Amenorrea : sintomi, cause, diagnosi e cure


L’amenorrea è l’assenza delle mestruazioni. Le donne che hanno perso almeno tre cicli mestruali consecutivi hanno l’amenorrea.

Link sponsorizzati

La causa più comune di amenorrea è la gravidanza. Altre cause di amenorrea sono problemi con gli organi riproduttivi o con le ghiandole che aiutano a regolare i livelli ormonali. Il trattamento della malattia di base si risolve spesso l’amenorrea.

Sintomi

L’indicazione principale di amenorrea è che non si hanno periodi mestruali. A seconda della causa di amenorrea, potrebbero verificarsi altri segni o sintomi, ad esempio:

  • Scarico latteo dal capezzolo
  • Perdita di capelli
  • Mal di testa
  • Cambiamenti nella vista
  • Eccesso di peli sul viso

Consultare il medico in presenza di questi sintomi o assenza del ciclo mestruale

Cause

L’amenorrea può verificarsi per una serie di motivi. Alcuni fanno parte del normale corso della vita di una donna, mentre altri possono essere un effetto collaterale di farmaci o un segno di un problema medico.

Amenorrea naturale

Durante il corso normale della vita, in una donna è normale che si verifichi l’amenorrea per ragioni naturali, quali:

  • Gravidanza
  • L’allattamento al seno
  • Menopausa
  • Contraccettivi

amenorrea1.jpg

Alcune donne che prendono la pillola anticoncezionale potrebbe non avere periodi mestruali. Quando i contraccettivi orali vengono fermati, potrebbero essere necessari da 3-6 mesi per riprendere l’ovulazione e la mestruazione regolare. I contraccettivi che sono iniettati o impiantati possono anche causare amenorrea, come alcuni tipi di dispositivi intrauterini.

Farmaci

Alcuni farmaci possono causare periodi mestruali irregolari, tra cui:

  • Antipsicotici
  • Chemioterapici
  • Antidepressivi
  • Antiipertensivi

Stile di vita e fattori scatenanti

  • Stress. Lo stress mentale può temporaneamente alterare il funzionamento dell’ipotalamo, una zona del cervello che controlla gli ormoni che regolano il ciclo mestruale. L’ovulazione e la mestruazione possono di conseguenza arrestarsi.. Un regolare ciclo mestruale di solito riprendere dopo che lo stress  diminuisce.
  • Basso peso corporeo. Un basso peso corporeo interrompe molte funzioni ormonali nel corpo, e potenzialmente blocca l’ovulazione. Le donne che hanno un disturbo alimentare, come anoressia o bulimia, spesso smettono di avere periodi mestruali a causa di questi cambiamenti ormonali anomali.
  • Esercizio fisico eccessivo. Le donne che partecipano a sport che richiedono una formazione rigorosa, come il balletto, o la ginnastica, possono avere una interruzione del ciclo.

Squilibrio ormonale

Molti tipi di problemi di salute possono causare squilibri ormonali, tra cui:

  • La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS).
  • Malfunzionamento della tiroide. L’ipertiroidismo o l’ipotiroidismo  possono causare irregolarità mestruali, tra cui l’amenorrea.
  • Tumore pituitario. Un tumore nella ghiandola pituitaria può interferire con la regolazione ormonale del ciclo mestruale.
  • Menopausa precoce. La menopausa si verifica di solito tra i 45 e i 55 anni. In alcune donne, si verifica prima dei 40 anni.

Problemi strutturali

Problemi con gli organi sessuali possono anche causare amenorrea. Gli esempi includono:

  • Cicatrice uterina. La sindrome di Asherman, una condizione in cui il tessuto cicatriziale si accumula nel rivestimento dell’utero, a volte può verificarsi dopo una dilatazione e raschiamento , taglio cesareo o trattamento per i fibromi uterini.
  • La mancanza di organi riproduttivi. A volte sorgono problemi durante lo sviluppo fetale che portano ad una ragazza a non avere una parte importante del  sistema riproduttivo.
  • Anomalia strutturale della vagina. Un’ostruzione della vagina può impedire visibile il sanguinamento mestruale.

Fattori di rischio

I fattori che possono aumentare il rischio di amenorrea possono includere:

  • Storia di famiglia. Se altre donne nella  famiglia hanno sperimentato amenorrea, si può avere ereditato una predisposizione per il problema.
  • Disturbi del comportamento alimentare.
  • Preparazione atletica. Una rigorosa preparazione atletica può aumentare il rischio di amenorrea.

