Melatonina : effetti, benefici e precauzioni


La melatonina è un ormone prodotto nel cervello dalla ghiandola pineale tramite l’aminoacido triptofano. La sintesi e il rilascio di melatonina sono stimolati dal buio e soppressi dalla luce, suggerendo il coinvolgimento della melatonina nel ritmo circadiano e nella regolazione delle funzioni corporee.

Link sponsorizzati

La melatonina sintetica è stata utilizzata per una varietà di condizioni mediche, in particolare per i disturbi legati al sonno.

La melatonina possiede attività antiossidanti, e molti dei suoi usi terapeutici o preventivi proposti sono basati su questa proprietà.

Nuovi farmaci che bloccano gli effetti della melatonina sono in fase di sviluppo, come il BMS-214778 o luzindole, e possono avere utilizzi in vari disturbi.

Test scientifici e ricerche

Questi studi sono basati sugli esseri umani o negli animali. Sicurezza ed efficacia degli studi non sono sempre state dimostrati. Alcune di queste condizioni sono potenzialmente gravi e dovrebbero essere valutate sempre  da un medico.

Jet lag

Diversi studi  hanno suggerito che la Melatonina assunta per via orale, riduce il numero di giorni necessari per stabilire un modello di sonno normale, diminuisce la latenza del sonno ( il tempo necessario per addormentarsi), migliora la prontezza, e riduce l’affaticamento durante il giorno. Anche se questi risultati sono interessanti, la maggior parte degli studi hanno avuto problemi con i loro reporting, ed alcuni studi clinici non hanno trovato benefici. Nel complesso, l’evidenza scientifica suggerisce i benefici della melatonina in più della metà delle persone che la assumono per il jet lag. Altri studi sono necessari per confermare questi risultati, per determinare il dosaggio ottimale, e per valutare l’uso in combinazione con farmaci.

La sindrome della fase del sonno ritardata (DSP)

La sindrome della fase del sonno ritardata è una condizione che causa una incapacità spesso cronica ad addormentarsi ad orari normali. Anche se i risultati con la melatonina sono promettenti, ulteriori ricerche sono necessarie prima di raccomandare questo integratore per questo problema

Insonnia (negli anziani)

Numerosi studi sull’uomo hanno dimostrato che la Melatonina assunta per via orale prima di coricarsi riduce la latenza del sonno (il tempo necessario per addormentarsi) in soggetti anziani con insonnia. Una migliorata qualità del sonno e vigilanza al mattino è stata riportata. Tuttavia, la maggior parte degli studi non sono stati di alta qualità nei loro progetti, e alcune ricerche hanno trovato benefici limitati o nulli. La maggior parte delle prove sono state di breve durata (alcuni giorni ), ed effetti a lungo termine non sono noti.

melatonina

Disturbi del sonno (bambini con disturbi comportamentali o di sviluppo)

Ci sono state prove multiple sull’uso della melatonina in bambini affetti da vari disturbi neuropsichiatrici, tra cui ritardo mentale, autismo, disturbi psichiatrici, disabilità visiva, o epilessia. Gli studi hanno dimostrato una latenza del sonno ridotta (il tempo necessario per addormentarsi) e una maggiore durata del sonno.

Miglioramento del sonno nelle persone sane

Molteplici studi sull’uomo hanno misurato gli effetti della melatonina sul sonno nei soggetti sani. Una vasta gamma di dosi sono state utilizzate, spesso assunte per via orale 30-60 minuti prima di dormire. La maggior parte degli studi sono stati di breve durata, e non sono stati rigorosamente progettati. Tuttavia, il peso delle evidenze scientifiche suggerisce che la melatonina riduce la latenza del sonno , aumenta la sensazione di sonnolenza, e può aumentare la durata del sonno. Una migliore ricerca è necessaria in questo settore.

Degenerazione maculare correlata all’età

La melatonina può esercitare effetti antiossidanti, che possono contribuire a dare effetti benefici sugli occhi. Secondo la ricerca clinica, la melatonina può giocare un ruolo nel proteggere la retina e ritardare la degenerazione maculare. Servono comunque altri studi

Invecchiamento (termoregolazione)

La melatonina può essere utile nella regolazione del ritmo della temperatura corporea legato all’età.

