Linfoma non-Hodgkin : segni, cause, sintomi e cure


Il linfoma non-Hodgkin, è il cancro che ha origine nel sistema linfatico. Nel linfoma non-Hodgkin, i tumori si sviluppano dai linfociti che sono un tipo di globuli bianchi.

Link sponsorizzati

Esistono diversi sottotipi di linfoma non-Hodgkin.

Sintomi

Segni e sintomi di linfoma non-Hodgkin possono includere:

  • Gonfiore dei linfonodi del collo, delle ascelle o dell’inguine
  • Dolori addominali o gonfiore
  • Dolore toracico, tosse o problemi respiratori
  • Fatica
  • Febbre
  • Sudorazione notturna
  • Perdita di peso

Fissare un appuntamento con il medico se si presentano i sintomi sopra elencati.

Cause

I medici non sono sicuri di cosa esattamente causi il linfoma non-Hodgkin. Il linfoma non-Hodgkin si verifica quando il corpo produce troppi linfociti. Normalmente, i linfociti passano attraverso un ciclo di vita. Linfociti vecchi muoiono, e il corpo ne crea di nuovi per sostituirli. Nel linfoma non-Hodgkin, i linfociti non muoiono, ma continuano a crescere e dividersi. Questo eccesso di linfociti nei  linfonodi, causa il rigonfiamento.

Cellule B e cellule T

Ci sono due tipi di linfociti, e il linfoma non-Hodgkin comprende generalmente uno o l’altro.

  • Cellule B. Le cellule B combattono l’infezione producendo anticorpi che neutralizzano gli invasori . La maggior parte dei linfoma non-Hodgkin deriva da cellule B.
  • Cellule T. Le cellule T sono coinvolte nell’eliminazione degli invasori. Il linfoma non Hodgkin si verifica meno frequentemente nelle cellule T.
  • A seconda  di dove il linfoma non-Hodgkin nasce ( cellule B o cellule T ) il trattamento cambia.

linfoma-no-Hodgkin1.jpg

Dove il linfoma non-Hodgkin si verifica

Il linfoma non-Hodgkin generalmente coinvolge la presenza di linfociti tumorali nei nodi linfatici, ma la malattia può anche diffondersi in altre parti del sistema linfatico. Questi includono i vasi linfatici, le tonsille, adenoidi, milza, timo e midollo osseo. Occasionalmente, il linfoma non-Hodgkin comprende gli organi al di fuori del sistema linfatico.

Fattori di rischio

Nella maggior parte dei casi, le persone con diagnosi di linfoma non-Hodgkin non hanno evidenti fattori di rischio, e molte persone che hanno fattori di rischio per la malattia non la sviluppano. Alcuni fattori che possono aumentare il rischio di linfoma non-Hodgkin sono:

  • I farmaci che sopprimono il sistema immunitario. Se si ha avuto un trapianto di organi, si è più sensibili perché la terapia immunosoppressiva ha ridotto la capacità del corpo di combattere le nuove malattie.
  • L’infezione da alcuni virus e batteri. Alcune infezioni virali e batteriche sembrano aumentare il rischio di linfoma non-Hodgkin.
  • Prodotti chimici. Alcune sostanze chimiche, come quelle usate per eliminare gli insetti ed erbacce, può aumentare il rischio di sviluppare linfoma non-Hodgkin. Sono necessarie ulteriori ricerche per capire il possibile legame tra pesticidi e lo sviluppo di linfoma non-Hodgkin.
  • L’età avanzata. Il linfoma non-Hodgkin può verificarsi a qualsiasi età, ma il rischio aumenta con l’età. E ‘più comune nelle persone oltre i 60 anni.

linfoma21.jpgDiagnosi

I test e le procedure utilizzate per la diagnosi di linfoma non-Hodgkin sono:

