In alcune persone con disturbo bipolare, gli antidepressivi possono scatenare episodi maniacali, ma possono essere utili se presi insieme ad uno stabilizzatore dell’umore.
  • Symbyax. Funziona come  trattamento della depressione e stabilizzatore dell’umore.
  • Le benzodiazepine. Questi farmaci anti-ansia possono aiutare con l’ansia e migliorare il sonno. Gli esempi includono clonazepam (Klonopin), lorazepam (Ativan), diazepam (Valium), clordiazepossido (Librium) e alprazolam (Niravam, Xanax). Le benzodiazepine sono generalmente utilizzate per alleviare l’ansia solo a breve termine.

Trovare il farmaco giusto

Trovare il farmaco giusto non è sempre semplice. Questo richiede pazienza, perchè alcuni farmaci hanno bisogno di settimane o mesi per un pieno effetto.

Farmaci e gravidanza

Un certo numero di farmaci per il disturbo bipolare possono essere associati a difetti alla nascita.

Se si desidera una gravidanza, parlare con il proprio medico per discutere le opzioni di trattamento.

Psicoterapia

La psicoterapia è un’altra parte importante del trattamento del disturbo bipolare. Diversi tipi di terapia possono essere utili. Questi includono:

  • La terapia cognitivo comportamentale. Questa è una comune forma di terapia individuale per il disturbo bipolare. Il focus della terapia cognitivo comportamentale è l’identificazione delle abitudini malsane, delle convinzioni e dei comportamenti negativi e la loro sostituzione con quelli sani e positivi.
  • Psicoeducazione. La consulenza per aiutare a conoscere il disturbo bipolare (psicoeducazione). Sapere cosa sta succedendo può migliorare la cura.
  • Terapia familiare. La terapia familiare comporta il vedere uno psicologo insieme ai familiari. La terapia familiare può aiutare a identificare e ridurre lo stress all’interno della famiglia.
  • La terapia di gruppo. La terapia di gruppo fornisce uno spazio per comunicare ed imparare da altri in una situazione simile.
  • Altre terapie. altre terapie che sono state studiate con qualche evidenza di successo.

Stimolazione magnetica transcranica

In questo trattamento si applicano impulsi rapidi di un campo magnetico alla testa. Non è chiaro esattamente come questo aiuti, ma sembra avere un effetto antidepressivo. Tuttavia, non tutti trovano giovamento da questa terapia, e non è ancora chiaro chi sia un buon candidato per questo tipo di trattamento. Sono necessarie ulteriori ricerche.

La terapia elettroconvulsiva (ECT)

La terapia elettroconvulsiva può essere efficace per le persone che hanno episodi di depressione grave o che non hanno visto miglioramenti dei sintomi nonostante il trattamento . Con l’ECT, correnti elettriche sono passate attraverso il cervello. I ricercatori non capiscono fino in fondo come l’ECT funzioni. Ma si pensa che la scossa elettrica provochi cambiamenti nella chimica del cervello che porta a migliorare l’umore. L’ECT può causare la perdita temporanea di memoria e confusione.

Ricovero

In alcuni casi, le persone con disturbo bipolare necessitano un ricovero in ospedale. Un trattamento psichiatrico in ospedale può aiutare a mantenere la calma e stabilizzare l’umore. Tali programmi forniscono il supporto e la consulenza è necessario, mentre si mantengono i sintomi sotto controllo.

Il trattamento in bambini e adolescenti

Bambini e adolescenti con disturbo bipolare usano gli stessi tipi di farmaci utilizzati dagli adulti. Tuttavia, c’è poca ricerca sulla sicurezza e l’efficacia dei farmaci bipolari nei bambini. I trattamenti sono generalmente decisi caso per caso, a seconda dei sintomi esatti, gli effetti collaterali dei farmaci e altri fattori. Come per gli adulti, l’ECT può essere una opzione per gli adolescenti con gravi sintomi bipolari I o per i quali i farmaci non funzionano.

