Coenzima Q10 : effetti, studi e ricerche


Il Coenzima Q10 (CoQ10) è prodotto dal corpo umano ed è necessario per il funzionamento di base delle cellule. I livelli di CoQ10 sono portati a diminuire con l’età ed essere bassi nei pazienti con alcune malattie croniche come malattie cardiache, distrofia muscolare, morbo di Parkinson, cancro, diabete e HIV / AIDS. Alcuni farmaci potrebbero anche abbassare i livelli di CoQ10.

Link sponsorizzati

I livelli di CoQ10 nel corpo può essere aumentati tramite l’assunzione di integratori CoQ10, anche se non è chiaro quanto la sostituzione sia vantaggiosa.

Il CoQ10 è stato utilizzato, raccomandato, o studiato per numerose condizioni, ma rimane controverso come trattamento in molti settori.

Prove scientifiche e ricerche

Carenza di coenzima Q10

Il coenzima Q10 è normalmente prodotto dal corpo umano, anche se una carenza può verificarsi in pazienti con compromissione della biosintesi CoQ10 a causa di gravi disturbi metabolici o mitocondriali. A seconda della causa della carenza di CoQ10, l’integrazione o l’aumentata assunzione di CoQ10 con vitamine e minerali può essere efficace.

Pressione sanguigna alta (ipertensione)

Ricerche preliminari suggeriscono che il CoQ10 provoca piccole riduzioni della pressione arteriosa (sistolica e diastolica possibilmente). Bassi livelli ematici di CoQ10 sono stati trovati in persone con ipertensione, anche se non è chiaro se la deficienza di Q10 sia una delle cause della pressione alta.

coq101.jpg

Età-degenerazione maculare

Un primo studio dimostra che l’acetil-L-carnitina, n-3 acidi grassi, e Coenzima Q10 (Phototrop ®) possono aiutare a contrstare la degenerazione maculare. Sono necessarie ulteriori ricerche.

Il morbo di Alzheimer

Promettenti evidenze preliminari suggeriscono che i supplementi CoQ10 possono rallentare, ma non curare la demenza nelle persone con malattia di Alzheimer.

Angina

Studi preliminari suggeriscono che il CoQ10 può ridurre l’angina e la tolleranza all’esercizio in pazienti con problemi alle arterie.

Antracicline: chemioterapia cuore e tossicità

Le antracicline, farmaci chemioterapici, come la doxorubicina (Adriamicina ®), sono comunemente usati per il trattamento di tumori come il cancro al seno o il linfoma. Il danno cardiaco (cardiomiopatia) è una delle maggiori preoccupazioni con l’uso di antracicline, e il CoQ10 è stato suggerito come protettore del cuore. Tuttavia, gli studi in questo settore rimangono poco chiari.

Asma

Il CoQ10 può aiutare i pazienti asmatici quando viene aggiunto ad altre terapie.

Cancro al seno

La supplementazione con CoQ10 non ha dimostrato di ridurre il cancro e non è stato paragonato ad altre forme di trattamento per il cancro al seno.

Cancro

Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se il CoQ10 possa essere utile durate la cura del cancro quando viene utilizzato con altre terapie.

Cardiomiopatia (dilatativa, ipertrofica)

Ci sono prove contrastanti dalla ricerca sull’uso di CoQ10 in pazienti con cardiomiopatia dilatativa o ipertrofica. Una migliore ricerca è necessaria in questo settore.

Sindrome da stanchezza cronica

Un primo studio dimostra che il CoQ10 può migliorare i sintomi della sindrome da stanchezza cronica.

Dipendenza da cocaina

Una combinazione di coenzima Q10 e L-carnitina è stata utilizzata per ridurre il consumo di cocaina, ma il primo studio è inconcludente.

Malattia cardiaca coronarica

Non ci sono abbastanza prove scientifiche per consigliare o sconsigliare l’uso di CoQ10 nei pazienti con malattia coronarica.

Esercizio e prestazioni

I risultati sono variabili, con alcuni studi mostrano benefici, altri non mostrano alcun effetto. La maggior parte degli studi non sono stati ben progettati.

Atassia di Friedreich

Ricerche preliminari mostrano prove promettenti circa l’uso di CoQ10 nel trattamento di atassia di Friedreich.

Parodontite

Studi sull’uomo suggeriscono possibili benefici del CoQ10 assunto per bocca  nel trattamento della parodontite.

Attacco cardiaco (infarto acuto del miocardio)

C’è un preliminare studio umano sul CoQ10 somministrato a pazienti entro tre giorni dopo un attacco di cuore. Ma nulla di notevole è stato evidenziato

HIV / AIDS

Ci sono prove limitate che i livelli naturali di CoQ10 nel corpo sono ridotti nelle persone con HIV / AIDS. C’è una carenza di ricerche scientifiche affidabili che dimostrano che gli integratori CoQ10 possano avere qualche effetto su questa malattia.

coq1021.jpg

Dosaggio utilizzato nelle ricerche

Adulti (oltre i 18 anni)

50-1,200 milligrammi di CoQ10 sono stati presi in dosi frazionate per bocca tutti i giorni.