Proprietà Antinfiammatorie

Sulla base di una ricerca , la melatonina può essere un efficace antinfiammatorio, tuttavia, i risultati sono contrastanti. Altri studi clinici sono necessari.

Ansia (preoperatoria)

I risultati sono contrastanti. La melatonina può essere efficace come le benzodiazepine come il midazolam (Versato ®). Ulteriori ricerche sono necessarie per confermare questi risultati.

Benzodiazepine

Una piccola ricerca ha esaminato l’uso della melatonina per diminuire o cessare l’uso di benzodiazepine come il diazepam (Valium ®) o lorazepam (Ativan ®). Anche se i risultati preliminari sono promettenti, ulteriori studi sono necessari prima di una conclusione definitiva.

Trattamento del cancro

Ci sono diversi studi clinici della melatonina in pazienti con diversi tumori maligni in stadio avanzato, compreso il cervello, mammella, colon-retto, dello stomaco, fegato, polmone, pancreas, tumori del testicolo e, così come linfomi, melanoma, carcinoma a cellule renali , e sarcoma dei tessuti molli. Attualmente, nessuna chiara conclusione si può trarre in questo settore. Non ci sono abbastanza prove scientifiche definitive per discernere se la melatonina sia utile contro qualsiasi tipo di cancro, o se essa aumenta (o diminuisce) l’efficacia delle terapie per il cancro, o se riduce in modo sicuro gli effetti collaterali di chemioterapia.

Sindrome da stanchezza cronica

Ci sono limitate ricerche riguardo la melatonina somministrata in pazienti con sindrome da stanchezza cronica. Alcuni vantaggi sono stati segnalati. Sono necessarie ulteriori ricerche in questo campo prima che una chiara conclusione possa essere raggiunta.

Ritmo circadiano (in persone non vedenti)

Gli studi presenti e i singoli casi suggeriscono che la melatonina, somministrata la sera, può correggere il ritmo circadiano.

Disturbi cognitivi

Non ci sono prove sufficienti per sostenere l’uso della melatonina nel gestire le condizioni cognitive e non cognitive della demenza.

Depressione

La melatonina è stata suggerita come un possibile trattamento per la depressione. C’è un supporto nella ricerca sugli animali. Tuttavia, la ricerca umana rimane inconcludente. Ulteriori prove sono necessarie.

Il diabete (terapia adiuvante)

La melatonina quando viene utilizzata con lo zinco può migliorare il controllo glicemico in pazienti con scarsa risposta alla metformina.

Prestazioni sportive

La somministrazione di melatonina durante il giorno non ha avuto effetti sulla capacità di salto o sulla forza massimale.

Disturbi gastrointestinali

Diversi studi dimostrano che il trattamento con la melatonina può essere utile nei pazienti con dispepsia funzionale. Altre ricerche hanno dimostrato che la melatonina ha alcuni effetti benefici nei pazienti con sindrome dell’intestino irritabile (IBS) e la malattia infiammatoria intestinale forse (IBD), anche se i risultati sono stati misti. Altri studi clinici sono necessari.

Glaucoma

E’ stato ipotizzato che alte dosi di melatonina possano aumentare la pressione intraoculare e il rischio di glaucoma, maculopatia legata all’età e miopia, o danni alla retina. Tuttavia, ci sono prove preliminari che la melatonina potrebbe in realtà diminuire la pressione intraoculare negli occhi e ritardare la degenerazione maculare, ed è stata suggerita come una possibile terapia per il glaucoma. Ulteriori studi sono necessari in questo settore.

Mal di testa (prevenzione)

Diversi  studi hanno esaminato il possibile ruolo della melatonina nella prevenzione delle varie forme di mal di testa, tra cui emicrania, a grappolo. Limitata ricerca iniziale suggerisce possibili benefici in tutti  i tipi di mal di testa, anche se mancano studi controllati per arrivare ad una conclusione definitiva.

Pressione sanguigna (ipertensione)

Diversi studi in pazienti con ipertensione hanno avuto una piccola riduzione della pressione sanguigna durante l’assunzione di melatonina per via orale (per bocca) o intranasale (inalato attraverso il naso). In particolare, di notte, la pressione alta può migliorare con l’uso della melatonina. Servono tuttavia ulteriori ricerche.

