Necrosi avascolare : sintomi, cause, diagnosi e cure


La necrosi avascolare è letteralmente la morte del tessuto osseo a causa della mancanza di afflusso di sangue. Chiamato anche osteonecrosi, la necrosi avascolare può portare a piccole rotture nelle ossa e il collasso finale dell’osso.

Link sponsorizzati

Il flusso di sangue ad una sezione di osso può essere interrotto se l’osso è fratturato. La necrosi avascolare è anche associata con l’uso prolungato di farmaci steroidi ad alto dosaggio e ad eccessiva assunzione di alcol.

L’articolazione più comunnemente colpita da necrosi avascolare è l’anca. La necrosi avascolare peggiora con il tempo, per cui la gestione è permanente.

Sintomi

La necrosi avascolare provoca in genere il dolore e la gamma ridotta di movimento nelle articolazioni colpite. Le articolazioni più comunemente colpite da necrosi avascolare includono:

L’anca. Oltre al dolore dell’articolazione dell’anca stessa, il dolore può irradiarsi anche nell’inguine o scendere nella coscia o ginocchio.
Ginocchio. Nella necrosi avascolare del ginocchio, il dolore si verifica più spesso nella parte interna del ginocchio e peggiora con l’attività.
Spalla. Parecchie ossa si uniscono alla spalla, ma quelle più comunemente colpite sono del braccio superiore.

Alcune persone sperimentano necrosi avascolare bilaterale – per esempio, in entrambe le anche o in entrambe le ginocchia. Segni e sintomi possono comparire improvvisamente se causati da un infortunio.

Altre articolazioni che sono affette da necrosi avascolare includono:

  • Caviglie
  • Piedi
  • Mani
  • Mandibola
  • Spina dorsale
  • Polsi

necrosi avascolare1.gif

Cause

La necrosi avascolare si verifica quando il flusso di sangue ad un osso viene interrotto o ridotto, che può essere causato da:

  • Lesione articolare.
  • Vasi sanguigni ristretti. Il flusso di sangue ad un osso può essere ridotto se il passaggio diventa ristretto o intasato, più comunemente da un po ‘di grasso o  nel caso di anemia falciforme – da ammassi di cellule del sangue deformate.
  • Pressione all’interno dell’osso. Alcuni trattamenti medici o condizioni, possono aumentare la pressione all’interno dell’osso – rendendo più difficile per il sangue entrare.

Fattori di rischio

I due fattori di rischio più comuni di necrosi avascolare sono:

  • Corticosteroidi. Le persone che assumono alte dosi di corticosteroidi, come il prednisone, per lunghi periodi di tempo hanno maggiori probabilità di sperimentare necrosi avascolare.
  • Pesanti bevute. Diverse bevande alcoliche al giorno per diversi anni possono causare depositi di grassi nei vasi sanguigni. Questo può limitare l’afflusso di sangue alle ossa.

Farmaci per l’osteoporosi

Le persone che assumono bifosfonati – un tipo di farmaco utilizzato per contribuire a rafforzare le ossa indebolite dall’osteoporosi – a volte sviluppano osteonecrosi della mandibola. Questo rischio è maggiore nelle persone che hanno ricevuto alte dosi di bifosfonati per via endovenosa per contrastare i danni causati dal cancro alle ossa.

Le procedure che possono aumentare il rischio

Diversi tipi di procedure mediche possono indebolire le ossa, rendendo più facile sviluppare necrosi avascolare.

Gli esempi includono:

  • Trattamenti contro il cancro come la chemioterapia o le radiazioni
  • Dialisi
  • Trapianti di rene e altri organi

Condizioni legate alla necrosi ossea

Molte condizioni cliniche di base aumentano il rischio di sviluppo di necrosi avascolare.

Esse includono:

  • Diabete
  • Malattia di Gaucher
  • HIV
  • Malattia di Kienböck
  • Legg-Calve-Perthes
  • Lupus
  • Anemia falciforme

Complicazioni

La necrosi avascolare anche se viene trattata continuerà a causare il deterioramento delle ossa. Alla fine l’osso potrà diventare debole causando dolore e  disabilità. Scegliere di non trattare la necrosi avascolare  può portare a forti dolori e la perdita di movimento entro 2 o 5 anni.

