Arteriopatia periferica (PAD) : sintomi, cause, complicazioni e cure


La malattia arteriosa periferica è un problema circolatorio comune in cui le arterie riducono il flusso sanguigno negli arti

Link sponsorizzati

Quando si sviluppa la malattia arteriosa periferica (PAD), le estremità – di solito le gambe – non ricevono un flusso di sangue sufficiente. Questo provoca sintomi, in particolare dolore alle gambe quando si cammina (claudicatio intermittens).

La malattia delle arterie periferiche è anche probabile che sia un segno di aterosclerosi. Questa condizione può ridurre il flusso di sangue al cuore e al cervello, così come alle gambe.

Spesso, è possibile trattare con successo l’arteriopatia periferica smettendo di fumare, facendo attività fisica e una dieta sana.

Sintomi

Mentre molte persone con malattia delle arterie periferiche hanno sintomi lievi o del tutto assenti, alcune persone hanno dolori alle gambe quando camminano (claudicatio intermittens).

I sintomi del claudicatio intermittens includono dolore muscolare e crampi alle gambe o alle braccia che sono innescati da attività, come il camminare, e che scompare dopo pochi minuti di riposo. La localizzazione del dolore dipende dalla posizione dell’arteria intasata o ristretta. Il dolore al polpaccio è il più comune.

La gravità della claudicatio intermittens è molto variabile, da lieve disagio al dolore debilitante. Un grave claudicatio intermittens può rendere difficile camminare o fare altri tipi di attività fisica.

I sintomi della malattia delle arterie periferiche includono:

  • Crampi dolorosi nell’anca, coscia o muscoli del polpaccio dopo aver camminato o salito le scale (claudicatio intermittens)
  • Intorpidimento o debolezza
  • Freddezza nella gamba o piede, soprattutto se confrontato con l’altra gamba
  • Piaghe sulle dita dei piedi, o sulle gambe che non guariscono
  • Un cambiamento nel colore delle gambe
  • La perdita dei peli o una crescita lenta sulle gambe
  • Una crescita più lenta delle unghie dei piedi
  • Pelle lucida sulle gambe
  • Nessun impulso o un polso debole nelle gambe o ai piedi
  • La disfunzione erettile negli uomini

Se la malattia delle arterie periferiche progredisce, il dolore può avvenire anche quando si è a riposo o quando si è sdraiati (dolore ischemico a riposo). Può essere abbastanza intenso da disturbare il sonno.

Se si ha dolore alle gambe, intorpidimento o altri sintomi, chiamare il medico e prendere un appuntamento.

Anche se non si hanno sintomi di malattia delle arterie periferiche, potrebbe essere necessario essere sottoposti a screening se:

  • Si ha più di 70 anni
  • Si ha più di 50 anni e una storia di diabete o fumo
  • Si hanno 50 anni, il diabete e altri fattori di rischio, come l’obesità o l’ipertensione

Arteriopatia periferica 1.jpg

Cause

La malattia arteriosa periferica è spesso causata da aterosclerosi. Nella aterosclerosi, i depositi grassi (placche) si accumulano nelle pareti delle arterie e riducono il flusso di sangue.

Anche se il cuore è in genere il fulcro della aterosclerosi, questa malattia di solito influisce sulle arterie in tutto il corpo. Quando si verifica nelle arterie che forniscono sangue agli arti, provoca la malattia periferica dell’arteria.

Meno comunemente, la causa di PAD può essere l’infiammazione dei vasi sanguigni, lesioni agli arti, anatomia insolita dei legamenti o muscoli, e l’esposizione alle radiazioni.

Fattori di rischio

I fattori che aumentano il rischio di sviluppare la malattia delle arterie periferiche includono:

  • Fumo
  • Diabete
  • L’obesità (indice di massa corporea superiore a 30)
  • Alta pressione sanguigna (140/90 millimetri di mercurio o superiore)
  • Il colesterolo alto (colesterolo totale più di 240 milligrammi per decilitro o 6.2 millimoli per litro)
  • L’età, soprattutto dopo aver raggiunto i 50 anni di età
  • Una storia familiare di malattie cardiache o ictus
  • Livelli in eccesso di omocisteina

Complicazioni

Se la malattia arteriosa periferica è causata da un accumulo di placche nei vasi sanguigni (aterosclerosi), si è anche a rischio di sviluppare:

  • Ischemia critica degli arti. Questa condizione inizia come ferite aperte che non guariscono. L’ischemia critica degli arti (CLI) si verifica quando tali lesioni o infezioni provocano la necrosi tissutale (gangrena), che talvolta richiedel’amputazione dell’arto interessato.
  • Ictus e infarto. L’aterosclerosi che provoca i segni e i sintomi della malattia arteriosa periferica non è limitata alle gambe. I depositi di grasso si accumulano anche nelle arterie che alimentano il tuo cuore e il cervello.

