Endometriosi : sintomi, cause, diagnosi e cure


L’endometriosi è una malattia spesso dolorosa in cui il tessuto che normalmente riveste l’interno dell’utero chiamato endometrio si sviluppa al di fuori dell’utero. L’endometriosi più comunemente coinvolge le ovaie, l’intestino o il tessuto che riveste il bacino. Raramente, il tessuto endometriale può estendersi oltre la regione pelvica.

Link sponsorizzati

Nell’endometriosi, il tessuto endometriale continua ad agire come farebbe normalmente: si addensa, si rompe e sanguina ad ogni ciclo mestruale. E poiché questo tessuto non ha modo di uscire dal corpo, diventa intrappolato. Il tessuto circostante può diventare irritato, ed alla fine si sviluppano tessuto cicatriziale e aderenze.

Questo processo può causare  dolore a volte grave specialmente durante il periodo mestruale. Possono svilupparsi problemi di fertilità. Fortunatamente, sono disponibili trattamenti efficaci.

Sintomi

Il sintomo principale dell’endometriosi è il dolore pelvico, spesso associato con il periodo mestruale. Anche se molte donne sperimentano crampi durante il periodo mestruale, le donne con endometriosi di solito descrivono il dolore mestruale come molto gravoso. Esse tendono inoltre a segnalare che il dolore aumenta nel tempo.

Segni e sintomi dell’endometriosi possono includere:

  • Mestruazioni dolorose (dismenorrea). Crampi e dolore pelvico possono irradiarsi alla bassa schiena e all’addome.
  • Dolore durante i rapporti. Dolore durante o dopo il rapporto è molto comune con l’endometriosi.
  • Dolore con movimenti intestinali o durante la minzione.
  • Un eccessivo sanguinamento. Potrebbero verificarsi occasionali menorragia e menometrorragia.
  • Infertilità. L’endometriosi viene diagnosticata in alcune donne che cercano un trattamento per l’infertilità.
  • Altri sintomi. Si può inoltre verificare stanchezza, diarrea, costipazione, gonfiore o nausea, specie durante i periodi mestruali.

La gravità del dolore non è necessariamente un indicatore affidabile del grado della condizione. Alcune donne con endometriosi lieve dolore hanno u n intenso dolore, mentre altre con endometriosi avanzata possono avere addirittura nessun dolore.

L’endometriosi è spesso confusa con altre condizioni che possono causare dolore pelvico, come ad esempio la malattia infiammatoria pelvica (PID) o le cisti ovariche. Può essere confusa con la sindrome dell’intestino irritabile (IBS), una condizione che causa attacchi di diarrea, stipsi e crampi addominali. L’IBS quando è presente in soggetti con endometriosi, può complicare la diagnosi.

Consultare il medico se si hanno segni e sintomi che possono indicare l’endometriosi.

endometriosi1.gif

Cause

Un processo chiamato mestruazione retrograda è una spiegazione probabile per l’endometriosi. nella mestruazione retrograda, il sangue mestruale che contiene cellule endometriali rifluisce attraverso le tube di Falloppio  nella cavità pelvica invece di uscire dal corpo. Queste cellule endometriali possono aderire alle pareti pelviche e alle superfici degli organi pelvici, dove poi possono crescere e continuare ad addensare e sanguinare nel corso del ciclo mestruale.

La mestruazione retrograda da sola non può causare l’endometriosi. La condizione però può svilupparsi quando una o più piccole aree del rivestimento addominale si trasformano in tessuto endometriale. Questo è possibile perché le cellule che rivestono la cavità addominale e pelvica discendono da cellule embrionali con la possibilità di specializzarsi e ad assumere la struttura e la funzione delle cellule endometriali. Ciò che attiva questo potenziale rimane comunque sconosciuto.

Fattori di rischio

Tra i fattori che si collocano a maggior rischio di sviluppare l’endometriosi ci sono:

  • Non aver mai partorito
  • Uno o più parenti (madre, zia o sorella) con endometriosi
  • Cicli mestruali più brevi di 27 giorni con emorragie che durano più di otto giorni
  • Qualsiasi condizione medica che impedisce il normale passaggio del flusso mestruale
  • Una storia di infezione pelvica

L’endometriosi si sviluppa solitamente diversi anni dopo l’inizio delle mestruazioni.

