Tigna del cuoio capelluto: segni, sintomi, complicazioni e cure - Informazioni Mediche

Tigna del cuoio capelluto: segni, sintomi, complicazioni e cure


La tigna del cuoio capelluto è una infezione fungina. I segni e sintomi di tricofitosi del cuoio capelluto possono variare, ma di solito appaiono come prurito, desquamazione, macchie sulla testa.

La tigna del cuoio capelluto, è un'infezione altamente contagiosa, ed è più comune nei bambini in età scolare.

Il trattamento per la tigna del cuoio capelluto comprende farmaci orali antifungini, così come shampoo medicati che possono ridurre la diffusione dell'infezione.

Alcuni casi di tigna del cuoio capelluto possono causare cicatrici o permanente perdita dei capelli.

Cause

La tigna del cuoio capelluto è causata da una delle diverse varietà di funghi chiamati dermatofiti. I funghi attaccano lo strato esterno della pelle del cuoio capelluto e il fusto del capello.

Modalità di trasmissione

La tigna è contagiosa e può diffondersi nei seguenti modi:

  • Uomo a uomo. La tigna spesso si diffonde attraverso il diretto contatto pelle-a-pelle con una persona infetta.
  • Oggetto a uomo. Può diffondersi attraverso il contatto con oggetti o superfici che una persona infetta o animale ha toccato, come vestiti, asciugamani, lenzuola, pettini o spazzole.
  • Animale a uomo. Cani e gatti, soprattutto cuccioli e gattini, sono spesso portatori di tigna.

Altri tipi di tigna

I funghi che causano la tigna del cuoio capelluto possono causare altre infezioni sul corpo. Queste infezioni sono generalmente classificate a seconda dalla parte del corpo colpita. Essi includono:

  • Tigna del corpo (tinea corporis). Questa forma causa un rosso anello squamoso o un cerchio sullo strato superiore della pelle.
  • Il piede d'atleta (tinea pedis). Questa forma di tigna colpisce le aree umide tra le dita dei piedi.
  • Tinea cruris. Questa forma colpisce i genitali, interno cosce e glutei.

tinea 1.jpg

Fattori di rischio

Fattori di rischio della tigna del cuoio capelluto sono:

  • Esposizione ad altri bambini. Anche se gli adulti possono avere la tigna del cuoio capelluto, si verifica più spesso in bambini e bambini in età scolare. Focolai di tigna sono comuni in scuole e asili in cui l'infezione si diffonde facilmente attraverso il contatto fisico o toccando oggetti comuni, come le maniglie delle porte.
  • L'esposizione agli animali domestici. Un animale domestico, come un gatto o un cane, può avere l'infezione senza mostrare alcun segno. I bambini possono ottenere l'infezione toccando o accarezzando l'animale.

Altri fattori che aumentano il rischio di tigna del cuoio capelluto sono:

  • Scarsa igiene
  • Condizioni di vita in ambienti sovraffollati

Complicazioni

In alcuni casi, la tigna del cuoio capelluto causa il kerion, una grave dolorosa infiammazione del cuoio capelluto. Il Kerion può portare a cicatrici permanenti e perdita di capelli.

tinea21.jpg

Diagnosi

I test per la tigna del cuoio capelluto includono tipicamente un esame visivo. A volte, il medico può prelevare un campione di capelli o della pelle.

  • Esame visivo. Il medico può spesso fare una diagnosi di tigna sulla base di un esame visivo del cuoio capelluto.
  • Pelle o capelli. Il medico può prelevare un campione dal cuoio capelluto o dai capelli, per l'esame al microscopio. Se il test è negativo, ma il medico sospetta ancora la tigna, un campione può essere inviato ad un laboratorio per ulteriori test.
  • Il medico può anche prescrivere esami supplementari se le condizioni non rispondono al trattamento.

Trattamenti

Farmaci antifungini approvati per il trattamento della tigna del cuoio capelluto sono:

  • Griseofulvina. E' da prendere per bocca come un liquido o tavoletta. Durante il trattamento con il farmaco, il bambino può avere bisogno di indossare indumenti protettivi, perché la griseofulvina può rendere la pelle più sensibile alla luce. Gli effetti indesiderati comuni comprendono mal di testa, disturbi di stomaco, vomito, diarrea o perdita di feci, sete, stanchezza, vertigini e debolezza.
  • Lamisil. E' assunto per via orale o può essere aggiunoi al cibo o a una bevanda. Gli effetti collaterali comuni includono diarrea, disturbi di stomaco, mal di stomaco, rash, prurito, orticaria, e cambiamenti nel gusto. C'è un piccolo rischio di problemi con la funzione epatica.
  • La cura può protrarsi per sei settimane o più.

Rimedi domestici

Il medico può consigliare di lavare i capelli del bambino con uno shampoo che contiene solfuro di selenio. Questo può contribuire a rimuovere le spore dei funghi e prevenire la diffusione dell'infezione ad altre persone o ad altre zone del cuoio capelluto o del corpo.

Per un migliore utilizzo:

  • Lasciare lo shampoo sul cuoio capelluto per cinque minuti prima di sciacquare.
  • Usare lo shampoo medicato due o tre volte a settimana per circa un mese, o come altrimenti indicato dal medico.
  • Non è necessario radere il cuoio capelluto.

referenze

Goldstein AO, et al. Dermatofiti (tinea) infezioni. http://www.uptodate.com/home/index.html. 17 Novembre 2010.
Andrews MD, et al. Comune tinea nei bambini. 2008; 77:1415.
Levy M, et al. Dermatofiti e altri funghi superficiali. In: S Lunga, et al, eds.. Principi e Pratica di Pediatric Infectious Diseases. 3rd ed. Philadelphia, Pa.: Churchill Livingstone Elsevier, 2008. 16 Novembre, 2010.
Tigna e animali. Centers for Disease Control and Prevention. http://www.cdc.gov/healthypets/diseases/ringworm.htm. 16 Novembre, 2010.
Dermatofiti (tigna). Centers for Disease Control and Prevention. http://www.cdc.gov/nczved/divisions/dfbmd/diseases/dermatophytes/. 16 Novembre, 2010.
Andrews RM, et al. Disturbi della pelle, comprese piodermiti, scabbia, e infezioni tinea. Clinica Pediatrica del Nord America. 2009; 56:1421.
Griseofulvina. National Center for Biotechnology Information. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmedhealth/PMH0000641. 18 Novembre 2010.
Terbinafina. I Manuali Merck: Il Manuale Merck per gli Operatori Sanitari. http://www.merckmanuals.com/professional/print/lexicomp/terbinafine.html. 18 Novembre 2010.



Link sponsorizzati


comments powered by Disqus