Tetano: sintomi, cause, prevenzione e possibili cure


Il tetano è una grave malattia batterica che colpisce il sistema nervoso, causando contrazioni muscolari dolorose, in particolare della mascella e dei muscoli del collo. Il tetano può interferire con la capacità di respirare e, in ultima analisi, essere fatale. Il tetano è comunemente noto come “trisma”.

Link sponsorizzati

Grazie al vaccino, i casi di tetano sono rari. L’incidenza di tetano è molto più alta nei paesi meno sviluppati. Circa un milione di casi si verificano ogni anno nel mondo.

Il tetano può essere trattato, ma non sempre in modo efficace. La mortalità è più alta nei soggetti che non sono stati immunizzati e negli adulti più anziani con immunizzazione inadeguata. Nei paesi con bassi tassi di vaccinazione, i bambini sono anche ad alto rischio.

Sintomi

Segni e sintomi di tetano possono apparire in qualsiasi momento da pochi giorni a diverse settimane dopo che i batteri del tetano entrano nel corpo attraverso una ferita. Il periodo di incubazione medio è di 7-8 giorni.

Segni e sintomi del tetano, in ordine di apparizione, sono:

  • Spasmi e rigidità nei muscoli della mascella
  • Rigidità dei muscoli del collo
  • Difficoltà di deglutizione
  • Rigidità dei muscoli addominali
  • Spasmi dolorosi del corpo, della durata per diversi minuti

Altri segni e sintomi possono includere:

  • Febbre
  • Sudorazione
  • Pressione arteriosa elevata
  • Rapida frequenza cardiaca

tetano21.jpg

Cause

I batteri che causano il tetano, Clostridium tetani, si trovano nelle feci, suolo, polvere e animali. Quando entrano in una ferita , le spore possono produrre una tossina potente, la Tetanospasmina, che danneggia  attivamente i neuroni motori, e i nervi che controllano i muscoli. L’effetto della tossina sui nervi può causare rigidità muscolare e spasmi che sono i segni più importanti del tetano.

Fattori di rischio

Alcuni fattori sono necessari affinchè il tetano possa proliferare nel corpo. Questi includono:

  • La mancanza di immunizzazione o vaccinazione inadeguata
  • Una ferita penetrante che permette alle spore di entrare.
  • La presenza di batteri infettivi
  • Tessuto danneggiato
  • Un corpo estraneo, come un chiodo o una scheggia
  • Gonfiore intorno alla ferita

Casi di tetano si sono sviluppati a seguito di questo tipo di lesioni:

  • Ferite da punta – schegge, piercings, tatuaggi, iniezione di farmaci
  • Ferite da arma da fuoco
  • Fratture
  • Lesioni da schiacciamento
  • Ustioni
  • Ferite chirurgiche
  • Infezioni dell’orecchio
  • Infezioni dentali
  • Morsi di animali
  • Ulcere del piede infette nelle persone con diabete

Complicazioni

Una volta che la tossina tetanica è legata alle terminazioni nervose è impossibile da rimuovere. La completa guarigione da una infezione di tetano richiede la crescita di nuove terminazioni nervose e può richiedere fino a diversi mesi.

Le complicanze della infezione da tetano possono includere:

  • Disabilità. Il trattamento per il tetano in genere comporta l’uso di sedativi potenti per controllare gli spasmi muscolari. L’immobilità prolungata a causa dell’uso di questi farmaci può portare a invalidità permanente. Nei neonati, le infezioni da tetano possono causare danni permanenti al cervello, che vanno da lievi deficit mentali a paralisi cerebrale.
  • Decesso. Spasmi muscolari possono interferire con la respirazione, provocando periodi in cui non si può respirare. L’insufficienza respiratoria è la causa più comune di decesso.

Diagnosi

I medici  diagnosticano il tetano sulla base di un esame fisico, la storia medica e la vaccinazione, ma sopratutto, i segni e sintomi di spasmi muscolari, rigidità e dolore. Gli esami di laboratorio generalmente non sono utili per la diagnosi di tetano.

tetano1.jpg

Trattamenti

Dal momento che non c’è alcuna cura per il tetano, il trattamento consiste nella cura delle ferite,farmaci per alleviare i sintomi e la terapia di supporto.

Curare le ferite

La pulizia della ferita è fondamentale per prevenire la crescita di spore di tetano. Si tratta di rimuovere lo sporco, corpi estranei e tessuto necrotico dalla ferita.

Farmaci

  • Antitossina. Il medico può dare una antitossina tetanica. Tuttavia, l’antitossina può neutralizzare la tossina solo che non è ancora legata al tessuto nervoso.
  • Antibiotici. Il medico può anche dare degli antibiotici, oralmente o per iniezione, per combattere i batteri del tetano.
  • Vaccino. Essere vaccinati non rende immuni al batterio. Quindi si ha bisogno di richiami periodici
  • Sedativi. I medici generalmente usano sedativi potenti per controllare gli spasmi muscolari.
  • Altri farmaci. Altri farmaci, come il solfato di magnesio e alcuni beta-bloccanti, possono essere utilizzati per aiutare a regolare l’attività dei muscoli involontari, come il battito cardiaco e la respirazione.

Terapie di supporto

L’infezione da tetano spesso richiede un lungo periodo di cure in un ambiente di terapia intensiva. Spesso i pazienti affetti da questo problema, vengono attaccati a macchine pe rla ventilazione assistita.

Referenze »

Tetano: domande e risposte. Immunizzazione azione della coalizione. http://www.immunize.org/catg.d/p4220.pdf. 18 agosto 2010.
Fatti circa il tetano per gli adulti. Fondazione nazionale per le malattie infettive. http://www.nfid.org/pdf/factsheets/tetanusadult.pdf.
Sexton DJ. Tetano. http://www.uptodate.com/home/index.html. 18 agosto 2010.
Kretsinger K, et al. Tetano. In: Roush SW, et al. Manuale per la Sorveglianza delle malattie prevenibili mediante vaccinazione. 4 ° ed. Atlanta, Ga: Centers for Disease Control and Prevention, 2008. http://www.cdc.gov/vaccines/pubs/surv-manual/chpt16-tetanus.htm. 18 agosto 2010.
Tetano. I Manuali Merck: Il Manuale Merck per gli Operatori Sanitari. http://www.merck.com/mmpe/print/sec14/ch178/ch178i.html. 20 agosto 2010.
Vaccini contro difterite, tetano e pertosse: Cosa dovete sapere. Centers for Disease Control and Prevention. http://www.cdc.gov/vaccines/pubs/vis/downloads/vis-dtap.pdf. Letta 20 agosto 2010.
Tetano, difterite (Td) o il tetano, difterite, pertosse (Tdap) vaccino: Quello che vi serve sapere. Centers for Disease Control and Prevention. http://www.cdc.gov/vaccines/pubs/vis/downloads/vis-td-tdap.pdf. 20 agosto 2010.
Centers for Disease Control and Prevention. http://www.bt.cdc.gov/disasters/woundcare.asp.  20 agosto 2010.

Link sponsorizzati