Schizofrenia paranoide : sintomi, segni, diagnosi e cure


La schizofrenia paranoide è uno dei diversi tipi di schizofrenia, una malattia mentale cronica in cui una persona perde il contatto con la realtà (psicosi). Le caratteristiche classiche della schizofrenia paranoide e nel sentire cose che non sono reali.

Link sponsorizzati

Con la schizofrenia paranoide, la capacità di pensare e la funzione nella vita quotidiana può essere migliore degli altri tipi di schizofrenia. Eppure, la schizofrenia paranoide è una grave condizione permanente che può portare a complicazioni, tra cui comportamento lesivo.

Con un trattamento efficace, è possibile gestire i sintomi della schizofrenia paranoide e lavorare per una vita più sana.

Sintomi

Segni e sintomi di schizofrenia paranoide possono includere:

  • Allucinazioni uditive, come il sentire voci
  • Paranoie, come il credere che un collega o familiare voglia avvelenare o fare del male
  • Ansia
  • Rabbia
  • Distanza emotiva
  • Violenza
  • Comportamento polemico
  • Pensieri e comportamenti lesivi

Con la schizofrenia paranoide, si ha meno probabilità di essere colpiti da disturbi dell’umore o problemi con la concentrazione e attenzione.

Principali sintomi

Deliri e le allucinazioni sono i sintomi che contraddistinguono la schizofrenia paranoide.

  • Deliri. Si può credere che il governo stia monitorando ogni movimento o che un collega voglia avvelenare il pranzo. Si può anche avere manie di grandezza – la convinzione che si possa volare, o che si è famosi. I deliri possono anche causare aggressività o violenza.
  • Allucinazioni uditive. una allucinazione uditiva è la percezione di un suono o voci ricorrenti che nessun altro sente.

In presenza dei sintomi di schizofrenia paranoide, consultare un medico nel più breve tempo possibile. La schizofrenia paranoide non migliora da sola e può peggiorare senza trattamento.

Ottenere il trattamento da un fornitore di salute mentale con esperienza nella schizofrenia può aiutare ad imparare il modo di gestire i sintomi, in modo da avere le migliori possibilità di condurre una vita produttiva e felice.

Aiutare qualcuno con schizofrenia paranoide

Se avete una persona cara si pensa possa avere i sintomi di schizofrenia paranoide, una discussione aperta ed onesta circa le vostre preoccupazioni rimane la strada migliore. E’ sempre meglio cercare di evitare quando possibile di costringere qualcuno a farsi curare.

Se la persona cara rappresenta un pericolo per se stesso o per gli altri, potrebbe essere necessario chiamare la polizia o altri organi di soccorso per chiedere aiuto. In alcuni casi, il ricovero d’urgenza può essere necessario. Leggi in materia permettono di ottenere un Trattamento sanitario obbligatorio (TSO), nei casi più delicati.

grafico pazienti schizofrenici1.gif

Fattori di rischio

Anche se la causa precisa della schizofrenia paranoide, non è nota, alcuni fattori sembrano aumentare il rischio di sviluppare schizofrenia paranoide, tra cui:

  • Avere una storia familiare di schizofrenia
  • L’esposizione a virus, mentre si è nel grembo materno
  • La cattiva alimentazione, nel grembo materno
  • Circostanze di vita stressanti
  • L’età
  • Prendere farmaci psicoattivi durante l’adolescenza

Segni e sintomi di schizofrenia si sviluppano tipicamente tra l’adolescenza e i 30 anni.

Complicazioni

Se non trattata, la schizofrenia paranoide può comportare gravi problemi emotivi, comportamentali, di salute, e anche legali. Complicazioni  includono:

  • Pensieri e comportamenti autolesivi
  • Comportamento autodistruttivo
  • Depressione
  • Abuso di alcool, droghe o farmaci
  • Povertà
  • Incarcerazione
  • Conflitti familiari
  • Incapacità di lavorare o frequentare la scuola
  • Problemi di salute
  • Essere vittima o autore di reati violenti
  • Malattie legate al fumo

Diagnosi

Se il medico sospetta una schizofrenia paranoide o un’altra malattia mentale, in genere esegue una serie di test medici e psicologici. Questi possono contribuire a formulare una diagnosi, ed escludere altri problemi che potrebbero causare i sintomi.

