Gammopatia monoclonale di significato indeterminato: sintomi, cause e cure


La gammopatia monoclonale di significato indeterminato (MGUS) è ​​una condizione in cui una proteina anomala (proteina monoclonale, o proteina M) è presente nel sangue. la proteina M è prodotta dalle cellule del plasma, un tipo di globuli bianchi. la gammopatia monoclonale di significato indeterminato di solito non causa problemi. In alcune persone, tuttavia, la gammopatia monoclonale di significato indeterminato o è associata ad un’altra malattia o può progredire nel corso degli anni e dare altri disturbi, tra cui alcune forme di cancro del sangue.

Link sponsorizzati

Poiché è difficile prevedere il progresso della malattia, se si dispone di gammopatia monoclonale di significato indeterminato si devono di solito effettuare check-up annuali per monitorare il livello di proteina M. Se non c’è aumento della proteina, la gammopatia monoclonale non richiede alcun trattamento.

Sintomi

La gammopatia monoclonale di significato indeterminato raramente causa sintomi o segni. La condizione è solitamente rilevata per caso, quando si dispone di un test di routine del sangue per un altro problema. Tuttavia, alcune persone potrebbero notare problemi di nervi, come intorpidimento o formicolio, associati alla proteina anomala.

Cause

Le plasmacellule sono un tipo di globuli bianchi, che si trovano nel midollo osseo. Le plasmacellule producono alcuni degli anticorpi che aiutano il l’organismo a combattere le infezioni. La gammopatia monoclonale di significato indeterminato si verifica quando le cellule plasmatiche nel midollo osseo iniziano a produrre una proteina anomala chiamata proteina monoclonale (proteina M).

Nella maggior parte delle persone con gammopatia monoclonale di significato indeterminato, la proteina non è nociva. Ma quando troppo si accumula proteina M, spiazza le cellule sane nel midollo osseo e può danneggiare altri tessuti nel corpo.

Cambiamenti genetici sembrano giocare un ruolo nella gammopatia monoclonale di significato indeterminato, così come fattori ambientali, quali l’essere esposti a determinati pesticidi o radiazioni provenienti da una bomba atomica.

MUS1.gif

Fattori di rischio

Fattori che aumentano il rischio di gammopatia monoclonale di significato indeterminato sono:

  • Età. Il rischio di gammopatia monoclonale di significato indeterminato aumenta man mano che si invecchia.
  • La razza. Le persone di colore hanno maggiori probabilità di sperimentare questa condizione
  • Sesso. La gammopatia monoclonale di significato indeterminato è più comune negli uomini che nelle donne è.
  • Una storia familiare. Se altre persone nella famiglia hanno la gammopatia monoclonale di significato indeterminato, il rischio di sviluppare la malattia può essere più elevato.
  • Il peso. Le persone con un indice di massa corporea superiore a 30 (un livello che è considerato obeso) hanno un rischio maggiore di sviluppare la gammopatia monoclonale di significato indeterminato.

Complicazioni

Si stima che tra il 10 e il 25 per cento delle persone con gammopatia monoclonale di significato indeterminato sviluppino una condizione più grave, come il mieloma multiplo o altri tumori o malattie del sangue.

I medici non possono definitivamente prevedere chi andrà a sviluppare una condizione più grave, ma possono determinare chi ha il maggiore rischio. Il medico prende in considerazione diversi fattori nel determinare il rischio, tra cui:

  • La quantità di proteina M nel sangue
  • Il tipo di proteina M
  • La quantità di un’altra proteina di piccole dimensioni (catena leggera libera) nel sangue
  • Il numero delle plasmacellule nel midollo osseo
  • La presenza di proteine ​​nelle urine

Il rischio di sviluppare una condizione più grave aumenta col passare del tempo.

Altre complicazioni associate a gammopatia monoclonale di significato indeterminato sono fratture e coaguli di sangue.

