Vaginosi batterica : sintomi, cause, cure e prevenzione


La vaginosi batterica è un tipo di infiammazione vaginale che deriva dalla crescita eccessiva di uno dei diversi tipi di batteri normalmente presenti nella vagina, che sconvolge l’equilibrio naturale dei batteri vaginali. Le donne in età riproduttiva sono più comunemente colpite da vaginosi batterica, ma ogni donna può sperimentare la condizione. I medici non sanno esattamente il motivo per cui la vaginosi batterica si sviluppa, ma alcune attività, come rapporti non protetti o irrigazioni frequenti, mette a più alto rischio della malattia.

Link sponsorizzati

Sintomi

I sintomi della vaginosi batterica possono includere:

  • Perdite vaginali bianche o grigiastre
  • Maleodorante odore vaginale, soprattutto dopo un rapporto ( nella semeiotica medica viene definito odore di pesce)
  • Prurito vaginale o irritazione
  • Dolore durante il rapporto
  • Bruciore durante la minzione
  • Leggero sanguinamento vaginale

Spesso, si può avere vaginosi batterica ed essere asintomatiche, ovvero senza mostrare alcun segno o sintomo.

Fissare un appuntamento col medico anche se:

  • E’ la prima infezione vaginale . Il medico stabilirà la causa e aiuterà ad imparare a identificare i segni ei sintomi.
  • Si hanno avuto infezioni vaginali in passato, ma mai con questi sintomi.
  • Si ha più partner o un partner nuovo. Si potrebbe avere una infezione a trasmissione sessuale. I segni ed i sintomi di alcune malattie sessualmente trasmissibili sono simili a quelli della vaginosi batterica.

 

Vaginosi batterica

Cause

La vaginosi batterica deriva da una crescita eccessiva di uno dei diversi organismi normalmente presenti nella vagina. Di solito, i batteri “buoni” (lattobacilli) sono più numerosi dei batteri “cattivi” (anaerobi) . Ma se i batteri anaerobi diventano troppo numerosi,sconvolgono l’equilibrio naturale dei microorganismi.

La vaginosi batterica può diffondersi durante il rapporto sessuale, ma si verifica anche in persone che non sono sessualmente attive.

Fattori di rischio

I fattori di rischio per la vaginosi batterica sono:

  • Molteplici partner . La vaginosi batterica si verifica più spesso nelle donne che hanno partner  multipli.
  • Irrigazioni. La pratica del lavaggio interno con acqua o un detergente (irrigazioni) sconvolge l’equilibrio naturale dell’ambiente vaginale. Questo può portare a una crescita eccessiva di batteri anaerobici, che a sua volta possono portare a vaginosi batterica.
  • Usare l’IUD. Le donne che fanno uso di un dispositivo intrauterino (IUD) per il controllo delle nascite hanno un rischio maggiore di vaginosi batterica.
  • La mancanza naturale dei batteri lattobacilli. Se l’ambiente naturale della vagina non produce abbastanza batteri “buoni” lattobacilli, è molto più probabile che si possa sviluppare vaginosi batterica.

Complicazioni

In generale, la vaginosi batterica non causa complicazioni. Ma in determinate circostanze, può portare a:

  • Parto pre-termine. Nelle donne in gravidanza, è legata a parti prematuri e basso peso alla nascita.
  • Malattie sessualmente trasmissibili. Avere la vaginosi batterica rende le donne più suscettibili alle infezioni sessualmente trasmissibili, come l’HIV, l’herpes simplex virus, la clamidia o la gonorrea.
  • Rischio di infezione dopo chirurgia ginecologica. Avere questa infiammazione può essere associato ad una maggiore possibilità di sviluppare una infezione post-chirurgica dopo interventi come l’isterectomia o dilatazione e raschiamento (D e C).

Diagnosi

Per la diagnosi di vaginosi batterica, il medico può:

  • Fare domande sulla storia clinica. In particolare, il medico può richiedere informazioni su precedenti infezioni vaginali o malattie sessualmente trasmissibili.
  • Eseguire un esame pelvico.
  • Prelevare un campione di secrezioni. Il medico può raccogliere un campione di secrezioni  per verificare una crescita eccessiva di batteri anaerobici.

vaginosi batterica 1.jpgTrattamenti e cure

Per trattare la vaginosi batterica, il medico può prescrivere uno dei seguenti farmaci:

  • Metronidazolo (Flagyl, Metrogel-Vaginale, altri) Questo farmaco può essere assunto per via orale due volte al giorno per sette giorni. Il metronidazolo è inoltre disponibile per uso topico, come un gel che si inserisce nella vagina per 5-7 giorni. Per evitare il rischio di disturbi di stomaco, dolori addominali o nausea durante l’utilizzo di questo farmaco, stare lontano da alcool per tutta la durata del trattamento.
  • Tinidazolo (Tindamax). Questo farmaco è assunto per via orale una volta al giorno per 2-5 giorni, a seconda della prescrizione. Il Tinidazole ha lo stesso potenziale di disturbi di stomaco e nausea, come  il metronidazolo per via orale.
  • Clindamicina (Cleocin, Clindesse, altri). Il farmaco è disponibile come una crema che si usa per sette giorni.

Assumere sempre i farmaci per tutto il tempo della prescrizione medica anche se i sintomi scompaiono. L’interruzione precoce del trattamento precoce può aumentare la probabilità di ricadute.

Recidive

Nonostante i trattamenti efficaci per la vaginosi batterica, la recidiva dei sintomi entro tre-sei mesi è comune. I ricercatori stanno esplorando i regimi di trattamento per la vaginosi batterica recidivante, ma non ci sono prove per sostenere una terapia rispetto ad un’altra. Se i sintomi si ripetono subito dopo il trattamento, fissare un appuntamento con il medico per discutere le opzioni di trattamento, uno dei quali è  l’impiego della terapia con metronidazolo.

Prevenzione

Per evitare la vaginosi batterica:

  • Ridurre al minimo l’irritazione vaginale. Rimanere fuori vasche idromassaggio e vasche idromassaggio.
  • Non praticare irrigazioni. Una normale doccia o bagno è sufficiente
  • Evitare una infezione a trasmissione sessuale. Usare sempre le dovute precauzioni durante i rapporti.

Referenze »

Vaginosi batterica. Centers for Disease Control and Prevention. http://www.cdc.gov/std/bv/STDFact-Bacterial-Vaginosis.htm. Letta 21 LUGLIO 2010.
Nyirjesy P. candidosi vulvovaginali e vaginosi batterica. Clinica Malattie Infettive del Nord America. 2008; 22:637.
ACOG commissione per i bollettini Practice – Ginecologia. Vaginite. Ostetricia e Ginecologia. 2006; 107:1195.
Sessualmente trasmissibili linee guida sul trattamento delle malattie del 2006. Centers for Disease Control and Prevention. http://www.cdc.gov/std/treatment/2006/vaginal-discharge.htm. Letta 21 LUGLIO 2010.
Sobel JD. Vaginosi batterica. http://www.uptodate.com/home/index.html. Letta 21 LUGLIO 2010.
Boyd E, et al. Vaginite: vaginosi batterica. In: Hillard PA. Il 5-Minute Ostetricia e Ginecologia Consult. Philadelphia, Pa.: Lippincott Williams & Wilkins, 2008:204.
Boardman Los Angeles, et al. Patologie benigne vulvovaginale. In: Gibbs RS, et al. Danforth di Ostetricia e Ginecologia. 10 ed. Philadelphia, Pa.: Lippincott Williams & Wilkins, 2008:625.

Link sponsorizzati