Neurodermite: sintomi, cause, diagnosi e terapie


La neurodermite è una condizione della pelle caratterizzata da prurito cronico o desquamazione. La neurodermite inizia con una zona pruriginosa, che dopo essere grattata, prude sempre di più, questo può portare a graffi sulla pelle. Alla fine ci si può graffiare semplicemente per abitudine. Questo ciclo di prurito cronico sulla pelle colpita la fa diventare spessa e coriacea.

Link sponsorizzati

La neurodermite nota anche come lichen simplex cronico o dermatite zero non è grave, ma è fastidiosa. Il successo del trattamento dipende dall’eliminazione dei fattori che possono aggravare il problema. Farmaci da banco o da prescrizione  possono contribuire ad alleviare i sintomi.

Sintomi

Segni e sintomi di neurodermatite includono:

  • Prurito della pelle in un’area limitata
  • Zone squamose sulla pelle

Il sintomo principale della neurodermite è il prurito  spesso si presenza come una singola zona sul, collo, polso, avambraccio, coscia o caviglia. A volte la neurodermite colpisce zone genitali, come ad esempio la vulva o lo scroto.

Il prurito, che può essere molto intenso, tende ad andare e venire. Alla fine ci si può grattare semplicemente per abitudine.

Consultare il medico se:

  • Si soffre di un prurito fastidioso sempre nella stessa zona
  • Se il prurito interferisce con la vita quotidiana e con il sonno
  • La pelle diventa dolorosa.
  • Se si sospetta che la  pelle sia infetta.

Segni di infezione includono dolore e perdita di liquido dalle zone pruriginose o graffiate.

neurodermite1.jpg

Cause

La causa esatta della neurodermite non è nota. A volte la neurodermite comincia con qualcosa che  semplicemente  irrita la pelle, come vestiti stretti o una puntura d’insetto. Il segno distintivo,  è che più ci si gratta e più prude.

In alcuni casi, la neurodermite è associata ad altre condizioni della pelle, come pelle secca, eczemi e psoriasi. Stress e ansia possono provocare prurito.

Fattori di rischio

Alcuni fattori possono aumentare il rischio di neurodermatite, tra cui:

  • Essere di mezza età. La condizione è più comune tra i 30 ei 50 anni.
  • Essere una donna. Le donne sono colpite più spesso rispetto agli uomini.
  • Avere una storia di malattie della pelle. Le persone con una storia personale o familiare di eczema, psoriasi o malattie della pelle hanno più probabilità di sviluppare la neurodermite.

Complicazioni

Il persistente grattare può portare ad una infezione batterica della pelle e cicatrici permanenti o cambiamenti di colore della pelle. Grattarsi può anche disturbare il sonno.

Diagnosi

La diagnosi è in genere basata sull’aspetto della pelle. Il medico può raccomandare uno dei seguenti test per escludere altre cause o per confermare la diagnosi.

  • Patch test. Durante un patch test, piccole quantità di potenziali allergeni vengono applicati a piccole macchie, che sono successivamente poste sulla  pelle. Le patch rimane sulla pelle per due giorni, e successivamente il medico controlla la presenza di una reazione.
  • Biopsia. Durante un test biopsia, il medico utilizza uno strumento circolare per rimuovere una piccola sezione di strati più profondi della pelle.Una biopsia può escludere altre condizioni, come il lichen planus, che può mimare la neurodermite.

Trattamenti

Per interrompere l’ostinato ciclo di prurito, è necessario smettere di graffiare la zona colpita. E’ difficile, ma lo si può fare.

Il medico può consigliare uno o più dei seguenti trattamenti:

  • Prescrizione di farmaci. corticosteroidi orali o topici e antistaminici per via orale possono essere necessari per ridurre l’infiammazione e alleviare il prurito intenso. Antidepressivi o farmaci anti-ansia possono essere utili per alcune persone. Se si sviluppa un’infezione batterica, il medico può prescrivere un antibiotico.
  • Fasciature umide. Si tratta di applicare creme medicinali nelle zone colpite e poi coprire queste aree con tessuto di cotone umido, che è stato immerso in acqua o altre soluzioni. L’umidità nelle fasciature  aiuta la pelle ad assorbire la crema .

Anche dopo il successo del trattamento, lievi cicatrici o cambiamenti del colore della pelle potrebbero rimanere.

Referenze »

Lichen simplex cronico. I Manuali Merck: Il Manuale Merck per gli Operatori Sanitari. http://www.merck.com/mmpe/print/sec10/ch114/ch114f.html.  17 Marzo 2010.
Burgin S. eczema nummulare e lichen simplex cronico / prurigo nodulare. In: Wolff K, et al. Fitzpatrick Dermatologia in Medicina Generale. 7a ed. New York, NY: McGraw-Hill medica; 2003. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=2961069.  17 Marzo 2010.
Lichon V, et al. Lichen simplex cronico. Infermieristica dermatologia. 2007; 19:276.
Berger TG. Patologie dermatologiche. In: McPhee SJ, et al. Corrente Diagnosi e cure mediche. 49 ed. New York, NY: McGraw-Hill medica; 2010. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=747.  17 Marzo 2010.
Natural Medicines Comprehensive Database. http://www.naturaldatabase.com.  17 Marzo 2010.
Canfora. Natural Medicines Comprehensive Database. http://www.naturaldatabase.com. 17 Marzo 2010.
Shenefelt PD. L’ipnosi in dermatologia. Archives of Dermatology. 2000; 136:393.

Link sponsorizzati