Sindrome di Sweet : sintomi, cause, diagnosi e cure


La sindrome di Sweet nota anche come dermatosi febbrile acuta neutrofila, è una condizione della pelle caratterizzata da febbre e lesioni cutanee dolorose che compaiono soprattutto sulle braccia, viso e collo.

Link sponsorizzati

La causa esatta della sindrome di Sweet, non è sempre nota. In alcune persone, è una malattia scatenata da un’infezione, o da alcuni medicinali. La sindrome di Sweet può verificarsi anche con alcuni tipi di cancro.

Il più delle volte, la sindrome di Sweet svanisce da sola dopo qualche mese o una volta che la causa scatenante è risolta o eliminata. La guarigione è molto più rapida con il trattamento.

Sintomi

I segni più evidenti della sindrome di Sweet sono lesioni cutanee distintive che di solito si sviluppano secondo questo schema:

  • Una serie di piccoli bozzi rossi appaiono all’improvviso sulle braccia, collo, viso e schiena, spesso dopo una febbre o infezioni delle alte vie respiratorie.
  • I bozzi crescono rapidamente di dimensione e diffusione
  • Le eruzioni sono morbide o dolorose e possono sviluppare bolle, pustole o addirittura ulcere.
  • Le lesioni possono persistere per settimane o mesi e poi scompaiono da sole, senza farmaci. Con il trattamento medico, è facile liberarsi delle lesioni cutanee in pochi giorni.

Altri segni e sintomi della sindrome di Sweet possono includere:

  • Febbre alta o bassa che precede le lesioni cutanee
  • Congiuntivite
  • Stanchezza
  • Dolori alle articolazioni e mal di testa
  • Ulcere della bocca

La sindrome di Sweet è rara. Quando si verifica, si sviluppa spesso dopo un’infezione del tratto respiratorio superiore. Se si sviluppa una eruzione cutanea rossa che cresce rapidamente di dimensione subito dopo un attacco di mal di gola o un’altra infezione delle vie respiratorie superiori, consultare il medico per un trattamento appropriato. Anche se l’eruzione può scomparire senza alcun trattamento, il farmaco giusto può fare andare via il problema in pochi giorni.

La sindrome di Sweet può anche essere una reazione ad una condizione più grave, come la leucemia, o alcuni farmaci.

sindrome di Sweet1.jpg

Cause

Anche se la sindrome di Sweet può essere associata a infezioni, la stessa condizione non è contagiosa. La sindrome di Sweet è generalmente suddivisa in tre categorie:

  • Idiopatica (classica). Nella maggior parte dei casi, la causa della sindrome di Sweet non è nota (idiopatica). La sindrome idiopatica di Sweet colpisce prevalentemente le donne di età compresa tra i 30 e 50 anni ed è spesso preceduta da una infezione delle vie respiratorie superiori o gastrointestinale. E’ anche stata associata con la gravidanza e la malattia infiammatoria intestinale.
  • Tumori maligni. In circa il 20 per cento dei casi, la sindrome di Sweet è associata con il cancro (tumore maligno), il più delle volte leucemia acuta. Alcuni casi possono essere associati con un tumore solido, come il tumore al seno o al colon. La sindrome di Sweet può verificarsi come un segno precoce di un cancro, o come segno di una recidiva. La febbre è spesso presente, ma le lesioni cutanee in genere non sono precedute da un’infezione delle vie respiratorie superiori, come nel caso della sindrome di Sweet idiopatica. La sindrome associata ai tumori maligni sembra colpire uomini e donne allo stesso modo, ma tra gli adulti più anziani, è più probabile che si verifichi nelle donne.
  • Farmaci. Sebbene non comune, la sindrome di Sweet può verificarsi come reazione ad un farmaco. Farmaci associati con la sindrome di Sweet comprendono alcuni antibiotici, contraccettivi orali, diuretici e farmaci anti-epilettici. Una volta che il farmaco incriminato è interrotto, la sindrome di solito scompare.

