Adenomiosi : sintomi, cause, diagnosi e cure


L’adenomiosi è una condizione in cui il tessuto endometriale, che normalmente riveste l’utero, cresce nelle pareti muscolari dell’utero. Questo è più probabile che accada dopo aver avuto figli.

Link sponsorizzati

L’adenomiosi non è l’endometriosi, una condizione in cui il rivestimento uterino diventa impiantato al di fuori dell’utero, anche se le donne con adenomiosi spesso hanno l’endometriosi. La causa di adenomiosi rimane sconosciuta, ma la malattia scompare in genere dopo la menopausa. Per le donne che soffrono di grave disagio da adenomiosi, ci sono trattamenti che possono aiutare, ma l’isterectomia è l’unica cura.

Anche se l’adenomiosi può essere molto dolorosa, la condizione è generalmente innocua.

Sintomi

In alcune donne, l’adenomiosi è “silenziosa”, ovvero non provoca sintomi o segni. Ma in altre donne con adenomiosi possono verificarsi:

  • Pesante o prolungato sanguinamento mestruale
  • Forti crampi durante le mestruazioni (dismenorrea)
  • Crampi mestruali che durano per tutto il periodo
  • Dolore durante il rapporto
  • Sanguinamento tra i periodi mestruali
  • Coaguli di sangue durante il periodo mestruale
  • L’utero può aumentare fino a raddoppiare o triplicare le sue dimensioni normali.

Se si verificano segni o sintomi di adenomiosi, fissare un appuntamento con il medico.

Cause

La causa di adenomiosi non è nota. Le teorie di esperti su una possibile causa sono:

  • Crescita di tessuto invasivo. Alcuni esperti ritengono che l’adenomiosi sia il risultato di una invasione diretta di cellule endometriali dalla superficie dell’utero nel muscolo che forma le pareti uterine. Incisioni uterine durante un’operazione come un taglio cesareo (C-sezione) promuovono l’invasione diretta delle cellule endometriali nella parete dell’utero.
  • Origini dello sviluppo. Altri esperti ipotizzano che l’adenomiosi abbia origine all’interno del muscolo uterino nel feto femmina.
  • Infiammazione uterina legata al parto. Ancora un’altra teoria suggerisce un legame tra adenomiosi e il parto. Un’infiammazione della mucosa uterina durante il periodo post-partum potrebbe causare una rottura del limite normale di cellule che rivestono l’utero.
  • Indipendentemente da come si sviluppa l’adenomiosi, la sua crescita dipende dagli estrogeni circolanti nel corpo di una donna. Quando la produzione di estrogeni in menopausa diminuisce, l’adenomiosi scompare.

adenomiosi1.gif

Fattori di rischio

Fattori di rischio per adenomiosi includono:

  • Intervento chirurgico all’utero, come un taglio cesareo o la rimozione di un fibroma
  • Il parto

Complicazioni

Anche se non è dannoso, il dolore e il sanguinamento eccessivo associato con l’adenomiosi possono avere un effetto negativo sullo stile di vita.

Se si verificano forti emorragie, può verificarsi una forma di anemia cronica.

Diagnosi

Il medico può sospettare l’adenomiosi sulla base di:

  • Segni e sintomi
  • Un esame pelvico, che rivela un utero allargato
  • Ecografia dell’utero
  • Risonanza magnetica (MRI)

In rari casi, il medico può richiedere una biopsia del tessuto endometriale. Tuttavia, una biopsia non aiuterà il medico a confermare una diagnosi di adenomiosi. L’unico modo per essere certi di una diagnosi di adenomiosi è quello di esaminare il tessuto uterino utilizzando un microscopio dopo asportazione dell’utero (isterectomia).

Molte donne hanno altre malattie uterine che provocano segni e sintomi simili a quello dell’adenomiosi rendendo più difficile la diagnosi. Tali condizioni includono fibromi (leiomiomi), le cellule dell’utero in crescita al di fuori dell’utero (endometriosi) ed escrescenze della mucosa uterina (polipi endometriali).

adenomiosi1.jpgTrattamenti e cure

L’adenomiosi di solito va via dopo la menopausa, per cui il trattamento può dipendere da quanto si è vicini a quella fase della vita.

Le opzioni di trattamento per l’adenomiosi includono:

  • Farmaci anti-infiammatori. Il medico  tenta farmaci anti-infiammatori, come l’ibuprofene (Advil, Motrin, altri), per controllare il dolore. D
  • Farmaci ormonali. Controllare il ciclo mestruale attraverso estrogeno-progestinici o contraccettivi orali, può diminuire l’emorragia e il dolore associato con l’adenomiosi.
  • Isterectomia. Se il dolore è forte e la menopausa è distante, il medico può suggerire un intervento chirurgico per rimuovere l’utero (isterectomia).

Consigli per gestire i crampi

  • Immergersi in ​​un bagno caldo.
  • Tenere al caldo l’addome.
  • Prendere farmaci anti-infiammatori, come l’ibuprofene (Advil, Motrin, altri).

Referenze »

Stewart EA. Adenomiosi. http://www.uptodate.com/home/index.html. Letta 8 gennaio 2010.
Schuiling KD, et al. Condizioni Ginecologiche benigne. In: Schuiling KD, et al. Salute delle donne Ginecologica. Sudbury, Mass.: Jones e Bartlett; 2006:577.
Drinville JS, et al. Patologie benigne del corpus uterino. In: DeCherney AH, et al. Diagnosi attuale & Ostetricia e Ginecologia del trattamento. 10 ed. New York, NY: McGraw-Hill Medical; 2007. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aid=2389400. Letta 8 gennaio 2010.
Katz VL. Lesioni benigne ginecologiche: vulva, vagina, cervice, utero, tuba, ovaio. In: Katz VL, et al. Ginecologia completa. 5 ª ediz. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier, 2007. Letta 12 Gennaio 2010.
Dismenorrea. I Manuali Merck: Home Edition per pazienti e operatori sanitari. http://www.merck.com/mmhe/sec22/ch244/ch244c.html # sec22-ch244-ch244c-211. Letta 12 Gennaio 2010.
Meredith SM, et al. Accuratezza diagnostica della ecografia transvaginale per la diagnosi di adenomiosi: revisione sistematica e metanalisi. American Journal of Obstetrics & Gynecology. 2009; 201:107 e1..
Hesla JS, et al. Endometriosi. In: Rock JA, et al. Operativa Ginecologia Te Linde. 10 ed. Philadelphia, Pa.: Lippincott Williams & Wilkins, 2008:438.
Panganamamula UR, et al. È un intervento chirurgico all’utero un fattore di rischio per l’adenomiosi? Obstetrics & Gynecology. 2004; 104:1034.
DS00636 febbraio 20, 2010

 

Link sponsorizzati