Sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) : sintomi, cause, complicazioni e cure


La sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) si verifica quando del fluido si accumula nelle sacche d’aria (alveoli) dei polmoni. Più fluido nei polmoni significa meno ossigeno che raggiunge la circolazione sanguigna. Ciò priva gli organi di ossigeno di cui hanno bisogno per funzionare.

Link sponsorizzati

L’ARDS si verifica in genere nelle persone che sono già gravemente malate o che hanno lesioni significative. La grave insufficienza respiratoria è il sintomo principale di ARDS.

Molte persone che sviluppano l’ARDS non sopravvivono. Il rischio di decesso aumenta con l’età e la gravità della malattia. Delle persone che sopravvivono ARDS, alcune guariscono completamente, mentre altre sperimentano danni permanenti ai polmoni.

Sintomi

I segni e sintomi di ARDS possono variare di intensità, a seconda della causa e della gravità. Essi includono:

  • Grave insufficienza respiratoria
  • Respiro affannoso e insolitamente rapido
  • Bassa pressione sanguigna
  • Confusione e stanchezza estrema

L’ARDS di solito segue una grave malattia o un infortunio, e la maggior parte persone che sono colpite sono già ricoverate in ospedale.

Cause

La causa meccanica di ARDS è il liquido fuoriuscito dai vasi sanguigni più piccoli nei polmoni. Normalmente, una membrana protettiva mantiene questo fluido nei vasi. Una grave malattia o un trauma, possono causare l’infiammazione che mina l’integrità della membrana, causando la fuoriuscita del liquido.

Le più comuni cause alla base della sindrome da distress respiratorio acuto sono:

  • Sepsi. La causa più comune di ARDS è la sepsi, un’infezione grave e diffusa del flusso sanguigno.
  • L’inalazione di sostanze nocive. respirazione di alte concentrazioni di fumi o vapori chimici può provocare l’ARDS, così come inalare (aspirazione) il vomito.
  • Polmonite grave. I casi gravi di polmonite di solito colpiscono tutti e cinque i lobi dei polmoni.
  • Lesione alla testa o al torace. incidenti, quali cadute o incidenti stradali, possono danneggiare direttamente i polmoni o la parte del cervello che controlla la respirazione.

sindrome da distress respiratorio acuto1.jpg

Fattori di rischio

La maggior parte delle persone che sviluppano l’ARDS sono già ricoverate in ospedale per un’altra condizione, e molte sono gravemente malate. Si è particolarmente a rischio se si ha una infezione diffusa nel sangue (sepsi).

Le persone che hanno una storia di alcolismo cronico sono a più alto rischio di sviluppare l’ARDS.

Complicazioni

La sindrome da distress respiratorio acuto è estremamente grave, ma grazie a migliori trattamenti, sempre più persone riescono a sopravvivere. Tuttavia, molti sopravvissuti riportano complicazioni potenzialmente gravi, tra cui:

  • Fibrosi polmonare. cicatrici e ispessimento del tessuto tra gli alveoli può verificarsi entro poche settimane dall’insorgenza di ARDS.
  • Polmone collassato (pneumotorace). Nella maggior parte dei casi ARDS, una macchina per la respirazione è usata per aumentare l’ossigeno e la forza dai polmoni. Tuttavia, il volume e la pressione d’aria del ventilatore polmonare, può causare il collasso del polmone.
  • Coaguli di sangue. Se si forma un coagulo in una gamba, una porzione di esso può staccarsi e viaggiare in uno dei polmoni (embolia polmonare).
  • Infezioni. Dato che il ventilatore polmonare è collegato direttamente ad un tubo inserito nella trachea, questo rende molto più facile per i germi infettare e danneggiare ulteriormente i polmoni.
  • Funzione polmonare anormale. Molte persone con ARDS recuperano la maggior parte della loro funzione polmonare entro alcuni mesi o due anni, ma altri possono avere problemi respiratori per il resto della loro vita.
  • Memoria  e problemi emotivi. sedativi e bassi livelli di ossigeno nel sangue possono portare a perdita di memoria e problemi cognitivi. In alcuni casi, gli effetti possono diminuire nel tempo, ma in altri, i danni possono essere permanenti.

Diagnosi

Non esiste nessun test specifico per identificare la sindrome da distress respiratorio acuto. Una diagnosi è principalmente fatta per escludere altre malattie e condizioni – per esempio, alcuni problemi cardiaci – che possono produrre sintomi simili.

Radiografie

  • La radiografia del torace. Una radiografia del torace può rivelare quali parti dei polmoni sono piene di fluidi o se il cuore si è allargato.
  • Tomografia computerizzata (CT). La TAC può fornire informazioni dettagliate sulle strutture all’interno del cuore e dei polmoni.