Fattori di rischio

La sindrome di Sweet è rara, ma alcuni fattori ne aumentano il rischio, tra cui:

  • Essere donne. Le donne hanno molte più probabilità di avere la sindrome idiopatica di Sweet rispetto agli uomini.
  • Avere tra i 30 e i 50 anni di età.
  • Avere problemi di salute. La sindrome di Sweet segue spesso un’infezione delle vie respiratorie superiori, e molte persone riferiscono di avere sintomi simil-influenzali prima che l’eruzione appaia.
  • Essere incinta. Alcune donne incinte sviluppano la sindrome di Sweet durante il loro primo o secondo trimestre.
  • Una precedente storia di malattia. La sindrome di Sweet tende a recidivare.

Complicazioni

Esiste il rischio di infezione delle lesioni cutanee. Seguire le raccomandazioni del medico per curare la pelle.

L’aspetto più impegnativo della sindrome di Sweet può essere nel trattare le recidive, che si verificano in circa un terzo dei casi. Segni e sintomi possono ricomparire, soprattutto se il trattamento è diminuito troppo in fretta.

Diagnosi

Il dermatologo di solito può diagnosticare la sindrome di Sweet semplicemente guardando le lesioni. Ma è molto probabile che verranno effettuati alcuni test per escludere condizioni che hanno sintomi simili o per cercare la causa sottostante.

Questi test includono:

  • Gli esami del sangue.
  • Campione di tessuto. Il medico può rimuovere un piccolo pezzo di tessuto colpito (biopsia) per l’esame al microscopio.

Trattamenti e cure

Se non curata, la sindrome di Sweet, non associata ad una condizione più grave e può scomparire spontaneamente nell’arco di 1-3 mesi. I farmaci possono migliorare le lesioni cutanee e i sintomi associati in soli due o tre giorni. Questo è vero anche per la sindrome associata ai tumori maligni.

Con o senza trattamento, le lesioni raramente lasciano un segno o una cicatrice. Il medico può consigliare di continuare il trattamento a causa della forte incidenza di recidive.

sindrome di Sweet 21.jpg

Farmaci

Corticosteroidi per via sistemica (prednisone e prednisolone) sono generalmente molto efficaci nel trattamento della sindrome di Sweet. In genere questi farmaci anti-infiammatori vanno presi per circa 4-6 settimane. I corticosteroidi topici possono essere utilizzati per fornire sollievo immediato.

Altri farmaci di prima linea che il medico può utilizzare includono, la terapia di ioduro di potassio e la colchicina, che ha proprietà anti-infiammatorie. Seguire le istruzioni del medico attentamente durante l’assunzione di questi farmaci.

Consigli

Se si ha la sindrome di Sweet, è importante curare la pelle con delicatezza. Questi consigli possono ridurre il rischio di creare altri danni alla pelle:

  • Indossare indumenti protettivi. Molto utile per prevenire, lesioni accidentali.
  • Applicare la protezione solare. Usare creme solari con fattore di protezione solare di 15 o superiore prima di uscire di casa.

Referenze »

Farhi D, et al. La dermatosi neutrofila. Infermieristica dermatologia. 2008; 20:274.
Moschella SL. Dermatosi neutrofila. http://www.uptodate.com/home/index.html/. Letta 5 Apr 2010.
Sindrome di Sweet: Una condizione dermatologica associata a febbre e spesso confusa con un processo infettivo. In: Mandell GL, et al. Mandell, Douglas, e Bennet Principi e Pratica di Malattie Infettive. 7a ed. Philadelphia, Pa.: Churchill Livingstone Elsevier, 2010. Letta 5 Apr 2010.
Cohen PR. Sindrome di Sweet – Una revisione completa di una dermatosi acuta febbrile neutrofila. Gazzetta di Orphanet delle malattie rare. 2007; 02:34.
Franchi AG Manifestazioni cutanee Jr. di malattia interna. Cliniche Mediche del Nord America. 2009; 93:1265.
Colchicina: Valutazioni Drugdex. Micromedex Healthcare Series. http://www.micromedex.com. Letta 5 Apr 2010.

Link sponsorizzati