Diagnosi

Molti disturbi possono provocare dolore alle articolazioni. Esami radiografici possono aiutare a formulare una corretta diagnosi.

  • Raggi-X. Nelle prime fasi di necrosi avascolare, i raggi X di solito appaiono normali. Ma i raggi X possono spesso rivelare alterazioni ossee che si verificano in fasi successive della malattia.
  • Risonanza magnetica (MRI). La risonanza magnetica può mostrare i cambiamenti nelle prime fasi del tessuto osseo che può indicare necrosi avascolare.
  • Scintigrafia ossea. Per una scintigrafia ossea, una piccola quantità di materiale radioattivo viene iniettato in vena.

Trattamenti e cure

L’obiettivo terapeutico per la necrosi avascolare è quello di prevenire l’ulteriore perdita ossea. Quale trattamento dipende dalla quantità di danno osseo già presente. Fasi iniziali di necrosi avascolare possono beneficiare di un trattamento più conservativo, mentre fasi successive potrebbero richiedere un intervento chirurgico.

Farmaci

  • Farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS). FANS, come l’aspirina o ibuprofene (Advil, Motrin, altri), possono aiutare ad alleviare il dolore e l’infiammazione associata con necrosi avascolare.
  • Bifosfonati. Alcuni studi indicano che farmaci per l’osteoporosi, come Alendronato (Fosamax), possono rallentare la progressione della necrosi avascolare.

necrosi avascolare21.jpeg

Terapia

  • Riposo. Ridurre la quantità di peso e lo stress sulle ossa colpite può rallentare il danno di necrosi avascolare. .
  • Esercizi. Alcuni esercizi possono aiutare a mantenere o migliorare la gamma di movimento.
  • La stimolazione elettrica. La stimolazione elettrica può essere utilizzata durante l’intervento chirurgico e applicata direttamente sulla zona danneggiata.

Procedure chirurgiche

  • Decompressione del nucleo. In questa operazione, il chirurgo elimina parte dello strato interno del tessuto osseo. Questo può alleviare la pressione all’interno delle ossa, riducendo il dolore.
  • Trapianto di midollo (trapianto). Durante questa procedura, il chirurgo prende ossa sane da un’altra parte del tuo corpo e crea impianti in zona colpita da necrosi avascolare.
  • Rimodellamento osseo (osteotomia). Questa procedura rimodella l’osso per ridurre la quantità di zona colpita da necrosi avascolare.
  • Sostituzione dell’articolazione. Se l’osso malato è già crollato o altre opzioni di trattamento non stanno aiutando, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico di sostituzione. L’intervento di sostituzione comune sostituisce l’articolazione con una artificiale. Essa richiede mesi di recupero.

Referenze »

Che cosa è l’osteonecrosi? Istituto Nazionale delle malattie muscolo-scheletriche della pelle. http://www.niams.nih.gov/Health_Info/Osteonecrosis/osteonecrosis_ff.asp. Letta 26 ottobre 2009.
Donohue JP. Osteonecrosi (necrosi avascolare dell’osso). http://www.uptodate.com/home/index.html. Letta 26 ottobre 2009.
McKown K. L’osteonecrosi. American College of Rheumatology. http://www.rheumatology.org/public/factsheets/diseases_and_conditions/osteonecrosis.asp?aud=pat. Letta 26 ottobre 2009.
Osteonecrosi dell’anca. American Academy of Orthopaedic Surgeons. http://orthoinfo.aaos.org/topic.cfmtopic=A00216. Letta 26 ottobre 2009.
Chang C, et al. Osteonecrosi. In: Firestein GS, et al. Libro di testo Kelley di Reumatologia. Philadelphia, Pa.: WB Saunders Co., 2008. Letta 27 OTTOBRE 2009.
Goytia RN, et al. Bisfosfonati e osteonecrosi: potenziale trattamento o complicazione grave? Clinica Ortopedica del Nord America. 2009; 40:223.
Dabov G. osteonecrosi. In: Canale S., et al. Campbell Operativa Ortopedia. 11 ° ed. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier, 2007. Letta 28 ottobre, 2009.

Link sponsorizzati
  • Barbara

    Sono affetta da osteonecrosi del seno del tarso del piede DX tutto questo e iniziato nel 96 ora h anche due ernie cervicali chi mi aiuta ?non è considerata malattia invalidante chi mi aiuta