Diarrea associata agli antibiotici : cause, complicazioni e cure


La diarrea associata agli antibiotici descrive frequenti movimenti intestinali acquosi che si verificano in risposta a farmaci usati per trattare le infezioni batteriche (antibiotici).

Link sponsorizzati

Molto spesso, la diarrea associata agli antibiotici è mite e sparisce poco dopo l’interruzione dell’antibiotico. Ma in alcuni casi, la diarrea associata agli antibiotici porta a coliti, una infiammazione del colon, o una forma più grave di colite detta colite pseudomembranosa. Entrambe possono causare dolori addominali, febbre e diarrea sanguinolenta.

Una lieve diarrea associata agli antibiotici non richiede un trattamento. Una grave diarrea associata agli antibiotici può richiedere l’interruzione degli antibiotici.

Sintomi

La diarrea associata agli antibiotici può causare segni e sintomi che vanno da lievi a gravi.

Segni e sintomi

Per molte persone, la diarrea associata agli antibiotici provoca lievi segni e sintomi, quali:

  • Perdita di feci
  • Movimenti intestinali più frequenti

La diarrea associata agli antibiotici dovrebbe iniziare circa cinque o 10 giorni dall’inizio della terapia antibiotica. A volte, tuttavia, diarrea e altri sintomi possono non apparire per giorni o addirittura settimane dopo aver finito il trattamento antibiotico.

Segni più gravi e sintomi

Alcune persone sperimentano una forma più grave di diarrea associata agli antibiotici. Quando la crescita eccessiva di batteri nocivi è grave, si possono avere segni e sintomi di colite o colite pseudomembranosa, come ad esempio:

  • Frequente, diarrea acquosa
  • Dolori addominali e crampi
  • Febbre
  • Pus nelle feci
  • Feci sanguinolente
  • Nausea

Chiamare immediatamente il medico se si verificano segni e sintomi di grave diarrea associata agli antibiotici. Questi segni e sintomi sono comuni a una serie di condizioni, che vanno approfondite.

daa1.jpg

Cause

La diarrea associata agli antibiotici si verifica quando i farmaci antibatterici (antibiotici) sconvolgono l’equilibrio dei batteri buoni e cattivi nel tratto gastrointestinale.

Gli antibiotici con più probabilità di causare diarrea

Quasi tutti gli antibiotici possono causare diarrea associata agli antibiotici, colite o colite pseudomembranosa. Gli antibiotici più comunemente legati alla diarrea associata agli antibiotici sono:

  • Cefalosporine, come cefixima (Suprax) e cefpodoxima (Vantin)
  • Clindamicina (Cleocin)
  • Eritromicina (Erythrocin, SEO, altri)
  • Penicilline, come ad esempio l’amoxicillina (Larotid, Moxatag, altri) e ampicillina
  • Chinoloni, come la ciprofloxacina (Cipro) e levofloxacina (Levaquin)
  • Tetracicline, come la doxiciclina (Vibramycin, Periostat, altri) e minociclina (Minocin, Solodyn, altri)

Perchè gli antibiotici causano diarrea

Il tratto digestivo è un ecosistema complesso che è sede di milioni di microrganismi (flora intestinale), tra cui centinaia di specie di batteri. Molti di questi batteri sono fattori positivi, che svolgono funzioni essenziali. Ma alcuni dei batteri che normalmente popolano il tratto intestinale sono potenzialmente pericolosi. I batteri cattivi di solito sono tenuti sotto controllo dai batteri benefici a meno che il delicato equilibrio tra i due non sia disturbato da malattie, farmaci o altri fattori.

Gli antibiotici possono essere particolarmente dannosi per la flora intestinale perché distruggono batteri benefici insieme a quelli dannosi. Senza batteri “buoni”, i batteri “cattivi” che sono resistenti agli antibiotici possono crescere fuori controllo, producendo tossine che possono danneggiare la parete intestinale e scatenano l’infiammazione.

Clostridium difficile

Il batterio responsabile di quasi tutti i casi di colite pseudomembranosa e molti casi di grave diarrea associata agli antibiotici è da C. difficile. La maggior parte delle persone acquisiscono una infezione da C. difficile durante un soggiorno in un ospedale o in una casa di cura dopo che hanno ricevuto antibiotici.