85 milligrammi di CoQ10 per millilitro di sospensione sono stati applicati alla superficie delle zone colpite da malattia gengivale una volta alla settimana.

La maggior parte degli studi sul CoQ10 per la protezione durante l’intervento chirurgico di bypass cardiaco hanno usato il CoQ10 assunto per bocca.

I bambini (sotto i 18 anni)

Non c’è abbastanza informazione scientifica per raccomandare l’uso sicuro di CoQ10 nei bambini.

Allergie

In teoria, le reazioni allergiche agli integratori contenenti CoQ10 possono essere presenti.

Effetti collaterali e avvertenze

Ci sono alcuni effetti collaterali riportati dal CoQ10. Gli effetti collaterali sono generalmente lievi e di breve durata. Le reazioni possono includere nausea, vomito, disturbi di stomaco, bruciori di stomaco, diarrea, perdita di appetito, prurito, rash, insonnia, cefalea, vertigini, prurito, irritabilità, aumento della sensibilità alla luce degli occhi, affaticamento, oppure sintomi simil-influenzali.

Il CoQ10 può abbassare i livelli di zucchero nel sangue. Si consiglia cautela nei pazienti con diabete.

Il CoQ10 può diminuire la pressione sanguigna, e si consiglia cautela nei pazienti con pressione sanguigna bassa.

Gravidanza e allattamento al seno

Non ci sono abbastanza prove scientifiche per sostenere l’uso sicuro di CoQ10 durante la gravidanza o l’allattamento.

Referenze »

Berman M, Erman A, Ben Gal T, et al. Coenzima Q10 in pazienti con insufficienza cardiaca in attesa di trapianto cardiaco: uno studio randomizzato, controllato con placebo. Clin Cardiol 2004; 27 (5) :295-299.
Burke BE, Neuenschwander R, Olson RD. Randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo di coenzima Q10 in ipertensione sistolica isolata. South Med J 2001; 94 (11) :1112-1117.
Damian MS, Ellenberg D, Gildemeister R, et al. Coenzima Q10 combinato con lieve ipotermia dopo arresto cardiaco: uno studio preliminare. Circulation 2004 Nov 9; 110 (19) :3011-6.
Hershey dC, Powers SW, Vockell AL, et al. Carenza di coenzima Q10 e la risposta alla supplementazione di emicrania pediatrica e adolescenziale. Mal di testa 2007 Jan; 47 (1) :73-80.
Hodgson JM, GF Watts, Playford DA, et al. Coenzima Q (10) migliora la pressione sanguigna e controllo glicemico: un trial controllato nei soggetti con diabete di tipo 2. Eur J Clin Nutr 2002; 56 (11) :1137-1142.
Khan M, Gross J, Haupt H, et al. Uno studio clinico pilota degli effetti del coenzima Q10 in acufene cronico aurium. Otolaryngol Testa Collo Surg 2007 Gen; 136 (1) :72-7.
Langsjoen H, P Langsjoen, Langsjoen P, et al. Utilità del coenzima Q10 in cardiologia clinica: un studio a lungo termine. Aspetti Mol Med 1994; 15 Suppl: S165-S175.
Miyake Y, Shouzu A, Nishikawa M, et al. Effetto del trattamento con 3-idrossi-3-metilglutaril coenzima A reduttasi sul siero coenzima Q10 nei pazienti diabetici. Arzneimittelforschung 1999; 49 (4) :324-329.
Morisco C, Trimarco B, Condorelli M. Effetto del coenzima Q10 terapia nei pazienti con insufficienza cardiaca congestizia: a lungo termine uno studio multicentrico randomizzato. Investig Clin 1993; 71 (8 Suppl): S134-S136.
Reid MS, Casadonte P, Baker S, et al. Uno studio controllato con placebo di screening di olanzapina, valproato e coenzima Q10/L-carnitine per il trattamento della dipendenza da cocaina. Dipendenza mar 2005, 100 Suppl 1:43-57.
Rosenfeldt FL, Haas SJ, Krum H, et al. Coenzima Q10 nel trattamento dell’ipertensione: una meta-analisi degli studi clinici. J Hum Hypertens 2007 Apr; 21 (4) :297-306.
Sandor PS, Di Clemente L, Coppola G, et al. L’efficacia del coenzima Q10 nella profilassi dell’emicrania: uno studio randomizzato controllato. Neurologia 2005/02/22; 64 (4) :713-715.
Shults CW, Oakes D, Kieburtz K, et al. Effetti del coenzima Q10 nei primi mesi del morbo di Parkinson: la prova di rallentamento del declino funzionale. Arch Neurol 2002; 59 (10) :1541-1550.
Singh RB, Wander GS, Rastogi A, et al. Randomizzato, in doppio cieco controllato con placebo di coenzima Q10 nei pazienti con infarto miocardico acuto. Droga Cardiovasc Ci 1998; 12 (4) :347-353.
Il NINDS NET-PD Investigators. Uno studio clinico randomizzato di coenzima Q10 e GPI-1485 nei primi mesi del morbo di Parkinson. Neurology 2007 Gen 2, 68 (1) :20-8.

Link sponsorizzati