Complicazioni

La complicazione principale dell’endometriosi è la ridotta fertilità. Circa un terzo della metà delle donne che hanno l’endometriosi hanno difficoltà a rimanere incinta.

A volte i medici consigliano alle donne con endometriosi di non ritardare ad avere figli perché la condizione può peggiorare con il tempo. Più a lungo si ha l’endometriosi, maggiore è il rischio di diventare non fertili.

Diagnosi

Per diagnosticare l’endometriosi e altre condizioni che possono causare dolore pelvico, il medico chiederà di descrivere i sintomi, compresa la posizione del dolore e quando si verifica.

Test per verificare la presenza diendometriosi sono:

  • Esame pelvico. Nel corso di un esame pelvico, il medico sente manualmente (palpa) aree nel bacino in cerca di anomalie, come ad esempio le cisti. Spesso non è possibile sentire piccole aree di endometriosi.
  • Ultrasuoni.
  • Ecografia. I test utilizzano onde sonore per offrire un’immagine video degli organi riproduttivi. L’ecografia non è uno strumento utile per identificare cisti associate con l’endometriosi (endometriomi).
  • Laparoscopia. L’unico modo certo per il medico di scoprire l’endometriosi è guardare all’interno dell’addome (visualizzazione diretta) . Comunemente, questo viene realizzato durante un piccolo intervento chirurgico chiamato laparoscopia.

Usando un ago speciale, il chirurgo distende l’addome con anidride carbonica in modo che gli organi riproduttivi siano più facili da vedere. Una piccola incisione è fatta vicino l’ombelico, e uno strumento  sottile (laparoscopio), viene inserito. Muovendo il laparoscopio, il chirurgo può visualizzare gli organi pelvici e addominali, alla ricerca di segni di tessuto endometriale al di fuori dell’utero.

Trattamenti e cure

Il trattamento per l’endometriosi è di solito a base di farmaci o interventi chirurgici. L’approccio scelto dipenderà dalla gravità dei sintomi e se si vuole rimanere incinta.

In generale, i medici raccomandano approcci terapeutici conservativi, optando per un intervento chirurgico come ultima risorsa.

Farmaci per il dolore

Il medico potrebbe consigliare di prendere un antidolorifico, come l’ibuprofene (Advil, Motrin, altri), per contribuire a facilitare il sollievo dai dolorosi crampi mestruali.

laparoscopia21.jpgTerapia ormonale

Ormoni supplementari sono talvolta efficaci nel ridurre o eliminare il dolore dell’endometriosi.

Terapie ormonali utilizzate per il trattamento dell’endometriosi sono:

  • Contraccettivi ormonali. pillole anticoncezionali, cerotti o anelli, possono aiutare a controllare gli ormoni responsabili della formazione del tessuto endometriale ogni mese.
  • Gonadotropina(Gn-RH), agonisti e antagonisti. Questi farmaci bloccano la produzione di ormoni ovarico-stimolanti. Questa azione impedisce le mestruazioni e diminuisce drasticamente i livelli di estrogeni.
  • Danazolo. Un altro farmaco che blocca la produzione degli ormoni ovarico-stimolanti, impedendo le mestruazioni ed i sintomi dell’endometriosi. Inoltre, sopprime la crescita dell’endometrio.
  • Medrossiprogesterone (Depo-Provera). Questo farmaco iniettabile è efficace nel bloccare le mestruazioni e la crescita degli impianti dell’endometrio, alleviando quindi i segni e i sintomi dell’endometriosi.
  • Gli inibitori dell’aromatasi. Anche se non specificamente approvati per il trattamento dell’endometriosi, gli studi suggeriscono che gli inibitori dell’aromatasi possono ridurre significativamente il dolore correlato all’endometriosi. Gli inibitori dell’aromatasi agiscono bloccando la conversione di ormoni come il testosterone e androstenedione in estrogeni e bloccando la produzione di estrogeni.