Questi esami generalmente includono:

  • Esame fisico. Questo può includere la misurazione dell’altezza e del peso, il controllo dei segni vitali, come la frequenza cardiaca, pressione sanguigna e la temperatura.
  • I test di laboratorio. Questi possono includere un emocromo completo (CBC), lo screening per l’alcool e le droghe, e un controllo della funzione tiroidea.
  • Valutazione psicologica. Spesso eseguita da uno psichiatra

Criteri diagnostici per la schizofrenia paranoide

Per essere diagnosticati con schizofrenia paranoide, è necessario soddisfare i criteri enunciati nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM). Questo manuale, pubblicato dalla American Psychiatric Association, è usato da molti medici per diagnosticare i disturbi mentali.

Criteri diagnostici per la schizofrenia paranoide includono:

  • La preoccupazione eccessiva che gli altri vogliano farvi del male
  • Frequenti allucinazioni uditive
  • A volte può essere difficile diagnosticare la schizofrenia paranoide, soprattutto perché altre condizioni possono avere sintomi simili.

Trattamenti e cure

La schizofrenia paranoide è una condizione cronica che richiede un trattamento permanente, anche nei periodi in cui ci si sente meglio. Il trattamento efficace può aiutare a prendere il controllo della  condizione e godere di una vita più felice e più sana.

Le opzioni di trattamento sono simili per tutti i tipi di schizofrenia. Ma l’approccio specifico dipende dalla  particolare situazione e dalla gravità dei sintomi.

Gruppi di trattamento

il trattamento della schizofrenia paranoide è di solito guidato da uno psichiatra esperto nel trattamento di questa condizione. Ma è possibile il trattamento avvenga affidandosi ad un team di esperti.

Il gruppo coinvolto nel trattamento della schizofrenia paranoide può includere:

  • Il medico di assistenza primaria
  • Psichiatri
  • Psicoterapeuti
  • Membri della famiglia
  • Infermieri
  • Assistenti sociali

Le opzioni terapeutiche principali

I principali trattamenti per la schizofrenia paranoide sono:

  • Farmaci
  • Psicoterapia
  • Ricovero
  • Terapia elettroconvulsiva (ECT)
  • Formazione professionale
  • Farmaci per la schizofrenia paranoide

I farmaci sono un trattamento chiave nella schizofrenia paranoide. I farmaci comunemente usati sono :

  • Prima generazione – antipsicotici. Questi farmaci controllano i sintomi influenzando sostanze chimiche cerebrali chiamate neurotrasmettitori.
  • Seconda generazione (atipici). Questi farmaci antipsicotici più recenti sono efficaci nel gestire le allucinazioni, deliri e altri sintomi, come la perdita di motivazione e mancanza di emozioni.
  • Altri farmaci. E’comune avere altri problemi di salute mentale insieme alla schizofrenia paranoide. Gli antidepressivi possono essere utili se si hanno sintomi di depressione.

La scelta del farmaco

In generale, l’obiettivo del trattamento con farmaci antipsicotici è quello di controllare efficacemente i segni e i sintomi con il dosaggio più basso possibile. Quale farmaco scegliere dipende dalla  situazione individuale. Possono servire diverse settimane prima di notare un miglioramento dei sintomi.

Se un farmaco non funziona bene o ha effetti collaterali intollerabili, il medico può raccomandare di passare a un farmaco diverso o regolare il dosaggio. Non smettere di prendere il farmaco senza aver consultato il medico, anche se ci si sente meglio. Si può avere una ricaduta dei sintomi psicotici, se si smette di prendere il farmaco. Inoltre, i farmaci antipsicotici devono essere diminuiti gradualmente, piuttosto che interrotti bruscamente, per evitare i sintomi di astinenza.