Cambiamenti dello stile di vita

  • Smettere di bere o usare droghe illegali. Una delle maggiori preoccupazioni con il disturbo bipolare sono le conseguenze negative di comportamenti a rischio.
  • Circondarsi di persone che hanno un influsso positivo e non incoraggiano comportamenti insalubri o atteggiamenti che possono peggiorare il disturbo bipolare.
  • Fare regolarmente esercizio fisico. moderato, per aiutare l’umore. L’esercizio rilascia sostanze chimiche del cervello che fanno sentire bene (endorfine).
  • Dormire a sufficienza è una parte importante della gestione dell’umore.

Medicina alternativa

Alcuni trattamenti alternativi possono aiutare, ma non esiste alcuna evidenza scientifica.

  • Omega-3 acidi grassi. Questi oli possono contribuire a migliorare le funzioni cerebrali e la depressione associata a disturbo bipolare.
  • Magnesio. Diversi piccoli studi hanno suggerito che gli integratori di magnesio possono ridurre le crisi maniacali. Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi risultati.
  • Erba di San Giovanni. Questa pianta può essere utile con la depressione.
  • S-adenosil-L-metionina (SAM). Questo integratore di aminoacidi sembra aiutare le funzioni del cervello correlate alla depressione.
  • Le combinazioni di erbe. rimedi erboristici che combinano una serie di erbe diverse, come quelle utilizzate nella medicina tradizionale cinese, non sono state ben studiati. Alcune sembrano aiutare, ma i rischi e i benefici ancora non sono chiari.
  • Agopuntura. Questa antica pratica cinese di inserimento di piccoli aghi nella pelle può alleviare la depressione, ma sono necessari altri studi per confermare i suoi benefici.
  • Yoga. Lo Yoga può contribuire ad alleviare la depressione e gli sbalzi di umore associati al disturbo bipolare. Ha anche un certo numero di benefici per la salute.
  • Massoterapia. Il massaggio può anche contribuire ad alleviare ansia e stress.

Anche se alcuni trattamenti di medicina alternativa possono essere utili uniti al trattamento tradizionale e bene tenere presente che :

Non si deve smettere di prendere i farmaci prescritti o saltare le sedute di terapia. La medicina alternativa non è un sostituto del trattamento tradizionale

Prevenzione

Non esiste un modo sicuro per prevenire il disturbo bipolare. Tuttavia, ottenere il trattamento al primo segno di un disturbo di salute mentale può evitare che peggiori.

Referenze »

Disturbo bipolare. National Institute of Mental Health. http://www.nimh.nih.gov/health/publications/bipolar-disorder/complete-index.shtml. Consultato il 2 novembre 2011.
Disturbi bipolari. I Manuali Merck: Il Manuale Merck per gli Operatori Sanitari. Consultato il 2 novembre 2011.
I disturbi dell’umore. In: Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali DSM-IV-TR. 4a ed. Arlington, Virginia: American Psychiatric Association, 2000. http://www.psychiatryonline.com. Consultato il 3 novembre 2011.
Pratica parametro per la valutazione e il trattamento di bambini e adolescenti con disturbo bipolare. Washington, DC: American Academy of Child Adolescent Psychiatry e. Consultato il 2 novembre 2011.
Joska JA. I disturbi dell’umore. In: Hales RE, et al. Il libro di testo editrice americana Psichiatrico di Psichiatria. 5 ed. Washington, DC: American Psychiatric Publishing, 2008. http://www.psychiatryonline.com/pracGuide/pracGuideChapToc_8.aspx. Consultato il 3 novembre 2011.
Martinez M, et al. Psychopharmacology. In: Hales RE, et al. Il libro di testo editrice americana Psichiatrico di Psichiatria. 5 ed. Washington, DC: American Psychiatric Publishing, 2008. http://www.psychiatryonline.com/content.aspx?aID=320111. Consultato il 3 novembre 2011.
Post RM. Disturbo bipolare negli adulti: trattamento di mantenimento. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 2 novembre 2011.
Andreescu C, et al. Medicina complementare e alternativa nel trattamento del disturbo bipolare: una revisione delle prove. Journal of Affective Disorders. 2008; 110:16.
Sarris J, et al. Il disturbo bipolare e della medicina complementare: la prova di corrente, problemi di sicurezza, e considerazioni cliniche. Il Journal of Medicine alternative e complementari. 2011;

 

Link sponsorizzati