Terapie ormonali non sono una soluzione definitiva per l’endometriosi. È possibile che si possa sperimentare una recidiva dei sintomi dopo l’interruzione del trattamento.

Chirurgia conservativa

Se si dispone di endometriosi e si sta cercando una gravidanza, un intervento chirurgico per rimuovere gli impianti endometriali potrebbe aumentare le probabilità di successo. Se si dispone di un forte dolore da endometriosi, si può beneficiare da un intervento chirurgico.

  • La chirurgia conservativa rimuove le lesioni endometriosiche, tessuto cicatriziale e aderenze senza rimuovere gli organi riproduttivi. Il medico può eseguire questa procedura in maniera laparoscopica tradizionale o attraverso la chirurgia addominale nei casi più estesi. nella chirurgia laparoscopica, uno strumento di visualizzazione sottile (laparoscopio), viene inserito attraverso una piccola incisione vicino all’ombelico. Guidato dal laparoscopio, il medico inserisce altri strumenti attraverso un’altra piccola incisione per rimuovere gli impianti endometriali. Tali strumenti possono includere un laser, piccoli strumenti chirurgici o un cauterizzatore, uno strumento che distrugge il tessuto con il calore.

Tecniche di riproduzione assistita per aiutare a rimanere incinta a volte sono preferibili alla chirurgia conservativa, ed i medici suggeriscono spesso questi approcci se la chirurgia conservativa è inefficace.

Isterectomia

Nei casi più gravi di endometriosi, l’isterectomia totale, potrebbe essere il miglior trattamento. La chirurgia è di solito considerata l’ultima risorsa, specialmente per le donne ancora in età riproduttiva. Non si può rimanere incinta dopo un intervento di isterectomia.

Medicina alternativa

Alcune donne riferiscono un sollievo dal dolore dell’endometriosi dopo un trattamento di agopuntura. Tuttavia, la ricerca è controverso sui trattamenti alternativi per l’endometriosi. Se si è interessati a perseguire questa terapia nella speranza che possa aiutare, chiedere sempre al medico dove trovare un professionista del settore.

Prevenzione

Poiché le cause di endometriosi restano poco chiare, non esistono tecniche per gestire il rischio di endometriosi. Anche se sembra che le donne che hanno partorito abbiano meno probabilità di sviluppare l’endometriosi, molti altri fattori giocano un ruolo più importante nella decisione di avere un figlio. Non si può decidere di partorire solo per alleviare l’endometriosi.

Referenze

Endometriosi. Salute delle Donne Centro Nazionale di Informazione. http://www.womenshealth.gov/faq/endometriosis.cfm. Letta 27 luglio, 2010.
Schenken RS. Patogenesi, caratteristiche cliniche, e la diagnosi di endometriosi. http://www.uptodate.com/home/index.html. Letta 27 luglio, 2010.
Endometriosi. L’American College of Obstetricians and Gynecologists. http://www.acog.org/publications/patient_education/bp013.cfm. Letta 27 luglio, 2010.
Kokakoc E, et al. Endometriosi. Cliniche ultrasuoni. 2008; 3:399.
Kim WJ, et al. Endometriosi. In: Ferri FF. Advisor Clinica Ferri 2010. St. Louis, Mo: Mosby, 2009. Letta 27 luglio, 2010.
Schenken RS. Panoramica del trattamento dell’endometriosi. http://www.uptodate.com/home/index.html. Letta 27 luglio, 2010.
Boyle KJ et al. Ginecologiche benigne condizioni. Cliniche chirurgiche del Nord America. 2008; 88:245.
Templeman C. endometriosi Adolescent. Ostetricia e Ginecologia Clinics of North America. 2009; 36:177.
Amer S. endometriosi. Ostetricia, Ginecologia e Medicina della Riproduzione 2008; 18:126.
Gallenberg M (opinione di esperti). Mayo Clinic, Rochester, Minnesota 29 Luglio 2010.

Link sponsorizzati