Prove di laboratorio

Utilizzando un test del sangue da un’arteria del polso si è in grado di misurare i livelli di ossigeno. Altri tipi di esami del sangue possono verificare la presenza di segni di infezione o di anemia. Se il medico sospetta una infezione polmonare, secrezioni dalla vie respiratorie possono essere testate per determinare la causa dell’infezione.

Test del cuore

Poiché i segni e sintomi di ARDS sono simili a quelli di alcuni problemi cardiaci, il medico può raccomandare test come ad esempio:

  • Elettrocardiogramma. Questo test indolore traccia l’attività elettrica nel cuore.
  • Ecocardiogramma. L’ecografia del cuore, può rivelare dei problemi con le strutture e la funzione del cuore.

sindrome da distress respiratorio acuto21.jpgTrattamenti e cure

Il primo obiettivo nel trattamento è quello di migliorare i livelli di ossigeno nel sangue. Senza ossigeno, gli organi non possono funzionare correttamente.

Ossigeno

Per avere più ossigeno nella circolazione sanguigna, il medico potrebbe utilizzare:

  • Ossigeno supplementare. Per i sintomi più lievi o come misura temporanea, l’ossigeno può essere fornito attraverso una maschera che si adatta perfettamente sul naso e bocca.
  • Ventilazione meccanica. La maggior parte delle persone con ARDS avranno necessità di un respiratore meccanico. Un ventilatore meccanico spinge l’aria nei polmoni.

Fluidi

La gestione della quantità di liquidi per via endovenosa è di fondamentale importanza. Troppo liquido può aumentare l’accumulo di liquido nei polmoni. Troppo poco fluido può mettere a dura prova il cuore e altri organi, e portare a shock.

Farmaci

Alle persone con ARDS di solito sono dati farmaci per:

  • Prevenire e curare le infezioni
  • Alleviare il dolore e il disagio
  • Prevenire coaguli alle gambe e ai polmoni
  • Ridurre al minimo il reflusso gastrico

Stile di vita

Se ci si sta riprendendo dalla sindrome da distress respiratorio acuto, i seguenti suggerimenti possono aiutare a proteggere i polmoni:

  • Smettere di fumare.
  • Non bere alcol.
  • Vaccinarsi. Può ridurre il rischio di infezioni polmonari.

Referenze »

Che cosa è ARDS? National Heart, Lung. http://www.nhlbi.nih.gov/health/dci/Diseases/Ards/Ards_WhatIs.html. Letta 4 marzo 2011.
Hudson LD, et al. Danno polmonare acuto / sindrome da distress respiratorio acuto. In: Goldman L, et al. Cecil Medicine. 23 ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2008. http://www.mdconsult.com/das/book/body/191371208-2/0/1492/0.html #. Letta 4 marzo 2011.
Moran GJ, et al. Sindrome da distress respiratorio. In: Marx, JA, et al. Emergenza Rosen Medicina: Concetti e pratica clinica. 7a ed. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier, 2010. Letta 4 marzo 2011.
Siegel MD. Sindrome da distress respiratorio acuto: prognosi. http://www.uptodate.com/home/index.html. Letta 4 marzo 2011.
Lee WL, et al. Sindrome da distress respiratorio. In: Mason RJ, et al. Murray e Textbook Nadel di Medicina Respiratoria. 5 ª ediz. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2010. http://www.mdconsult.com/das/book/body/192068760-2/0/1288/0.html. Letta 4 marzo 2011.
Siegel MD. Sindrome da distress respiratorio acuto: Epidemiologia, fisiopatologia, patologia e eziologia. http://www.uptodate.com/home/index.html. Letta 4 marzo 2011.
Hansen-Flaschen J, et al. Sindrome da distress respiratorio acuto: definizione, caratteristiche cliniche e diagnosi. http://www.uptodate.com/home/index.html. Letta 7 Marzo 2011.
Hopkins RO, et al. Qualità della vita, anomalie emozionali e disfunzione cognitiva nei sopravvissuti di sindrome acuta sofferenza lesioni polmonari / respiratoria acuta. Busto Medicina Clinica. 2006; 27:679.
Siegel MD. Terapia di supporto e l’ossigenazione in sindrome da distress respiratorio. http://www.uptodate.com/home/index.html. Letta 7 Marzo 2011.
Post-ARDS punte. L’ARDS Fondazione. http://www.ardsusa.org/tips_post_ards.htm. Letta 7 Marzo 2011.

Link sponsorizzati