Il colesterolo alto (complicanze correlate al diabete, terapia aggiuntiva)

Uno studio clinico ha scoperto che la melatonina quando viene utilizzato con lo zinco e la metformina può migliorare le complicanze legate al diabete come il profilo lipidico alterato. Tuttavia, ci sono anche prove che la melatonina aumenti i livelli di colesterolo. Sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire questi risultati contrastanti.

HIV / AIDS

Vi è una mancanza di prove scientifiche per consigliare o sconsigliare l’uso della melatonina come trattamento per l’AIDS. La melatonina non deve essere utilizzata al posto di terapie più collaudate, e pazienti con HIV / AIDS devono essere trattati sotto la supervisione di un medico.

Insomnia (bambini)

La melatonina può essere di beneficio nei bambini con insonnia.

Memoria

La ricerca preliminare ha suggerito che la melatonina può migliorare la memoria in determinate situazioni di stress.

Menopausa

La melatonina ha dimostrato alcuni effetti benefici per i sintomi associati alla menopausa.

Morbo di Parkinson

La melatonina non ha avuto effetti sul Parkinson. Ulteriori ricerche sono necessarie

Disturbi del comportamento del sonno REM

Case report descrivono limitati benefici nei pazienti con disturbo del comportamento del sonno REM che hanno ricevuto melatonina.

La sindrome delle gambe senza riposo

La ricerca preliminare ha suggerito che la melatonina potrebbe avere un effetto negativo sui sintomi motori associati alla sindrome delle gambe senza riposo, tuttavia, la prova rimane inconcludente.

Sarcoidosi

Effetti benefici sono stati riportati in pazienti con sarcoidosi cronica che hanno assunto melatonina.

Disturbi affettivi stagionali (SAD)

Ci sono diversi studi sulla melatonina nei pazienti affetti da SAD. Questa ricerca non è stata ben progettata, e sono necessari ulteriori approfondimenti.

Disturbi del sonno

La melatonina può migliorare i disturbi del sonno in una vasta gamma di pazienti, compresi quelli nel reparto di terapia intensiva (ICU) ed i pazienti con malattia di Alzheimer. Diversi casi pubblicati segnalano miglioramenti nel ritmo del sonno nelle persone giovani con un danno alla zona della ghiandola pineale del cervello a causa di tumori o interventi chirurgici. Basato su una ricerca preliminare, la melatonina può migliorare il sonno nei pazienti con asma o depressione. Sono necessarie ulteriori ricerche.

Qualità del sonno

Una piccola quantità di ricerca ha esaminato l’uso della melatonina per migliorare la qualità del sonno. Ulteriori ricerche sono necessarie prima di trarre delle conclusioni.

Ictus

Gli effetti della melatonina immediatamente dopo un ictus non sono chiari.

Trombocitopenia (piastrine basse)

Una aumentata conta piastrinica dopo l’uso della melatonina è stata osservata in pazienti con diminuzione delle piastrine a causa di terapie contro il cancro (riportato da diversi studi dello stesso autore). La stimolazione della produzione di piastrine (trombopoiesi) è stata suggerita, ma non chiaramente dimostrata.

Tinnito (acufeni)

La melatonina è stata associata con un miglioramento del tinnito e del sonno. Tuttavia, ulteriori ricerche sono necessarie.

Nicturia

La melatonina può avere effetti benefici per la nicturia negli anziani.

melatoninaDosaggio della melatonina

Le dosi  si basano sulla ricerca scientifica, pubblicazioni, l’uso tradizionale, o perizie. Le dosi di seguito non possono applicarsi a tutti i prodotti. Si consiglia di leggere le etichette dei prodotti, e discutere le dosi con un medico prima di iniziare la terapia.

Adulti (oltre i 18 anni)

Gli studi hanno valutato 0,1-80 milligrammi di melatonina presa per via orale per un massimo di tre anni per una varietà di condizioni. La ricerca suggerisce che un rilascio rapido melatonina può essere più efficace di formulazioni a rilascio prolungato per condizioni legate al sono. Iniezioni intramuscolari di 20 milligrammi di melatonina sono stati studiati.