Diagnosi

Alcuni dei test utili per diagnosticare la malattia delle arterie periferiche sono:

  • Esame fisico. Il medico può trovare segni di PAD nel corso di un esame fisico, come un polso debole o assente al di sotto un’area ristretta della arteria, suono sibilante (soffi) nelle arterie che possono essere ascoltate con lo stetoscopio, diminuzione della pressione sanguigna nell’arto interessato.
  • Indice caviglia-brachiale (ABI). Questo è un test comunemente utilizzato per diagnosticare la PAD. Esso mette a confronto la pressione del sangue nella caviglia con la pressione del sangue nel braccio.
  • Ecografia. Speciali tecniche di imaging ad ultrasuoni, come l’ecografia Doppler, possono aiutare il medico a valutare il flusso di sangue attraverso i vasi sanguigni e individuare le arterie bloccate o ridotte.
  • Angiografia. Con l’apporto di un colorante (mezzo di contrasto) nei vasi sanguigni, questo test consente al medico di visualizzare il flusso sanguigno attraverso le arterie.
  • Angiografia (CTA). Il catetere angiografico è una procedura più invasiva che comporta il guidare un catetere attraverso un’arteria nell’inguine verso l’area interessata e iniettare poi il colorante. Sebbene invasiva, questo tipo di angiografia consente la diagnosi e il trattamento in modo simultaneo.
  • Gli esami del sangue. Un campione di sangue può essere utilizzato per misurare il colesterolo e trigliceridi e per controllare il diabete.

Trattamenti e cure

Il trattamento per la malattia delle arterie periferiche ha due obiettivi principali. Il primo è quello di gestire i sintomi. Il secondo è quello di fermare la progressione dell’aterosclerosi in tutto il corpo per ridurre il rischio di infarto e ictus.

Si può essere in grado di realizzare questi obiettivi con i cambiamenti dello stile di vita. Se si fuma, smettere di fumare è la cosa più importante da fare per ridurre il rischio di complicanze.

Se i cambiamenti dello stile di vita non sono sufficienti, è necessario un ulteriore trattamento medico.

Farmaci

  • Farmaci per abbassare il colesterolo. si può prendere un farmaco ipocolesterolemizzante chiamato statina per ridurre il fattore di rischio di infarto e ictus. L’obiettivo per le persone che hanno la malattia delle arterie periferiche è quello di ridurre le lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) del colesterolo, il colesterolo “cattivo”, a meno di 100 milligrammi per decilitro (mg / dL), o 2,6 millimoli per litro (mmol / L) . L’obiettivo è ancora più basso se si dispone di ulteriori fattori di rischio per infarto e ictus, in particolare il diabete o il fumo.
  • Farmaci per l’alta pressione del sangue. L’obiettivo di questa terapia è quello di ridurre la pressione sanguigna sistolica (il numero alto dei due numeri) a 140 millimetri di mercurio (mm Hg) o inferiore, e la pressione arteriosa diastolica (il numero in basso) a 90 mm ​​Hg o inferiore.
  • I farmaci per il controllo dello zucchero nel sangue. Con il diabete, diventa ancora più importante controllare lo zucchero nel sangue (glucosio).
  • I farmaci per prevenire la formazione di coaguli di sangue. La causa della malattia delle arterie periferiche è legata al ridotto afflusso di sangue agli arti. Un coagulo di sangue può bloccare completamente un vaso sanguigno già ristretto e causare la necrosi dei tessuti. Il medico può prescrivere una terapia giornaliera di aspirina o un altro farmaco che aiuta a prevenire i coaguli di sangue.
  • Sollievo dei sintomi . Il cilostazol farmaco (Pletal) aumenta il flusso sanguigno agli arti sia da parte della coagulazione del sangue sia allargando i vasi sanguigni. Aiuta in particolare il sintomo della claudicatio, per le persone che hanno la malattia periferica.

Angioplastica e chirurgia

In alcuni casi, l’angioplastica o un intervento chirurgico possono essere necessari per curare le malattie delle arterie periferiche che causano claudicatio intermittens:

  • Angioplastica. In questa procedura, un piccolo tubo (catetere) è introdotto attraverso un vaso sanguigno nell’arteria colpita. POi, un palloncino piccolo sulla punta del catetere viene gonfiato per riaprire l’arteria e aumentare il flusso sanguigno.
  • Intervento di bypass.
  • La terapia trombolitica. Se si dispone di un coagulo di sangue che blocca un’arteria, il medico può iniettare un farmaco nel punto dove è presente il coagulo.

