Osteomielite: sintomi, cause, cure e prevenzione


L’osteomielite è il termine medico usato per descrivere per un’infezione in un osso. Le infezioni possono raggiungere un osso viaggiando attraverso la circolazione sanguigna o la diffusione da tessuti circostanti. L’osteomielite può anche iniziare nello stesso osso se un infortunio espone l’osso ai germi.

Link sponsorizzati

Nei bambini, l’osteomielite più comunemente colpisce le ossa lunghe delle gambe e del braccio, mentre negli adulti si hanno maggiori probabilità di sviluppare l’osteomielite nelle ossa che compongono la spina dorsale (vertebre). Le persone che soffrono di diabete possono sviluppare l’osteomielite nei piedi se hanno ulcere del piede.

Una volta era considerata una condizione incurabile, ma oggi l’osteomielite può essere trattata con successo.

Sintomi

Segni e sintomi di osteomielite sono:

  • Febbre o brividi
  • Irritabilità o letargia nei bambini piccoli
  • Dolore nella zona del contagio
  • Gonfiore, calore e rossore su tutta l’area del contagio

A volte l’osteomielite non provoca segni e sintomi o si hanno segni e sintomi che sono difficili da distinguere da altri problemi.

Consultare il medico se si verificano peggioramento del dolore osseo insieme con la febbre. Se si è a rischio di infezione a causa di una condizione medica o un intervento chirurgico , consultare il medico immediatamente se si notano segni e sintomi di un’infezione.

osteomielite acuta vetrino1.jpg

Cause

La maggior parte dei casi di osteomielite sono causati da batteri stafilococco, un tipo di germe che si trova comunemente sulla pelle o nel naso anche in individui sani.

I germi possono entrare in un osso in una varietà di modi, tra cui:

  • Attraverso il flusso sanguigno. I germi in altre parti del corpo – ad esempio da polmonite o infezione del tratto urinario – possono viaggiare attraverso il flusso sanguigno verso un punto debole.
  • Da una infezione nelle vicinanze. Se una ferita si infetta, i germi possono diffondersi all’osso vicino.
  • Contaminazione diretta. Ciò può verificarsi se si è rotto un osso così gravemente che una parte di esso è sporge attraverso la pelle.

Fattori di rischio

Le ossa sono normalmente resistenti alle infezioni. Affinchè l’osteomielite si verifichi una situazione che rende le ossa più vulnerabili deve essere presente.

Ferita recente o chirurgia ortopedica

Una frattura grave o una ferita profonda crea la situazione ottimale afficnhè l’infezione si verifichi. Un intervento chirurgico per riparare le ossa rotte o sostituire articolazioni usurate può anche accidentalmente aperire un percorso per i germi.

Problemi di circolazione

Quando i vasi sanguigni sono danneggiati o bloccati, il corpo ha difficoltà a distribuire le cellule che combattono le infezioni. Ciò che inizia come un piccolo taglio può progredire a un’ulcera profonda che può esporre i tessuti profondi alle infezioni.

Malattie che compromettono la circolazione del sangue sono:

  • Diabete
  • Malattia arteriosa periferica, spesso legata al fumo
  • Malattie epatiche

Tubi medicali

Questi tubi sono spesso una necessità medica, ma possono anche servire come superstrade per i germi. L’utilizzo di questi tubi medici mette a rischio di infezioni, e in generale, può portare a osteomielite.

Gli esempi includono:

  • Macchine per la dialisi
  • Cateteri urinari
  • Cateteri venosi a volte chiamati linee centrali, che possono rimanere impiantati nel corpo per mesi o anni

Sostanze per via endovenosa

Le persone che fanno uso di droghe per via endovenosa hanno più probabilità di sviluppare l’osteomielite, perché in genere utilizzano aghi non sterili.

Complicazioni

Le complicazioni possono includere:

  • Osteonecrosi. Un’infezione nell’osso può impedire la circolazione del sangue all’interno dell’osso, con conseguente necrosi delle ossa. L’osso può guarire dopo un intervento chirurgico per rimuovere piccole sezioni di osso necrotico. Se una grande sezione di osso è perduto, tuttavia, può essere necessario amputare l’arto per prevenire la diffusione dell’infezione.
  • Artrite settica. In alcuni casi, l’infezione può diffondersi all’interno delle ossa.
  • Crescita ridotta. Nei bambini, il luogo più comune per l’osteomielite è nelle aree di accrescimento ovvero le cartilagini. Una crescita normale può essere interrotta nelle ossa infette.
  • Il cancro della pelle. Se l’osteomielite ha provocato una ferita aperta che sta creando pus, la pelle circostante è a più alto rischio di sviluppare il cancro a cellule squamose.

Diagnosi

Il medico può ordinare una combinazione di test e procedure per diagnosticare l’osteomielite e per determinare quale germe causa l’infezione.