In studi condotti su pazienti con melanoma, i preparativi della melatonina sono stati applicati alla pelle. I pazienti sono invitati a discutere di piani di trattamento del cancro con un oncologo   prima di considerare l’uso di melatonina da sola o con altre terapie. Per la prevenzione delle scottature solari, le preparazioni di melatonina, da sola e in combinazione con l’acido ascorbico e la vitamina E, in dosi che vanno 2-10 milligrammi di etanolo al 70%, sono stati studiatie testati.

Una soluzione intranasale di melatonina (1% soluzione in etanolo) della dose di due milligrammi al giorno per una settimana è stata usata anche per la pressione alta.

Una dose di 0,5 milligrammi di melatonina per due sessioni su quattro notti consecutive, almeno a tre giorni di distanza, è stata usata l’insonnia nei pazienti anziani.

Questi sono i dosaggi utilizzati nei vari studi presentati.

Sicurezza

Si deve sempre leggere le etichette dei prodotti. Se si dispone di una condizione medica, o si stanno assumendo altri farmaci, erbe, o supplementi, si deve sempre parlare con un medico qualificato prima di iniziare una nuova terapia. Consultare un medico immediatamente se si verificano effetti collaterali.

Allergie

Evitare nei soggetti con allergie note a prodotti di melatonina o correlati. Esistono rare segnalazioni di reazioni allergiche cutanee dopo l’assunzione di melatonina per via orale. La melatonina è stata collegata a un caso di epatite autoimmune.

Effetti collaterali e avvertenze

Sulla base degli studi disponibili e l’uso clinico, la melatonina è generalmente considerato sicura a dosi raccomandate (cinque milligrammi al giorno) per un massimo di due anni. Prove disponibili denunciano che nel complesso gli effetti negativi non sono significativamente più frequenti con la melatonina rispetto al placebo.

Gli  effetti collaterali comunemente riportati comprendono affaticamento, vertigini, cefalea, irritabilità, sonnolenza, sonnolenza e, anche se questi effetti possono verificarsi a causa del jet lag e non per se la melatonina. L’affaticamento può verificarsi soprattutto con l’uso di alte dosi al mattimo. Disorientamento, atassia (difficoltà a camminare ed equilibrio), confusione, sonnambulismo, sogni vividi e incubi sono stati segnalati, con reversibilità dopo la cessazione della melatonina.

  • Lievi disturbi gastrointestinali si verificano comunemente, tra cui nausea, vomito, crampi, mal di stomaco, alterazione del gusto, feci anomale, aumento dell’appetito, o diarrea. La melatonina è stata collegata alla attivazione dei sintomi della malattia di Crohn.
  • Altri effetti indesiderati comprendono eruzioni cutanee, infezioni, diminuzione delle prestazioni mentali, aumento del rischio di infiammazione e aumento della minzione.
  • Cambiamenti di umore sono stati segnalati, tra cui vertigini e disforia (tristezza). Sintomi psicotici sono stati riportati, tra cui allucinazioni e paranoia, probabilmente a causa di overdose.
  • La melatonina può aumentare il rischio di sanguinamento. Si consiglia cautela nei pazienti con disturbi emorragici o con quei farmaci che possono aumentare il rischio di sanguinamento.
  • La melatonina può provocare cali di pressione sanguigna.
  • Iperglicemia (elevati livelli di zucchero nel sangue) sono stati segnalati in pazienti con diabete di tipo 1 (diabete insulino-dipendente) e basse dosi di melatonina hanno ridotto la tolleranza al glucosio e la sensibilità all’insulina. Si consiglia cautela nei pazienti con diabete o ipoglicemia, e in quelli che assumono farmaci, erbe, o supplementi.
  • Effetti ormonali sono stati segnalati, tra cui diminuzione o aumento nei livelli dell’ormone luteinizzante, il progesterone, estradiolo, ormone tiroideo (T4 e T3), ormone della crescita, prolattina,  cortisolo, ossitocina e vasopressina. La ginecomastia è stata riportata negli uomini.
  • E’ stato ipotizzato che alte dosi di melatonina possano aumentare la pressione intraoculare e il rischio di glaucoma. Tuttavia, ci sono prove preliminari che la melatonina potrebbe in realtà diminuire la pressione intraoculare negli occhi.
  • Evitare l’uso in donne in gravidanza o che stanno cercando una gravidanza, sulla base di possibili effetti ormonali e un possibile aumento del rischio di disturbi dello sviluppo.