  • L’esame fisico. Il medico può effettuare un esame fisico per determinare la dimensione e la condizione per dei linfonodi e per scoprire se il  fegato e la milza sono allargati.
  • Gli esami del sangue e delle urine. Il gonfiore dei linfonodi e spesso il segnale che il  corpo sta combattendo un’infezione. Gli esami del sangue e delle urine possono aiutare a escludere una infezione o altre malattie.
  • Esami di imaging. Una radiografia o una tomografia computerizzata (TAC) del torace, del collo, dell’addome e della pelvi è in grado di rilevare la presenza e le dimensioni dei tumori. Anche la risonanza magnetica (MRI) può aiutare il medico a determinare se il cervello e il midollo spinale sono colpiti.
  • Rimozione di un campione di tessuto linfonodale per il test. Il medico può raccomandare una procedura di biopsia a campione per rimuovere un linfonodo. Analizzando il tessuto linfonodale in un laboratorio si può rilevare la presenza di un linfoma non-Hodgkin e il tipo.
  • Biopsia del midollo osseo. Per scoprire se la malattia si è diffusa, il medico può richiedere una biopsia del midollo osseo.

Determinare il tipo di non-Hodgkin

I medici classificano il linfoma non-Hodgkin in diversi tipi. Esistono diversi metodi per classificare i tipi di linfoma non-Hodgkin. Ogni metodo utilizza diverse combinazioni di fattori, tra cui:

  • Se il tumore coinvolge le cellule B o cellule T
  • Come le cellule appaiono quando esaminate al microscopio
  • Specifiche modificazioni genetiche all’interno delle cellule tumorali
  • Quali sono gli antigeni presenti sulla superficie delle cellule tumorali
  • I medici inoltre assegnano uno stadio (da I a IV), alla malattia, in base al numero di tumori e in che misura i tumori si sono diffusi.

Trattamenti e cure

Il medico determina le opzioni di trattamento in base al tipo, allo stadio del linfoma, all’età, e alla salute generale.

Il trattamento non è sempre necessario

Se il linfoma sembra essere in lenta crescita (indolente), spesso non si fa altro che attendere. I linfomi indolenti che non causano segni e sintomi e possono non richiedere alcun trattamento per anni.

Ritardare il trattamento non significa far finta che non ci sia. Il medico potrebbe programmare regolari controlli per monitorare la  condizione e assicurarsi che il cancro non  avanzi.

Trattamento per il linfoma che provoca segni e sintomi

Se il  linfoma non-Hodgkin è aggressivo o causa segni e sintomi, il medico può raccomandare il trattamento. Le opzioni possono includere:

  • Chemioterapia. Somministrata per via orale o per iniezione. Farmaci chemioterapici possono essere somministrati da soli, in combinazione con altri farmaci chemioterapici o in combinazione con altri trattamenti.
  • Radioterapia. La radioterapia utilizza dosi elevate di radiazioni per distruggere le cellule cancerose e ridurre i tumori.
  • Trapianto di cellule staminali. Un trapianto di cellule staminali è una procedura che consente di ricevere dosi più elevate di chemioterapia o radioterapia, con l’obiettivo di eliminare le cellule del linfoma, che non possono essere eliminate con dosi standard.
  • Farmaci che aumentano la capacità del sistema immunitario di combattere il cancro. Farmaci biologici aiutano il corpo a combattere il cancro del sistema immunitario.
  • Farmaci in grado di fornire radiazioni direttamente alle cellule tumorali. nella radioimmunoterapia i farmaci sono costituiti da anticorpi monoclonali che portano isotopi radioattivi.

referenze

Linfoma non-Hodgkin. Leukemia & Lymphoma Society. http://www.leukemia-lymphoma.org/all_page?item_id=7087. Letta 30 Novembre 2009.
Wilson, WH, et al. Linfoma non-Hodgkin. In: Abeloff MD, et al. Clinical Oncology Abeloff è. 4 ° ed. Philadelphia, Pa.: Churchill Livingstone; 2008:2371.
Quello che c’è da sapere sul linfoma non-Hodgkin. National Cancer Institute. http://www.cancer.gov/cancertopics/wyntk/non-hodgkin-lymphoma/allpages/print. Letta 30 Novembre 2009.
Che cosa è linfoma non-Hodgkin? American Cancer Society. http://www.cancer.org/docroot/CRI/content/CRI_2_4_1X_What_Is_Non_Hodgkins_Lymphoma_32.asp?rnav=cri. Accede 1 dic 2009.
Rituxan (prescrizione informazioni). South San Francisco, California: Genentech, Inc., 2009. http://www.accessdata.fda.gov/drugsatfda_docs/label/2009/103705s5299lbl.pdf. Accede 1 dic 2009.

Link sponsorizzati