Programma di esercizio fisico supervisionato

In aggiunta ai farmaci o ad interventi chirurgici, il medico può prescrivere un programma di esercizio fisico controllato. L’esercizio fisico regolare migliora i sintomi della PAD.

Arteriopatia periferica 21.jpgConsigli

Per stabilizzare o migliorare la PAD:

  • Smettere di fumare.
  • Esercizio fisico. Un corretto esercizio aiuta i muscoli ad utilizzare l’ossigeno in modo più efficiente.
  • Dieta sana. Una dieta sana per il cuore a basso contenuto di grassi saturi può aiutare a controllare la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo.
  • Evitare alcuni farmaci contro il raffreddore. Alcuni farmaci che contengono pseudoefedrina (Advil freddo e Sinus, Aleve Sinus & Mal di testa, Claritin-D, Sudafed, Tylenol freddo, Zyrtec-D, altri) restringono i vasi sanguigni e possono aumentare i sintomi.

Una attenta cura del piede

Oltre ai suggerimenti descritti, è fondamentale prendersi cura dei vostri piedi. Le persone con malattia delle arterie periferiche, soprattutto quelle che hanno anche il diabete, sono a rischio di scarsa guarigione delle piaghe sulle gambe e piedi. Seguire questi consigli per la cura dei piedi:

  • Lavare i piedi ogni giorno, asciugarli accuratamente e idratare spesso per evitare screpolature che possono portare a infezioni. Non idratare tra le dita dei piedi, questo può incoraggiare la crescita fungina.
  • Indossare scarpe comode e calze asciutte.
  • Trattare prontamente eventuali infezioni fungine dei piedi, come il piede d’atleta.
  • Fare attenzione quando si tagliano le unghie.
  • Evitare di camminare a piedi nudi.
  • Andare da un podologo per rimuovere calli o duroni
  • Consultare il medico al primo segno di una ferita o danno alla pelle.

Prevenzione

Il modo migliore per prevenire la claudicatio è quello di mantenere uno stile di vita sano. Ciò significa:

  • Smettere di fumare
  • Se si ha il diabete, mantenere il livello di zucchero nel sangue nella norma.
  • Fare esercizio regolarmente. 30 minuti almeno tre volte a settimana
  • Abbassare il colesterolo e livelli di pressione arteriosa, se necessario.
  • Mangiare cibi che sono a basso contenuto di grassi saturi.
  • Mantenere un peso sano.

Referenze »

Arteriopatia periferica. I Manuali Merck: Il Manuale Merck per gli Operatori Sanitari. http://www.merck.com/mmpe/print/sec07/ch080/ch080f.html. Consultato il 8 Febbraio 2010.
Arteriopatia periferica. National Heart, Lung, and Blood Institute. http://www.nhlbi.nih.gov/health/dci/Diseases/pad/pad_all.html. Consultato il 6 Febbraio 2010.
Mohler III ER. Le caratteristiche cliniche, diagnosi, e la storia naturale della malattia arti inferiori arteriosa periferica. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 29 Gennaio 2010.
Arteriopatia periferica (PAD). Società per la Chirurgia Vascolare. http://www.vascularweb.org/patients/NorthPoint/Leg_Artery_Disease.html. Consultato il 6 Febbraio 2010.
GJ Hankey. Il trattamento medico della malattia delle arterie periferiche. Journal of the American Medical Association. 2006; 295:547.
Malattia vascolare periferica. American Heart Association. http://www.americanheart.org/presenter.jhtml?identifier=4692. Consultato il 6 Febbraio 2010.
Hirsch AT, et al. ACC / AHA 2005 linee guida per la gestione dei pazienti con malattia arteriosa periferica. Journal of the American College of Cardiology. 2006, 47: e1.
Langlois M, et al. Siero concentrazione di vitamina C è bassa in malattia arteriosa periferica ed è associata ad infiammazione e gravità dell’aterosclerosi. Circulation. 2001; 103:1863.
Vicolo JS, et al. Nutrition impatta la prevalenza di malattia arteriosa periferica negli Stati Uniti. Journal of Vascular Surgery. 2008; 48:897.
Kuller LH. Ha gingko biloba ridurre il rischio di eventi cardiovascolari? Circulation: Cardiovascular Quality e risultati. 2010; 03:41.

 

Link sponsorizzati