Effetti collaterali dei farmaci

Tutti i farmaci antipsicotici hanno effetti collaterali e rischi per la salute. Alcuni farmaci antipsicotici possono aumentare il rischio di diabete, aumento di peso, colesterolo alto e ipertensione. Altri possono causare cambiamenti pericolosi nella conta dei globuli bianchi o causare problemi di salute negli adulti più anziani.

Psicoterapia per la schizofrenia paranoide

Nonostante i medicinali siano la base del trattamento, la consulenza (psicoterapia) è essenziale. La psicoterapia può includere:

  • Terapia individuale.  Un approccio, chiamato terapia cognitivo-comportamentale, ha dimostrato di essere particolarmente utile nel trattamento della schizofrenia paranoide.
  • La psicoterapia può aiutare a ridurre la gravità dei sintomi e migliorare le abilità comunicative, relazionali e la vostra capacità di lavoro. Imparare a conoscere la schizofrenia paranoide può aiutare a comprenderla meglio.
  • Terapia familiare. I sintomi hanno una migliore possibilità di migliorare se i familiari capiscono la malattia, e sono in grado di riconoscere le situazioni stressanti che potrebbero innescare una ricaduta. La terapia familiare può anche aiutare a risolvere i conflitti familiari.

Ricovero per schizofrenia paranoide

Durante i periodi di crisi o di sintomi gravi, il ricovero può essere necessario. Questo può aiutare a garantire la propria sicurezza e quella degli altri, e assicurarsi una corretta alimentazione, sonno e igiene. L’ospedalizzazione può comprendere queste opzioni.

Terapia elettroconvulsiva (ECT) per schizofrenia paranoide

La terapia elettroconvulsiva (ECT) è una procedura in cui la corrente elettrica viene passata attraverso il cervello per scatenare una breve crisi. Questo sembra causare cambiamenti nella chimica del cervello che può ridurre i sintomi di certe malattie mentali come la schizofrenia paranoide. Poiché l’ECT può fornire miglioramenti significativi dei sintomi più rapidamente dei farmaci o della psicoterapia, la terapia elettroconvulsivante potrebbe essere la migliore opzione terapeutica in alcuni casi.

Referenze »

Schizofrenia: Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali DSM-IV-TR. 4 ° ed. Arlington, Virginia: American Psychiatric Association, 2000. http://www.psychiatryonline.com. Letta 29 settembre 2010.
Skodol AE, et al. Schizofrenia. In: RE Hales, et al, eds.. Il libro di testo americano Publishing Psichiatrico di Psichiatria. 5 ª ediz. Arlington, Virginia: American Psychiatric Association, 2008. http://www.psychiatryonline.com. Letta 29 settembre 2010.
Jibson MD. Schizofrenia: presentazione clinica, l’epidemiologia e fisiopatologia. http://www.uptodate.com/home/index.html. Letta 29 settembre 2010.
Gejman PV, et al. Il ruolo della genetica nell’eziologia della schizofrenia. Cliniche psichiatriche del Nord America. 2010; 33:3.
Schizofrenia. Istituto Nazionale di Salute Mentale. http://www.nimh.nih.gov/health/publications/schizophrenia/complete-publication.shtml.Accessed 29 Settembre 2010.
Jibson MD. Schizofrenia: valutazione diagnostica e trattamento. http://www.uptodate.com/home/index.html. Letta 29 settembre 2010.
Huey LY, et al. Famiglie e schizofrenia: La vista dalla difesa. Cliniche psichiatriche del Nord America. 2007; 30:549.
Rathod SR, et al. Terapia cognitivo-comportamentale per la schizofrenia. Cliniche psichiatriche del Nord America. 2010; 33:3.
Stare bene quando si ha una condizione di salute mentale. Salute Mentale America. http://www.nmha.org/go/mental-health-month/staying-well-when-you-have-a-mental-illness. Letta 29 settembre 2010.

 

Link sponsorizzati
  • Mario

    io piu di trentanni che sono in cura a un centro di Milano –e sono stato ricoverato piu volte –ed e cominciato dopo la morte di mio figlio a milano –era stato travolte da un furgone della coca cola aveva 7 anni –3 giorni in come e poi e morto