Complicazioni

Le complicazioni dell’amenorrea possono includere:

  • Infertilità.
  • L’osteoporosi. Se l’amenorrea è causata da livelli bassi di estrogeni, si potrebbe anche essere a rischio di osteoporosi.

Diagnosi

Durante l’appuntamento, il medico eseguirà un esame pelvico per verificare eventuali problemi con gli organi riproduttivi.

Prove di laboratorio

Una serie di esami del sangue possono essere necessari, tra cui:

  • Test di gravidanza. Questo sarà probabilmente il primo test che il medico suggerisce, per escludere o confermare una possibile gravidanza.
  • Test di funzionalità tiroidea. Misurare la quantità di ormone stimolante della tiroide (TSH) nel sangue può determinare se la tiroide sta funzionando correttamente.
  • Test di funzionalità ovarica. Misurare la quantità di ormone follicolo-stimolante (FSH) nel sangue può determinare se le ovaie funzionano correttamente.
  • Test dell’ormone maschile. Se si riscontra un aumento della peluria del viso e un abbassamento della voce, il medico potrebbe voler controllare il livello degli ormoni maschili nel sangue.

Test di provocazione ormonale

Per questo test, si prende un farmaco ormonale per sette o 10 giorni per attivare il sanguinamento mestruale. I risultati di questo test possono fornire al medico se i periodi mestruali sono assenti a causa della mancanza di estrogeni.

si2229.jpgEsami radiografici

A seconda dei segni e sintomi il medico potrebbe consigliare uno o più test, tra cui:

  • Ultrasuoni. Questo test indolore utilizza onde sonore per produrre immagini degli organi interni.
  • Tomografia computerizzata (TAC).
  • La risonanza magnetica (MRI).

Isteroscopia

Se i vari test non rivelano cause specifiche, il medico può raccomandare l’isteroscopia, un test in cui viene usato un sottile tubo per guardare all’interno dell’utero.

Trattamenti e cure

Il trattamento dipende dalla causa sottostante della  amenorrea. In alcuni casi, pillole contraccettive possono riavviare il ciclo mestruale. L’amenorrea causata da disturbi della tiroide o dell’ipofisi può essere trattata con farmaci. Se un tumore o un blocco strutturale sono la causa del problema, la chirurgia può essere necessaria.

Consigli

Alcuni fattori nello stile di vita possono causare l’amenorrea. Valutare le aree di stress e conflitto nella propria vita. Se non è possibile diminuire lo stress da soli, chiedete aiuto a familiari, amici o al medico.

Referenze »

Rebar RW, et al. Anomalie degli anni riproduttivo: amenorrea. In: Goldman L, et al. Cecil Medicine. 23 ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2008. http://www.mdconsult.com/das/book/body/191371208-2/0/1492/0.html #. Letta 18 Marzo 2011.
Amenorrea. National Institute of Child Health & Human Development. http://www.nichd.nih.gov/health/topics/amenorrhea.cfm. Letta 18 Marzo 2011.
Martino V, et al. Amenorrea. In: Bope ET, et al. La terapia corrente di Conn. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2011. Letta 18 Marzo 2011.
Heiman DL. Amenorrea. Primary Care. 2001; 36:1.
Lobo RA. Amenorrea primaria e secondaria e la pubertà precoce: eziologia, diagnosi valutazione, la gestione. In: Katz VL, et al. Ginecologia completa. 5 ª ediz. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier, 2007. http://www.mdconsult.com/das/book/body/208746819-4/0/1524/0.html. Letta 18 Marzo 2011.
Mishell DR. Pianificazione familiare: contraccezione di terminazione, la sterilizzazione e la gravidanza. In: Katz VL, et al. Ginecologia completa. 5 ª ediz. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier, 2007. http://www.mdconsult.com/das/book/body/208746819-4/0/1524/0.html. Letta 18 Marzo 2011.
Welt CK, et al. Eziologia, diagnosi e trattamento di amenorrea secondaria. http://www.uptodate.com/home/index.html. Letta 21 marzo 2011.
Welt CK, et al. Eziologia, diagnosi e trattamento di amenorrea primaria. http://www.uptodate.com/home/index.html. Letta 21 marzo 2011.
Gallenberg MM (opinione di esperti). Mayo Clinic, Rochester, Minnesota 23 marzo 2011.
Isteroscopia. Il Congresso of Obstetricians and Gynecologists. http://www.acog.org/publications/patient_education/bp084.cfm. Letta 21 marzo 2011.
DS00581 17 maggio 2011

 

Link sponsorizzati