Gravidanza e allattamento

La supplementazione di melatonina dovrebbe essere evitata nelle donne che sono incinte. Alti livelli di melatonina durante la gravidanza possono aumentare il rischio di disturbi dello sviluppo.

Metodologia

Queste informazioni si basano su una monografia da parte dei contribuenti alla collaborazione del Natural Standard Research ( www.naturalstandard.com ).

Referenze »

LM Bendz, Scates AC. Trattamento con la melatonina per l’insonnia nei pazienti pediatrici con disturbi di attenzione. Ann Pharmacother 2.010 gen; 44 (1) :185-91.
Bjorvatn B, Stangenes K, Oyane N, et al. Randomizzato controllato con placebo campo degli effetti di luce e melatonina nell’adattamento al lavoro notturno. Scand J Environ lavoro Salute giu 2007, 33 (3) :204-14.
Caumo W, Levandovski R, Hidalgo MP. Ansia preoperatoria effetto ansiolitico della melatonina e clonidina sul dolore postoperatorio e il consumo di morfina nei pazienti sottoposti a isterectomia addominale: un doppio-cieco, randomizzato, controllato con placebo. J Pain 2009 Gen, 10 (1) :100-8.
Hallam KT, Begg DP, Olver JS, et al. Un’indagine degli effetti della venlafaxina a rilascio immediato e prolungato sulla melatonina notturna e il rilascio di cortisolo in volontari sani adulti. Hum Psychopharmacol mar 2008, 23 (2) :129-37.
Kandil TS, Mousa AA, El-AA dolcemente, et al. L’effetto potenziale terapeutico della melatonina nella Malattia da reflusso. BMC Gastroenterol 2010 Jan18; 10:07.
Lopez-Gonzalez MA, Santiago AM, Esteban-Ortega F. Tinnito percezione modulare. J Otolaryngol ago 2007, 36 (4) :213-9.
Medeiros CA, Carvalhedo de Bruin PF, et al. Effetto della melatonina sul sonno e disfunzione motoria nella malattia di Parkinson. Uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato verso placebo. J Neurol 2007 Apr; 254 (4) :459-64.
Rahman SA, Kayumov L, Shapiro CM. Azione antidepressiva della melatonina nel trattamento della sindrome della fase del sonno ritardata. Sonno Med 2010 Feb; 11 (2) :131-6.
Rimmele U, Spillmann M, Bärtschi C, et al. La melatonina migliora la memoria di acquisizione in condizioni di stress. Psychopharmacology (Berl) 2009 Mar; 202 (4) :663-72.
Schemmer P, Nickkholgh A, Schneider H, et al. PORTALE: studio pilota sulla sicurezza e la tolleranza di applicazione melatonina pre-operatoria nei pazienti sottoposti a resezione epatica maggiore: un doppio-cieco, randomizzato, controllato con placebo. BMC Surg 2008 Jan 23; 08:02.
Schmidt CM, Knief A, Deuster D, et al. La melatonina è una valida alternativa alla sedazione in bambini sottoposti a audiometria del tronco cerebrale, 250 indagini. Neuropediatrics 2007 Feb; 38 (1) :2-4.
Serfaty MA, D Osborne, Buszewicz MJ, et al. Uno studio randomizzato in doppio cieco controllato con placebo del trattamento con melatonina (6 mg) o placebo per disturbi del sonno e umore depresso. Int Clin Psychopharmacol 2010 Maggio; 25 (3) :132-42.
Suresh Kumar PN, Andrade C, Bhakta SG, Singh NM. Melatonina in pazienti ambulatoriali schizofrenici con insonnia: un doppio-cieco, placebo-controllato. J Clin Psychiatry 2007 Feb; 68 (2) :237-41.
Todisco M. basso grado linfoma non-Hodgkin in stadio avanzato: un caso trattato con successo con ciclofosfamide più somatostatina, bromocriptina, retinoidi, e melatonina. Am J Ci 2007 Jan-Feb; 14 (1) :113-5.
Wade AG, Ford I, Crawford G, et al. L’efficacia della melatonina a rilascio prolungato nei pazienti con insonnia di età compresa tra 55-80 anni: la qualità del sonno e il giorno successivo, gli esiti. Curr Med Res Opin 2007 Ott; 23 (10) :2597-605.

Link sponsorizzati