Gli esami del sangue

Esami del sangue possono rivelare elevati livelli di globuli bianchi e altri fattori che possono indicare che il corpo sta combattendo un’infezione. Se l’osteomielite è stato causata da un’infezione nel sangue, i test possono rivelare a carico di quali germi. Tuttavia, le analisi del sangue danno solo indizi che il medico usa per decidere ulteriori test e le procedure da adottare.

Esami radiografici

  • Raggi-X. I raggi X possono rivelare danni al tessuto osseo. Tuttavia, i danni potrebbero non essere visibili fino a quando l’osteomielite è acuta.
  • Tomografia computerizzata (TAC).
  • La risonanza magnetica (MRI).

Biopsia ossea

La biopsia ossea è il gold standard per la diagnosi di osteomielite, perché può anche rivelare il particolare tipo di germe che ha infettato il tessuto osseo. Conoscere il tipo di germe consente al medico di scegliere un antibiotico che funziona particolarmente bene per quel tipo di infezione. Una biopsia richiede l’anestesia e la chirurgia per accedere all’osso. In alcune situazioni, un chirurgo inserisce un lungo ago attraverso la pelle per fare una biopsia. Questa procedura richiede anestetici locali per intorpidire la zona in cui è inserito l’ago.

osteomielite acuta1.jpgTrattamenti e cure

I trattamenti più comuni per l’osteomielite sono antibiotici e intervento chirurgico per rimuovere porzioni di osso che sono infetti o in necrosi.

Farmaci

Una biopsia ossea rivelerà che tipo di germe causa l’infezione, per cui il medico potrà scegliere un antibiotico che funziona particolarmente bene per quel tipo di infezione. Gli antibiotici sono solitamente somministrati attraverso una vena del braccio per almeno sei settimane. Gli effetti collaterali possono includere nausea, vomito e diarrea.

Chirurgia

A seconda della gravità dell’infezione, la chirurgia dell’osteomielite può includere una o più delle seguenti procedure:

  • Drenare la zona infetta. L’apertura dell’area intorno alla osso infetto consente al chirurgo di eliminare ogni pus o liquido che si è accumulato in risposta alle infezioni.
  • Togliere l’osso e il tessuto malato. In una procedura chiamata sbrigliamento, il chirurgo rimuove la maggior quantità di osso malato possibile, prendendo un piccolo margine di osso sano per assicurarsi che tutte le aree infette siano state rimosse.
  • Ripristinare il flusso di sangue all’osso. Il chirurgo può riempire qualsiasi spazio vuoto lasciato dalla procedura di sbrigliamento con un pezzo di osso o altri tessuti, come pelle o  muscoli, da un’altra parte del corpo. A volte filler temporanei vengono inseriti in questa tasca finché non si è abbastanza sani da sottoporsi a un trapianto osseo o ad un innesto di tessuto. L’innesto aiuta l’organismo a riparare i vasi sanguigni danneggiati e a formare nuovo tessuto osseo.
  • Rimuovere eventuali corpi estranei. In alcuni casi, corpi estranei, come le placche chirurgiche o viti poste nel corso di un precedente intervento chirurgico, possono essere rimosse.
  • Amputare l’arto. Come ultima risorsa, i chirurghi possono amputare l’arto interessato per evitare che l’infezione si diffonda ulteriormente.

Prevenzione

Ridurre il rischio di infezione riduce anche il rischio di sviluppare l’osteomielite. In generale, prendere precauzioni per evitare tagli e graffi, questo è il modo in cui i germi hanno un facile accesso al corpo. Se ci si taglia o graffia, pulire l’area immediatamente e applicare un bendaggio pulito. Controllare le ferite frequentemente per eventuali segni di infezione.

Referenze »

Fort GG, et al. Osteomielite. In: Ferri FF. Advisor Clinica Ferri 2010. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier, 2009. Letta 26 MARZO 2010.
Chihara S, et al. Osteomielite. Malattia-un-mese. 2010; 56:6.
Lalani T. Panoramica di osteomielite negli adulti. http://www.uptodate.com/home/index.html. Letta 26 MARZO 2010.
Infezioni. American Academy of Orthopaedic Surgeons. http://orthoinfo.aaos.org/topic.cfm?topic=A00197. Letta 26 MARZO 2010.
Berbari EF, et al. Osteomielite. In: Mandell GL, et al. Mandell, Douglas e Bennett Principi e Pratica di Malattie Infettive. 7a ed. Philadelphia, Pa.: Churchill Livingstone Elsevier, 2009. Letta 29 MARZO 2010.
Dabov DB. Amputazione di osteomielite. In: Canale S., et al. Campbell Operativa Ortopedia. 11 ° ed. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier, 2007. Letta 29 MARZO 2010.

 

Link sponsorizzati