Distimia : sintomi, cause, complicazioni, cure e sostegno


La distimia è un lieve, ma cronica, forma di depressione. I sintomi di solito durano per almeno due anni.

Link sponsorizzati

Anche se i sintomi della distimia sono meno intensi rispetto a quelli della depressione, la distimia può effettivamente influenzare la vita. Con la distimia, si rischia di perdere interesse per le normali attività quotidiane, ci si sente senza speranza,  manca la produttività e si ha una bassa autostima. Le persone con distimia sono spesso eccessivamente critiche, si lamentano spesso e sono incapaci di divertirsi.

Sintomi

I sintomi della distimia negli adulti sono:

  • Perdita di interesse nelle attività quotidiane
  • Sentirsi tristi
  • Disperazione
  • Mancanza di energia
  • Fatica
  • Bassa autostima
  • Problemi di concentrazione
  • Problemi a prendere decisioni
  • Essere troppo critici con se stessi
  • Rabbia eccessiva
  • Diminuita produttività
  • Evitare le attività sociali
  • Sensi di colpa
  • Scarso appetito
  • Troppo appetito
  • Problemi del sonno

Nei bambini, i sintomi possono includere:

  • Irritabilità
  • Scarso rendimento scolastico
  • Un atteggiamento pessimista
  • La mancanza di abilità sociali

Sintomi distimia di solito vanno e vengono per un periodo di anni, e la loro intensità può cambiare nel tempo. Ma in generale, si può trovare difficile essere ottimisti anche nelle occasioni felici – si può essere spesso etichettati come persone tristi e cupe.

E’ perfettamente normale sentirsi triste o arrabbiati a volte, fa parte della vita. Ma con la distimia, questi sentimenti durano per anni e interferiscono con le relazioni, il lavoro e le attività quotidiane.

In presenza dei sintomi della distimia, consultare un medico. Se non trattata efficacemente, la distimia generalmente progredisce in depressione (depressione maggiore).

Cause

La causa esatta della distimia non è nota. La distimia può avere cause simili alla depressione, tra cui:

  • Cause biochimiche. Le persone affette da depressione possono avere cambiamenti fisici nel cervello, e questo può essere vero anche nella distimia. Il significato di questi cambiamenti è ancora incerto. I prodotti chimici del cervello naturalmente chiamati neurotrasmettitori, che sono legati allo stato d’animo, possono anche svolgere un ruolo nel causare la distimia.
  • I geni. La depressione sembra essere comune nelle persone i cui familiari hanno sofferto o soffrono di depressione.
  • Ambiente. Ancora una volta, come con la depressione, l’ambiente può contribuire alla distimia. Le cause ambientali sono situazioni nella vita che sono difficili da affrontare, come la perdita di una persona cara, problemi finanziari e un livello di stress elevato.

Fattori di rischio

Anche se la causa precisa della distimia non è nota, alcuni fattori sembrano aumentare il rischio di sviluppare questo problema, tra cui:

  • Avere parenti biologici con la depressione
  • Avere parenti biologici con la distimia
  • Eventi di vita stressanti
  • Essere donne

distimia schema del SNC1.jpg

Complicazioni

Le complicanze che può causare la distimia comprendono:

  • Ridotta qualità della vita
  • La depressione maggiore
  • Comportamento autolesivo
  • Abuso di sostanze stupefacenti
  • Difficoltà di relazione
  • Conflitti familiari
  • L’isolamento sociale
  • Problemi a scuola e al lavoro
  • Produttività è diminuita

Diagnosi

Quando i medici sospettano la distimia, in genere eseguono una serie di test medici e psicologici. Questi possono contribuire a escludere altri problemi che potrebbero causare i sintomi, individuare una diagnosi e controllare anche eventuali complicanze correlate. Questi esami e test generalmente includono:

Esame fisico. Ciò può includere misurare l’altezza e peso; controllo dei segni vitali, come la frequenza cardiaca, pressione sanguigna e temperatura; ascoltare il cuore e polmoni, ed esaminare l’addome.
Gli esami di laboratorio. Questi possono includere un esame emocromocitometrico completo (CBC), lo screening per l’alcool e le droghe, e un controllo della funzione tiroidea.
Valutazione psicologica.

Controlli per altre condizioni

Varie altre condizioni che possono avere sintomi simili alla distimia. Il medico dovrà determinare se si dispone di distimia o di un’altra condizione che può influenzare l’umore, come ad esempio:

  • Depressione
  • Disturbo bipolare
  • Disturbi della personalità
  • Disturbo affettivo stagionale
  • Abuso di sostanze

I criteri diagnostici per la distimia

Per essere diagnosticati con distimia, è necessario soddisfare i criteri enunciati nel Manuale Diagnostico e Statistico della American Psychiatric Association dei Disturbi Mentali (DSM).

Criterio principale

Il criterio principale per essere diagnosticati con la distimia è:

Avere un umore depresso la maggior parte del tempo per due o più anni (nei bambini, la durata deve essere di almeno un anno e il loro umore può essere irritabile anziché depresso).