Fattori di rischio

La diarrea associata agli antibiotici può verificarsi in chi subisce una terapia antibiotica. Ma si ha più probabilità di sviluppare diarrea associata agli antibiotici se:

  • Si hanno precedenti esperienze di diarrea associata agli antibiotici durante l’assunzione di un farmaco antibiotico
  • Si hanno più di  65 anni
  • Si è stati sottoposti a interventi chirurgici sul tratto intestinale
  • Si è recentemente soggiornato in un ospedale o casa di cura
  • Avere una grave malattia di fondo che interessa l’intestino, come il cancro del colon o malattie infiammatorie intestinali

Complicazioni

La forma più grave di diarrea associata agli antibiotici, è la colite pseudomembranosa, che può portare a complicanze potenzialmente letali, tra cui:

  • Disidratazione. la  diarrea grave può portare alla perdita eccessiva di liquidi ed elettroliti – sostanze essenziali come sodio e potassio. Segni e sintomi di disidratazione includono una bocca molto secca, sete intensa, urinazione scarsa o nulla, e  debolezza estrema.
  • Perforazione intestinale. Ingenti danni al rivestimento dell’intestino crasso possono portare ad una perforazione della parete intestinale.
  • Megacolon tossico. In questa condizione, il colon diventa incapace di espellere i gas e le feci, ciò lo rende notevolmente dilatato (megacolon).

Diagnosi

Per la diagnosi di diarrea associata agli antibiotici il medico può:

  • Fare domande sulla storia clinica.
  • Analizzare un campione di feci. Se i sintomi sono gravi, potrebbe essere chiesto di fornire campioni di feci.

daa21.jpg

Trattamenti e cure

Il trattamento per la diarrea associata agli antibiotici dipende dalla gravità dei propri segni e sintomi.

Trattamenti per far fronte ad una lieve diarrea associata agli antibiotici

Se si dispone di diarrea lieve , i sintomi possono sparire entro pochi giorni dopo la fine del trattamento antibiotico. In alcuni casi il medico può consigliare di interrompere la terapia antibiotica fino a quando la diarrea scompare.

Trattamento per combattere i batteri cattivi in grave diarrea associata agli antibiotici

Se si verificano colite o colite pseudomembranosa, il medico può raccomandare antibiotici per eliminare i batteri che causano  diarrea associata agli antibiotici. Per quelli con colite pseudomembranosa, la  diarrea potrebbe ripresentarsi e richiedere un trattamento ripetuto.

Rimedi casalinghi

Per far fronte a diarrea, provare a:

  • Bere molti liquidi. L’acqua è ottima, ma fluidi con aggiunta di sodio e potassio (elettroliti) possono essere utili.
  • Alimenti corretti. Questi includono mele, banane e riso. Evitare cibi ricchi di fibre come i fagioli, noci e verdure.
  • Provare a mangiare piccoli pasti, piuttosto che un paio di pasti di grandi dimensioni.
  • Evitare cibi irritanti. Stare lontano da cibi piccanti, grassi o fritti.
  • Chiedete informazioni riguardo gli antidiarroici. In alcuni casi, di lieve diarrea associata agli antibiotici, il medico può raccomandare farmaci, come la loperamide (Imodium AD). Ma consultare il medico prima di prendere farmaci antidiarroici perché possono interferire con la capacità del corpo di eliminare le tossine e portare a gravi complicazioni.

Referenze »

Kelly CP, et al. Diarrea associata agli antibiotici, enterocolite pseudomembranosa e Clostridium difficile associata diarrea e colite. In: Feldman M, et al. Sleisenger e malattie gastrointestinali e del fegato Fordtran. 8a ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2006. http://www.mdconsult.com/das/book/body/189880460-5/0/1389/0.html.  19 Mar, 2010.
Ferri FF. Colite pseudomembranosa. In: Ferri FF. Advisor Clinica Ferri 2010. Philadelphia, Pa.: Mosby, 2010. http://www.mdconsult.com/das/book/body/189880460-5/0/2088/0.html.  19 Mar, 2010.
Thielman NM, et al. Colite da antibiotici. In: Mandell GL, et al. Mandell, Douglas e Bennett Principi e Pratica di Malattie Infettive. 7a ed. Philadelphia, Pa.: Churchill Livingstone, 2009.  19 Mar, 2010.
O’Mahony S, et al. La flora batterica enterica e proliferazione batterica. In: Feldman M, et al. Sleisenger e malattie gastrointestinali e del fegato Fordtran. 8a ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2006. http://www.mdconsult.com/das/book/body/189880460-5/0/1389/0.html.  26 MARZO 2010.
Diarrea. Istituto nazionale per il Diabete e le Malattie Digestive e Renali. http://digestive.niddk.nih.gov/ddiseases/pubs/diarrhea/index.htm.  25 Marzo 2010.
MA Peterson. Disturbi del grosso intestino. In: Marx, JA, et al. Emergenza Rosen Medicina: Concetti e pratica clinica. 7a ed. Philadelphia, Pa.: Mosby, 2009.  25 Marzo 2010.
Diarrea. ADA Nutrizione Manuale Care. http://nutritioncaremanual.org/topic.cfm?ncm_heading=Nutrition% 20Care & ncm_toc_id = 19099.  26 MARZO 2010.
Parkes GC, et al. I meccanismi e l’efficacia dei probiotici nella prevenzione del Clostridium difficile associata diarrea. Lancet Infectious Diseases. 2009; 9:237.

 

Link sponsorizzati