Diagnosi

la gammopatia monoclonale di significato indeterminato è solitamente rilevata durante un esame del sangue per un’altra condizione o sintomo, come una condizione del nervo chiamata neuropatia periferica o un eruzione cutanea inspiegabile. Il test, chiamato elettroforesi delle proteine ​​sieriche (SPE), separa le proteine ​​del sangue in cinque parti e può mostrare le proteine ​​anomale rispetto alle proteine ​​normali. Un altro test, guarda le parti più piccole della proteina M.

Se il medico rileva gammopatia monoclonale, ulteriori prove possono essere ordinate per determinare quale proteina M il corpo sta producendo. Il medico lavora anche per escludere altre cause di elevati livelli di proteine. I test possono includere:

  • Gli esami del sangue. Test per contare le cellule del sangue (emocromo completo), alla ricerca di un declino della funzione renale (creatinina sierica di prova) e per determinare la quantità di calcio nel sangue (test di calcemia)m possono aiutare a escludere altre tipi di gammopatia monoclonale, come il mieloma multiplo.
  • Raggi-X. I raggi X aiutare il medico acercare anomalie delle ossa che possono indicare un altro tipo di disturbo delle plasmacellule.
  • Test di midollo osseo. Il midollo osseo viene analizzato per determinare la percentuale di plasmacellule in esso contenute. Questo test viene generalmente fatto solo quando i medici sospettano che qualcuno sia a rischio di sviluppare una malattia più grave.

MGU21.jpgTrattamenti e cure

La gammopatia monoclonale di significato indeterminato non richiede trattamento, ma il medico può raccomandare controlli frequenti per monitorare la salute.

Un check-up ogni sei o 12 mesi potrebbe essere appropriata per molte persone. Se si ha un alto rischio di sviluppare una condizione più grave, il medico può raccomandare controlli più frequenti in modo che se una malattia come il mieloma multiplo si sviluppa, possa essere trattata il ​​più presto possibile.

Se si dispone di gammopatia monoclonale di significato indeterminato e perdita ossea, il medico può raccomandare il trattamento con farmaci chiamati bisfosfonati che contribuiscono ad aumentare la densità ossea. Esempi di bifosfonati sono alendronato (Fosamax), Risedronato (Actonel), Ibandronato (Boniva) e acido zoledronico (Reclast, Zometa).

Prevenzione

In questo momento, la causa della gammopatia monoclonale di significato indeterminato è sconosciuta, quindi non c’è modo per prevenirla e non c’è modo di fermarla nella sua progressione verso una condizione più grave.

Referenze »

Lama J. gammopatie monoclonali di significato indeterminato. New England Journal of Medicine. 2006; 355:2765.
Rajkumar SV et al. I progressi nella diagnosi, classificazione, stratificazione del rischio, e la gestione di gammopatia monoclonale di significato indeterminato: implicazioni per gli enti recategorizing malattia in presenza di prove scientifiche in continua evoluzione. Mayo Clinic Proceedings. 2010; 85:945.
Rajkumar SV. Gammopatia monoclonale di significato indeterminato. http://www.uptodate.com/home/index.html. Letta 19 Ottobre 2010.
Gammopatia monoclonale di significato indeterminato (MGUS). I Manuali Merck: Il Manuale Merck per gli Operatori Sanitari. http://www.merck.com/mmpe/print/sec11/ch144/ch144d.html. Letta 21 ott 2010.
Wadhera RK, et al. Prevalenza di gammopatia monoclonale di significato indeterminato: una revisione sistematica. Mayo Clinic Proceedings. 2010; 85:933.
Landgren O, et al. L’obesità è associata ad un aumentato rischio di gammopatia monoclonale di significato indeterminato tra le donne in bianco e nero. Sangue. 2010; 116:1056.
Mikhael JR (opinione di esperti). Mayo Clinic di Scottsdale, Arizona 12 novembre 2010.

Link sponsorizzati