Criteri supplementari

Oltre a questo, è necessario disporre di almeno due di questi sintomi, e devono causare disagio o interferire con la vita quotidiana:

  • Scarso appetito o aumentato appetito
  • Problemi del sonno
  • Affaticamento o mancanza di energia
  • Bassa autostima
  • Disperazione
  • Scarsa concentrazione
  • Problemi prendere decisioni

Trattamenti e cure

I due principali trattamenti per la distimia sono:

  • Farmaci
  • Psicoterapia

Come trattamento, i farmaci sembrano essere più efficaci nel trattamento della distimia rispetto alla psicoterapia. Ma, utilizzare una combinazione di farmaci e psicoterapia può assicurare un trattamento migliore

Quale trattamento o approccio adottare dipende da vari fattori quali:

  • La gravità dei sintomi
  • Il desiderio di risolvere i problemi emotivi o situazionali che influenzano la vita
  • Le preferenze personali
  • Metodi di trattamento precedenti
  • La capacità di tollerare i farmaci

Farmaci per la distimia

I farmaci psichiatrici più comunemente usati per trattare la distimia sono gli stessi utilizzati per curare la depressione. Essi includono:

  • Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI)
  • Serotonina e inibitori della ricaptazione della noradrenalina (SNRI)
  • Noradrenalina e dopamina (inibitori del reuptake della NDRIs)
  • Farmaci combinati della ricaptazione della serotonina e inibitori
  • Tetraciclici
  • Gli antidepressivi triciclici (TCA)
  • Inibitori delle monoaminossidasi (MAO)

Gli SSRI sono spesso l’antidepressivo di scelta perché, in generale, funzionano bene e i loro effetti collaterali sono più tollerabili. I IMAO sono solitamente l’ultima scelta, perché possono avere gravi effetti collaterali e necessitano di rigorose restrizioni alimentari. Quale è meglio dipende dalla situazione individuale.

Tutti i farmaci antidepressivi hanno effetti collaterali, come aumento di peso, problemi sessuali e diarrea. Di particolare interesse è la preoccupazione per i giovani che assumono questi farmaci, perchè potrebbero avere comportamenti fortemente autolesivi.

depressione esame21.jpgPsicoterapia per la distimia

La psicoterapia può aiutare a conoscere la  condizione e ad avere consapevolezza dell’umore, sentimenti, pensieri e comportamenti. La psicoterapia può essere particolarmente utile se:

  • Si ha bisogno di aiuto per imparare a prendere decisioni
  • Si è  autolesionisti

Consigli

La distimia in genere non è una malattia che si può curare da soli. Ma si possono fare alcune cose per costruire un piano che aiuti ad usufruire al meglio del trattamento professionale.

  • Non saltare sessioni di terapia, anche se non si ha voglia di andare.
  • Prendere i farmaci come indicato. Resistere ad ogni tentazione di saltare i farmaci. Se ci si ferma, i sintomi della depressione possono tornare.
  • Prestare attenzione ai segnali di pericolo. Lavorare con il medico o il terapista per imparare ciò che potrebbe innescare i sintomi.
  • Entra nel vivo. L’attività fisica e l’esercizio fisico possono ridurre i sintomi della depressione.
  • Evitare droghe e alcol.

Medicina alternativa

Gli integratori alimentari e dietetici

Ecco uno sguardo ad alcuni integratori alimentari comunemente utilizzati per la distimia e depressione maggiore:

  • Erba di San Giovanni. Questa erba è stata usata per trattare una varietà di malattie, tra cui la depressione. Può essere utile se si dispone di depressione lieve o moderata, come la distimia, ma l’evidenza complessiva scientifica è inconcludente. Inoltre, l’erba di San Giovanni ha il potenziale di interagire con molti farmaci, come antidepressivi e diluenti del sangue.
  • SAMe. pronunciato “sam-EE,” questa è una forma sintetica di una sostanza chimica che si trova naturalmente nel corpo. Il nome è l’abbreviazione di S-adenosilmetionina. Questo supplemento sembra essere efficace e ben tollerato, ma è piuttosto costoso. Questo integratore può anche causare reazioni dannose se assunto con altri antidepressivi.
  • Omega-3 acidi grassi. Questi sono i grassi polinsaturi presenti soprattutto nei frutti di mare. Buone fonti di omega-3 sono grassi, pesci di acqua fredda, come il salmone, sgombro e aringa. Gli Omega-3  possono essere di grande aiuto quando combinati con antidepressivi.

Connessioni mente-corpo

Le tecniche mente-corpo si pensa a rafforzino la comunicazione tra la mente e il corpo. I medici di medicina complementare e alternativa credono che questi due sistemi debbano essere in armonia per rimanere in buona salute o  guarire.

Come nel caso degli integratori alimentari, consultare sempre un medico prima di affidarsi a certe cure. Anche se possono rappresentare un rischio minore, esiste il rischio che questi metodi non siano abbastanza efficaci. Se durante le cure di medicina alternativa i sintomi non dovessero migliorare o iniziassero a peggiorare, contattare immediatamente il medico.

Tecniche che sono utilizzate su persone con la distimia includono:

  • Agopuntura
  • Yoga
  • Meditazione
  • Immaginazione guidata
  • Massoterapia

Sostegno

Affrontare la distimia può essere difficile dal momento che può avere una forte presa sulla vita. La distimia rende difficile impegnarsi in comportamenti e attività che possono aiutare a sentirsi meglio.

Ecco alcuni suggerimenti per affrontare la distimia:

  • Semplificate la vostra vita. Tagliare gli obblighi quando possibile, e impostare obiettivi ragionevoli
  • Scrivere in un diario o un blog per esprimere il dolore, la rabbia, la paura o altre emozioni.
  • Non isolarsi. Prova a partecipare alle normali attività e stare insieme con la famiglia o gli amici regolarmente.
  • Avere cura di se con una dieta sana
  • Rimanere concentrati sui propri obiettivi. Rimanere motivati è indispensabile
  • Strutturare il vostro tempo. Cercare di rimanere organizzati, rimanere attivi aiuta a combattere i sintomi.

Prevenzione

Non esiste un modo sicuro per prevenire la distimia. Poiché la distimia spesso inizia durante l’infanzia, identificare i bambini a rischio può dare qualche beneficio. Inoltre, l’adozione di misure per controllare lo stress, ad aumentare l’autostima può contribuire a scongiurare i sintomi della distimia. L’amicizia e il sostegno sociale, soprattutto in tempi di crisi, può aiutare a superare molti ostacoli. Inoltre, il trattamento al primo segno di un problema può aiutare a prevenire un peggioramento. A lungo termine il trattamento di mantenimento può anche aiutare a prevenire una ricaduta dei sintomi.

Referenze »

Disturbo Distimico. In: Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali DSM-IV-TR. Arlington, Virginia: American Psychiatric Association, 2000. http://www.psychiatryonline.com/content.aspx?aID=2375. Accesso effettuato nel maggio 12, 2010.

Allentare PT, et al. I disturbi dell’umore. In: MH Ebert, et al. Diagnosi e trattamento attuale: Psichiatria. 2nd ed. New York, NY: McGraw-Hill, 2008. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=3285019. Accesso effettuato nel maggio 12, 2010.
Disturbi depressivi. I Manuali Merck: Il Manuale Merck per gli Operatori Sanitari. http://www.merck.com/mmpe/print/sec15/ch200/ch200b.html. Accesso effettuato nel maggio 12, 2010.
Sansone RA, et al. Disturbo Distimico: Forlorn e trascurato? Psichiatria. 2009; 06:46.
DN Klein, et al. Dieci anni di follow-up prospettico studio del corso naturalistico di disturbo distimico e depressione doppio. American Journal of Psychiatry. 2006; 163:872.
Cuijpers P, et al. Psicoterapia per la cronica depressione maggiore e distimia: Una meta-analisi. Review Psicologia Clinica. 2010; 30:51.
Imel ZE, et al. Una meta-analisi di psicoterapia e farmaci nella depressione unipolare e distimia. Journal of Affective Disorders. 2008; 110:197.
I disturbi dell’umore. In: Stern TA, et al. Massachusetts General Hospital Comprehensive Clinical Psychiatry. Philadelphia, Pa.: Mosby, 2008. Accesso effettuato nel maggio 13, 2010.
GE Mead, et al. Esercizio per la depressione (Review). Cochrane Database of Systematic Reviews. 2009: CD004366.
Medicine naturali nella gestione clinica della depressione. Natural Medicines Comprehensive Database. http://www.naturaldatabase.com. Accesso effettuato nel maggio 13, 2010.
Posizione dell’American Dietetic Association e Dietitians of Canada: acidi grassi alimentari. American Dietetic Association. http://www.eatright.org/WorkArea//DownloadAsset.aspx?id=8452. Accesso effettuato nel maggio 13, 2010.
CA Smith. Agopuntura per la depressione (Review). Cochrane Database of Systematic Reviews. 2010: CD004046.
CM Gray, et al. L’uso complementare della medicina alternativa tra i partecipanti al piano di salute. Effettiva pratica clinica. 2002; 05:17.
Subodh BN. L’impatto psicosociale della distimia: uno studio tra i pazienti sposati. Journal of Affective Disorders. 2008; 109:199.

 

Link sponsorizzati
  • Mihaela

    Ho da tempo momenti di tristezza, e prendo efexor da150, ma ho anche un blefarospasmo e pendo akineton 4 mg e xanax 3 mg ripartizati 2 à rilascio prolungato e una da 1 mag alla sera per dormire ma non sempre mi aiuata dormire. Va bene efexor, perche ho anche dei momenti di mancanza di concentrazione e tristezza. Molte volte non dormo bene solo con xanax.Ho 61 anni